Home / ComeDonChisciotte / UNA MESSA IN SCENA: LE FOTO DELLA STANZA DELLE OPERAZIONI

UNA MESSA IN SCENA: LE FOTO DELLA STANZA DELLE OPERAZIONI

ALLA CASA BIANCA SONO PARTE DELLA FAVOLA SU BIN LADEN

Le toccanti immagini

che i media dichiarano rappresentare Obama e Hillary Clinton che guardano

l’assassinio in diretta di Bin Laden sono uno specchietto per le allodole.

PAUL JOSEPH WATSON

Prisonplanet.com

In aggiunta alle immagini

del Presidente Obama che si rivolge sabato notte al pubblico americano,

è emerso che le foto toccanti di Obama, Biden, Hillary Clinton

e dei membri della security della Casa Bianca che assistono all’assassinio di Laden ‘in diretta’

sono state una completa messa in scena, che getta ulteriori dubbi sul

racconto ufficiale, che è in una fase di continua mutazione.

Martedì la Casa

Bianca ha realizzato un qualcosa che ha

la pretesa di mostrare

“il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama che guarda la ripresa

in diretta dell’operazione che ha portato alla morte di Osama bin

Laden.”

In un’immagine particolarmente

drammatica, si vede Hillary Clinton che si tiene la bocca in uno stato

d’ansia come se stesse assistendo a un evento cruciale. Altre foto

mostrano Obama e il suo staff

con la faccia impietrita mentre discutono dell’operazione nel suo

svolgersi.

Le foto sono considerate da molti di “alto valore storico”

e sono un’affascinante registrazione del più grande successo di Obama,

oltre che il “momento

significativo” della

sua presidenza.

Ci è stato anche riferito

dai media che

“il leader del mondo libero ha visto sparare un colpo nell’occhio

dello sceicco del terrore.”

È stato anche riportato

che “il

presidente degli Stati Uniti Barack Obama, insieme alla sua squadra

di alto livello, ha guardato la ripresa in diretta dalla Casa Bianca

per mezzo di una videocamera fissata all’elmetto di un Navy Seal,

mentre il commando uccideva il terrorista più ricercato al mondo, Osama

Bin Laden”.

Il capoconsigliere

del controterrorismo, John Brennan, ha dichiarato che le videocamere

che inviavano l’audio e il video alla Casa Bianca hanno permesso a

Obama e al suo staff di seguire l’operazione “nel suo divenire”.

Ma si può facilmente

provare che queste dichiarazioni sono completamente fraudolente.

Parallalelamente alla

storia che non sta in piedi dell’operazione che ha portato alla morte

di Bin Laden,

è emerso che Obama, Hillary Clinton e il loro staff non hanno

visto praticamente niente della missione che, secondo quanto ci è stato

detto, ha assassinato Bin Laden perché, secondo le parole del direttore

della CIA Leon Panetta, ci sono stati 25 minuti di blackout

delle riprese che sono state tagliate prima che i Navy SEALS

entrassero nell’edificio.

“Una

fotografia realizzata dalla Casa Bianca sembra mostrare il Presidente

e i suoi collaboratori nella stanza delle operazioni mentre osservano

l’azione che non si è ancora dipanata. Infatti hanno poche notizie

di ciò che sta avvenendo nel compound,” così riporta il London Telegraph.

In un’intervista

alla PBS, il signor Panetta ha detto: “Una volta che queste squadre

sono entrate nell’edificio vi posso dire che c’è stato un periodo

di almeno 20 o 25 minuti in cui non sapevamo davvero cosa stesse accadendo.

E ci sono stati momenti di tensione in attesa delle informazioni.

L’affermazione che

Obama “ha visto sparare un colpo nell’occhio del sceicco del terrore”

in diretta video è una fabbricazione totale. Ben che vada, le foto

sono state cinicamente travisate dalla Casa Bianca e dai media

di regime; mal che vada sono state una completa messa in scena per aggiungere

un effetto drammatico, studiato a tavolino, allo svolgimento della copertura

televisiva a tutto tondo della favola di Bin Laden, che ogni giorno

che passa sta diventando sempre più involuta.

L’immagine chiave

che indica con chiarezza che le foto sono una finzione è l’inquadratura

di Hillary Clinton con la mano sulla bocca. La Clinton osserva con rapimento

qualcosa di sconvolgente, implicando così che lei stesse osservando

una ripresa in diretta di qualcuno che veniva assassinato, quando, in

effetti, non ha visto niente del genere perché la trasmissione è stata

interrotta prima dell’ingresso dei SEALS nell’edificio. La Casa Bianca ha fatto attenzione nel non descrivere quest’immagine come la rappresentazione dei momenti nei quali i SEALS hanno fatto irruzione, ma l’implicazione è chiara e i media di regime hanno fatto il lavoro per loro riportando che l’immagine illustra Obama e la Clinton “che osservano

con trasporto mentre si svolge il raid”, altra menzogna totale.

Il dottor Steve R.

Pieczenik, spia di alto livello dei servizi segreti USA, un uomo che

ha lavorato con cinque diversi presidenti degli Stati Uniti, si è dimostrato essere nella ragione

affermando che le

foto sono “un nonsenso… una macchinazione totale, una finzione”

e provano che gli Americani sono stati imprigionati in un “teatro

dell’assurdo”.

L’intero resoconto

dell’irruzione ha poi velocemente mutato stile, adottandone uno simile

a quello usato da Jerry Bruckheimer nei suoi film per la TV, come se il salvataggio di Jessica Lynch

fosse stato scritto per il pubblico ludibrio, solo per provocare un patriottismo

forzato e un sentimento a favore della guerra nel pubblico statunitense.

In aggiunta alla dubbia

foto nella stanza delle operazioni, è anche emerso che le immagini

di Barack Obama che sono apparse sui giornali di lunedì mattina, dopo

aver annunciato la notte precedente la morte di Bin Laden, sono state

un’altra messa in scena.

“Mentre

le foto che sono state pubblicate su molti giornali e siti web il mattino

seguente sembravano esser state scattate durante il discorso di

Obama alla nazione della notte precedente, sono invece il risultato di

un elaborato lavoro di post-produzione”, riporta

l’International Business Times.

“Mentre

il Presidente Obama continuava il suo discorso di nove minuti davanti

alla camera principale, i fotografi erano tenuti al di fuori della stanza

dallo staff e gli è stato chiesto di rimanere totalmente in

silenzio”, così ci racconta il fotografo della Reuter Jason Reed

nel suo blog.

“Una

volta che Obama era fuori onda, siamo stati scortati davanti a quel

telesuggeritore e il Presidente ha fatto ripartire il tutto, con i trenta

secondi della dichiarazione diretta a noi.”

La messa in scena delle

foto del discorso di Obama è imbarazzante, ma quella delle immagini

nella stanza dell’operazione, che sono state fortemente veicolate

dai media di regime, vengono considerate in modo falso come una

prova del fatto che Obama, Biden e la Clinton hanno visto in diretta

l’omicidio di Osama e sono state usate dalla Casa Bianca per portare

credibilità alla novella che hanno elaborato con tanto impegno.

Siamo davvero entrati

in un “teatro dell’assurdo” se, malgrado la narrativa della favola

di Bin Laden puzzi di bruciato, i mezzi di comunicazione di regime,

che hanno aiutato a produrre questo lavoro di fiction, stanno

ancora affermando che chiunque metta in discussione le inconsistenze

sparate ai quattro venti dal racconto ufficiale è solo un teorico della cospirazione impegnato

nelle “fantasie degli elicotteri neri“.

*********************

Paul Joseph Watson

è l’editore e scrive su Prison

Planet.com.

È l’autore di “Order Out Of Chaos”. Watson

è un ospite fisso all’Alex Jones Show.

Fonte: http://www.prisonplanet.com/

Link: http://www.prisonplanet.com/pentagon-white-house-can%E2%80%99t-get-their-bin-laden-fairy-tale-straight.html

05.05.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

29 Commenti

  1. immagino che la signora rhodam e il signor obama abbiano le stesse facce contrite e rattristate quando vedono gli effetti collaterali delle loro bombe sui civili afghani, libici, iraqeni, somali, sudanesi etc etc etc.

    mi scapperebbe da ridere se non fosse che ancora non ho raggiunto il loro grado di cinismo abominevole; e scuoto sconsolatamente il capo…….

  2. Comunque Obama resta un grande attore… non a caso gli hanno dato l’Oscar…

  3. Causa la mia ignoranza profonda chiedo ai lettori di volermi fornire un’informazione: per quale motivo è (sarebbe) stato ucciso Bin Laden?
    voglio dire: c’è qualche risoluzione di un organismo internazionale che ne prevede la cattura? ci sono sentenze di qualche tribunale che lo vogliono autore di atti criminosi? Chiedo questo perché MI SEMBRA di ricordare che per l’attentato dell’11 settembre Bin Laden non è stato ritenuto coinvolto. Ricordo male?

  4. ah, no, era il Nobel… vabbé, era sempre per l’interpretazione del presidente USA alternativo…

  5. l’oscar bisognerebbe darlo a quelli che hanno dato il nobel ad obama.

  6. A me veramente le foto e le immagini che vengono date di bin Laden, chiunque egli realmente sia e quando sia realmente morto, no suscitano quell’orrore e quella riprovazione somma a cui incitano tutte le didascalie. Ne traggo la sensazione di un uomo mite e pio, mentre sensazione opposta suscita in me il volto di un Bush, per non parlare poi di quello della Clinton… D’accordo, tutto questo non ha nulla di razionale. Ma visto che si gioca sull’emotività, spero mi sia concesso di dire che a me l’immagine di bin Laden non è mai riuscita antipatica.

  7. chi sa perche leggendo questi articoli mi viene in mente il film “The Truman Show” drammatico film del 1998, diretto da Peter Weir e interpretato da Jim Carreye …..

  8. E smettetela!
    La moglie e la figlia stanno d’accordo con gli USA? Sono della CIA?
    Come mai non prendete nemmeno in considerazione ciò che dichiarano moglie e figlia?
    Preferisco chi mente per interesse a chi mente per partito preso.

  9. pagliacci alla canna del gas.
    il governo degli stati uniti è ai livelli di caligola che nomina senatore il suo cavallo.
    gli usa sono morti.

  10. la tua domanda merita sicuramente una risposta e credo sia giusto chiedere agli autori di CDC di pubblicare nei prossimi giorni articoli documentati in merito. tuttavia, anche tu ammetterai che ci sono numerosi elementi concreti, che pongono serissimi dubbi sulla versione ufficiale. quindi direi che la tua premessa “smettiamola!” non credo sia pertinente. senza offesa naturalmente.

  11. chiedo venia, “smettetela!” e non “smettiamola”

  12. no. siamo tutti morti.

  13. Ma smettila tu e usa lo slamatore per toglierti l’amo al quale hai voracemente abboccato.

    La recita vuole che, la (sola) figlia abbia detto che l’hanno catturato vivo per poi ammazzarlo sotto i suoi occhi. Tu l’hai sentito dalla sua voce o come tutti l’hai solo letto?

    In altro caso, oltre le foto che possono indurti a dire: quello è Bin Ladin – conosci anche la fisiognomica della figlia che dice ciò?

    Sai a cosa serve la propaganda?

    Secondo te un uomo in dialisi, poniamo dal 2001 nel 2011 è un uomo pericoloso? considera che (a loro dire) è stato ucciso (ciò fa sicuramente grande onore alle sanguinarie forze armate statunitensi) disarmato.

    Sei al corrente che Bin Ladin, non è mai stato implicato dall’FBI come il mandante del 9/11?

    La prossima volta fratello, fatti delle domande intelligenti prima di esporre “risposte” stupide.

    E’ proprio vero, è sempre il bue a dire cornuto all’asino!

  14. finchè c’è guerra c’è speranza. questi non si fermeranno mai, la guerra tiene in piedi la nazione e tantissimi ci campano, più o meno indirettamente…fino a quel momento i governanti americani continueranno con la loro geopolitica stile risiko. alla maggiorparte della popolazione non frega un granchè, basta mangiare, bere, divertirsi, sbronzarsi e il giorno dopo ricominciare a inseguire il sogno di farsi in qualche modo quanti più soldi possibili (questo è l’american dream). finchè non si troveranno alla canna del gas rovinati da mutui, debiti etc etc la farsa andrà avanti guerra dopo guerra, e anche a quel punto la maggiorparte continuerà a difendere strenuamente il proprio paese, il paese dei prescelti da dio, the best country in the world etc etc………..

  15. La moglie e la figlia!!!
    ahahahahahahaahahahahahahahaha
    non ci credo neppure se vedo i certificati anagrafici e/o le foto del matrimonio e/o del parto!

    ma dai svegliati cazz siamo nel 2011 … pensi ancora che l’infermiera kuwaitiana Nayirah, quella della favola dei bimbi strappati dalle incubatrici dai soldati di Saddam, fosse veramente un infermiera …no eh!? perche è davvero grave.

    ma forse non sai neppure di che parlo .-)

    • “E’ tutto orchestrato, intendo, quando ci sono persone sedute in cerchio a guardare una sit-com, come succede nella foto del comando centrale della Casa Bianca che c’è stata mostrata e hai un presidente che esce dalla stanza sembrando uno zombie dicendovi che hanno appena ucciso Bin Laden che era già morto nove anni prima” dice Piezcenik ricordando l’episodio, “E’ la più grande balla che abbia mai sentito, voglio dire è assurdo”

    Steve R. Pieczenik, è stato assistente del segretario di stato in tre differenti amministrazioni, Nixon, Ford e Carter, e ha inoltre lavorato per Reagan e Bush senior. 

    • Come ex capitano della Marina Pieczenik ha ricevuto per due volte il prestigioso premio “Harry C. Solomon” dalla Harvard Medical School e contemporaneamente ha conseguito un Dottorato di ricerca all’MIT.
    • E’ stato inoltre pianificatore della politica statunitense al servizio di segretari come Henry Kissinger, Cyrus Vance, George Shulz e James Barker; durante la campagna che vide Bush opposto ad Al Gore, lavorava per Bush.


    « L’11/9 E’ STATO UN FALSE FLAG E BIN LADEN E’ MORTO NEL 2001 » [www.vocidallastrada.com]

  16. qui in germania dove vivo la gente è un po piu sveglia e lo stesso mainstream sull argomento ha dimostrato di essere molto scettico su quella che è a mio avviso la piu plateale presa per il culo globale.

    Fatevi due risate, vi linko le foto della stanza dei bottoni (in totale 7) di “der spiegel online”, scorretele tutte e saprete come sono andate veramente le cose e chi era effettivamente presente in quel momento.

    http://www.spiegel.de/fotostrecke/fotostrecke-67617.html

  17. Và bene!,farò la mia bella figura da complottista,quello che vede marcio d’appertutto,che pensa che i Visitors non sono fantasia,che ogni tanto dà una forchettata al gatto,per assicurarsi che non sia una macchina,…mi sono anche infranto a terra nel saltare dal garage,al palazzo di fronte,ma questo è parte dell’illusione matrix non si svela ai primi tentativi,dovrò riprovare!!..magari da qualcosa di più alto,dove la forza di gravità incida meno!..azz!.. scusate l’illusione! della gravità.
    Fatta questa premessa,io prigioniero della più fervida,malata,fantasia non riesco a coniugare,il funerale in mare con il “rispetto” della sensibilità islamica,cioè dopo ANNI di occupazioni,migliaia di MORTI INNOCENTI islamici,appoggio INCONDIZIONATO a Israele,Guantanamo dove i diritti NON ESISTONO,Abu Graib,ecc.. dopo averlo “ucciso” (non credo) nonostante fosse disarmato!,che è una delle MASSIME forme di rispetto,..un grande onore!…lo seppelliscono in mare! FINE!!
    …piace,la storia?…nessuna prova,nessun riscontro,nessuna domanda!..nè ora nè MAI!!..eppure credo che,così, due domande semplici..anche con “l’aiuto da casa” come da Scotti,si sarebbero potute fare, esporre il corpo in bella vista per coronare il successo di anni di indagini,milioni di dollari spesi nel cercare il pericolo n.1, giustificare,soldati e tutto l’apparato militare,che è stato mobilitato in questi 10 ANNI!!..con il coinvolgimento di altri stati sovrani,che hanno avuto morti,e si “SONO SPORCATI” con loro! NO!! NIENTE!!! il rispetto del rito funerario prevale su tutto!!
    D’altronde hanno portato via il COMPUTER!! di Bin Laden,che come ogni terrorista “SUPER RICERCATO” che si rispetti tiene lì!!..e dove SONO SICURO!!! troveranno TUTTO!! ciò che cercavano!!!…e già mi preoccupo!!
    Spero che non lo facciano esaminare da Obama!..sì perchè avete visto?..è poco tecnologico!..la superpotenza America dà gli ordini con i pizzini!..e certo sentirlo al telefono su una linea “sicura” o vederlo al pc. non avrebbe avuto lo stesso effetto,i complottisti come me,avrebbero potuto dubitare che,fosse registrato,chissà che all’altro capo ci fosse la figlia,che chiedeva di essere portata a Disneyland,il che lo troverei plausibile,deve essere logorante vedere persone RECITARE così male, a Disneyland Paperino,è paperino-Pippo,è Pippo-Topolino,è Topolino
    TUTTO UN ALTRO SPETTACOLO!!!
    Una farsa così grossolana,mi fà pensare che ABBIANO PREPARATO! QUALCOSA DI GROSSO!!! hanno creato TUTTE LE CONDIZIONI!! questa è l’ultima occasione che hanno per giocarsi il TUTTO per TUTTO da una POSIZIONE DI FORZA…un futuro “normale” li vedrebbe in declino LO SANNO!! NON LASCERANNO CHE SUCCEDA!!
    RIMANETE SVEGLI E LUCIDI!!
    Saluti a tutti.

    Lucmartell.

  18. “… fonti della sicurezza pakistana hanno detto alla televisione Al Arabiya che secondo una figlia del leader di Al Qaida, una ragazzina di 12-13 anni, suo padre sarebbe stato catturato vivo e poi ucciso dalle forze speciali americane.”
    Informazione di TERZA MANO, fra l’altro da parte di una TV sparaballe.

  19. Che la versione ufficiale sia falsa non ne dubito: l’elicottero che non funziona; le motivazioni per le quali dovevano disfarsi della salma o per le quali non potrebbero far vedere le immagini; Bin Laden che si fa scudo con la moglie; Bin Laden disarmato. Ecc. ecc.
    E’ chiaro che racconteranno la versione a loro più favorevole, modificandola pure.
    Il punto è che Bin Laden era vivo (d’altronde non c’era nessuna prova che fosse morto) e lo hanno ucciso. Se non avessimo la testimonianza della moglie e della figlia penserei che in realtà l’abbiano catturato. Perciò è importante che CDC, come osservi tu, che dispone di molti traduttori, indaghi sulle (asserite) moglie e figlia di Bin Laden.
    Grazie comunque

  20. Ti ho già risposto replicando a Pippo. Che ci sia da indagare sulla mamma e sulla figlia e sui tanti bambini presenti sono d’accordo. A dire il vero, la (asserita figlia) ha smentito l’ultima versione che voleva lo avessero ucciso le guardie del corpo e in fondo ha raccontato che lo hanno ucciso a sangue freddo (giustiziato). Comunque si tratta di indagare sugli elementi che ci sono e non muovere da pregiudizi.
    Quell’uomo in dialisi era probabilmente venerato e considerato capo da molti generali pachistani (in poensione e no), quindi poteva far affluire armi, creare rigugi e cvoperture, procurare documenti.
    Inoltre ha dimostrato di saper far affluire militantoi da un paese ad un altro e di essere considerato la figura guida dell’islamismo internazionbalista. La divisione degli islamisti in piccoli eserciti mnazionali è sicuramente un grande risultato (speriamo che non lo otterranno). Già cominciano a dire (giornale dell’arabia saudita che cita i servizi) che lo ha tradito Al Zawahyri (questa si che è propaganda)

  21. Non ho mai creduto alla storia dell’infermiera.
    Comunque vedremo che diranno gli islamisti internazionasti. Quella sarà la verità. In ogni caso sopra ho chiarito la mia posizione.

  22. La TV è spara palle. Però ha sconfessato la versione ufficiale e asserito che lo hanno giustiziato. Mi sembra che ci sia almeno da indagare.

  23. molto divertente! Grazie. Però tutte queste caricature, secondo me, non fanno affatto bene: rendono la cosa come una carnevalata, come si dice a Roma “la buttano in caciara”. E non è quello che ci serve. Assolutamente.

  24. Scusa ma hai letto il mio messaggio prima di rispondere? O ti sei sbagliato ad inviare?

  25. Ma chi ti ha detto che era in dialisi? O lo hai notato dalla faccia? Già, ma la faccia di chi?

  26. ma caligola non fece senatore un cavallo, almeno stando agli storici più accorti. D’altronde “occorre mettere in pericolo la Francia per poterla salvare”

  27. Bravo! Infatti, a dire il vero non l’ho mai immaginato i dialisi.