Home / Spazio utenti / UNA BAMBINA DI OTTO ANNI CHIAMATA PUTTANA DAI RADICALI RELIGIOSI DI ISRAELE

UNA BAMBINA DI OTTO ANNI CHIAMATA PUTTANA DAI RADICALI RELIGIOSI DI ISRAELE

DI MATTHEW KALMAN E EMMA REYNOLDS
Dailymail.co.uk

Una bambina terrorizzata di otto anni è stata chiamata “puttana” e ha ricevuto sputi mentre stava andando a scuola in un insediamento ultra-ortodosso in Israele.

Naama Margolese è diventata un
simbolo in Israele per gli abusi sempre più frequenti ai danni di donne e giovani ragazze da parte degli estremisti ebrei.

Pur essendo religiosa e indossando
un abito a maniche lunghe e una gonna, è stata considerata non sufficientemente religiosa dagli zeloti di Beit Shemesh, circa 11 miglia
a ovest di Gerusalemme.
Un ministro del governo israeliano ha descritto i responsabili come “criminali e psicopatici”.

Gli ebrei ultra-ortodossi sono il settore di maggiore crescita in Israele. In passato, confinavano il proprio
rigido approccio alla vita nei loro quartieri.

Ma loro sono diventati poi sempre più aggressivi, cercando di imporre agli altri la propria visione. Hanno persino partecipato a una campagna contro un cartello di una clinica per donne, affermando che l’uso della parola “donne” in pubblico era “immodesto”.

È la verifica dei timori del Primo
Ministro Benjamin Netanyahu per le azioni dei gruppi ultra-ortodossi, come ha riferito la ragazza in una trasmissione trasmessa Venerdì.

La bambina dagli occhi azzurri ha detto nel notiziario israeliano più popolare del fine settimana che
le è stato sputato addosso e che è stata offesa da uomini ultra-ortodossi che hanno ritenuto il suo abbigliamento poco decoroso.

Volevano che “fossi vestita come un’Haredi”, il termine ebraico per designare gli ebrei severi,
vestiti di nero timorati di Dio.

Ho paura di poter rimanere ferita, o qualcosa di simile”, ha aggiunto.

La madre di Naama, Hadassa, un’immigrante americana che esce in foulard e gonna per rispetto alla tradizione ebraica, ha detto che gli abusi hanno riguardato sputi, le offese “puttane” e “bastarde” e il suggerimento di “sgomberare”.

Se ora accade questo e loro [le
autorità] non fanno niente, cosa accadrà fra qualche anno?
, ha detto ieri alla Radio dell’Esercito di Israele. “Questo è un gruppo terrorista.”

Mentre il suo governo conservatore
insiste nel dire che simili incidenti sono rari in un paese fondamentalmente laico, molte dichiarazioni del signor Netanyahu sull’argomento riflettono le preoccupazioni sulle divisioni religiose e politiche sempre più marcate in Israele.

In una democrazia liberale occidentale, l’ambito pubblico è aperto e sicuro per tutti, uomini e donne, e né le molestie né la discriminazione hanno spazio alcuno”, ha riferito al suo governo.

Netanyahu ha ordinato alle autorità un rafforzamento della legge che si abbatta su “chiunque sputi, chiunque alzi una mano [in modo violento], chiunque faccia molestie” e che serva per rimuovere i segnali stradali che segregano gli uomini dalle donne nei distretti ultra–ortodossi.

La sua dichiarazione sembrò essere
stata dettata da un’indagine sul principale notiziario del fine settimana israeliano sulle frizioni tra ebrei a Beit Shemesh, una città di circa
87.000 abitanti nei pressi di Gerusalemme.

Una squadra dell’emittente Canale
Due che è tornata a Beit Shemesh domenica – due giorni dopo la trasmissione – è stata assalita dagli ebrei ultra-ortodossi che hanno preso a sassate la loro auto, ferito un giornalista e rubato l’attrezzatura, così ha riferito la polizia.

La squadra è stata liberata dalla
polizia che ha affermato di aver interrogato gli assalitori sospetti.

Separatamente, la polizia ha detto
loro che avevano arrestato un uomo di Beit Shemesh per aver sputato
su una donna, e che per questo è stato incriminato.

Nel report di venerdì, Canale Due ha mostrato un segnale stradale di Beit Shemesh che impartisce alle donne di rimanere sul lato distante dalla sinagoga. Molti uomini ultra-ortodossi che hanno acconsentito all’intervista hanno cercato di giustificare il trattamento riservato alle donne.

I media israeliani hanno dibattuto sull’impatto della segregazione di genere sul trasporto pubblico e nell’esercito di leva, dove alcune soldati credenti denigrano le donne istruttrici e le cantanti.

Sono preoccupati che ciò potrebbe
provocare proteste in tutto il paese.

Gli ultra-ortodossi formano solo il
dieci per cento su una popolazione di Israele pari a 7,7 milioni. Ma il loro alto tasso di natalità e la tendenza a votare in blocco li hanno aiutati a ottenere migliori servizi sociali e una maggiore influenza.

Uno dei più importanti partner di Netanyahu nel governo di coalizione, Shas, è un partito guidato dai rabbini.

Secondo Canale Due, questa storia dello Beit Shemesh ha dato il via a una dimostrazione contro le coercizioni ultra-ortodosse in città, programmata per giovedì.

Moshe Abutbol, il sindaco dello Shas
di Beit Shemesh ha asserito che il numero di cittadini coinvolti nell’abuso
è tra i 20 e i 50.

Come i commando israeliani che si travestono da arabi per le missioni nei territori palestinesi, la polizia ha agenti che lavorano in segreto fra gli ultra-ortodossi. La televisione israeliana li ha mostrati mentre facevano irruzione nel corso di una protesta religiosa a Gerusalemme il 17 dicembre.

Netanyahu ha condannato anche gli ebrei radicali che sono dietro alle devastazioni vandaliche contro le proprietà palestinesi e le guarnigioni israeliane nei Territori Occupati, attacchi progettati per contrastare le iniziative statali di distruzione delle
case costruite senza licenza.

Beit Shemesh ha scioccato Netanyahu non perché ci sono fatti nuovi, ma perché le cose già note sono state raccontate da bella ragazzina bionda con gli occhi azzurri”, ha detto Nahum Barnea, un noto opinionista del diffuso quotidiano Yedioth Ahronoth.

**********************************************

Fonte: The eight-year-old girl called a whore by Israel’s Jewish religious hardliners

28.12.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice