Home / ComeDonChisciotte / TESTIMONE OCULARE: L'11 SETTEMBRE HO VISTO ESPLOSIONI E CADAVERI NEL WTC7

TESTIMONE OCULARE: L'11 SETTEMBRE HO VISTO ESPLOSIONI E CADAVERI NEL WTC7

DI PAUL JOSEPH WATSON
Prison Planet

In un video esclusivo, Barry Jennings parla delle esplosioni nell’edificio numero 7 prima del crollo delle torri gemelle

E’ stato diffuso per la prima volta un video esclusivo dell’addetto di pronto intervento Barry Jennings, che parla di esplosioni nel WTC 7 prima del collasso delle due torri e di come dovesse scavalcare i corpi di cadaveri mentre cercava di lasciare l’edificio.

Il videoclip, che doveva comparire in Loose Change ma che fu tagliato d’accordo con i desideri di Jennings dopo che fu minacciato, è stato ora reso pubblico nell’anticipazione di un documentario della BBC sull’edificio numero 7 che è atteso come un tentativo di screditare la versione di Jennings in un tentativo di rafforzare la versione ufficiale.

In realtà, quello che Jennings testimonia contraddice completamente la versione ufficiale su quanto avvenuto nell’edificio numero 7.

La mattina dell’11 settembre in veste di vicedirettore del dipartimento di servizi d’emergenza, ente civile di New York, Jennings e Michael Hess, che è uno dei soci fondatori e amministratore delegato della Giuliani Partners LLC, visitarono l’ufficio della gestione dell’emergenza nell’edifico numero 7 solo per scoprire che era stato abbandonato.“Una volta arrivati nel OEM EOC (Office of Emergency Management and Emergency Operation Center), siamo stati informati che se ne erano andati tutti” dice Jennings. “Ho visto caffé ancora fumanti nelle scrivanie e sandwich lasciati a metà”, continua aggiungendo che gli era stato anche comunicato di lasciare l’edificio il prima possibile.

Jennings e Hess trovarono una scala e la discesero.

“Quando raggiungemmo il sesto piano il suolo dove stavamo cedette, ci fu un’esplosione e il pavimento crollò, io rimasi aggrappato e dovetti arrampicarmi e ritornare all’ottavo piano” racconta.

“Le esplosioni erano ai piani inferiori….quando avvenivano eravamo ricacciati indietro….entrambe le torri gemelle erano ancora in piedi”.

“Rimasi intrappolato li’ dentro per varie ore, rimasi li’ dentro mentre le due torri venivano giù – in tutto questo tempo sentii tutti i tipi di esplosioni, esplosioni in ogni momento” dice Jennings, aggiungendo che quando i pompieri li portarono fino all’entrata essa era “completamente distrutta”.

“Per me vedere quello che ho visto è stato incredibile” dice Jennings.


[Barry Jennings]

I pompieri continuavano a dire a Jennings di non guardare in basso perchè, secondo Jennings, “stavamo camminando sopra delle persone, e lo sai con certezza quando stai comminando sopra delle persone.”

Poi un ufficiale di polizia disse a Jennings, “dovete correre perché abbiamo notizie di altre esplosioni.”

“Sono solo confuso su una cosa…..perchè il World Trade Center 7 crollò? Sono molto confuso su questo, so solo quello che ho ascoltato ed ho ascoltato esplosioni.” Dice Jennings, aggiungendo che la spiegazione secondo la quale le esplosioni sarebbero state provocate dai serbatoi di oli combustibili all’interno dell’edificio non ha senso.

“Non sono nato ieri, se fossero stati i serbatoi sarebbe stato coinvolto solo un lato dell’edificio.” dichiara.

L’entrata dell’edificio Millennium Hilton, che è più vicino alle Twin Towers che il WTC7, riporta danni minimi dopo la caduta delle torri se relazionati con quelli riportati da Jennings nell’entrata dell’edificio 7 prima che la prima torre crollasse.

La testimonianza di Jennings che era sul luogo quella mattina e che riporta esplosioni all’interno del WTC7 così come riporta la presenza di cadaveri all’interno dell’edificio contraddice completamente la versione ufficiale che continua ad affermare che non ci furono vittime in quell’edificio.

Se il WTC7 collassò a causa dei danni riportati dalla caduta delle due torri gemelle, come riporta la versione ufficiale, perchè c’erano esplosioni all’interno dell’edificio prima che la prima torre crollasse?

Il documentario di punta della BBC, che verrà messo in onda il 6 Luglio, presenterà un’intervista con Jennings ma secondo il produttore di Loose Change Jason Bermas, il programma distorcerà i commenti di Jennings nel tentativo di allineare la natura shoccante delle testimonianza e il modo palese con cui la sua esperienza contraddice la versione ufficiale.

Secondo Bermas, durante l’intervista con membri di Loose Change, la BBC negò che Jennings camminò sopra dei cadaveri mentre lasciava l’edificio, affermazione facilmente smentita dallo stesso Jennings nel video sottostante.

Titolo originale: “Emergency Official Witnessed Dead Bodies In WTC 7”

Fonte: http://www.prisonplanet.com
Link
23.06.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di EPICUREO

Pubblicato da Das schloss

  • fefochip

    e ci stanno ancora tante persone che credono alla fiaba dei beduini volanti armati di tanta rabbia e taglierino capeggiati da un ex agente della cia….bah

  • Tao

    CROLLI ACCIDENTALI, UNA SPIEGAZIONE CHE LASCIA TROPPI BUCHI NERI SULL’11 SETTEMBRE

    DI GIULIETTO CHIESA
    La Stampa

    Ci sono in questa storia troppi punti interrogativi per prendere per buone le anticipazioni (ma perchè queste così lacunose anticipazioni? Abbiamo aspettato sette anni, potevamo aspettare ancora qualche mese) fornite dal possiamo dire famigerato NIST (National Institute for Standard and Technologies) in merito alla “famosa” Torre N.7 del World Trade Center.
    Torre che è diventata famosa non perché giornali e tv ne abbiano parlato molto, ma perché centinaia di migliaia di pagine web l’hanno analizzata in questi anni sotto ogni profilo possibile, mentre il mainstream , fedele alla versione ufficiale, non l’ha mai menzionata. Ora si dà il caso che la Torre N.7 – un edificio interamente in acciaio alto duecento metri, 47 piani – sia crollata il pomeriggio dell’11 settembre alle ore 17,21, senza essere mai stata colpita da nessun aereo.

    E si dà il caso che le risultanze della Commissione d’inchiesta ufficiale del governo americano, il “9/11 Commission Report”, non ne contengano il minimo cenno nelle loro oltre 500 pagine. Forse perché in quell’edificio c’erano gli uffici del Secret Service, il servizio segreto più importante di tutti, quello che sorveglia la sicurezza del Presidente degli Stati Uniti, della CIA, e quelli del Pentagono, e della Direzione per l’Emergenza, proprio quella che avrebbe dovuto proteggere New York da un attacco terroristico.

    Vedremo dunque cosa dirà il NIST, non senza rilevare che le risultanze dello stesso istituto per quanto riguarda le Twin Towers e i loro crolli sono state duramente contestate da centinaia di architetti, americani e stranieri, che rilevano con stupore pari a sbalordimento il fatto che mai nella storia dell’architettura mondiale torri in acciaio sono crollate dopo un incendio. E, fatto ancora più incredibile, che siano crollate su se stesse, verticalmente, alla velocità di caduta libera, “come se sotto non ci fosse stato niente”. Mentre in realtà, al di sotto dei due luoghi d’impatto degli aerei, le strutture erano intatte, solidissime.

    Del resto lo stesso NIST venne messo in difficoltà dalla testimonianza di uno dei suoi funzionari Kevin Ryan, (subito licenziato, per altro), che affermò come gli esperimenti su modelli, effettuati per spiegare l’inspiegabile, fossero stati condotto inserendo parametri errati, cioè raddoppiando il tempo degli incendi (che in realtà durarono solo una quarantina di minuti) e la quantità di carburante a bordo degli aerei. E nemmeno in quei casi i modellini crollarono.

    Adesso i responsabili del NIST ribadiscono che la Torre n.7 crollò per effetto degl’incendi e per null’altro. Ma questa spiegazione non “spiega” affatto tutto il resto: la velocità di caduta, la caduta perfettamente verticale. Richard Gage, fondatore del gruppo “Architetti e Ingegneri per la verità dell’11/9” dice che tutti gli elementi disponibili conducono a una versione assai più probabile: demolizione controllata.

    Ma allora si aprono molte altre domande, tutte senza risposta. L’11 settembre, stando alla versione ufficiale, passerà alla storia non solo come il più grande attentato mai realizzato, ma anche come un evento senza precedenti nella storia dell’architettura, in cui tre edifici in acciaio crollano per effetto del fuoco, in perfetta verticale, e alla velocità di caduta libera. Tutto nello stesso giorno. Tre record assoluti.

    Giulietto Chiesa
    Fonte: http://www.lastampa.it
    6.07.08

  • fefochip

    a dir la verità l’11 settembre cosi come raccontato dal mainstream ha numerosi altri record che ne fanno il giorno delle coincidenze e dei record …ma che strano.

  • LonanHista

    Oramai la cosa certa dell’11/9 è che anche i massimi vertici dei democratici erano al corrente dell’evento e quindi tutti daccordo nell’accettare la versione ufficiale.

    Quei vertici dei democratici che poi votarono tutti per l’intervento militare sia in afganistan sia in Iraq.

    Questo significa, che la verità ufficiale resterà quella resa dalla comissione di inchiesta.

    Solo se i massimi vertici del partito democratico avessero posto obiezioni sulla verità ufficiale, si sarebbe potuto venire a conoscenza della verità assoluta, cioè della false flag, necessaria per consentire agli americani di occupare militarmente il medio oriente in pianta stabile ed Israele disporre ed avere al suo fianco l’alleato più forte e fidato per perseguire le sue mire espansionistiche, ed essere-gli americani-motivo di deterrenza ed alleato sul territorio durante la guerra in Libano, che era stata progettata da anni per disfarsi di hezbollah ed avere il controllo delle sorgenti del fiume Litani.
    Poi che le mire Israeliane in Libano siano naufragate questo è un altro discorso.

    Questo per dire che l’11/9 è stato un avvenimento che ha avuto una convergenza totale di interessi, a cominciare dall’industria bellica, le compagnie petrolifere, la lobby ebraica, l’alta finanza.

    Quindi anche i democratici erano daccordo, per cui la verità ufficiale non potrà mai essere cambiata.

  • LonanHista

    E ho dimenticato di scrivere la cosa più importante:
    se l’edificio 7 del WTC non era stato colpito dagli aerei, se solo in una sua ala si svilupparono incendi, COSA CENTRANO I CADAVERI IN QUESTO EDIFICIO?

    Cioè come mai c’erano dei cadaveri nell’edificio 7?

    E questi cadaveri di cui parla il testimone, come sarebbero morti?

    Ho il dubbio che tutte le testimonianze che arrivano a scoppio ritardato, siano dovute solo a dispute politiche e di potere.