TERRIBILE È L’IRA DEL MANSUETO

DI PIERO RIVOIRA

comedonchisciotte.org

Il volto sanguinante di Stefania Buonpensiero, violentemente percossa nella mattina dell’8 settembre da un trentaseienne originario del Mali presso il patronato della Cgil di Foggia, a cui si era rivolta per espletare alcune pratiche (1).

L’omicidio di George Perry Floyd, avvenuto il 25 maggio 2020 nella città di Minneapolis, in Minnesota, ha giustamente suscitato una forte indignazione in tutto il mondo, cui ha fatto seguito un’ondata di proteste e di manifestazioni, spesso molto violente, che hanno messo a ferro e fuoco diverse città degli Stati Uniti.

Episodi come quello di cui è stata vittima Stefania Buonpensiero, la signora ritratta nella fotografia, sono sicuramente meno gravi e ancora isolati, per fortuna. Quindi è giusto non strumentalizzarli anche per non alimentare le tensioni sociali. Ma… mi rivolgo a voi, cari giornalisti del main stream con stipendi a 6 zeri, sedicenti antifascisti in assenza di fascismo, impegnati 24/7 a tenere alta la guardia contro il razzismo, magari datele, queste notizie, sui media nazionali, se non altro per dovere di cronaca.

È vero che voi, che alla sera vi ritirate nelle vostre ville blindate, difficilmente potreste subire un’aggressione del genere, ma per noi comuni mortali la situazione è leggermente diversa. Inoltre, vi esorto a riflettere su un aspetto importante: ritenete sia giusto perseverare con questa propaganda immigrazionista un po’ superficiale, con questi cosmopolitismo e terzomondismo acritici? Che cosa mai potrà offrire a milioni di disperati un paese sovrappopolato come l’Italia, da cui i giovani diplomati e laureati fuggono per mancanza di opportunità di lavoro, in cui ci sono milioni di poveri, di precari, di disoccupati, in cui il territorio continua ad essere devastato dalla cementificazione selvaggia e l’ambiente ad essere sempre più contaminato dall’inquinamento, che dipende dalle importazioni per il proprio approvvigionamento alimentare (2) ed energetico (3) e in cui gli spazi naturali in pianura sono ormai quasi inesistenti? Quali prospettive, quali opportunità, quale futuro se non nuove forme di semi-schiavitù? È giusto supportare questa tratta di esseri umani, la quale non fa altro che alimentare i circuiti dello sfruttamento, della criminalità, della prostituzione, sottraendo ai paesi di origine la loro più grande ricchezza, ossia i giovani, le cui famiglie spendono spesso tutto ciò che hanno per pagare i trafficanti di uomini? Solo l’ultimo tratto del viaggio, ossia la traversata dalla Tunisia all’Italia, costa, infatti, ben 1200 euro (4).

State riempiendo le nostre città e le nostre periferie di diseredati che, non avendo un posto dove dormire, bivaccano a cielo aperto nei parchi e nei viali cittadini, facendo i loro bisogni ovunque: a Saluzzo, cittadina piemontese di 16000 abitanti, gli homeless africani sono circa 150 (5); dopo averli illusi vi dimenticate di loro, abbandonandoli al proprio destino di emarginazione.

31 luglio 2020, Saluzzo, Parco Gullino (adiacente alla Villa Aliberti): Giulio, 3 anni, cerca di raggiungere lo scivolo scavalcando stuoie e sacchi a pelo degli Africani che bivaccano abusivamente nell’area.

Li incontro ogni giorno ma sono riluttante ad incrociare i loro sguardi tale è la tristezza che da essi traspare: quel senso di smarrimento che si prova ad essere lontani da casa, catapultati in un mondo che ti rifiuta, ignora, disprezza, glielo si legge negli occhi. Quasi mi vergogno a passar loro davanti facendo finta di non vederli, perché io una casa ce l’ho, e anche bella, mentre loro non hanno nulla.

Cari gate keepers, cani da guardia del regime plutocratico sorosiano e mondialista, ricordatevi una cosa: i miei figli, Federico e Giulio, e tutti i loro coetanei, italiani o stranieri che siano, adesso sono piccoli ma un giorno cresceranno e vi chiederanno di rendere conto di tutto ciò, del degrado, delle sofferenze che voi, con il vostro atteggiamento ipocrita ed irresponsabile, avete provocato.

E non ci sarà nessuno a difendervi.

«Farò su di loro terribili vendette con castighi furiosi, e sapranno che io sono il Signore, quando eseguirò su di loro la vendetta.».

Ezechiele 25,17

 

Piero Rivoira

Fonte: www,comedconchisciotte.org

16.09.2020

Fonti:

1) https://www.liberoquotidiano.it/news/italia/24518376/immigrazione-italiana-aggredita-patronato-cgil-africano-spacca-faccia-niente-mascherina.html

2) https://www.lastampa.it/cronaca/2017/08/25/news/nel-paese-del-buon-cibo-meta-viene-dall-estero-1.34441235

3) https://www.affaritaliani.it/economia/energia-italia-dipendente-dall-estero-ma-crescono-le-fonti-rinnovabili-597302.html

4) https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/04/23/migranti-la-promozione-degli-scafisti-il-viaggio-dalla-tunisia-allitalia-costa-1-200-euro-ma-se-porti-un-amico-non-paghi/4311158/

5) https://www.lastampa.it/cuneo/2020/07/02/news/controlli-ai-migranti-della-frutta-a-saluzzo-nel-parco-di-villa-aliberti-1.39034832

 

 

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
PietroGE
PietroGE
16 Settembre 2020 16:01

Visto che sono d’accordo con l’articolista sottolineo solo un punto, quando parla del territorio italiano :
il territorio continua ad essere devastato dalla cementificazione selvaggia e l’ambiente ad essere sempre più contaminato dall’inquinamento,
Ecco, e ora la sinistra dovrebbe spiegare come fare la ‘green economy’ quando a causa dell’immigrazione mancano già qualche centinaio di migliaia di appartamenti, più servizi, case che gli immigrati non possono certo comprare e che quindi gli devono essere ‘regalate’ dal contribuente., in un Paese già sovrappopolato con smottamenti e disastri ambientali ogni autunno.

Cangrande65
Cangrande65
16 Settembre 2020 22:40

Magari poco pertinente.
Ma ormai sono stufo e devastato.
Io voglio l’indipendenza del Veneto. No autonomia: indipendenza.
Via tutti i magistrati, poliziotti, prefetti, dirigenti pubblici “allogeni”. Via, via, via !!!
Poi non sarà il paradiso, vedi mamelucchi ambiziosi ed inetti, come Zaia, Brugnaro, Sboarina. Bisogna far organizzare tutto ai Veneti. Poi troveranno loro, spero, il modo di risorgere. Lo stesso valga per Brescia e Bergamo. 1100 anni di indipendenza e potenza mondiale. Il territorio della Repubblica Veneta, con le nostre leggi, mentalità e consuetudini.
Poi verremo forse bombardati.
Ma preferisco morire così, per la mia gente, che per manipoli di terroni ignoranti tatuati.

wahrheit
wahrheit
17 Settembre 2020 8:58

povera donna si trova in un paese dove puoi essere aggredito solo se di nazionalità
italiana, quindi etnicamente radicata e cresciuta nella sua terra e tra il suo popolo.
mentre se sei extracomunitaria e anche negra hai possibilità di accusare tutti e lo
stesso paese in cui vivi di razzismo, questo reato condannabile con le peggiori accuse
poi c’è stato il fascismo qui per cui ancora bisogna pagare per quel periodo storico
che molti qua sopra ancora non hanno capito e lo confondono