TASSARE I PI RICCHI:

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

IL “RAGGIUNGIMENTO DELLA FELICITÀ” SIGNIFICA AVERE UN LAVORO

DI PAUL BUCCHEIT
Counterpunch

E’ garantito a tutti dalla Dichiarazione di Indipendenza. Se ‘felicità’ è una parola dal significato poco definito, l’infelicità causata dalla profonda disuguaglianza economica è stata oggetto di dimostrazione da parte di Richard Wilkinson e altri, i quali hanno mostrato che essa porta a un incremento degli omicidi, dell’obesità, dell’uso di droghe, di problemi mentali, dell’ansia, di gravidanze in età adolescenziale e del tasso di abbandono scolastico. La gente ha bisogno del lavoro per poter operare in modo sicuro e soddisfatto quale parte della società.

Questo è il motivo per cui dovremmo tassare i più abbienti. Non è socialismo. E’ un discorso tanto americano quanto la Dichiarazione di Indipendenza.Noi invece ci intestardiamo a supportare un sistema di ‘mercato libero’, che permette a un esperto finanziario di guadagnare abbastanza da poter pagare gli stipendi di 50.000 poliziotti.

I dipartimenti di polizia si stanno restringendo, le scuole vengono chiuse, gli insegnanti lasciati a casa, i programmi educativi tagliati. I media vorrebbero farci credere che tutti stanno soffrendo. Ma l’ultima relazione sulla ‘salute mondiale’ di Merrill Lynch-Capgemini ha evidenziato che lo scorso anno nel Nord America il numero dei ricchi (milionari e multimilionari) è cresciuto del 17 per cento e la ricchezza di questi soggetti è cresciuta del 18 percento, sfiorando quasi gli 11 mila miliardi di dollari.

Se trent’anni fa, all’epoca dell’insediamento di Reagan, l’1% di ricchi di cui era composta la popolazione americana entrava in possesso di UN dollaro su quindici di profitto, oggi quell’1% ne guadagna TRE su quindici. Essi hanno di fatto TRIPLICATO la loro fetta di torta degli introiti americani. Questo significa MILLE MILIARDI di dollari in più all’anno.

I sostenitori del libero mercato dicono che i ricchi re-investono nell’industria, portando così dei benefici per tutti. Lo dicevano nel 1980. L’attuale livello di disuguaglianza è pari a quello della Grande Depressione.

L’esercito, nel frattempo, sta ancora combattendo la Guerra Fredda. Le spese militari attuali equivalgono a quelle del resto del mondo messo assieme. Se al normale budget di spesa militare si aggiungono le spese per la guerra in Iraq e Afghanistan, si arriva a quasi MILLE MILIARDI di dollari all’anno.

Howard Zinn ha scritto un articolo sull’1% di elite americana che domina sull’altro 99% per quanto riguarda il potere economico e politico. Sulla base dei dati forniti dall’Internal Revenue Service[1], il Census Bureau[2] e il Congressional Budget Office[3], sembra che ci sia più una divisione 1%-9%-90%, con il 9% mediano a rappresentare la classe media benestante.

Il 90% dice che dovremmo dare la colpa al governo e agli immigrati.

Il 9% sostiene che dovremmo lasciare in pace i ricchi, e incolpare il governo e gli immigrati.

L’1% non dice nulla.

E’ di sicuro più facile scaricare le colpe sugli immigrati. La gente che deve combattere per sopravvivere non può contare su forze di sicurezza che sorvegliano le loro proprietà o su avvocati che si occupano di studiare i loro diritti. Gli immigrati possono essere il nostro nemico comune, la nostra minaccia straniera.

Ma non sono loro i responsabili. Fareed Zakaria fa notare su Newsweek che le maggiori 500 aziende non finanziarie sono sedute su 1800 miliardi di contanti non investiti. Questi soldi, assieme ai miliardi poco tassati dei super ricchi e ai miliardi di un esercito ipertrofico, potrebbero fornire milioni di posti di lavoro utili per riparare le nostre infrastrutture e trovare alternative energetiche.

Queste migliaia di miliardi potrebbero fare la felicità di molti americani.

NOTE DEL TRADUTTORE

[1] L’Inland Revenue Service è l’agenzia del Governo americano che si occupa di gestire le tasse ( http://www.irs.gov/).

[2] Il Census Bureau è una divisione del Dipartimento del Commercio americano e si occupa di raccogliere diverse tipologie di dati (censimento della popolazione, censimenti economici ecc…)( http://www.census.gov/).

[3] Il Congressional Budget Office ha il compito di coadiuvare il Congresso a valutare situazioni rientranti nel budget federale che abbiano un impatto economico/monetario (http://www.cbo.gov/).

Paul Buchheit insegna alla DePaul University. Può essere contattato al seguente indirizzo: [email protected]

Titolo originale: “The “Pursuit of Happiness” Means a Job”

Fonte: http://www.counterpunch.org
Link
22.07.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di RACHELE MATERASSI

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix