Browsing Tag

Thomas Piketty

A scuola di dinastia

DI ALESSANDRO GILIOLI Piovono rane Qualche tempo fa, grazie a un paio di sveglie collaboratrici che vivono in America, scoprii il fenomeno nascente delle Whittle Schools (foto sopra), di cui sono già state inaugurate due sedi (Usa e Cina); altre 36 ne apriranno in tutto il mondo entro sei anni. Costo a studente sui 40 mila euro all'anno, esclusi gli extra. In cambio, la garanzia di un'educazione e di skill che consentiranno a quei futuri adulti di restare solidamente dove sono nati, cioè…

La sinistra non riesce a immaginare un mondo senza capitalismo

DI CONOR LYNCH newrepublic.com Il discorso di Bernie Sanders sulla socialdemocrazia mette a nudo i limiti dell’inventiva di un movimento in crescita. Esiste un detto comune a sinistra generalmente attribuito a Frederic Jameson, critico di Marx, secondo cui “è più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo.” Il saggista Mark Fisher poco prima di morire descrisse tutto questo come “realismo capitalista”, ovvero il “diffuso senso secondo cui non solo il capitalismo è…

Il maccartismo nell’Europa di oggi

DI AIDAN O'BRIEN Grande Fratello : "Sei o sei mai stato favorevole alla vecchia esperienza comunista nell'Europa dell'Est?" Yanis Varoufakis: "No! Mai!" Grande Fratello: "E la Russia di oggi?" Yanis Varoufakis: "È un posto sinistro ed inutile!" Cosa possono pensare gli europei oggi? Quali parole magiche aiutano l'esposizione mediatica? Quali pensieri sono proibiti? La mente affilatissima di Yanis Varoufakis, ex ministro delle finanze greco e fondatore del Movimento…

Otto miliardari ricchi quanto mezzo pianeta. L’incubo del capitalismo è realtà

DI DIEGO FUSARO ilfattoquotidiano.it Il noto non è conosciuto. Così diceva Hegel. E non è conosciuto perché lo diamo per scontato o rinunciamo a ragionarvi serenamente, complice la distrazione di massa che regna a ogni latitudine. Lo sappiamo da anni. Anche da prima che ce lo ricordasse Thomas Piketty nel suo studio sul capitalismo nel ventunesimo secolo. Il mondo post-1989 non è il mondo della libertà, come ripetono i suoi ditirambici cantori: a meno che per libertà non si intenda…