navigazione Tag

Giorgia Meloni

“Leonardo” serve l’esercito Ue. Nato permettendo

Si consolida a livello internazionale come operatore di riferimento dell'Aerospazio, Difesa e Sicurezza, svolgendo un ruolo trainante nelle principali iniziative strategiche di cooperazione e nei futuri cicli tecnologici. Così si legge dal sito ufficiale di Leonardo (un tempo Finmeccanica), progetto del gruppo che attraverso le sue 11000 aziende, di cui 4000 in Italia, opera in 150 Paesi ed è una filiera il cui scopo di implementare le tecnologie in tutti gli ambiti dell’amministrazione e…

POLIS, Puntata 3 – Governo Meloni, i Ministri e la fiducia

Domenica 23 Ottobre. Sono precisamente le 12:00 quando, dopo circa un'ora e mezza di colloquio privato, Giorgia Meloni riceve la campanella dal premier uscente Mario Draghi formalizzando, con questo ultimo atto simbolico davanti alle telecamere, il passaggio di consegne. A partire da quel momento la leader di Fratelli d'Italia è diventata ufficialmente la prima donna a guidare un governo nel nostro Paese. Un inizio, nonostante il risultato elettorale, non facile a causa di un Berlusconi…

Ci siamo! E’ (NATO) il governo Meloni

Giorgia Meloni ha terminato il suo colloquio con il Presidente della Repubblica iniziato intorno alle 16:30, e si appresta ufficialmente a diventare il primo Presidente del Consiglio donna della storia d'Italia. Una favola a lieto fine per la leader del partito di Via della Scrofa che domani mattina ore 10:00, come da rito, presterà giuramento insieme a tutti i membri del nuovo governo e poi la prossima settimana si presenterà alle Camere per la fiducia definitiva. Una giornata iniziata…

Il centrodestra scricchiola ma si assicura le due Camere

Con l'elezione questa mattina del leghista Lorenzo Fontana a Presidente della Camera si è conclusa una due giorni intensa per il nuovo Parlamento, e soprattutto per la maggioranza di centrodestra che si appresta a governare il Paese. Che ci fosse aria pesante tra la Meloni e Berlusconi non era un segreto. Molte le voci che ultimamente hanno circolato circa le contrapposizioni tra i due schieramenti alleati rispetto ai nomi che dovrebbero comporre la squadra di governo, con il Cavaliere che…

Fratelli d’Italia e sorella Huawei – Il TecnoRibelle

Puntata 2 - II stagione de Il Tecnoribelle di Maurizio Martucci, una produzione targata interamente ComeDonChisciotte.org * * *  Miracoli dell’urna, dal 2% al 26% in soli 10 anni, Fratelli d’Italia pesa 7.300.628 voti, cioè 5,9 milioni di preferenze in più rispetto a 4 anni fa, diventato oggi indiscusso primo partito, il più votato dagli italiani. “No all’introduzione di strumenti di controllo digitale di massa e di compressione delle libertà individuali o a meccanismi di scoring, come la…

POLIS, Puntata 2 – La “Draghizzazione” del nuovo Governo e il toto-ministri

Giorgia Meloni, primo Presidente del Consiglio donna della storia d’Italia. Sembrava tutto a portata di mano dopo il risultato schiacciante del 25 settembre, eppure questo governo che non è ancora nato già mostra le sue debolezze. La figura da sostituire è di quelle ingombranti e già si parla su tutti i quotidiani di “draghizzazione” del nuovo esecutivo, con tecnici pronti a essere posizionati in alcuni ministeri chiave come quello dell’economia, mentre Salvini e Berlusconi sgomitano per un…

Parafrasando la Clinton: Meloni premier ok, ma che si attenga al copione

La marcia su Roma è un film di Dino Risi del 1962, fresco di restauro. Marcia su Roma è invece un documentario firmato da Mark Cousins. Entrambi sono stati presentati alla 79^ Mostra del cinema di Venezia, ma è durante la proiezione dell’ultimo, quello di Cousins, che appare la leader di FDI, oltre a Trump, Bolsonaro e Putin: Il Fatto Quotidiano spiega (1) che il tema, ben oltre il 90° minuto, era il pericolo del ritorno del fascismo. Dopo le prenotazioni con contributo (2) e i dibattiti…

Meloni l’americana. Se la leader di Fdi entra nell’Aspen Institute

formiche.net di Francesco Bechis Nella nuova lista dei soci dell’Aspen Institute Italia, prestigioso think tank americano presieduto da Giulio Tremonti, spunta il nome di Giorgia Meloni, fra Napolitano e Maroni, Paolo Mieli e Mario Nava. La destra italiana parla, eccome, con gli Usa (e i poteri forti…) Cresce nei sondaggi, presiede un partito europeo, parla americano. Continua la scalata a stelle e strisce di Giorgia Meloni. L’ultima novità arriva dall’Aspen Institute, uno dei più grandi…

Filippo Rossi de Bergerac

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Strano a dirsi, ma ogni tanto spunta qualcosa di nuovo: un tenero porcino, una vellutata farfalla, un bocciolo di pesco…e un uomo che pensa, riflette e giunge a scrivere un libro per rifondare la Destra italiana. Per carità: niente di male, hanno pubblicato libri sulle barzellette dei Carabinieri o su quelle di Totti e c’è posto per tutti. C’è posto persino per la velleità di Filippo Rossi, che porta un nome prosaico ma anonimo, e ben si presta…

Come nessun politico sa rispondere alla violenza fascista di Macerata

DI CHRISTIAN RAIMO minimaetmoralia.it Luca Traini, l’uomo che oggi ha provato a fare una strage razzista a Macerata, poteva essere benissimo uno dei centinaia di “cittadini indignati” che ogni giorno vengono intervistati in tv per “dare voce alla pancia del paese”. Poteva anche far parte di una delle interviste montate da Luca Miniero in Sono tornato, il film a metà tra fantapolitica e documentario sull’immaginario ritorno di Mussolini oggi, in mezzo ai vari italiani che…

Giuliano Amato, dopo il voto incombe la sua ombra su Palazzo Chigi: sarà premier?

DI FRANCO BECHIS liberoquotidiano.it Ci sono buone se non altissime possibilità dopo il voto per il rinnovo del Parlamento italiano di avere un governo di larghe intese guidato dall’ottantenne (li compirà il 13 maggio del 2018) Giuliano Amato come presidente del Consiglio. Al momento è l’ipotesi più probabile, se non addirittura l’unica possibile checchè tutti dicano in piena campagna elettorale, giurando una fedeltà che non potranno mantenere. Al momento i sondaggi danno…

Se ci provano con il “bis” provocano l’insurrezione

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it     Renzi ci è ricascato subito. La sberla presa il 4 dicembre da circa 20 milioni di italiani non sembra avergli insegnato nulla. Si è riproposto con la solita arroganza. Il che fa venire qualche dubbio anche sulla sua intelligenza. Alla Direzione del Pd ha parlato solo lui, sorvolando sul fatto che era stato proprio lui, o soprattutto lui, a portare quel partito alla debacle. Ma di questo potremmo anche infischiarcene perché i partiti sono delle…