navigazione Tag

Cultura

CDC Incontra – Le nostre interviste

Questa settimana, a causa dei numerosi impegni che riguardano tanto la Redazione che i vari ospiti che di volta in volta intervistiamo, la squadra di CDC Incontra riposa. Cogliamo quindi l'occasione per ringraziare sia tutti coloro che in questi mesi ci hanno seguito e supportato, sia le persone che in questi mesi hanno deciso di essere ospiti del nostro format settimanale. La stagione 2022 di CDC Incontra ha visto figure illustri presenziare sui nostri schermi, così come tanti altri, uomini…

Se l’Italia investe sull’ignoranza

Di Roberto Pecchioli, ereticamente.net Abbiamo detto in altre occasioni di essere “passati al bosco”, ossia ribelli, oppositori del nostro tempo. Incomoda posizione, vissuta, come prescriveva Zarathustra “su un alto monte”, dove l’aria è gelida ma pura e si osserva “molto di mondo”. Strana situazione quella italiana, in cui comanda un signore non eletto da nessuno e dove il bilancio statale prevede un aumento delle spese militari e un taglio secco di quelle destinate all’istruzione. Esiste…

Atto di fede

La scienza insegnerà all’uomo che in effetti in lui non c’è né volontà né capriccio, né li ha mai avuti, e che lui stesso non è nient’altro che il tasto di un pianoforte o lo spinotto di un organo e che, sopra tutto, al mondo esistono ancora le leggi della natura; … Di conseguenza occorre soltanto scoprirle codeste leggi, e l’uomo non dovrà più rispondere delle proprie azioni, potrà vivere con estrema levità. Tutte le azioni umane allora saranno automaticamente valutate secondo queste leggi,…

Elizabeth Gaskell

Di Maria Rosaria Teni, instoria.it Inoltrarsi nella trattazione della storia di genere è tuttora un fatto assai complesso proprio per la contraddittoria tendenza che, da un lato porta alla liberalizzazione progressiva del ruolo della donna ma, dall’altro, continua a mantenere ben radicata una tradizione maschilista. Tuttavia, troppo marcata è la presenza della scrittura femminile nel corso dei secoli perché si possa tralasciare e, di conseguenza, è bene raccontare e rendere note figure di…

L’età moderna non finisce mai

Di Riccardo Donat-Cattin per ComeDonChisciotte.org Focault spiegò molto bene come l'abuso del concetti di scientifico e di razionale rappresentassero il più potente strumento di oppressione nelle cosiddette società liberali, le cui istituzioni si arrogano il diritto di definire ciò che è razionale, e quindi ciò che è normale, accettato, dove chiunque vada contro è potenzialmente tacciabile di malattia mentale. Gli scritti di Focault fecero da detonatore per quella che prese poi nome di…

Sono due anni, ma sembrano venti. Il pericolo più grande è davanti a noi

Di Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org Due anni, ma sembrano venti. Praticamente ogni mattina incrocio lo stesso scuolabus ed, ogni volta, è come tuffarsi nell'Italia profonda, che ormai vive isolata e rintanata nei suoi appartamenti - bunker: bambini sedati, senza ossigeno, con lo sguardo perso nel vuoto. Distanziati, tra i sedili di un pulmino mezzo pieno. Metafora d'oggi: gioia, serenità, solidarietà? Tutto annichilito dietro una maschera: isolamento e obbedienza. Paura e…

31 gennaio: Giornata Nazionale per la Libertà

Di Giacomo Ferri per ComeDonChisciotte.org Il 31 gennaio 2131, un'insegnante di un liceo classico entra in aula con una borsa a tracolla e una lavagnetta elettronica di cristallo sotto al braccio. Gli studenti osservano il suo arrivo, la capoclasse si alza e gli altri, seguendo il suo esempio, la imitano esclamando in coro: “ben arrivata professoressa, buongiorno!”; ella sorride: “grazie ragazzi, è un piacere vedervi anche oggi”. La donna si siede, posiziona la lavagnetta sul leggìo…

Italia unita ma eternamente divisa. E se puntassimo alla rivoluzione delle diversità?

Di Lorenzo Maria Pacini per ComeDonChisciotte.org La criticità della situazione attuale sta facendo emergere con drammatica chiarezza una caratteristica che a noi italiani piace attribuirci: la parcellizzazione. Dividiamo, scomponiamo, tipicizziamo e moltiplichiamo ogni progetto, ogni sforzo ed idea, dandogli delle caratterizzazioni in base al territorio, al dialetto, alla tradizione culinaria, alla corrente religiosa, alle previsioni metereologiche. L’Italia è quel Paese in cui riusciamo a…

GEORG FRIEDRICH LIST: SUL SISTEMA NAZIONALE DELL’ECONOMIA POLITICA

Georg Friedrich List (6 agosto 1789 – 30 novembre 1846) fu un economista tedesco (nel corso degli anni acquisì anche la cittadinanza statunitense) che sviluppò il “Sistema nazionale” dell’economia politica e fu capostipite della scuola storica economica tedesca. Strenuo sostenitore dell’Unione doganale tedesca da un punto di vista nazionalista, sostenne l’imposizione di dazi sui beni importati sostenendo al contempo il libero scambio di beni nazionali: affermò che il costo di un dazio deve…

SULLA FILOSOFIA A ROMA FONDAMENTI DI UNA FORMAZIONE CULTURALE / PARTE II

Un possibile seguace dell’epicureismo, almeno in alcune idee, è pure Giulio Cesare e per rivelare ciò è emblematico il suo dibattito con Catone in occasione del processo di Catilina. Essi sono in disaccordo, ma entrambi si servono delle stesse argomentazioni retoriche e delle stesse categorie e fanno appello agli stessi valori apparenti. Cesare cerca di evitare loro la pena di morte sostenendo che la morte non può essere un castigo, perché a esagerare è soltanto la fine di tutti i nostri mali;…

L’ebreo non puo’ …

Oggi come mai nella storia siamo di fronte alla morte del diritto individuale ed alla morte della liberta' con la scusa di un'emergenza. Dall'introduzione dei vari Covid Pass, Green Pass piu' o meno super, ho voluto cercare un testo che parlasse di come gli ebrei fossero stati estromessi dalla vita pubblica durante il Fascismo. Le mie ricerche si sono concluse quando ho trovato su QuestioneGiustizia.it questo splendido testo di Carlo Brusco che parla proprio di questo argomento tornato oggi…

LA STORIA DELLA CULTURA POPOLARE IN ITALIA

Agli albori. All'inizio, la cultura non era per tutti. I poveri entravano in contatto con la produzione artistica unicamente nelle chiese. La plebe povera, non sapendo né leggere né scrivere, era esclusa dalla lettura dei testi. La loro cultura era orale. I testi (racconti, poesie, canzoni, barzellette, indovinelli, filastrocche, ecc.) sono stati inventati o rimaneggiati da personalità anonime, e si diffusero senza essere mai trascritti. Esistevano anche dei professionisti, i giullari, che si…

Uomini Contro – Episodio 2 – 1943 La battaglia di Kursk

Uomini Contro - Episodio 2 - La battaglia di Kursk - 1943 Luglio 1943, Sud-Ovest dell’Unione Sovietica. Due generali si scrutano a distanza di centinaia di chilometri. In realta’ sono nella stessa stanza, davanti allo stesso tavolo, guardando le stesse mappe. Schierando bandierine e piccoli carri armati, facendo piani e dando ordini. Questa battaglia mi ha sempre affascinato per la sua grandezza, in termini di numeri di unita’ in campo. Definita come la piu' grande battaglia di carri armati…

Il gender è «un crimine contro l’umanità».

www.renovatio21.com Il presidente russo Vladimir Putin ha nuovamente attaccato la cultura dell’Occidente decadente in un discorso infuocato giovedì, sottolineando la malvagità della cosiddetta «cancel culture» e criticando l’ossessione per i diritti di gay e transgender. Parlando all’incontro annuale del Valdai Club a Sochi, Putin ha sottolineato che il suo Paese dovrebbe aderire ai propri «valori spirituali e tradizioni storiche», evitando al contempo i «disturbi socioculturali» promanati…

Sarà mai in grado di rispondermi l’Altro? (“After hours” di Martin Scorsese)

Di Jacopo D'Alessio, ComeDonChisciotte.org “After hours” (1985 - “Fuori orario”), di Martin Scorsese, si apre con la scena in cui un impiegato, appena assunto presso un’agenzia stampa di New York, racconta la propria ambizione di aprire una casa editrice creativa e indipendente al collega più anziano, Paul Hackett (Griffin Dunne), mentre quest'ultimo lo sta istruendo su delle banali mansioni giornaliere da svolgere al computer. Poi, con una lenta panoramica in soggettiva che getta lo sguardo…

Il volto e la morte

Di Giorgio Agamben, Quodlibet Sembra che nel nuovo ordine planetario che si va delineando due cose, apparentemente senza rapporto fra loro, siano destinate a essere integralmente rimosse: il volto e la morte. Cercheremo di indagare se esse non siano invece in qualche modo connesse e quale sia il senso della loro rimozione. Che la visione del proprio volto e del volto degli altri sia per l’uomo un’esperienza decisiva era già noto agli antichi: «Ciò che si chiama “volto” – scrive Cicerone –…

La cultura è patrimonio di tutti

comitatoliberipensatori.com di Patrizia Ligabò La biblioteca di Concorezzo, un luogo di cultura pubblico, e la cultura è patrimonio comune ricordiamocelo bene, è negata a chi non ha Green pass, e non solo, e tutto ciò è vergognoso ed inaccettabile. Nell’articolo di giornale uscito il sindaco Capitanio Mauro , sottolinea l’ingenuità dei suoi collaboratori della biblioteca a suo dire, fregati o raggirati dall’astuzia degli utenti; ma qui non si tratta di ingenuità ; ma bensì di legalità!…

Green pass, lettera di Costantino Ceoldo al Rettore Università di Padova

di Costantino Ceoldo Chiarissimo Professor Rizzuto, mi rivolgo a Lei, nella sua qualità di Magnifico Rettore ma anche alla Chiarissima Professoressa Mapelli che a breve le succederà nell’incarico che Lei si appresta a portare a termine. Ho appreso dai media su Internet che il Professor Andrea Camperio Ciani, ordinario presso il nostro amato Ateneo e che ci legge in copia, Le ha scritto ufficialmente palesando fermamente il suo rifiuto nei confronti del cosìdetto “Green Pass”. Ho letto…

Memorial Oriana Fallaci XV edizione

Riceviamo e pubblichiamo, di Armando Manocchia *** L’Evento – dice Armando Manocchia presidente dell’Associazione Una Via Per Oriana, che da 15 anni promuove e organizza il Memorial – è l’omaggio alla memoria, per dirlo con le parole di un altro grande fiorentino, Franco Zeffirelli, “della donna più importante che Firenze ha avuto nel secolo scorso, la giornalista più amata, la più conosciuta e la più odiata dagli inutili idioti. Lo scrittore che ha fatto paura al mondo, che ha fatto chiasso…

Napoli, il direttore del Museo Cappella Sansevero si dimette per protesta contro Green Pass

finestresullarte.info Clamoroso a Napoli: Fabrizio Masucci, presidente e direttore del Museo Cappella Sansevero, uno dei monumenti più famosi e visitati della città, scrigno di arte tardobarocca dove s’ammira il famosissimo Cristo velato di Giuseppe Sammartino, ha deciso di dimettersi dalla carica in segno di protesta contro l’applicazione del Green Pass nei musei. Com’è noto, infatti, dal prossimo 6 agosto il certificato verde, che si ottiene solo se si è vaccinati, guariti dal Covid o…