Studente punito per aver affermato che esistono “solo due generi”

Nel New Hampshire un ragazzo fa causa alla propria scuola in seguito alla punizione per il commento "solo due generi".

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Alice Giordano – The Epoch Times – 16 novembre 2021

 

Uno studente del New Hampshire sta facendo causa alla propria scuola superiore per aver violato il suo diritto alla libertà di espressione e alle credenze religiose dopo essere stato punito per aver dichiarato che ci sono solo due generi.

Il giovane, matricola e giocatore di football della scuola, identificato nella causa come “M.P.”, è stato sospeso in una partita per aver violato la politica degli studenti transgender del distretto scolastico.

Lo studente aveva fatto commenti su uno scuolabus e poi più tardi in uno scambio di testo con un altro studente fuori dalla scuola.

L’avvocato dello studente, Ian Huyett della Cornerstone Policy Research, con sede a Manchester, ha detto che il suo cliente sta chiedendo un provvedimento permanente contro le politiche scolastiche in virtù della tutela di libera espressione e credo religioso nella costituzione dello stato.

Huyett ha detto che lo studente è un cattolico praticante e ha il diritto costituzionale di sostenere la convinzione che ci sono solo due generi.

Come ha detto la Corte Suprema degli Stati Uniti, gli studenti non verificano i propri diritti sanciti dal Primo Emendamento al cancello della scuola“, ha detto Huyett.

Nel New Hampshire“, ha aggiunto, “abbiamo per tradizione la nostra corte suprema statale che ritiene che le nostre tutele costituzionali statali siano più protettive delle libertà individuali rispetto al corrispondente diritto federale“.

Il sovrintendente del distretto scolastico Dave Ryan ha rilasciato una dichiarazione sulla questione, sottolineando che il distretto è venuto a conoscenza della causa solo il 9 novembre ed è in procinto di esaminarla con un consulente legale.

Saremo in grado di rlasciare una dichiarazione una volta completato il riesame“, ha detto Ryan.

Le telefonate fatte da The Epoch Times alla Exeter Regional Cooperative School Board, che ha attuato la politica di genere, sono rimaste senza risposta.

Secondo la causa, che è stata presentata il 4 novembre, la questione ha avuto origine da una conversazione che l’adolescente aveva avuto con un altro studente su un autobus della scuola.

Si trattava di una richiesta fatta da una compagna di classe durante la lezione di spagnolo di rivolgersi a lei usando solo pronomi non binari in spagnolo.

È stata un’altra studentessa, ha detto Huyett, che si è offesa per i commenti che ha sentito fare dal suo cliente in una conversazione che stava avendo con un altro studente durante un viaggio di ritorno a casa con lo scuolabus. Questi includevano il fatto che la lingua spagnola non avesse pronomi non binari.

Secondo Huyett, quella studentessa aveva ottenuto il numero di telefono del suo cliente e aveva iniziato un dibattito via SMS sulla questione. Ha poi fatto degli screenshot dei testi e li ha dati alla scuola.

La mattina seguente, ha detto Huyett, il suo cliente è stato fatto uscire dalla classe e gli è stato detto che era stato punito per aver violato la politica di genere della scuola.

In un’altra causa in corso contro la politica di identità di genere di una scuola del New Hampshire, un genitore di uno studente del distretto scolastico di Gilford si è arrabbiato nell’apprendere che la politica del distretto permette e incoraggia i funzionari scolastici a nascondere ai genitori le rivelazioni che gli studenti fanno sul proprio orientamento sessuale.

L’avvocato del genitore, Rick Lehmann dello studio legale Lehmann Major List di Concord, ha detto che il suo cliente sta anche impugnando la politica del distretto che prevede che i funzionari emettano lettere di divieto di accesso a chiunque non usi pronomi non di genere sul territorio scolastico.

Huyett dice che si aspetta molte altre cause nel New Hampshire sulla questione, perché numerose scuole pubbliche hanno adottato politiche simili a quella contestata.

Le spese legali di Huyett in questo caso sono interamente finanziate dalla Cornerstone Policy Research, un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2020, e ora anche da Karen Testerman, candidata repubblicana alla carica di governatore del New Hampshire nel il 2022.

La Testerman ha detto di aver fondato Cornerstone perché troppi residenti del New Hampshire con valori cristiani erano sottorappresentati nelle questioni legali e politiche. Ha detto che quello che è successo al cliente di Huyett è un esempio lampante.

È inquietante che le scuole cerchino di controllare i pensieri delle persone istituendo questa propaganda attraverso le politiche dell’alfabeto“, ha detto.

I casi del New Hampshire sono gli ultimi di un flusso costante di cause in giro per gli Stati Uniti riguardo alle politiche scolastiche sull’uso dei pronomi preferiti.

All’inizio di marzo Tanner Cross, un insegnante di ginnastica della Virginia è stato sospeso dopo aver rifiutato di usare i pronomi scelti dagli studenti che non erano coerenti con il loro genere biologico originale.

Un giudice ha poi revocato la sospensione e la Corte Suprema della Virginia, nel pronunciarsi su un appello contro la decisione del tribunale, ha stabilito che la sospensione violava i diritti dell’insegnante garantiti dal Primo Emendamento.

Sempre a marzo, una corte d’appello dell’Ohio si è schierata con un professore universitario che sosteneva che il suo diritto alle credenze religiose era stato violato quando era stato sottoposto a provvedimenti disciplinari dalla Shawnee State University, dove insegnava, per aver rifiutato di chiamare una studentessa transgender con i suoi pronomi preferiti.

Nel recente caso storico americano Stati Uniti contro Varner, la Corte d’Appello del Quinto Circuito ha stabilito che i tribunali non hanno l’autorità di imporre l’uso di pronomi preferiti perché nessuno statuto federale dà loro tale autorità.

 

Fonte: https://www.theepochtimes.com/mkt_morningbrief/teen-sues-new-hampshire-school-over-punishment-for-only-two-genders-comment_4105865.html?utm_source=morningbriefnoe&utm_medium=email&utm_campaign=mb-2021-11-17&mktids=07f44fa269cf6b2e5a5edd81cacdf557&est=CNnJd6uitIvhaAybTek%2BWS7wRiuAXu%2F2Q0rHNPvUPfES6NCWSz16Yrk1TAEwUiv6PafFRw%3D%3D

 

Traduzione di Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
23 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix