Storico tedesco al centro del dibattito per aver pubblicato fotografie di guerra

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

traduzione di comedonchisciotte.net
Uno storico tedesco è al centro di un dibattito riguardante il suo ultimo libro nel quale sono pubblicate foto raccapriccianti di civili tedeschi uccisi dai bombardamenti alleati durante la seconda guerra mondiale. Jörg Friedrich ha difeso ieri la sua decisione di pubblicare le foto che mostrano corpi inceneriti di donne e bambini tedeschi, la maggior parte uccisi da bombe britanniche. Nel suo libro, “Brandstätten” (“luoghi sotto il fuoco”) pubblicato dalla Frankfurt Book Fair, si sostiene che la campagna di bombardamenti senza sosta effettuati dalla RAF sulle città tedesche negli ultimi mesi della Guerra non avevano alcun scopo militare. L’autore afferma che la decisione di Winston Churchill di bombardare una Germania ormai a pezzi tra il gennaio e il maggio 1945 fu un crimine di guerra.
“Il bombardamento ha lasciato traumatizzato una intera generazione. E non è stato mai discusso” ha detto l’autore al Guardian, aggiungendo che circa 600.000 civili morirono durante i bombardamenti alleati delle città tedesche, compresi 72.000 bambini. Circa 45.000 persone morirono in una sola notte durante una immensa tempesta di fuoco che colpì Amburgo nel luglio 1943. Ma le vittime tedesche furono del tutto oscurate dalla tragedia dell’olocausto.

Friedrich ritiene che molti tedeschi hanno considerato la distruzione apportata dai britannici come una vendetta dei crimini nazisti e che “la seconda guerra mondiale sia stata dipinta tradizionalmente come una guerra tra il bene e il male. Ma non fu semplicemente questo”. Le foto in “Brandstätten” sono macabre e mostrano molti civili che morirono asfissiati nei loro rifugi. A Dresda, addetti delle SS di un vicino campo di concentramento intervennero per smaltire cataste di cadaveri.

Le foto sono rimaste depositate per oltre mezzo secolo negli archivi comunali, prima che Friedrich le riportasse alla luce. Nello stesso tempo, Friedrich aveva chiesto agli Archivi Nazionali di Kew, Londra, il rilascio delle foto delle vittime inglesi dei bombardamenti tedeschi, ottenendo però il rifiuto delle autorità. Nel suo libro è ammesso che i tedeschi iniziarono la guerra aerea negli ultimi mesi del 1940, causando 14.000 vittime civili inglesi.

Egli è a conoscenza di essere considerato un revisionista, però quello che a lui preme è “descrivere ciò che è accaduto”. “Quei tedeschi, ora di 70 e 80 anni, hanno ascoltato le mie lezioni pubbliche stando in piedi ed hanno poi iniziato a descrivere, con le lacrime agli occhi, quello che accadde alle loro famiglie”.

Dal sito: http://www.guardian.co.uk/
Articolo originale qui

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix