Home / ComeDonChisciotte / SOMALIA : LA LOGICA RAZZISTA DEI “DANNI COLLATERALI”

SOMALIA : LA LOGICA RAZZISTA DEI “DANNI COLLATERALI”

DI JAMES MURREN
Counterpunch

Che faccia hanno i danni collaterali?

Due giorni fa [2 Marzo] ci siamo svegliati con la notizia che gli Usa avevano bombardato la città di Dhobley, Somalia, vicino al confine con il Kenya. Secondo un articolo del NYTimes tre persone erano rimaste ferite e le uniche vittime erano capi di bestiame.

Perché gli Usa hanno bombardato questa città? Si pensava che un edificio nella città venisse usato da membri di al Qaeda per scopi di addestramento. Inoltre si pensava che nell’edificio ci fosse Saleh Ali Saleh Nabhan, sospettato di aver avuto un ruolo degli attacchi del 1998 alle ambasciate Usa in Kenya e Tanzania e in un attentato ad un hotel a Mombasa nel 2002.

Gli Usa volevano uccidere un terrorista.
Una fonte militare Usa ha detto che l’attacco è stato compiuto con due missili Tomahawk sparati da un sottomarino.

Allafrica.com ha riferito che nell’attacco sono state uccise sei persone. Saleh Ali Saleh Nabhan non era tra di loro.

La BBC ha riferito che sono stati uccisi sei civili e 20 sono stati feriti.

La Associated Press ha riferito che gli abitanti della città parlavano di aerei (AC-130) in volo sopra di loro durante e dopo l’attacco.

Gli AC-130 sono stati usati in due attacchi aerei in Somalia all’inizio del 2007.

Sono morte sei persone? O sono morti solo capi di bestiame? Vi sono stati tre o 20 feriti? Sono stati sparati due missili da un sottomarino o l’attacco ha coinvolto due missili e uno o forse due AC-130?

Gli Usa hanno utilizzato armi altamente sofisticate nel tentativo di uccidere un uomo, un “terrorista”. Hanno mancato il loro obiettivo.

L’esercito più potente del mondo spara missili contro un villaggio impoverito nella speranza di uccidere un singolo uomo.

Vi sono certamente dei sospetti “terroristi” che vivono negli Usa, in Europa e in altri paesi ricchi. Perché non sganciare bombe e lanciare i missili contro le città occidentali dove si pensa che vivano?

I danni collaterali hanno un reddito?

I danni collaterali hanno un colore della pelle?

James Murren può essere contattato tramite il sito www.vagoscribe.wordpress.com, dove potrete leggere notizie sui rifugiati somali che vivono in Etiopia e sulle popolazioni di etnia somala che vivono nel deserto etiope dell’Ogaden.

Titolo originale: ” Bombing Somalia – What is the Face of Collateral Damage?

Fonte: http://www.counterpunch.org
Link
05.03.2008

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Pubblicato da Das schloss