Home / ComeDonChisciotte / SEI RIVELAZIONI SHOCK SUL “GOVERNO SEGRETO” DI WALL STREET

SEI RIVELAZIONI SHOCK SUL “GOVERNO SEGRETO” DI WALL STREET

DI LES LEOPOLD
Alternet.org

Alti funzionari hanno volontariamente

mascherato la vera dimensione dei salvataggi del 2008-’09 al Congresso

e all’opinione pubblica.

Ora abbiamo prove concrete che Wall Street e Washington stanno gestendo un governo

segreto bel lontano dal processo democratico. Grazie a una richiesta

per la libertà di informazioni fatta da Bloomberg News, il pubblico

ha ora accesso a oltre 29.000 pagine di documenti della Fed e ad altre

21.000 transazioni della Fed che sono state deliberatamente nascoste,

e per buone ragioni. (Vedi qui e qui.)Questi documenti mostrano come alti

funzionari del governo hanno volontariamente celato al Congresso e al

pubblico il vero scopo dei salvataggi del 2008-’09 che hanno arricchito

i pochi e rafforzato gli interessi dei giganti di Wall Street. Ora sappiamo

che:

  • I salvataggi segreti di

    Wall Street ammontavano 7,77 trilioni di dollari, dieci volte più del Troubled Asset Relief Program (TARP)

    da 700 miliardi approvato dal Congresso nel 2008.

  • La conoscenza dei fondi

    per i salvataggi segreti non era stata condivisa con il Congresso anche

    quando stava stilando e dibattendo le leggi per smantellare le grandi

    banche.

  • Il finanziamento segreto, fornito a tassi più bassi del livello

    di mercato, hanno fornito alle banche di Wall Street altri 13 miliardi

    di dollari in profitti. (Denaro sufficiente per assumere più di 325.000

    insegnanti.)

  • I prestiti segreti hanno

    finanziato le fusioni bancarie,

    per far sì che le banche più grandi potessero crescere ancora. Questo

    denaro ha anche permesso alle banche di dar manforte alle proprie iniziative

    di lobby.

  • Quando Henry Paulson (il

    Segretario al Tesoro sotto Bush) informò il Congresso e il pubblico

    che ci sarebbe stato bisogno solo

    di piccole riforme per proteggere Fannie Mae e Freddie Mac dal collasso,

    si incontrò segretamente con i manager dei maggiori hedge fund

    di Wall Street – tra loro, gli ex colleghi di Goldman Sachs – per

    avvisarli che era sul punto di nazionalizzare le gigantesche compagnie

    di emissione di mutui, una mossa che avrebbe praticamente svuotato il

    valore azionario di queste aziende. Questa informazione era di enorme

    valore, perché ha consentito a questi hedge fund di shortare

    Fannie e Freddie, facendo una fortuna.

  • Quando Timothy Geithner

    era a capo della NY Federal

    Reserve, si lamentò delle azioni legislative del senatore Ted Kaufman,

    del Delaware, volte a limitare le dimensioni delle banche, perché questo

    argomento era “troppo complesso per il Congresso e che le persone

    che conoscono i mercati dovrebbero gestire in prima persona queste decisioni”.

    Nel frattempo, Geithner era totalmente a conoscenza degli enormi prestiti

    segreti, mentre il senatore Kaufman ne era all’oscuro. Anche Barney

    Frank, che stava redigendo una fondamentale legislazione di riforma

    del settore bancario, non era informato dei prestiti segreti. Nessuno

    al Congresso ne sapeva niente.

Cosa significa tutto questo?

1. Le grandi banche e gli hedge

fund erano in guai più grossi di quello che ci hanno fatto credere.

Come molti di noi avevano sospettato,

tutte le grandi banche erano in ginocchio a mendicare aiuto – in segreto

– mentre assicuravano i propri investitori, il pubblico e il Congresso

che non c’erano problemi. Avevano

scommesso e perso. In base alle regole del capitalismo ideale, avrebbe

dovuto patire una qualche “distruzione creativa” e vedere

la propria quotazione eliminata dalla bancarotta, con i manager

sostituiti. L’intero sistema bancario doveva essere riorganizzato

da cima a fondo. Invece, questi colossali fallimenti sono stati segretamente

ricompensati.

2. Il governo segreto di Wall Street

si è assicurato che le maggiori banche diventassero ancora più grandi,

aiutate dal finanziamento segreto.

Mentre il Congresso stava discutendo

i progetti di legge per smantellare le grandi banche e per reintrodurre

il Glass Steagall Act (per separare le banche di investimento

da quelle commerciali), il governo segreto stava utilizzando fondi per

crescere ancora di più tramite fusioni e acquisizioni. Siccome il Congresso

e il pubblico erano all’oscuro del finanziamento segreto e della condizione

pietosa di tutte le banche, questo progetto di legge fu facilmente accantonato.

Come il grafico qui sotto mostra in modo terribilmente chiaro, le banche

“troppo grandi per fallire” sono cresciute ancora di più.

3. Tanto più grande diventa

Wall Street, tanto più governo si può comprare

Questa parte non è segreta. Quando

le sei maggiori banche si sono ingrandite, hanno speso sempre più fondi

per assicurarsi di non dover soffrire di impatti sconvenienti dalla

riforma della legislazione bancaria. Dopo che queste banche hanno ricevuto

centinaia di miliardi in prestiti segreti, hanno incrementato i propri

fondi per poter mantenere la loro dimensione e il loro potere. Date

un’occhiata e disperatevi:

4. Il governo segreto di Wall

Street si protegge da sé

Intanto, non è facile capire come

il Segretario al Tesoro Paulson, ex direttore di Goldman Sachs, abbiamo

potuto rischiare tanto per riunirsi segretamente con i manager dei giganteschi

hedge fund, molti dei quali hanno lavorato da Goldman Sachs. Come

è possibile che il funzionario finanziario di più alto grado abbia

potuto dare una soffiata a queste élite degli hedge fund sull’imminente

acquisizione di Fannie e Freddie prima che il Congresso e il pubblico

ne venissero informati? Bene, una risposta viene dal fatto che Paulson

si sentì obbligato di avvertire i suoi vecchi compari della prossima

nazionalizzazione. Forse ha voluto tirarli fuori dai guai nel caso in

cui fossero pesantemente coinvolti in questi mercati. O forse gli voleva

solo dare una dritta davvero valida per farci sopra dei soldi. Ma la

spiegazione più profonda, credo, è che i più alti funzionari governativi

di Wall Street– Paulson, Summers, Geithner, Orszag (l’ex direttore

dell’OMB di Obama che ora prende milioni lavorando

per CitiGroup), eccetera, credono ciecamente a ciò che segue:

  • Le banche di Wall Street sono le migliori al mondo e sono

    l’avanguardia dell’economia statunitense. Sono il nostro futuro.

  • I banchieri di Wall Street

    e i manager degli hedge fund

    sono incredibilmente più brillanti e svegli del resto di noi. Si meritano

    la nostra ammirazione.

  • Aiutare Wall Street a crescere

    e prosperare equivale esattamente ad aiutare tutti gli americani e l’intera

    economia. Si meritano il nostro sostegno.

  • Le riunioni segrete per

    fornire informazione “insider

    sono la norma a Wall Street. Non c’è niente di sbagliato nell’avvertire

    gli amici sulle prossime decisioni politiche che potrebbero impattare

    i loro profitti.

  • Non c’è assolutamente

    niente di strano nel fornire trilioni di dollari di prestiti segreti

    ai più bravi e ai più svegli, e non dire niente al

    Congresso.

È un circolo chiuso di auto-giustificazione

e auto-inganno: Wall Street è brillante. Quello che fa Wall Street

è un bene per il paese. Aiutare i profitti di Wall Street è un bene

per il paese. Nascondere la verità ai dirigenti democraticamente eletti è un bene per il paese, perché Wall

Street è tosta e la sa lunga.

E tutto ciò viene davvero creduto

da Wall Street e dal suo governo segreto, anche se Wall Street, e solo

Wall Street, ha abbattuto l’economia e sterminato otto milioni di

posti di lavoro nel giro di pochi mesi. Davvero brillante!

5. Wall Street è un pericolo

evidente per la democrazia

Di solito, non sono un allarmista.

Infatti, spesso mi schiero contro le teorie cospirative superficiali.

Voglio credere ancora che la nostra democrazia abbia delle promesse.

Ma il collasso indotto da Wall Street e la risposta del governo mi hanno

davvero preoccupato. Le rivelazioni di Bloomberg News suggeriscono che

il governo segreto di Wall Street ha un enorme disprezzo per quello

che rimane della democrazia. Le élite finanziarie ovviamente credono

che non ci si possa fidare che il Congresso faccia quanto dovuto anche

quando è corrotto dalle stesse banche che dovrebbe controllare. E per

il resto di noi? Siamo solamente una massa finanziariamente illetterata

da manipolare con i mass media. Anche le nostre teste possono

venire corrotte da un marketing adeguato.

Questa arroganza e corruzione finanziaria

corrode duramente i nostri valori democratici. Ci sono già molti

americani che, per buone ragioni, non si fidano più del loro governo.

Ci sono già molti americani che, per buone ragioni, non votano più.

Ci sono già molti americani che, per buone ragioni, credono che la

democrazia che viviamo sia una truffa. Wall Street non poteva aver scritto

una sceneggiatura migliore per mantenere il proprio dominio.

6. Occupy Wall Street è fondamentalmente

corretto, ma c’è bisogno di più

Gli occupanti hanno pesantemente attaccato

le élite di Wall Street e fatto presa sull’immaginario del paese

con il loro argomento sull’1% contro il restante 99. E l’idea si

sta sempre più diffondendo. Ma è solo l’inizio. Per riprendersi

la nostra nazione dal governo segreto di Wall Street, dobbiamo sviluppare

un movimento enorme tra il 99 per cento. Anche se speriamo che possa

avvenire spontaneamente tramite Twitter e Facebook, sappiamo che richiederà

un’organizzazione radicale forte di milioni di persone.

Al momento, nessuno sa che forma potrà

assumere. Ma una cosa la sappiamo: che le grandi concentrazioni di potere

e di ricchezza non lasciano il proprio potere e la propria ricchezza

senza lottare fino all’ultimo. Il governo segreto di Wall Street è

più che disposto a proteggere sé stesso, anche se dovesse sovvertire

la democrazia. I nostri occupanti hanno dimostrato un gran coraggio

per aiutarci a reclamare i nostri diritti democratici. Speriamo che

la cosa si propaghi… e velocemente.

**********************************************

Fonte: 6 Shocking Revelations About Wall Street’s “Secret Government”

30.11.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • ROE

    L’articolo descrive la realtà oggettiva dei fatti. Se chi conosce i fatti, li critica, protesta e si indigna, si rendesse conto che tutto questo passa attraverso la moneta a corso legale (non fa differenza se pubblica o privata), riuscisse a comprendere la potenza della “moneta del lavoro” ed a diffonderne l’idea e l’adozione concreta, presto la larga maggioranza di quel 99% cesserebbe di essere subalterna ad una piccola minoranza di dominanti senza scrupoli. E sarebbe la transizione (senza violenza) verso rapporti economici fondati su libere associazioni di lavoratori-produttori. È l’unica soluzione, prima che sia troppo tardi.