Secondo il Dr. Peter McCullough i decessi causati dai vaccini COVID potrebbero essere molto superiori ai dati ufficiali

"Finora siamo a più di 5.000 morti e a circa 15.000 ricoveri. Stiamo lavorando con i dati del Center for Medicaid (CMS), e abbiamo forti sospetti che i numeri reali siano dieci volte tanto."

Debra Heine
humansarefree.com

In una straordinaria intervista della scorsa settimana, il dottor Peter McCullough, professore americano di medicina e aiuto di medicina interna alla Baylor University, ha dichiarato che il mondo è stato sottoposto ad una forma di bioterrorismo e che la soppressione dei trattamenti precoci per la COVID-19 – come l’idrossiclorochina – “è strettamente correlata allo sviluppo di un vaccino.”

Il Dr. McCullough ha rilasciato questi esplosivi commenti l’11 giugno scorso, durante un webinar con il Dr. Reiner Fuellmich, un avvocato tedesco che crede che la pandemia sia stata pianificata e che sia “un crimine contro l’umanità.”

Il processo di Norimberga 2.0 è in preparazione: L’OMS e i leader mondiali dovranno rispondere di ‘crimini contro l’umanità’. [Sulla class-action patrocinata da Fuellmich c’era già stato un articolo su CDC]

Secondo McCullough questo atto di bioterrorismo si sarebbe sviluppato in due fasi – la prima ondata era stata la diffusione del coronavirus, la seconda il lancio [e la promozione forzata] di questi pericolosi vaccini, che, a suo avviso, sarebbero responsabili della morte di un numero enorme di Americani, forse anche 50.000.

Il dottor McCullough che è specialista in medicina interna e in cardiologia, è l’editore di Reviews in Cardiovascular Medicine, senior editor dell‘American Journal of Cardiology, editore del libro di testo Cardiorenal Medicine, e presidente della Cardiorenal Society.

La prima ondata di bioterrorismo era stata caratterizzata da un virus respiratorio diffusosi in tutto il mondo e che aveva interessato relativamente poche persone – circa l’uno per cento in diverse popolazioni – ma che aveva generato grande paura,” ha spiegato McCullough durante un webinar di Oval Media con altri medici. Ha fatto notare che il virus aveva preso di mira “soprattutto le persone fragili e anziane, ma che nelle persone comunque in buona salute causava una patologia molto simile al comune raffreddore.”

Il Dr. McCullough ha poi detto di aver curato molti pazienti con la Covid, di aver scritto articoli su di essa, di averla contratta e di aver avuto un lutto in famiglia proprio a causa della COVID.

È del parere che la paura del virus sia stata usata sin dall’inizio come pretesto per attuare politiche, come l’imposizione di draconiani lockdown, che avrebbero avuto un enorme impatto sulla qualità della vita.

Tutto quello che è stato fatto nel campo della salute pubblica in risposta alla pandemia ha peggiorato la situazione,” ha sottolineato.

McCullough ha spiegato che, all’inizio, come medico responsabile del trattamento di pazienti affetti da COVID, aveva messo a punto un regime terapeeutico di primo intervento che aveva ridotto le degenze ospedaliere di circa l’85% e che aveva iniziato a pubblicare articoli sulla sua esperienza. Aveva però “incontrato forti resistenze a tutti i livelli” sia per il trattamento vero e proprio dei pazienti che per la pubblicazione dei suoi articoli.

Fortunatamente avevo abbastanza carisma e questo mi aveva permesso di pubblicare gli unici due articoli in tutta la letteratura medica dove si insegna ai medici come trattare i pazienti COVID-19 a domicilio per prevenire l’ospedalizzazione,” ha detto.

Quello che abbiamo scoperto è che la soppressione del trattamento precoce era strettamente legata allo sviluppo di un vaccino, e l’intero programma (in un certo senso la fase uno del bioterrorismo) era stato portato avanti proprio per mantenere la popolazione terrorizzata e in isolamento e per prepararla ad accettare il vaccino, che sembra essere la fase due di questa operazione di bioterrorismo.”

McCullough ha spiegato che sia il coronavirus che i vaccini “introducono nell’organismo, la proteina spike, il vero guadagno di funzione di questa operazione bioterroristica.

Ha riconosciuto che non poteva andare in pubblico e dire tutto questo sui canali della TV nazionale a causa della martellante campagna propagandistica portata avanti dell’establishment medico.

Quello che abbiamo imparato col tempo è che non potevamo più comunicare con le agenzie governative. In realtà non potevamo comunicare nemmeno con i nostri colleghi già vittime della propaganda nei principali centri medici, sembravano tutti sotto un incantesimo, come se fossero stati ipnotizzati.

Dei bravi medici stanno facendo cose impensabili, come iniettare nelle donne incinte un RNA messaggero biologicamente attivo che produce questa proteina spike patogena. Penso che quando questi medici si sveglieranno dalla loro trance, rimarranno scioccati nel pensare a ciò che hanno fatto alla gente,” ha aggiunto, ribadendo ciò che, insieme al dottor Harvey Risch, professore alla Yale School of Public Health, aveva detto il mese scorso alla conduttrice di Fox News, Laura Ingraham, durante un’intervista.

McCullough ha poi detto a Fuellmich che la scorsa estate aveva messo a punto un protocollo di trattamento precoce per evitare l’ospedalizzazione dei pazienti COVID che aveva comportato l’organizzazione di diversi gruppi di medici negli Stati Uniti e all’estero.

McCullough ha notato che alcuni governi avevano cercato di impedire a questi medici di fornire i trattamenti, ma che, con l’aiuto della Association of Physicians and Surgeons, erano stati in grado di pubblicare una guida per i pazienti domiciliari e, negli Stati Uniti, avevano organizzato quattro diversi servizi di tele-medicina e quindici servizi regionali di tele-medicina.

In questo modo, ha spiegato, le persone colpite dalla COVID-19 erano state in grado di utilizzare questi servizi e ottenere i farmaci di cui avevano bisogno dalle farmacie locali o dalle farmacie che utilizzavano la distribuzione per corrispondenza.

Senza che il governo capisse davvero cosa stava succedendo, abbiamo schiacciato la curva dell’epidemia negli Stati Uniti,” ha affermato McCullough.

Verso la fine di dicembre e nel mese di gennaio, ci siamo fondamentalmente occupati della pandemia, con circa 500 tra medici e servizi di telemedicina e, ad oggi, trattiamo circa il 25% della popolazione statunitense affetta da COVID-19 effettivamente ad alto rischio, quella oltre i 50 anni con problemi medici che provocano una sintomatologia grave.”

Il medico ha detto che il fatto di essere convinto che la soppressione del trattamento precoce fosse “strettamente legata” ai vaccini, era ciò che lo aveva convinto che la cosa più importante era mettere in guardia il pubblico proprio sui vaccini.

Sappiamo che questa è la fase due del bioterrorismo, non sappiamo chi c’è dietro, ma sappiamo che vogliono un ago in ogni braccio per iniettare RNA messaggero o DNA adenovirale in ogni essere umano,” ha detto. “Vogliono ogni singolo essere umano.”

Il medico ha poi avvertito che i vaccini sperimentali potrebbero, nel lungo periodo, portare a tumori e alla sterilizzazione delle giovani donne.

 

Il dottor McCullough ha detto che il suo obiettivo è quello di mettere insieme un cospicuo gruppo di persone che il sistema non possa raggiungere, che includerebbe chi è già stato infettato dal virus, le persone immuni, i bambini, le donne incinte e le donne in età fertile.

Il cardiologo ha continuato dicendo che, poiché nei giovani non c’è alcun beneficio clinico ottenibile dal vaccino, anche un solo caso di miocardite o di pericardite dovuto alla vaccinazione “è troppo,” eppure anche se il CDC è a conoscenza di centinaia di allarmanti segnalazioni su casi di miocarditi in adolescenti e giovani adulti, l’unica cosa che faranno sarà rivalutare la questione nel mese di giugno. Ha accusato l’establishment medico di non fare nulla per ridurre i rischi dei vaccini.

Avendo presieduto più di venti commissioni per la valutazione della sicurezza dei vaccini per la FDA e l’Istituto Nazionale della Salute, McCullough ha tutte le carte in regola per criticare il modo in cui i vaccini vengono distribuiti.

In questo programma non c’è un comitato per la valutazione degli eventi critici, non c’è un comitato di monitoraggio sui dati di sicurezza e non c’è un comitato di etica umana. Queste strutture sono obbligatorie per tutte le grandi indagini cliniche, e quindi quello che sta succedendo dovrebbe essere definito con il termine di ‘condotta illecita,’ le malefatte perpetrate da chi ha il potere,” ha spiegato il medico.

Senza misure di sicurezza in atto, si può vedere cosa sta succedendo,” ha continuato.

Fondamentalmente è la più grande somministrazione di un prodotto biologico con la più grande casistica di morbilità e mortalità nella storia del nostro Paese.”

Finora siamo a più di 5.000 morti, come sapete, e credo circa 15.000 ricoveri. Nell’UE sono a più di 10.000 morti. Stiamo lavorando con i dati del Center for Medicaid (CMS), e abbiamo forti sospetti che i numeri reali siano dieci volte tanto.”

McCullough ha spiegato che, poiché il database del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) riporta circa solo il 10% delle reazioni negative ai vaccini, il suo team ha dovuto cercare altre fonti per le informazioni.

Attualmente abbiamo una talpa all’interno del CMS, e due nel CDC,” ha rivelato il medico. “Pensiamo che ci siano oltre 50.000 Americani morti. Cinquantamila morti. Quindi, in realtà, abbiamo molti più morti al giorno a causa del vaccino che per la malattia virale. È fondamentalmente bioterrorismo propagandato come vaccino.

Il dottor McCullough ha detto di aver visto nel suo ambulatorio casi di trombosi della vena porta, miocarditi e gravi problemi di memoria dopo la vaccinazione. “È assolutamente sconcertante,” ha detto.

Ha riferito di essere stato attaccato ferocemente sui media da una donna di Singapore legata alla Fondazione Gates.

Il dottor McCullough ha continuato formulando un’agghiacciante teoria, quella che i vaccini potrebbero essere stati progettati per ridurre la popolazione mondiale.

Se diciamo che questo è tutto un programma della Fondazione Gates per ridurre la popolazione, si adatta molto bene a questa ipotesi, giusto? La prima ondata intendeva uccidere i vecchi con un’infezione respiratoria, la seconda prende di mira i sopravvissuti, prende di mira i giovani e li sterilizza,”, ha detto.

Se notate la propaganda che viene attualmente promossa nel Paese, negli Stati Uniti, adesso non sono affatto interessati ai vecchi. Vogliono i bambini. Vogliono i bambini, i bambini, i bambini, i bambini! Sono totalmente concentrati sui bambini” e ha fatto notare che a Toronto, in Canada, il mese scorso, hanno cercato di convincere i ragazzi a farsi vaccinare con la promessa di un gelato.

Secondo un rapporto, il governo dell’Ontario, che non richiede il consenso dei genitori per i minori che decidono di farsi vaccinare, aveva incoraggiato i bambini a farsi iniettare il vaccino Pfizer in un evento a sorpresa pro-vax.

Avevano tenuto fuori i genitori e vaccinavano i bambini,” ha inveito il medico. Ha detto che sua suocera, canadese, è stata vaccinata con la forza e contro la sua volontà.

Secondo McCullough, gli Stati Uniti si stanno preparando ad imporre l’obbligo vaccinale a tutta la popolazione.

Dobbiamo fermare questo processo e dobbiamo capire cosa c’è dietro,” ha concluso.

Debra Heine

 

Fonte: humansarefree.com
Link: https://humansarefree.com/2021/06/dr-peter-mccullough-covid-vaccines-have-already-killed-50000-americans-according-to-whistleblowers.html
20.06.2021
Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Notifica di
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
lazarovici
Utente CDC
23 Giugno 2021 19:31

Intanto qui in Piemonte è partita la campagna per vaccinare i bambini, cioè per farli sentire sistemati (…) prima dell’inizio dell’anno scolastico.

AlbertoConti
Staff
Risposta al commento di  lazarovici
24 Giugno 2021 12:05

Appena inviata A:[email protected] Carissimi combattenti, sono un vecchio laureato in fisica, quindi senza competenze specifiche in biologia-medicina e tantomeno in giurisprudenza, ma seguo e mi informo, anche grazie a Voi, sulla tragica questione covid-19, il nuovo 11 settembre contro i popoli. Ho sentito l’altro giorno al TG di radio24 l’ennesima propaganda alla vaccinazione anticovid dei minori, supportata dalla posizione ufficiale della SIP, antica “Società Italiana di Pediatria”, che rappresenta praticamente la quasi totalità dei pediatri italiani, almeno nell’immaginario collettivo. Sul loro sito ho trovato il documento in allegato, che contiene la sentenza e le motivazioni sull’opportunità di vaccinare giovani, ragazzi e bambini, chiara linea-guida propagandistica rivolta a genitori e loro pediatri. A mio avviso il documento nella sostanza contiene gravissime falsità scientifiche, che se le capisco io non sono ammissibili dai rappresentanti autolegittimati della “scienza medica”, tali da configurare un vero e proprio falso ideologico, dall’impatto devastante sull’opinione pubblica vista la presunta autorevolezza della SIP e l’amplificazione mediatica di cui gode. Se è vero, come è vero, che queste terapie geniche sperimentali applicate in massa all’intera popolazione pediatrica mondiale (loro esplicita raccomandazione) costituiscono un crimine contro l’umanità, allora il documento in oggetto rappresenta la prova documentale di apologia di reato,… Leggi tutto »

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
24 Giugno 2021 19:10

Bravo Alberto!

ignorans
Utente CDC
23 Giugno 2021 20:38

i morti da vaccino non saranno mai abbastanza

Gino
Utente CDC
23 Giugno 2021 23:14

Uno con le palle; sta rischiando la pelle. L’unico aspetto che mi ‘perplime’ è l’enfasi sulla proteina spike. A me risulta che gli ometti ancora non abbiano compreso come costruire proteine ben piegate (piegate “come dio comanda”). Al riguardo delle “proteine” utilizzate nei vaccini a mRNA, per certo so solamente che quelle dell’mRNA sono sempre e solamente sintetiche, stampate in 3D. Credo sia però molto probabile che anche tutte le altre utilizzate vengano stampate, è infatti risaputo che il costo dei vaccini a mRNA risulti essere irrisorio, proprio poiché la stampa in 3D, delle “proteine” che li compongono, abbatte enormemente i costi (ho scritto “proteine” poiché se non piegate “come dio comanda” non sono proteine, bensì tossine). Tanto per rendere l’idea di quali possano esserne gli effetti: « L’amiloidosi rappresenta una sola categoria di un crescente elenco dei disturbi associati al ripiegamento proteico. Benché esistano numerosi tipi di amiloidosi, in tutti i casi le proteine mal ripiegate, chiamate amiloide (cioè, simile all’amido), assumono una forma particolare che il corpo non riesce a disgregare facilmente. Per questo mal ripiegamento, le proteine amiloide si legano tra loro per formare fibre lineari e rigide (o fibrille) che si accumulano negli organi e nei… Leggi tutto »

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
24 Giugno 2021 17:05

Gino secondo te le spikes, possono fare danni già appena poche ore dall’inoculo?
o è pensabile che debba passare un pò di tempo, che so, almeno 1-2 giorni, prima di potere fare i danni che le attribuiscono?
In tal caso le reazioni avverse immediate non dovrebbero essere attribuite alla spike, ma a qualche altra causa.

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
24 Giugno 2021 23:38

Non sono nella condizione di risponderti con ragionevole sicurezza: le mie nozioni di biologia sono insufficienti. Alla biologia cominciai ad interessarmi solamente a seguito della legge Lorenzin. I campi in cui mi sento un poco più versato sono quelli della teoria del linguaggio, della logica, della matematica, della fisica e dell’epistemologia. Seppure in nessuno di essi io possa considerarmi uno specialista, ad essi però almeno dedicai svariati anni, di studi e riflessioni a tempo pieno. Oltretutto, in quest’ultimo anno neppure mi sono granché impegnato, neppure per almeno approfondire alcune delle questioni della teoria biologica per me più interessanti (sto diventando vecchio e stanco …). Il campo della biologia è vastissimo, ed anche a parer mio incertissimo. Credo che in esso neppure gli specialisti dovrebbero potersi dire ragionevolmente sicuri di alcunché, neppure nei rispettivi campi di competenza. A naso però direi di sì; poiché, nell’ipotesi che la vulgata dei vaccini a mRNA fosse attendibile, parrebbe allora almeno verosimile l’implicazione della necessità di un qualche margine di latenza, tra vaccinazione ed auto produzione della proteina spike, ad opera di almeno alcune delle cellule dell’organismo vaccinato, a seguito dell’istruzione ricevuta, mediante l’mRNA inoculato. Per contro, la risposta del sistema immunitario all’inoculazione di tossine… Leggi tutto »

7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x