Home / ComeDonChisciotte / SE IL CAPITANO DEL COSTA CONCORDIA FOSSE STATO BRITANNICO, AVREBBE ABBANDONATO LA NAVE?

SE IL CAPITANO DEL COSTA CONCORDIA FOSSE STATO BRITANNICO, AVREBBE ABBANDONATO LA NAVE?

DI TOBY YOUNG
blogs.telegraph.co.uk

Secondo un’agenzia di stampa italiana, il Capitano Francesco Schettino ha abbandonato la Costa Concordia più di quattro ore prima che l’evacuazione fosse completa, nonostante gli fosse stato ordinato dalla

Guardia Costiera di tornare sulla nave. Se fosse vero, il suo comportamento è imperdonabile. Secondo la legge del mare – un codice antico di condotta al quale tutti i marinai sono legati – è dovere del capitano di una nave rimanere con l’imbarcazione danneggiata fino a che tutti i passeggeri e l’equipaggio non vengono rintracciati. In queste circostanze non deve mai lasciare la nave prima di loro.Ora sembra che la causa dell’incidente sia stata la decisione del Capitano Schettino di deviare dalla rotta autorizzata per “salutare” la casa sull’isola del primo cameriere – un atto rozzamente irresponsabile, ma che non infligge sul Capitano una macchia tanto grave come quest’ultima accusa. Descriverlo come un errore innocente sarebbe volare troppo in alto, ma lui non stava facendo qualcosa che ritenesse moralmente sbagliato. Abbandonare una nave mentre affonda è invece un atto spregevole. Se ciò sarà vero, il Capitano è colpevole di aver posto la propria sicurezza al di sopra di quella dei passeggeri e dell’equipaggio. Dovendo scegliere tra il disonore e il proprio pericolo, ha scelto il disonore.

In Italia dovrebbe essere una vergogna nazionale, come io sarei pieno di vergogna per essere britannico se il capitano di una nave da crociera britannica fosse accusato di comportarsi in una maniera simile. Una delle caratteristiche di questi disastri è che gli uomini che hanno posizioni di grande responsabilità diventano simboli della nazione. Se si distinguono, tutti i loro compatrioti si sentiranno orgogliosi, e se li disonorano, tutti si sentono colpiti. Gli uomini che sottoposti a queste situazioni impegnative spesso si comportano degnamente proprio perché sanno che agiscono su mandato delle proprie nazioni, portando il peso di questa responsabilità.

Numerose informazioni diffuse nei giorni scorsi hanno paragonato il disastro del Costa Concordia all’affondamento del Titanic, e molti testimoni oculari hanno riportato che il comportamento dei passeggeri e dell’equipaggio è stato davvero simile a quello dei passeggeri e dell’equipaggio del Titanic. Ma se le notizie sul comportamento del Capitano Schettino sono vere, questo incidente è diverso da quello del disastro del 1912 per un aspetto importante: il Comandante Edward John Smith non abbandonò la sua nave quando colpì un iceberg nella notte del 14 aprile del 1912.
Al contrario, morì, insieme a 1.516 persone, nelle ore piccole della mattina seguente.

Potrei sbagliarmi, ma mi piace pensare che, se il Capitano del Costa Concordia fosse stato britannico, si sarebbe comportato con la stessa distinzione di Edward Smith, proprio per l’esempio che deve essere fornito da un uomo di onore. Al Beacon Park di Lichfield c’è una statua di questo marinaio che riporta l’iscrizione seguente: “Il Comandante Edward John Smith, Rd, RNR. Nato il 27 Gennaio 1850 nato, morto il 15 aprile del 1912. Ha trasmesso ai suoi compatrioti la memoria e l’esempio di un grande cuore, di una vita coraggiosa e di una morte eroica. Sii britannico.

**********************************************

Fonte: If the captain of the Costa Concordia had been British, would he have abandoned ship?

17.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • Mari

    La fifa, il panico non ha bandiera.

  • maristaurru

    Il Comandante Schettino è niente di più e niente di meno che la rappresentazione più pura della nuova classe dirigente Italiana, quella che sta vergognosamente facendo affondare l’Italia, omuncoli e donnicciole inseriti nei gangli della PA, della Politicuzza, delle Bancuzze,degli Uffici comunali, e regionali ecc.. ecc che in amorosi sensi con quei tipi che si dediacano alla politica in tutti gli schieramenti, stanno operando un sacco sistematico del Paese, approfittando di un popolo che pedala e lavora per loro, come Schettino ha approfittato di quanti si prodigavano per salvare i passeggeri, compresi i vigli del fuoco ed alcuni abitanti dell’isola , e i pescatori accorsi, incuranti del pericolo rappresentato da una nave in quelle condizioni. Parassiti, zavorra, che ci sta mangiando vivi, che spesso lavora poco e male perchè sa che ci sono i fessi che lavorano anche per loro.

    I racconti che si fanno in famiglia delle tradizioni e delle medaglie e dei riconoscimenti dei nostri del tempo che fu, sono racconti di gente proba, onesta, ed anche eroica, senza altezzosità, senza ruberie, senza cattiverie verso i deboli. Tempi che la nuova classe dirigente affarista, rozza e viziata, ha cancellato, e mi spiace per l’Inglese, ma il popolo Italiano è stato tanto rincretinito, montato e peggio, che non sa capire nemmeno quali sono i doveri e quali i diritti, sono mediamente al livello dei così detti ragzzi di strada che arraffano, distruggono e depredano dove e come possono, basta vedere lo stato di legittimata illegalità della nostra PA. Un Paese da vergognarsi e da buttare

  • nuvolenelcielo

    Bene, chiudiamo l’Italia. Tutti a casa tua, grande uomo.
    Peccato che secondo questo ragionamento ogni nazione sta affondando e quindi tutti i paesi siano da buttare…
    Soprattutto i paesi anglosassoni, che sono la culla della truffa e dell’abuso, anche se in maniera molto più elegante degli italiani… – ma si sa la forma è molto importante per gli esterofili italiani che odiano se stessi. Schettino il nuovo Berlusconi di cui vergognarsi tutti insieme in girotondo? yeah

  • ale5

    Con fifa o senza fifa il capitano si è comportato da pezzo di m… Sull’errore, che poi a quanto pare ed è assurdo, era una prassi di diversi comandanti, sui presunti malfunzionamenti di ecoscandagli,ecc. indagheranno… Comunque non c’era la volonta di provocare una strage, ma abbandonare la nave, da comandante, senza neanche provare a mettere in salvo le migliaia di passageri è un’infamia grave. Ed è perseguibile dal codice penale con pene dai 3 ai 12 anni Art. 1097.

  • Mari

    Concordo.
    C’e’ poi che il comandante ha infranto anche il codice d’onore dei marinai:

    QUANDO LA NAVE AFFONDA……….
    Abbiamo sempre saputo che il “codice d’ Onore” dei Marinai prevedeva che in caso di naufragio
    il Capitano della nave, facesse mettere in salvo prima i bambini e le donne, quindi i marinai, a cominciare
    da quelli semplici e, infine, ma quando si fosse accertato che tutti gli altri avessero abbandonato il natante,
    soltanto se faceva ancora in tempo, si salvava anche Lui, altrimenti, onorevolmente, seguiva il destino della
    sua nave.

    http://nicolaconocchiella.wordpress.com/2009/01/06/quando-la-nave-affonda/

  • Maxim

    Forse all estero lo ficcherebbero dentro e butterebbero via la chiave .
    Da noi invece si fara’ , alla peggio , qualche anno , una volta uscito scrivera’ libri e rilasciera’ interviste ben pagato l’ uno e le altre

  • Roma

    Concordo con maristaurru.
    Il Comandante Schettino è l’esempio del dirigente italiano: raccomandato, inetto, sicuro dell’intoccabilità della sua posizione, senza la coscienza del ruolo in cui è stato messo dagli amici.
    La leggerezza del suo comportamento eidenzia l’incapacità, ma più di tutto evidenzia l’irresponsabilità dell’importante ruolo che ricopriva. Schiere di bravi giovani ufficiali hanno lavorato per anni con il sogno di diventare Comandanti, senza mai arrivarci perchè non ci sono mai state le sponde giuste. Se costoro si fossero trovati al posto di Schettino, avrebbero dato la vita, avrebbero sputato sangue per salvare il salvabile. Avrebbero partecipato a tutte le operazioni di soccorso con l’impegno e la dedizione propria solamente di chi ricopre un ruolo che gli è costato anni di sacrifici, di impegno e di sudore. Chi invece (e non so se è così per Schettino, magari è solo un caso) si ritrova catapultato dalle conoscenze in ruoli più grandi di sè, non ha la coscienza delle proprie responsabilità. La pancia diventa più importante; salvare il proprio culo diventa prioritario. Tanto quel ruolo (che altri avrebbero agognato) non è stato sudato, tanto via da quel ruolo chi ci raccomanda ce ne troverà un altro ancora più prestigioso. E’ la storia di Schettino? Non lo so, sicuramente è la storia di tanti nostrani Dirigenti, di tanti italici Amministratori Delegati. Non di tutti (per fortuna) ma della stragrande maggioranza di questo Paese marcio e puzzolente fin nelle fondamenta (ahimè)

  • walterkurtz

    a me invece piace pensare che se, al posto di winston churchill ci fosse stato un italiano forse si sarebbero evitati centinaia di bombardamenti inutili che provocarono centinaia di migliaia di morti tra il ’43 e il ’45

  • yiliek

    Geniale la risposta di un lettore nel blog:
    “If the captain of the Costa Concordia had been British, would he have abandoned ship”?

    Yes, especially if he spotted a pub nearby.

  • bysantium

    Schettino rappresenta pienamente la classe politica italiana che, dopo aver pugnalato alle spalle il proprio popolo, ha pensato bene di festeggiare alle Maldive.

    Per quanto riguarda il paragone con l’eroico comandante del Titanic, occorrerebbe attualizzare l’evento e verificare se anche oggi gli inglesi siano della stessa pasta.

    Poi, mi sembra evidente che non si possa generalizzare, né in positivo né in negativo, su un solo caso.

  • martatram

    Mi pare un po’ troppo una generalizzazione..

    Se devo fare un rimprovero all’ “italianezza” del fatto, mi stupisco (non senza disdegno) che non esista una lista passeggeri.
    Questa, è la disorganizzazione italiana. Non certo un singolo uomo (o forse più d’uno) che con la sua codardia e, soprattutto, irresponsabilità ha infangato, più di quanto già non lo sia, la reputazione italiana.

  • Stopgun

    J.P. Morgan, proprietario della White Line, ship owner del Titanic, rinunciò, all’ultimo momento, al viaggio inaugurale della sua nuova nave e si trasferì nel Sud della Francia, dove apprese la notizia dell’affondamento.

    Ci sono abbondanti indizi di preveggenza di quell’evento catastrofico; e ci sono alche dei libri sulla cospirazione del Titanic.

    Guggenheim e gli altri miliardari, presenti sul Titanic, contrari alla creazione della Fed, persero la vita in quell’evento, gestito dal Cap. Smith.

    Se al comando del Titanic ci fosse stato Schettino non sarebbe nata la FED, con grande vantaggio di tutti.

  • Eshin

    Ecco la trascrizione audio della telefonata tra il commandante e la Capitaneria di Porto. In fondo pagina il file audio…………..

    http://www.nuovasocieta.it/cronaca/item/31267-un-audio-inchioda-il-comandante-della-concordia.html

    De Falco: «Sono De Falco da Livorno, parlo con il comandante?

    Schettino: «Sì, buonasera comandante De Falco»

    De Falco: «Mi dica il suo nome per favore»

    Schettino: «Sono il comandante Schettino, comandante»

    De Falco: «Schettino? Ascolti Schettino. Ci sono persone intrappolate a bordo. Adesso lei va con la sua scialuppa sotto la prua della nave lato dritto. C’è una biscaggina. Lei sale su quella biscaggina e va a bordo della nave. Va a bordo e mi riporta quante persone ci sono. Le è chiaro? Io sto registrando questa comunicazione comandante Schettino…».

    Schettino: «Comandante le dico una cosa…»

    De Falco: «Parli a voce alta. Metta la mano davanti al microfono e parli a voce più alta, chiaro?».

    Schettino: «In questo momento la nave è inclinata…».

    De Falco: «Ho capito. Ascolti: c’è gente che sta scendendo dalla biscaggina di prua. Lei quella biscaggina la percorre in senso inverso, sale sulla nave e mi dice quante persone e che cosa hanno a bordo. Chiaro? Mi dice se ci sono bambini, donne o persone bisognose di assistenza. E mi dice il numero di ciascuna di queste categorie. E’ chiaro?

    Guardi Schettino che lei si è salvato forse dal mare ma io la porto… veramente molto male… le faccio passare un’anima di guai. Vada a bordo, cazzo!»

    Schettino: «Comandante, per cortesia…»

    De Falco: «No, per cortesia… lei adesso prende e va a bordo. Mi assicuri che sta andando a bordo…».

    Schettino: «Io sto andando qua con la lancia dei soccorsi, sono qua, non sto andando da nessuna parte, sono qua…»

    De Falco: «Che sta facendo comandante?»

    Schettino: «Sto qua per coordinare i soccorsi…»

    De Falco: «Che sta coordinando lì? Vada a bordo. Coordini i soccorsi da bordo. Lei si rifiuta?

    Schettino: «No no non mi sto rifiutando».

    De Falco: «Lei si sta rifiutando di andare a bordo comandante?? Mi dica il motivo per cui non ci va?»

    Schettino: «Non ci sto andando perché ci sta l’altra lancia che si è fermata…».

    De Falco: «Lei vada a bordo, è un ordine. Lei non deve fare altre valutazioni. Lei ha dichiarato l’abbandono nave, adesso comando io. Lei vada a bordo! E’ chiaro? Non mi sente? Vada, mi chiami direttamente da bordo. Ci sta il mio aerosoccorritore lì».

    Schettino: «Dove sta il suo soccorritore?»

    De Falco: «Il mio soccorritore sta a prua. Avanti. Ci sono già dei cadaveri Schettino».

    Schettino: «Quanti cadaveri ci sono?»

    De Falco: «Non lo so.. Uno lo so. Uno l’ho sentito. Me lo deve dire lei quanti ce ne sono, Cristo».

    Schettino: «Ma si rende conto che è buio e qui non vediamo nulla …».

    De Falco: «E che vuole tornare a casa Schettino? E’ buio e vuole tornare a casa? Salga sulla prua della nave tramite la biscaggina e mi dica cosa si può fare, quante persone ci sono e che bisogno hanno. Ora!».

    Schettino: «(…) Sono assieme al comandante in seconda».

    De Falco: «Salite tutti e due allora. (…) Lei e il suo secondo salite a bordo, ora. E’ chiaro?».

    Schettino: «Comandà, io voglio salire a bordo, semplicemente che l’altra scialuppa qua… ci sono gli altri soccorritori, si è fermata e si è istallata lì, adesso ho chiamato altri soccorritori…».

    De Falco: «Lei è un’ora che mi sta dicendo questo. Adesso va a bordo, va a B-O-R-D-O!. E mi viene subito a dire quante persone ci sono».

    Schettino: «Va bene comandante»

    De Falco: «Vada, subito!»

  • michail

    Gli inglesi si dovrebbero vergognare di una cosa infinitamente più grave. L’aver permesso a cavallo tra il ’47 e il 48′(sotto il loro Mandato) la pulizia etnica in Palestina. E non parliamo di un singolo ufficiale che ha permesso tutto ciò, bensì di un’intera nazione.

  • michail

    Aggiungo, un’altra cosa. E’ molto semplice parlare e sparare sentenze sommarie seduti comodamente al calduccio davanti al proprio notebook. E’ troppo semplice criticare quando in gioco non c’è la propria pellaccia…che alla fine è l’unica cosa che abbiamo

  • Stopgun

    E’ molto “eroico” rinunciare in partenza a carriere da Comandante o da costruttore di armi o da diffusore di notizie artefatte evitando così di trovarsi in condizioni di obbedienza, nello stesso momento, a due o tre diversi padroni.

    L’unica cosa che rimane è guardare e commentare i fatti; fa parte del mestiere degli uomini.

  • embros13

    grande

  • paulo

    Gli inglesi sono messi talmente male con la loro coscienza che hanno bisogno di farcela con un italiano. Forse, in fondo, tutti gli inglesi vorrebbero abbandonare la loro isoletta, ma non possono perché hanno causato tanta sofferenza per il mondo con le loro guerre e finanza.

  • embros13

    Questo del Telegraph se la canta e se la suona da solo, questo si, tipicamente britannico, in tutto il mondo esistono persone di grande cuore come esistono persone di grande stronzaggine o vogliamo tornare a certi concetti e ideologie che vogliono che una razza sia superiore d´elezione?
    Dear Mr. Young ammesso che tu possa essere certo della virtú del Capitano del Titanic come molti di noi lo sono di Garibaldi(!) mi sembra che l´esempio lo stia prendendo da un certo Adolf.
    Quanto ci siamo vergognati poi quando sganciavamo tutti insieme appassionatamente interi arsenali sulla Libia, vero Mr Young?

  • Roma

    concordo ……
    e così l’inghilterra avrebbe perso la guerra!

  • Franky_Ramone

    Concordo con tutti coloro che ritengono Schettino lo specchio del dirigente medio italiano. Non concordo assolutamente con l’autore dell’articolo sul fatto che in arte marinara gli inglesi siano meglio di noi. Avete mai sentito parlare di Luigi Rizzo?? Durante la prima guerra mondiale fece lo slalom tra corazzate austriche affondandone una con un piccolo motoscafo. Di Salvatore Todaro??? Durante la seconda, comandante di sommergibile salvò gli stessi naufraghi del piroscafo belga che aveva affondato, cosa aspramente criticata dallo stesso Doenitz. Questa è la vera tradizione marinara italiana, non dei cazzoni su navi da crociera…

  • sandrez

    non so che dire ma qualcosa non mi torna.

    quella che si dice sia la 1a telefonata.
    http://www.youtube.com/watch?v=x8H0bPeTaL8

    quella che si dice essere la 2a telefonata.
    http://www.youtube.com/watch?v=gaaah8XTr4U

    a parte la trascrizione, ascoltare il dialogo mi da qualche dubbio…

  • AcidBoy

    concordo pienamente. Mio padre, ex marinaio, di episodi del genere me ne ha raccontati molti.

  • siletti86

    Ecco un altro fottuto inglese che vuole speculare sulle disgrazie altrui per tornaconti di casa sua. che schettino si sia comportato vigliaccamente è tristemente vero, ma da qui a voler colpevolizzare un’intera nazione è quanto di più abbietto si possa fare: cosa tipica di un porco anglosassone appunto. “mi piace pensare che, se il Capitano del Costa Concordia fosse stato britannico, si sarebbe comportato con la stessa distinzione di Edward Smith”: siete forse fatti con lo stampino voi inglesi? li hai per caso conosciuti tutti, uno per uno, i componenti della marina albionica? e quelli della marina italiana? ti sei mai trovato tu ad esempio, caro young, a fronteggiare una situazione del genere, prima di sparlare non solo giustamente del comportamento errato e vigliacco di un capitano, ma anche ingiustamente e slealmente di un’intera nazione? Il mondo respirerebbe meglio senza le vostre abbiette “pagelle”, credimi!

  • valeriodonnini

    Bravissimo ! Inglesi uguale morte !

  • RicBo

    Il dialogo tra De Falco e Schettino sembra tratto da un film di Alberto Sordi, la miseria umana del ganzo italiano… Non è il capitano Schettino, ce ne sono milioni come lui in Italia, con incarichi di responsabilità e no, è un italiano tipico questo qui. Purtroppo è cosí, e non dite di no, perchè mentireste spudoratamente.

  • siletti86

    Grande Risposta!!!!!!!!!!! Bravo!

  • ligius

    O Luigi Durand De La Penne decorato con la medaglia d’oro al valor militare proprio dall’ammiraglio inglese, dopo aver salvato tutti i militari della nave da guerra che aveva minato nel golfo di Alessandria…..

  • siletti86

    Tripla A!!!!!!!!!!!

  • siletti86

    Ce ne sono come lui in tutto il mondo. Anche in inghilterra!!! Che ti piaccia o no!

  • Franky_Ramone

    Sì ma forse in Italia ultimamente ce ne è qualcuno di più, dispiace dirlo. Gli inglesi rispetto a noi si fanno meno scrupoli a fare del male agli incapaci e seppur corrotti e viscidi hanno un sistema più meritocratico del nostro.

  • Franky_Ramone

    vogliamo parlare di Carlo Fecia di Cossato???

  • Eshin

    Molto strano!Molto!

  • Eshin

    Voglio dire strana telefonata…. davvero strana…

  • Italiano

    I britannici hanno dato prova nel corso dei secoli della loro bravura e capacità, così come del loro coraggio… Nell’ottobre del 2010, appena 1 anno e mezzo fa un sommergibile nucleare vanto della marina inglese si è andato ad incagliare sulla costa scozzese. Hanno dovuto mandare dei rimorchiatori per tirarlo via (http://goo.gl/xkdQ6). Il comandante dopotutto è stato fortunato: non è dovuto affondare con il suo sommergibile. Qualche secolo fa la flotta britannica al gran completo si mise a fare una dimostrazione di forza e potenza se non ricordo male davanti alle coste della turchia. Mentre facevano manovra una nave urtò l’ammiraglia della flotta che colò a picco in poco tempo. E come dimenticare il coraggio e lo sprezzo del pericolo con cui le truppe britanniche scapparono da dunkerque (l’avesse fatto qualcun altro l’avrebbero chiamata una “fuga precipitosa”) lasciando mezzi e materiali mentre la Wehrmacht si era presa qualche giorno di riposo? Britannici che poi tornarono qualche anno dopo. Dietro lo zio Sam, non si sa mai che da soli si rischia di finire male un’altra volta. Un altro atto di eroismo, tipicamente britannico, è stato quello del “bloody sunday”.

  • vraie

    penso che l’Italia faccia davvero pietà,
    forse siamo la peggior “comunità” al mondo…
    in quella classifica anche l’inghilterra è ben piazzata
    Purtroppo immagino che i futuri eroi saranno da cercarsi, forse, fra cinesi … indiani …. sudamericani … Africani?
    l’ “Occidente Evoluto” esiste ORMAI solo nella mente di TOBY YOUNG … e di POCHI ALTRI …. fra i quali molti italiani, of course!

  • Santos-Dumont

    E te pareva che non appare l’albionico rincoglionito (o in malafede) di turno che trasudando quella prosopopea british caratteristica di riviste di taglio culturale quali il Sun o il Daily Mirror, con saccenteria ci comunica che a lui “gli piace pensare” che tutti i capitani inglesi affondino come dei lord?!
    Arrivoglio i Monty Python per un doveroso sputtanamento [www.youtube.com]!
    Certamente, un cerebroleso di tal fatta non dubita neppure per una frazione di secondo che forse, prima di trinciare giudizi, sarebbe meglio usare un minimo sindacale di cautela; e che magari non tutti ci si identifica con cotanto, supposto “simbolo della nazione” in negativo.
    O se vogliamo, possiamo anche identificarci col comandante Piero Calamai dell’Andrea Doria, che anche dopo aver posto in salvo tutti i sopravvissuti voleva rimanere di guardia a bordo della nave [it.wikipedia.org] per impedirne la presa di possesso da parte di malintenzionati.
    A giocare a chi ce l’ha piÚ lungo ci si rimette le penne… 😀

  • gianni72

    Articolo ignobile. Si approfitta di una tragedia per screditare gli italiani e mettere in bella luce gli inglesi. Peccato che gli italiani su 4300 persone a bordo, ne hanno salvate 4275, gli inglesi su 2200 ne hanno salvate circa 700. Quantomeno potevano evitare di fare il raffronto titanic=concordia e fare qualche altro esempio. Essere uomini d’onore non vuol dire essere competenti. Il capitano del titanic era un uomo d’onore, ma di certo non era competente visto che, da quanto si racconta, ad un certo punto ha addirittura dichiarato il “si salvi chi può”, vale a dire ammazzatevi tra di voi pur di prendere qualche scialuppa. Invece, dai video postati dai passeggeri del concordia (che non coincidono affatto con le dichiarazioni poi rese ai giornalisti) si vedono i passeggeri in perfetta attesa, con qualche lamentela, certo, ma tutto sommato in ordine, tanto che molti riuscivano a tenere il loro telefono e filmare. Se fossero stati così in difficoltà come dicono, ci sarebbero mai riusciti? Non credo.
    Seconda cosa: io vorrei sapere chi ha fatto uscire l’audio tra la capitaneria di porto, in persona del comandante de falco e il comandante schettino. L’audio è del giorno dell’incidente, giusto? bene, chi lo ha fatto avere ai giornalisti? La risposta mi sembra ovvia…. se la conversazione tra la capitaneria e schettino ce l’ha la procura, a farla uscire o è stata la capitaneria o la procura. E per quale motivo? Che bisogno c’è di far uscire questa conversazione? Bisogna per forza denigrare un uomo finito? Davvero, non riesco a capire. Altra cosa che non mi piace: quelle registrazioni NON sono registrazioni telefoniche, perchè c’è l’audio anche prima che i due comandanti si parlassero al telefono. Quelle conversazioni sono registrazioni fatte in sala della capitaneria di porto di livorno, attivando un registratore prima delle telefonate, tant’è che lo stesso de falco dice a schettino che sta registrando tutto. Chiedo ai più informati: è una procedura corretta?
    Terza e ultima cosa: il comandante de falco è ora l’eroe di tutti gli italiani. Bene. Il comandante de falco dov’era quando tutte le altre volte che le Costa crociere, da quanto raccontano gli abitanti dell’isola del giglio, si avvicinavano per i saluti? Perchè non ha mai riferito niente di questa usanza poco ortodossa?

  • daveross

    Mi dispiace per il traduttore che ha dovuto tradurre questo articolo ignobile… Mi metto a scrivere io nel Telegraph, piuttosto: farei articoli più seri.

  • nuvolenelcielo

    o l’ho sentita al tg1, giuro che mi sembrava un film con alberto sordi, (che avrebbe fatto schettino ovviamente). incredibile. (anzi ce lo faranno un film prima o poi, un copione così perfetto dove lo trovi?)

  • yiliek

    Che intendete dire….messaggi in codice?

  • frankleone

    Che grande cazzata! Se non ci fosse stato Churchill probabilmente in tutta europa si parlerebbe tedesco e non ci sarebbe più un ebreo in giro. Ma che cazzo vai dicendo?!

  • Allarmerosso

    (AGI) – Roma, 17 gen. – Arresti domiciliari per Francesco Schettino, il comandante della ‘Costa Concordia’. Lo ha deciso questa sera il Gip del Tribunale di Grosseto, Valeria Montesarchio. Il comandante sara’ trasferito a Meta di Sorrento, dove risiede.

  • ryden

    e non ci sarebbe più un ebreo in giro

    Impossibile, gli ebrei sono soggetti da millenni, almeno così dicono loro, ad ogni forma di persecuzione ma non diminuiscono mai di numero. La popolazione ebrea è costantemente invariata forse sono zombi. Gli unici che sono scomparsi sono quelli che hanno provato ad annientarli.

  • ryden

    Si sa gli inglesi sono perfetti, coraggiosi, integerrimi, onesti, nobili … forse sono la vera razza ariana. Invece gli italiani visti da Londra sono neri, sporchi e cattivi. Su questi concetti si basa l’Unione Europea. Strano però che coloro che usano le armi della democrazia, della tolleranza e del rispetto degli altri, per non dire dell’antirazzismo, per fare guerre in lungo e in largo poi mi cadano sulla classica buccia di banana e si dimentichino delle loro stesse teorie. Sono gli angloamericani che dal dopo guerra ad oggi hanno abolito ogni sorta di teoria razziale in quanto assimilata al nazismo. Le razze non esistono, però poi se ne dimenticano quando gli fa comodo. Non esiste una razza italiana non si può attribuire quello che fa un Francesco Schettino a tutti gli italiani.

  • Albertino

    DEL TUTTO FUORI LUOGO. non c’ entra niente con il discorso che viene affrontato nell’ articolo e nei commenti.

  • Albertino

    DELLA MARINA DA GUERRA INGLESE dobbiamo ammettere che è quella con le maggiori tradizioni e successi. la marina DA GUERRA italiana invece si è distinta per alcuni notevolissimi episodi di pochi coraggiosi. comunque è del tutto inutile questo scontro italia vs. inghilterra.

  • Stopgun

    AMMIRAGLIO DELLA REPUBBLICA NAPOLETANA, FU DALL’ ASTIO DELL’INGENEROSO NEMICO IMPESO ALL’ANTENNA

    Epitaffio per l’Ammiraglio Francesco Caracciolo, impiccato all’albero maestro e poi scaricato in mare da Orazio Nelson, che trascorreva il suo tempo con Lady Hamilton, e se ne fregava di leggi,regolamenti, codici di onore e decisioni del Re delle Due Sicilie e del Cardinal Ruffo.

    Questi sono gli ammiragli Inglesi, rampanti in acque altrui.

  • DaniB

    Invece di essere così criptici, potete dirmi cosa c’è di strano in
    uno scugnizzo vigliacco che è andato completamente in debacle non riuscendo più a connettere la testa con il proprio culo? No perchè poi a essere complottisti con il culo degli altri son capaci tutti.

  • sandrez

    a me non sembra strano Schettino (impaurito e con voce a tratti tremolante…realistico oppure un attore da oscar), ma l’altro….ora io non so chi sia il tal De Falco, non so il suo passato, l’addestramento e l’esperienza accumulata ma mi sembra a tratti, ripeto a tratti, freddo, glaciale, meccanico, come se leggesse o recitasse…ripeto, questo non tutto ma a tratti…sembra abbia davvero le palle quadrate per stare calmo, a tratti, e che una cosa simile sia quasi routine…e poi…se queste sono davvero le primissime comunicazioni tra i 2 (ma dubito a sto punto) all’inizio il De Falco sa già dove si trova Schettino e solo poi glielo chiede + volte cercando di capire dove si trova……chiede con chi parla e glielo fa ripetere chiaramente sembra un legale/avvocato ad un processo…poi sa già dei morti…anzi, di almeno un morto perché ha il suo soccorritore già sul posto (ma gari è per questo che sa varie cose)….ma ripeto sono congetture visto che (spero) non sia davvero il 1° dialogo tra i 2…o magari è un pezzo della comunicazione…una precedente c’è stata ma non è stata registrata?!….da dire inoltre che la qualità dell’audio può far sembrare il tono e l’intonazione diversi dal dato reale…magari poi son io che vedo cose che non si sono.

  • Italiano

    Non volevo fare nessuno scontro Italia Inghilterra, volevo solo riportare qualche episodio storico che magari è poco conosciuto o ampiamente sottovalutato. Ne ho riportati alcuni per evidenti motivi di spazio, volendo se ne possono trovare molti altri. Dissento sulla marina da guerra inglese che sarebbe quella con le maggiori tradizioni e successi. Hanno vinto alcune battaglie ma hanno anche preso belle bastonate e rimediato figure barbine. Solo che gli inglesi sono sempre stati maestri nel minimizzare, se non cancellare, i loro insuccessi (un po’ come si nasconde la polvere sotto il tappeto) e amplificare i loro successi. Per quanto riguarda la marina italiana (che non è nata nel 1861) ha avuto alti e bassi, successi (anche grandi) ma anche (clamorosi) insuccessi, perché gestita malissimo. L’ultimo degli insuccessi riguarda la sciagurata scelta di costruire una portaerei STOVL, come la Cavour, invece di una portaerei CATOBAR. Con il risultato che ci ritroviamo con una portaerei senza aerei e se, come sembra, gli USA non costruiranno più gli F-35B ci ritroveremo con una portaerei che non servirà a nulla perché non ci saranno aerei in grado di decollare e atterrare da quella portaerei.

  • Conan

    A proposito di fierezza di una nazione….

    Link: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2012/01/18/visualizza_new.html_46107226.html

    Notizia Ansa:

    Afghanistan:pedofilia,arresto soldati

    Sono due militari britannici che hanno filmato gli abusi


    18 gennaio, 12:50

    Afghanistan:pedofilia,arresto soldati (ANSA) – LONDRA, 18 GEN – Due soldati britannici sono stati arrestati dalla Royal Military Police con l’accusa di abusi sessuali su due ragazzini in Afghanistan. I due militari del Mercian Battle Group avrebbero molestato un maschietto e una bambina afghani, entrambi di dieci anni, filmando gli abusi per mostrarli ai commilitoni. Lo riferisce il Sun. Il nuovo caso arriva una settimana dopo il video-shock dei Marines americani filmati mentre urinano scherzando sui cadaveri di morti talebani.

  • onekenoby

    Lungi da me difendere l’indifendibile (il capitano non abbandona la nave), devo però ammettere che l’assalto al Capitano del Costa Concordia mi disgusta, così come tutti i ‘tiri al piccione’.
    Ecco perchè ritengo opportuno sottolineare due elementi, fermo restando l’idiozia della rotta ed il fatto che avrebbe dovuto restare a bordo:
    1) con la sua manovra ha fatto poggiare la nave su un fianco, quindi ha evitato che la nave stessa affondasse più a largo, con fondale più alto, quindi con enormi rischi per i passeggeri (di certo il numero dei morti sarebbe stato più elevato, e di molto)
    2) Nell’abbandonare la nave (ripeto, è cosa ingiustificabile) non si era però recato in albergo, bansì su uno scoglio lì vicino, a poche decine di metri dalla nave. Se avesse avuto il buon cuore di organizzare davvero i soccorsi forse quello scoglio sarebbe stato un ottimop osto per osservare l’insieme. Il panico però ha probabilmente giocato un suo ruolo.
    E ora scannatemi pure.

  • gianni72

    concordo e ti dirò di più: siamo sicuri che il capitano non stesse facendo niente e stava solo guardando? E ste stesse effettivamente organizzando i soccorsi come la metteremmo?

  • geopardy

    Questo pavoneggiamento britannico se lo potrebbe pure tenere per se l’autore.

    100 anni fa c’erano indubbiammente valori d’onore molto più accentuati, rispetto al disonorevole sistema da essi messo in piedi oggi, dove truffa e scommessa la fanno da padroni.

    Viva il comandante del Titanic di allora, ma quale capitano d’industria inglese oggi sarebbe disposto ad affogare in questo Titanic internazionale, che egli ha contribuito a far naufragare, salvando prima gli operai e la popolazione inglese dalla miseria?

    Non so se sia pertinente, ma gli affondamenti sono pur sempre affondamenti.

    Ciao

    Geo

  • Franky_Ramone

    abbiamo ancora gli HARRIER AV8B PLUS che dalla Cavour decollano tranquillamente. Il problema del rinnovo dei velivoli è attualmente un problema di tutte le marine NATO. Una portaerei più lunga sarebbe costata molto di più

  • DaniB

    Secondo me non dai il peso adeguato al contesto della comunicazione: non era una chiamata fra te e me, ossia due civili. Li si sta parlando di militari: lungi da me l’apologia militarista, ma ho idea che le comunicazioni, in ambito militare, non diano spazio a tremori o ambiguità; il registro comunicativo è severamente standardizzato, ecco la tua percezione di glacialità formalizzata. Inoltre De Falco e successivamente anche Schettino sapevano che la telefonata era registrata: mi parli di avvocati? ammazza.. ma ti rendi conto di che cosa si sta parlando? di quanto soldi, di quali reati? Insomma, per me non c’è nessuna stranezza in De Falco, consapevole in quel momento che il passaggio di responsabilità (da Schettino a lui) era avvenuto e che le regole nautiche (scritte e non scritte) parlano chiaro: il comandante è l’ultimo ad abbandonare la nave. Il resto sono formalismi militari. Quello che si doveva fare per limitare i danni (concretamente e a livello di immagine) era chiarissimo a quel punto.

  • unlachy

    ecco una occasione (la tragedia del Concordia ) per dare uno sfogo
    a tutti , una grossa mano la da lo sciagurato Schettino, siamo tutti d’accordo !Discutiamone all’infinito !Ma della finanza che dal 2009 che fa
    naufragare il mondo ?? nessuno ne parla . Perche’ ? non si dovevano mettere le regole??? fanno comodo le tragedie !! il mondo è governato da nani . l’Europa da fantocci , e questi “capitani “chi li fa scendere dalla nave ??.
    La stampa ,purtroppo, è una cortigiana facile alla piaggeria , ma incapace
    a uscire dalla corte !
    Qualcuno salga a bordoo c…..o !

  • Bellerofon

    Secondo le profezie di Edgar Cayce, la Gran Bretagna dovrebbe sprofondare nell’Atlantico entro breve. Preghiamo per abbreviare le sofferenze di Albione. E anche le nostre.