Home / ComeDonChisciotte / SARDEGNA, PATTUMIERA DELLA NATO E DEL COMPLESSO MILITARE-INDUSTRIALE

SARDEGNA, PATTUMIERA DELLA NATO E DEL COMPLESSO MILITARE-INDUSTRIALE

DI CARLA GOFFI E RIA VERJAUW
Mondialisation.ca

Il suo paesaggio da cartolina attira i turisti più fortunati. Le stelle del jet set vengono a bagnare gli yacht lungo le sue coste paradisiache. Ma la Sardegna nasconde una realtà davvero triste.

Sui bordi incantati del Mediterraneo, dietro la cortina invisibile delle radiazioni nucleari emesse dopo l’utilizzo di armi all’uranio, c’è un immenso paesaggio desolato, pieno di segreti maligni. Piantiamo lo scenario. È in Sardegna. Un territorio della superficie pari a 35.000 ettari è stato affittato alle installazioni militari. Sull’isola si trovano poligoni di tiro (Perdasdefogu), tratti di mare per le esercitazioni (capo Teulada), poligoni per le esercitazioni aeree (capo Frasca), aeroporti militari (Decimomannu) e depositi di carburante (nel cuore di Cagliari, alimentati da una conduttura che attraversa la città), senza contare le varie caserme e sedi di comando militare (Aeronautica, Marina). Si tratta di infrastrutture delle forze armate italiane e della NATO. Alcune cifre: il poligono di Salto di Quirra – Perdasdefogu (Sardegna orientale) di 12.700 ettari e il poligono di Teulada di 7.200 ettari sono i due poligoni italiani più estesi, mentre il poligono NATO di Capo Frasca (costa occidentale) è pari a 1.400 ettari. A questi si devono aggiungere l’ex base NATO sull’isola della Maddalena, per sempre inquinata. Durante le esercitazioni militari, viene vietata la navigazione e la pesca su una superficie marina superiore ai 20.000 chilometri quadrati, una superficie quasi uguale a quella della Sardegna.

Che cosa si scopre? La valle di Quirra, una delle zone più belle e ancora selvagge della Sardegna, è stata trasformata in una cassaforte di veleni a cielo aperto. Nel corso degli anni si è messo il coperchio sulla pentola delle “polveri di guerra” che ha decimato un numero di abitanti e di militari che vivevano e lavoravano nel poligono e nei villaggi limitrofi. Ma adesso, grazie a un Procuratore, Domenico Fiordalisi, che è determinato a dare voce alle lamentele delle numerose vittime, la verità comincia a venire alla superficie. I “segreti” vengono alla fine portati alla luce della giustizia.

Con l’accusa di “disastro ambientale“, tre generali che sono stati al comando del poligono di Quirra, due tecnici e un ricercatore universitario sono accusati dal procuratore che sta indagando, da parecchi mesi, sui decessi per cancro di parecchi abitanti della zona di Quirra e sulle delle malformazioni dei neonati e del bestiame. Ci possiamo aspettare altri capi di accusa, visto il disastro ambientale e umano che, da anni, colpisce la Sardegna.

Tutto è iniziato nel 1956, quando il governo italiano decise di installare, nel bel mezzo di una zona di incomparabile bellezza – dove nascono le viti, il mirto, gli aranci e che termina con una spiaggia ancora risparmiata dalle costruzioni -, un poligono di tiro, un centro di sperimentazione per i missili, un teatro per gli “war games” a grandezza naturale e per la distruzione a cielo aperto di armi obsolete delle ultime guerre. Il poligono è affittato anche ad aziende di armamenti private, alla NATO e a vari eserciti di tutto il mondo, particolarmente a Israele. Durante gli anni, gli abitanti affermano di avere visto misteriosi camion, provenienti dall’”estero“, che sono entrati nel poligono e qui hanno scaricato armamenti dismessi che hanno fatto poi esplodere a cielo aperto. Durante gli anni, le guardie forestali hanno potuto constatare le malattie dei pastori e del bestiame, le pecore che saltavano in aria sulle bombe ancora funzionanti, sparse ovunque nei campi e sulla spiaggia.

Le più importanti aziende di armamenti (Aérospatial, Orlikon-contraves, Finmeccanica) ancora prendono in affitto questo spazio naturale per eseguire le loro sperimentazioni al prezzo di un milione di euro al giorno, somma che viene versata direttamente allo stato italiano. Alla Sardegna restano i tumori e i bambini malformati. Quando si parla di 28 bambini che sono al momento malati e di 36 militari deceduti nella base, le autorità militari negano sempre la realtà, facendo sfoggio delle ricerche eseguite dalle università che hanno rilasciato i certificati di “correttezza ambientale“.

Questi certificati non hanno convinto il Procuratore inquirente. Vista la gravità della situazione, ha pronunciato all’inizio dello scorso mese di novembre un’ipotesi di imputazione per falso in atto pubblico nei confronti delle persone responsabili di queste ricerche e al comandante della base che li ha “gestiti“. Altri scienziati italiani “indipendenti” si sono messi a disposizione per eseguire proprie analisi sul posto. È già stata rinvenuta, nell’acqua e nel terreno, una grande quantità di torio, di tungsteno, di cesio, di arsenico, metalli pesanti che, con le parole di uno scienziato torinese, possono comparire solo grazie a una combustione a temperatura davvero elevata, come quella provocata dall’esplosione di armi all’uranio impoverito. Lo stesso scienziato ha rilevato tracce di uranio nelle ossa di un agnello morto per una malformazione genetica. Si stanno aspettando i risultati di analisi simili effettuate sui cadaveri riesumati di pastori deceduti per tumore.

A mano a mano che l’inchiesta avanza, le lingue si sciolgono. Alcuni veterinari hanno affermato, nel loro rapporto, che circa il 60% dei pastori che vive e custodisce il bestiame in prossimità o all’interno del poligono ha contratto vari tipi di tumore. Un militare, ora in pensione, ha testimoniato di fronte agli inquirenti che, nel corso degli anni, ha fatto esplodere circa 800 kg di esplosivi al giorno dopo aver scavato buche di 30 metri di diametro. Queste esplosioni rilasciavano nell’atmosfera nuvole nere e bianche che arrivavano fino ai villaggi vicini, spinte dal vento che soffia senza sosta. In queste buche andava a depositarsi l’acqua piovana che serviva per abbeverare il bestiame e che poi penetrava nelle falde acquifere sotterranee. Ha anche affermato che le esplosioni per distruggere gli armamenti si ripetevano per una ventina di giorni al mese, e questo per parecchi mesi consecutivi. Durante le esplosioni, lui e un suo collega dovevano rifugiarsi dentro ai camion. Questo collega è morto di tumore alcuni anni dopo. La stessa procedura ha avuto luogo a Capo Frasca (un campo per le esercitazioni ubicato più a sud). Si ritiene che ci sia un numero assai maggiore di militari e di lavoratori civili che sono deceduti a causa di tumori.

In base alle testimonianze, il Procuratore

sta sempre più prendendo in considerazione l’ipotesi che la

falda freatica che alimenta l’impianto dell’acqua potabile dei villaggi

e delle città nei dintorni sia stata probabilmente contaminata. Un

altro ex militare ha affermato che, tra il 1986 e il 2004, sono stati

lanciati circa 1180 missili Milan (con l’ogiva al torio). Ogni giorno

nuove testimonianze riportano notizie sempre più inquietanti che rendono

manifesto un disastro dalle conseguenze probabilmente irreparabili da

un punto di vista umano, e ancor più ambientale: per i geologi sarebbe

impossibile ripristinare il terreno allo stato originario. Ma i militari

e il Ministero italiano della Difesa continuano a negare. La salute

delle persone costa cara, mentre gli armamenti portano invece soldi!

Tutte queste constatazioni dovrebbero

essere collocate in una cornice più vasta, quella della militarizzazione

del Mediterraneo da parte della NATO per fini strategici, dell’interesse

finanziario del complesso militare-industriale, del deficit di democrazia

(segreto di stato), del disprezzo delle popolazioni locali, del controllo

della popolazione civile e più precisamente dei migranti, della corruzione,

del disprezzo per l’ambiente naturale, della mancanza di una visione

politica a lungo termine, della legge del profitto, dei preparativi

attuali per le guerre future e per il mantenimento delle guerre attuali

(Afghanistan). Argomenti che i movimenti per la pace non smettono di

trattare… fino a quando?

**********************************************

Fonte: Sardaigne, poubelle de l’Otan et du complexe militaro-industriel

27.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • lucamartinelli

    Una volta che una pseudo-civilta’ o una finta democrazia accettano l’esistenza di un sistema militare non serve a nessuno lamentarsi. E’ tutto l’apparato miltare che deve essere abolito.

  • rebel69

    BASTAAAAAAAAAA.Ma esiste un politico che che dica chiaro e tondo che bisogna uscire dalla nato,ripristinare la sovranità monetaria e ripudiare la guerra come menzionato nella nostra costituzione?Che uomini di merda,inquinare alcuni dei posti più belli del mondo e far morire i propri abitanti.Ma lor signori anno il tempo contato,il procuratore Fiordalisi non è l’unico che combatte.Ho notato in questi ultimi anni che nonostante siamo per la maggior parte manipolabili e ignoranti in molte persone sta nascendo la consapevolezza che qualcosa non va.Per me è già iniziato quel processo irreversibile che prima o poi rovescerà questo sistema corrotto e criminale.

  • Mx

    Scusate ma questo articolo è pieno di inesattezza e notizie fuorvianti: dai risultati delle indagini di Fiordalisi appare un quadro del tutto ma davvero del tutto diverso da quello descritto, cercate pure in rete i risultati delle indagini per favore.

  • Truman

    @Mx: mi servirebbe qualche dettaglio sulle inesattezze e sul quadro. Ho provato a fare una ricerca con Google, e da quello che trovo, ad esempio
    http://www.nanopress.it/politica/domenico-fiordalisi/

    non trovo differenze sostanziali con il testo del nostro articolo.

  • Mx

    Chiedo scusa per il ritardo nella risposta.

    L’unico sito che ho trovato che raccoglie tutti gli articoli di pertinenza è http://www.quirra.net , …anche se è di parte è l’unico che li raccoglie tutti.

    Molto interessante è la relazione
    http://www.izs-sardegna.it/primopiano.cfm?id=460

    Fatemi sapere se possono essere state informazioni utili