RUSSIA: TEMPRANDO UNA GRANDE NAZIONE

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Davor Slobodanovich Vujacic, geopolitika.ru

Nessuno ha detto che sarebbe stato facile. È difficile, e sarà ancora più difficile, ma nella lunga e dolorosa storia della Russia è andata molto peggio. Le grandi nazioni nascono nel dolore e sopravvivono grazie all’eroismo e al sacrificio di sé delle loro migliori figlie e figli. È davvero dura… I soldati russi stanno soffrendo, molte famiglie sono rimaste senza persone care, ma non potrebbe essere altrimenti. La Russia è in grande pericolo perché la parte peggiore e più aggressiva del pianeta si è unita contro di essa. Questo vile mostro si aggira da tempo furtivamente intorno e vicino ai confini russi, pazientemente, quasi impercettibilmente, avvicinandosi passo dopo passo al suo cuore, che batte forte a Mosca. Quel serpente che è strisciato fuori dall’inferno stesso lentamente e silenziosamente si è avvolto intorno alla Russia, cercando un’opportunità per infliggere un colpo improvviso e mortale su di esso. La Russia doveva andare avanti, perché non aveva un posto dove ritirarsi. Tuttavia, non c’è motivo di paura e panico, nonostante l’entità del pericolo e la gravità della tentazione. Non c’è nemmeno motivo di festeggiare troppo presto. Questo tempo malvagio ordina alla Russia di essere a sangue freddo, razionale, pensare matematicamente accuratamente, vedere la complessità della realtà e trovare risposte dinamiche alle sue minacce attraverso complessi algoritmi logici.

L’operazione speciale in Ucraina è un confronto militare de facto decisivo e senza paura tra la Russia e un conglomerato che potrebbe essere chiamato la Trinità Demoniaca, che comprende gli Stati Uniti, la NATO e l’UE.

La Russia, ovviamente, non è in guerra con il popolo ucraino, che fa parte dell’esistenza storica nazionale della Russia. Questo regime fantoccio di Kiev ha deciso di mettersi al servizio degli interessi delle potenze occidentali, sacrificare i suoi cittadini e usarli nella guerra contro la Russia come strumento usa e getta. Non lasciando a Mosca altra scelta, una leadership politica e militare quisling ed essenzialmente anti-ucraina ha condannato l’antico paese russo dell’Ucraina a una sofferenza che colpisce profondamente tutto il popolo russo, ovunque si trovi. Lo spargimento di sangue ai confini russi è molto simile alla guerra di Corea, e in una certa misura alla guerra civile spagnola, ed è stato progettato nei laboratori di intelligence della CIA e dell’MI6 per durare almeno quanto la guerra tra Iraq e Iran. Questa è una prova generale per una guerra mondiale che l’Occidente, di fronte al pericolo molto reale di un crollo incontrollato del proprio sistema economico e politico, vuole a tutti i costi e a prescindere dalle conseguenze. L’Occidente vuole la guerra perché sente e sa che la sua fine è vicina. In quale altro modo spiegare che l’Occidente ha esaurito la sana paura persino delle armi nucleari russe? Questa sconsiderata aggressione di una civiltà morente, l’irragionevole desiderio di completare i vecchi piani per distruggere la Russia a tutti i costi e continuare la loro sconsiderata espansione verso est è la migliore misura della loro disperazione. Sfortunatamente, questo è il pericolo degli istigatori della guerra nell’emisfero occidentale, non solo per tutte le nazioni sovrane e libere che ancora non gemono sotto i loro stivali, ma anche per la sopravvivenza di tutta l’umanità.

La Russia non sarà più la stessa dopo l’operazione speciale. Questo tragico conflitto ha rivelato simultaneamente tutte le debolezze e i punti di forza della Russia, e la Russia dovrà senza dubbio trovare il modo di superare tutto ciò che finora l’ha fermata e ostacolata, e di accettare ed elevare ciò che la renderà più forte e di maggior successo.

Stiamo assistendo all’emergere di una nuova Russia senza tempo, sintesi delle migliori virtù russe di tutte le epoche: un paese che combina i momenti più gloriosi e brillanti, i valori e le tradizioni dei primi stati russi: l’Impero russo, l’Unione Sovietica e la stessa Federazione Russa. Questa è la Russia, le cui principali idee guida sono la filantropia, il coraggio e il patriottismo. Una Russia che rifiuta risolutamente tutte le divisioni dannose, i pregiudizi e le delusioni del passato e unisce se stessa e il suo popolo sotto la bandiera russa, raccolta attorno a una nuova identità nazionale che si è sviluppata lentamente e spontaneamente nel corso di decenni e persino secoli, grazie all’umanità e al rispetto, amicizia personale, amore e matrimoni misti. E proprio perché questa brillante, focosa, identità russa a livello nazionale è stata creata in modo del tutto naturale, senza pressioni e imposizioni, conferisce alla Russia una forza morale e spirituale senza precedenti. L’esistenza di questa nuova identità russa non è mai stata così evidente come lo è ora in Ucraina, dove dalla stessa parte ci sono fratelli e altri fratelli, buddisti, musulmani, ortodossi, ebrei, asiatici, semiti, europei e tutti gli altri stanno combattendo e morendo per la Russia perché la considerano così grande e importante che vale persino la loro vita. L’eroismo di queste persone, a cui tutto il mondo libero deve gratitudine e amore, ha suggellato per sempre non solo la fratellanza, ma anche un’appartenenza omogenea a un nuovo, grande popolo russo.

Il vuoto ideologico sorto in Russia dopo il crollo dell’URSS e il crollo del comunismo ha portato alla nascita di un nuovo liberalismo russo, senza principi, impersonale ed essenzialmente antirusso nel suo complesso. Questa ideologia è stata costruita sui principi di una copia sconsiderata, approssimativa, superficiale e talvolta cieca, ma diretta, dei modelli occidentali, completamente estranei alla cultura, alla storia e alla vita nazionale russa. Non c’è dubbio che tale liberalismo ha fatto molto danno alla Russia, perché i suoi codici essenziali hanno portato direttamente al riconoscimento del dominio culturale, economico e politico dell’Occidente e hanno portato la Russia in uno stato di sottomissione volontaria, arbitrarietà, disprezzo e autosciovinismo.

Il liberalismo ha trasformato la Russia in una nazione che si vergognava di se stessa senza alcun motivo, e che, senza alcuna esitazione o previdenza, ha ingoiato tutti i veleni dell’Occidente e ne è morta lentamente.

Infine, la Russia si trova di fronte a un dilemma facilmente risolvibile: qualcuno deve morire – la Russia o il liberalismo occidentale in esso. E, naturalmente, i russi hanno fatto la scelta giusta. E proprio come l’espansione della NATO in Occidente ha portato inaspettatamente all’espansione dell’identità nazionale russa e all’autocoscienza e alla loro omogeneizzazione nelle vaste distese della Russia, così il crollo del liberalismo ha portato all’emergere di un nuovo sistema ideologico. Tuttavia, questa ideologia non ha ancora un nome e non sa come chiamarsi. Sorse spontaneamente come la nuova identità nazionale russa, formandosi e rafforzandosi in larga misura in risposta alla follia del fascismo liberale occidentale e ai suoi dogmi, che considerano il fetore della sodomia e della dissolutezza le più grandi conquiste dello spirito umano. Questa è, infatti, un’ideologia popolare, del tutto naturale, che si porta nel cuore di ogni persona sana e normale, indipendentemente dalla religione e dall’origine etnica. In effetti, la nuova ideologia esisteva prima, solo che non si configurava come tale, perché non ce n’era bisogno, finché non si trovò di fronte a sistemi di valori abnormi che cominciarono ad invadere dall’Occidente. Con questa ideologia, i russi sono nati e sono morti per secoli, siano essi contadini, lavoratori, funzionari, soldati, politici o intellettuali di alto livello. È un’ideologia basata su valori comprovati e tradizionali che sono anche verità scientifiche inconfutabili, quindi è tanto popolare quanto scientifica. Nella sua semplicità e naturalezza, questa ideologia popolare russa è molto più attraente per i popoli liberi del mondo di quanto non lo sia mai stato il comunismo sovietico, nonostante il fatto che milioni di persone non russe in tutto il mondo erano pronte a dare la propria vita per l’URSS. In primo luogo, questa nuova, e di fatto antica, ideologia russa non cerca rivoluzione, sofferenza e spargimento di sangue, non chiede divisione, ma solo unità, predica non odio, ma amore. Questa non è un’ideologia che Mosca dovrebbe dettare e imporre ad altri popoli, ma la parola di verità che viene dalla Russia e illumina il mondo intero.

Davanti ai nostri occhi, la nuova nazione russa viene temprata e rafforzata. Tuttavia, non è più una nazione esclusivamente europea, ma sempre più eurasiatica. Nonostante ciò, la Russia non solo non ha rifiutato il patrimonio culturale europeo classico, ma, di fatto, lo coltiva e lo preserva in quel momento storico in cui la stessa Europa, contagiata dal liberalismo satanico americano, rinuncia alla sua identità culturale secolare. La nazione russa è effettivamente emersa come una nazione slava e ortodossa, ma con la sua espansione nel Caucaso e in Siberia, gruppi etnici, razze e culture inevitabilmente si sono mescolati. Ecco perché il sangue russo oggi è sangue eurasiatico e la Russia non può che esserne orgogliosa. Culturalmente, la Russia oggi è completamente aperta ai paesi del Medio ed Estremo Oriente, Cina, Corea, Giappone, India, Paesi islamici. Questo intreccio di culture arricchisce spiritualmente la Russia, rendendola un paese di ampie vedute e di libertà culturale. Una tale nazione non può essere distrutta.

Dal momento che la Russia ha stabilito un percorso per affermare tutta la sua esperienza storica positiva, lo spirito russo oggi rimane lo stesso vecchio, indistruttibile spirito sovietico – la spina dorsale di una nazione costruita sulle conquiste della gloria eterna – la vittoria nella Grande Guerra Patriottica. Questo è uno spirito pronto ai più grandi sacrifici, uno spirito che non subisce sconfitte e fallimenti, uno spirito di perseveranza e una sete di conoscenza. Questo spirito ha ancora il sorriso di ottimismo di Gagarin sul volto severo del soldato di Zhukov. Il buon vecchio spirito sovietico è ancora un legame vivo tra molti popoli che un tempo facevano parte dell’URSS. E mentre molti di questi stati hanno irriverentemente rifiutato gli indubbi valori delle migliori tradizioni sovietiche, o stanno per farlo, sostituendoli con il banale americanismo nella loro totale mancanza di saggezza, la Russia non rinuncerà mai al suo spirito sovietico.

Si potrebbe concludere che la Russia vive nel passato e che il futuro non le appartiene, se non fosse per la brillante mente russa, che potrebbe essere giustamente definita una mente cibernetica. La reputazione degli sviluppatori di software russi è tale da ispirare rispetto in tutto il mondo. Tuttavia, questo è solo uno degli esempi e delle prove della mente matematica russa, che riconosce i problemi in modo tempestivo, trova le loro soluzioni e gode dei problemi più difficili. È una mente ingegnosa, una mente che si sta preparando per la conquista planetaria e l’espansione cosmica. Indubbiamente, le risorse naturali più preziose della Russia non sono gas, petrolio, minerali e foreste, ma l’intelligenza dei bambini russi. Il futuro della nazione russa è forgiato nelle scuole e nelle università. In essi crescono futuri ingegneri, generali e politici. Ecco perché sarà sempre più importante per lo stato russo scoprire il prima possibile la ricchezza a sua disposizione: i bambini dotati che guideranno la nazione russa per i prossimi 25 o 50 anni. Questi bambini dovranno essere riconosciuti e un’attenzione speciale dovrà essere prestata al loro sviluppo intellettuale e all’istruzione al fine di fornire alla Russia il miglior personale nei prossimi decenni e nel prossimo secolo.

Affinché questo processo abbia successo e dia alla Russia un futuro radioso, dovrà debellare con forza e decisione malattie da cui nessun Paese al mondo è immune: il nepotismo, il nepotismo e la corruzione devono essere sostituiti da un sistema basato sulla tecnocrazia e sulla meritocrazia. Solo in questo modo i bambini russi dotati avranno l’opportunità non solo di diventare i massimi specialisti nei loro campi, ma anche di raggiungere le posizioni più alte nella società attraverso il lavoro disinteressato, posizioni che apparterranno loro di diritto.

Durante questi mesi, la quinta colonna in Russia sta lentamente facendo le valigie e se ne va, temendo che ci si possa aspettare che facciano qualcosa di specifico per la Patria – diciamo, indossano un’uniforme e combattano per essa. La loro partenza non è una perdita per la Russia a meno che non sia loro permesso di tornare. Al contrario, dovrebbero essere privati per sempre della cittadinanza russa, per la quale migliaia di persone da tutto il mondo aspettano pazientemente in lunghe file, e queste sono persone che, senza discussione, adempirebbero il loro dovere nei confronti della Russia, sebbene non siano nati lì. In sostanza, i traditori che lasciano la Russia stanno conducendo un’oprichnina indolore e incruenta o un’epurazione, se volete, rimuovendosi volontariamente. Il loro tradimento non è altro che la prova che ogni corruzione prima o poi finisce con l’alto tradimento. Partendo e mettendosi spesso spudoratamente a disposizione di altri paesi, rendono possibile la grande purificazione della Russia. Questo è probabilmente un altro dei processi forti e positivi che determineranno il futuro della nazione russa. La Russia è praticamente senza traditori! Non basta più semplicemente nascere russo ortodosso di origine slava per entrare a far parte del grande popolo russo. No, la Russia cerca e giustamente chiede lealtà, e apparterrà esclusivamente a coloro che sono pronti a versare sangue per essa, come fanno, ad esempio, i combattenti ceceni nelle file delle forze armate russe in Ucraina. Ciascuno di loro, come chiunque altro faccia il proprio dovere senza esitazione, potrà camminare a testa alta da Belgorod a Vladivostok e da Murmansk a Grozny, trovando ovunque solo il più profondo rispetto e amore per la loro lealtà. Avranno tutti il diritto di dire ad alta voce e con orgoglio: tutto questo è il mio paese, questo è il paese per il quale mi sono sacrificato.

Di Davor Slobodanovich Vujacic, geopolitika.ru

Traduzione di Alessandro Napoli

30.06.2022

link fonte: https://www.geopolitika.ru/it/article/russia-temprando-una-grande-nazione

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
18 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
18
0
È il momento di condividere le tue opinionix