ROBERT KENNEDY: NUOVE PROVE SULLA PRESENZA DI UN SECONDO KILLER

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI D. EDWARDS E N. JULIANO
Raw Story

Quaranta anni dopo che la stella nascente del partito democratico Robert F. Kennedy fu ucciso in un albergo di Los Angeles durante le sua corsa alle presidenziali, nuove prove suggeriscono che l’uomo che sta scontando un ergastolo per tale omicidio non sparò il colpo che uccise il carismatico senatore.

Medici legali si sono riuniti questa settimana in una conferenza in Connecticut per discutere le loro scoperte indipendenti che gettano seri dubbi sull’assassinio di Kennnedy. Sirhan Sirhan sta scontando un‘ergastolo per l’omicidio Kennedy, ma i partecipanti alla conferenza affermano che non avrebbe potuto sparare il colpo fatale che uccise Kennedy.

Un investigatore, Dr. Robert Joling, ha studiato l’omicidio Kennedy per circa 40 anni. Egli ha stabilito che il colpo fatale provenne dalle spalle di Kennedy mentre Sirhan era distante dai 4 ai 6 piedi ma davanti al senatore e non fu mai abbastanza vicino da potergli sparare alle spalle, riporta un affiliata alla NBC.L’analisi da parte di un altro medico legale, Philip Van Praag, di un nastro di un giornalista canadese, conosciuto come “la registrazione di Pruszynski”, ha stabilito che 13 furono i colpi esplosi durante l’omicidio Kennedy, nonostante la pistola di Sirhan avesse solo 8 pallottole, in accordo col rapporto della NBC. Ciò fa pensare alla presenza di un secondo killer coinvolto nell’assassinio.

blank

L’analisi di Van Praag lo portarono a concludere che la seconda pistola che sparò era compatibile col tipo di pistola posseduta da una delle guardie del corpo dell’entourage di Kennedy.

“Quando la guardia del corpo fu interrogata all’inizio ammise di possedere la pistola, ‘si, possedevo quel tipo di pistola, ma me ne sono liberato 2 mesi prima dell’omicidio’” ha detto il corrispondente Amy Parmenter su MSNBC mercoledì. “E’ venuto fuori da ulteriori indagini che non si liberò della pistola se non dopo 5 mesi dopo l’omicidio. Di sicuro è chiaro dove si va a finire con ciò… la guardia del corpo era proprio dietro al senatore Kennedy quando il colpo fatale fu sparato”

Titolo originale: “New evidence suggests second shooter killed RFK”

Fonte: http://www.rawstory.com
Link
26.03.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ANTO SARNO

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix