Home / ComeDonChisciotte / RIVOLUZIONE NELLA HIGH STREET

RIVOLUZIONE NELLA HIGH STREET

DI WILLIAM BOWLES
creative-i.info

Una rivolta dei “consumatori” può scatenare una rivoluzione?

Il proletariato borghese – I ceti medi potrebbero trasformarsi in classe rivoluzionaria,
prendendo il posto che Marx aveva immaginato del proletariato. La globalizzazione
del mercato del lavoro e i ridotti livelli del supporto previdenziale nazionale e della
occupazione potrebbero diminuire nella gente l’attaccamento a certe istituzioni. Il gap
crescente tra loro e un piccolo numero di individui ultra-ricchi molto in vista potrebbe
accendere la disillusione nei confronti della meritocrazia, mentre le sotto-classi urbane
in aumento potrebbero rappresentare una crescente minaccia per l’ordine e la stabilità
sociali, dato che il peso del debito acquisito e il fallimento del supporto pensionistico
cominciano a bruciare. Di fronte a questa doppia sfida, i ceti medi di tutto il mondo,
usando l’accesso al sapere, potrebbero unire risorse e abilità per dare forma a processi
transnazionali nell’interesse della propria classe.
” ―
Rapporto del Ministero della Difesa Inglese: “Programma sugli Andamenti Globali Strategici 2007-2036 del Development,
Concepts and Doctrine Centre (DCDC)”

[Centro per lo Sviluppo di Concetti e Dottrine],
(Terza Edizione) p.96, Marzo 2007.

Parole davvero profetiche, considerata la gravissima siutuazione del capitalismo per
effetto della speculazione rampante e di un’economia basata sull’illusoria creazione di
una fetta di benessere, quest’analisi del Ministero della Difesa ha qualche significato?Il potere del grande capitale transnazionale ha trasformato non soltanto lo scenario
economico ma anche la natura del modo in cui viviamo, dal cibo che mangiamo (e
dove lo acquistiamo) fino alla struttura dei nostri spazi sociali, e a giudicare dal livello
d’insoddisfazione della società capitalista contemporanea, ampie fasce di popolazione
non sono fesse e contente.

Ma al contrario di epoche precedenti questa insoddisfazione, che non ha una voce
politica coerente, sta trovando altre vie d’uscita e di espressione.

Con una popolazione incastrata nel debito che adesso si estende alla sua progenie, i “bei
tempi” dei passati decenni sono finiti con un botto e, dato che l’unica “soluzione”
alla crisi del capitalismo sembra essere negli effetti del cambiamento climatico, nel caos
causato dalla “globalizzazione” (imperialismo rimodernato sotto altro nome) e nell’estesa
destabilizzazione come la guerra senza fine, quali sono le possibilità di porre termine alla
follia del capitalismo?

La sinistra, essa stessa prodotto di una società che di fatto non esiste più, ha fallito sia nel
non riconoscere questa trasformazione, sia nel non produrre una struttura teorica che possa
essere usata per apportare un cambiamento radicale.

Nel Regno Unito cinque gigantesche catene di supermarket dominano la fornitura alimentare
al dettaglio, e a causa della loro solidità sul mercato impongono non solo il prezzo ma anche
il tipo, la qualità e la provenienza di quello che vendono.

Eppure il 75% degli alimenti coltivati e prodotti nel Regno Unito proviene da piccoli produttori.

Sfortunatamente, per il piccolo agricoltore, questi non possono offrirlo al prezzo richiesto
dai monopoli dei supermarket, e tanto meno farlo per tutto il corso dell’anno, mentre i generi
alimentari provenienti dai paesi in via di sviluppo non solo costano meno ma sono anche
disponibili su richiesta. La globalizzazione ha spezzato il legame biologico e storico fra la
produzione agricola e il consumo.

Un terzo dei 20 miliardi di sterline spesi annualmente in abbigliamento e in casalinghi
vengono spesi nelle otto settimane che precedono il Natale. Tuttavia, la tanto decantata
economia dei consumi è in gran parte un’illusione dato che opera quasi completamente sul
credito/debito. Il credito proviene dall’enorme eccedenza estratta dal settore bancario e
finanziario attraverso il controllo e il possesso del circuito globale di capitale, che a sua volta
presta ai consumatori addebitando loro gli interessi sul prestito.

Di contro, solo una piccola percentuale del prodotto interno lordo del Regno Unito proviene
dalla manifattura, la nostra non è più un’economia produttiva in realtà, ma soltanto un’economia dei consumi.
Il “benessere” di cui godiamo adesso ha due fonti: il credito o il debito per mezzo del settore finanziario che in cambio finanzia l’economia del credito (be’, almeno così è stato fino a poco
tempo fa). Ovviamente è un ciclo chiuso, poiché nessun benessere vero e proprio viene prodotto,
in altre parole è un’economia parassita che dipende completamente dalla presa che il grande
capitale ha sul circuito globale di capitale e dall’estrarre il sovrappiù da un terzo mondo disperato
e sempre più povero. Perciò il capitalismo industriale è stato sostituito quasi completamente
dal capitalismo dei consumi.

Quindi, cosa implica questa trasformazione e come dovremmo affrontarla?

Con la fine della classe lavoratrice organizzata, tramite la distruzione dei sindacati di categoria
(a parte i sindacati del pubblico impiego, e in maniera rilevante, lo stato è il più grande
datore di lavoro) e la distruzione totale delle comunità della classe operaia, dato che le attività
produttive sono state tolte di mezzo, anche la tradizionale solidarietà che si creava nelle comunità
e nei luoghi di lavoro è scomparsa.

Accanto a questo, con la scissione della società in una “middle-class” carica di debiti e in una
“under-class” relegata in quartieri fatiscenti, lo stato delle aziende e dell’apparato di sicurezza sembra al sicuro.
Esso ha a disposizione tutte le “leggi” per reprimere qualunque dissenso reale che sfidi il
potere dello stato in maniera significativa.

Infatti, per fare un esempio, è riuscito a mettere una parte della classe operaia contro l’altra,
demonizzandone e criminalizzandone la parte giovane, creando un’atmosfera di paura e di
paranoia attraverso la complicità dei media (per es., “sensazione che il crimine stia dilagando”,
“comportamento antisociale”, “abuso di alcolici”, “accoltellamenti”, “bande giovanili”),
davvero un ritorno alla “classe criminale” dell’epoca vittoriana. In questo modo lo stato e/o
i media hanno messo i lavoratori nelle condizioni di divorarsi l’un l’altro, piuttosto che fare
luce sulla vera causa della frammentazione della società, il capitalismo.

Eppure, a dispetto della nostra esistenza depoliticizzata e alienata, questa è una società che si sta
spaccando in una pletora di fratture, fratture che stanno trovando un’espressione ma non nel
modo “tradizionale”, cioè attraverso la lotta di classe.

In compenso vediamo i cosiddetti gruppi di interesse, generalmente nel ceto medio, in cerca
di “alternative” per costruire stili di vita “ecologici”, come ripartizioni dei generi alimentari,
progetti di energia “sostenibile”, riciclaggio, nostalgici viaggi in un passato (“retaggio”)
perlopiù fittizio, una ricerca di “britannicità”, molti dei quali ― non c’è da
sorprendersi, dato che gli stessi lavorano nei media ― trovano espressione in una marea di programmi in TV e alla radio. Nell’insieme, sa di elitarismo, ma si può affermare che questi
sono progetti di lusso, e allora cosa succede quando finiscono i soldi?

D’altra parte, non vi è dubbio che l’attrattiva del capitalismo consumistico stia svanendo ancor
prima
di finire fuori strada, e questo processo sta accelerando con la crisi del capitale che si mangia la
casa, e il costo della vita alle stelle. Quindi si sta verificando un certo tipo di sintesi tra i bisogni
reali e la realtà, ma manca di espressioni fattibili.

Potrebbe essere come dice il rapporto del Ministero della Difesa, “Di fronte a questa doppia sfida i ceti medi di tutto il mondo, usando l’accesso al sapere, potrebbero unire risorse e abilità per dare
forma a processi transnazionali nell’interesse della propria classe”, e se così fosse, dov’è la
sinistra in questo processo?

Se questa è di fatto una riflessione accurata dei processi attualmente in corso, come possono
questi due settori del proletariato trovare un terreno comune senza una qualche espressione
collettiva?

Attualmente, la sinistra esistente quasi ignora la cosiddetta “middle class”, i professionisti,
manager, operatori dei media, intellettuali e accademici che in realtà fanno andare il capitalismo
(a parte cioè quelli che ironicamente compongono la leadership della sinistra)?

Cruciali per questo processo sono gli impiegati del servizio pubblico, senza i quali lo stato non ha
potere. Una qualche alleanza fra la restante classe operaia organizzata e il ceto medio professionista
potrebbe portare ad un cambiamento rivoluzionario?

Io sostengo che molto dipende da come si metterà l’attuale crisi del capitale. Se, come potrebbe
essere il caso, la classe capitalista internazionale è ben decisa a usare una serie infinita di guerre
come soluzione alla crisi dell’accumulazione, allora si mette davvero male.

Perciò smascherare la “guerra al terrore”, in realtà la guerra al pianeta e alle sue genti insita nella
natura del capitalismo, deve essere di certo il nostro obiettivo primario, altrimenti tutto è perduto.

Titolo originale: “Revolution in the high street —
Can a revolt of ‘consumers’ spark a revolution?”

Fonte: http://www.creative-i.info/
Link
28.08.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAZED

Pubblicato da Das schloss

  • Jack-Ben

    bellissimo articolo complimenti per la visione … comunque ormai siamo alla frutta manca solo il caffe …
    mannaggia speriamo che la nostra classe operaia reagisca in modo unito verso una soluzione locale (italia).

  • ericvonmaan

    Quello che sconcerta è che nel rapporto del Ministero della Difesa questo scenario viene quasi dipinto come un “pericolo” da fronteggiare, mentre una evoluzione della società eticamente auspicabile, secondo me, sarebbe effetivamente quella di un aumento della middleclass moderatamente benestante e soprattutto PRODUTTIVA, e una conseguente forte riduzione sia dei poveri che dei ricchi… ma evidentemente questo non è l’obiettivo desiderato da chi comanda “veramente” (non i politici = camerieri dei banchieri).

  • lino-rossi

    non leggo in quel rapporto un particolare “tifo” per i ricchi. mi sembra sufficientemente “asettico”.

  • fanfara59

    Una rivolta dei “consumatori” può scatenare una rivoluzione?

    MAGARI…………………………………………………

  • IVANOE

    L’articolo come del resto come quasi tutti quelli che compaiono nel sito è di lucidissima realtà. Mi domando sempre ed a questo punto ho la risposta perchè molti di noi sia italiani che stranieri, ovviamente siamo quelli che non abbiamo alcuna leva di potere, hanno questo quadro così preciso della realtà sociale di oggi, mentre i nostri ” cervelloni politici” non nè hanno, anzi forse lo sanno come noi ma fanno finta di non vedere cosa succede (fatto ancora più grave perchè denuncia su tutto l’arco costituzionale una malafede spaventosa). Comunque andiamo avanti… Adesso è tutto più chiaro : il progetto delle guerre all’ iraq, in bosnia ed in altre parti del mondo, non erano altro che specchietti per le allodole. Credevamo un pò tutti che lo facevano per il petrolio ed invece no. L’obiettivo era ancora più grande e lo vediamo ai giorni di oggi con la crisi delle borse. L’obbiettivo era quello ( chiaramente tutti i potentati del mondo erano d’accordo ) di rallentar il più possibile il botto inevitabile delle borse, farlo arrivare a ridosso delle elezioni USA in modo da salvaguardare il presidente usciente ed incasinare ( si fa per dire quello nuovo che potrà senz’altro dire io sono appena arrivato e i danni lì ha fatti quell’altro che se nè ndato e pertanto i cocci li ha fatti lui con la mia comlicità però adesso i cocci ve l iraccogliete voi peones del popolo !!!) E’ chiaro il gioco. E’ azzerare tutto fare ingorgitare tutti i rfiiuti della borsa al popolino, assieme ai milioni di persone che rimarranno senza casa e senza lavoro, per poi ricominciare da capo. Un’altra domanda che trova risposta oggi è : perchè gente stra-ricca come i vari presidenti di stati occidentali, banche centrali ecc. ecc. non mollano l’osso e lasciano che il mondo vadi come deve andare? E’ perchè loro della ricchezza se ne strafegano ormai fanno solo gioco di casta o di setta, sentimento più forte di quello di andare a riposarsi da qualche parte.Purtroppo è così non ci sono altre ragioni oltre a questa loro perversione. Se la popolazione si risvegliasse dal lavaggio del cervello psicologico che gli è stato fatto con il devastante consumismo mescolato ad ignoranza, allora probabilmente con milioni di NO a tutto ciò che viene imposto, probabilmente si potrebbe cambiare qualcosa.

  • ghigo

    è asettico, ma è del ministero della difesa. non deve per forza essere visto come un pericolo, di solito si vedono questi fenomeni come opportunità di poter dirigere le masse pecorone dove si vuole, l’importante è che sia una dittatura, vuoi del proletariato, vuoi dei banchieri …