Quando l’anima sta male

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Alzate più spesso lo sguardo verso l’alto.

Quando provate dolore nell’anima, guarda­te le stelle oppure l’azzurro del cielo.

Quando vi sentite tristi, quando qualcuno vi offende, quando non vi rie­sce qualcosa oppure vi sopraffà la tempesta interiore, uscite fuori e rimanete a tu per tu con il cielo.

E allora la vostra anima si placherà.

* * *

Buona domenica con le parole di Pavel Aleksandrovic Florenskij, figura affascinante da approfondire. Sacerdote ortodosso e padre di cinque figli, filosofo della scienza, fisico, matematico, ingegnere elettrotecnico, epistemologo, ma anche filosofo della religione e teologo, teorico dell’arte e di filosofia del linguaggio, studioso di estetica, di simbologia e di semiotica. Le sue conoscenze e competenze hanno spaziato in molti campi dello scibile, ma colpisce soprattutto per la sua forte spiritualità.

Ha vissuto 55 anni, dal 1882 al 1937, di cui gli ultimi 5 passati nel gulag delle isole Solovki in Siberia. Eppure, anche se in questa difficile condizione, il suo animo e il suo intelletto non si sono piegati continuando a dare frutti: interessanti le sue ricerche sul gelo perpetuo, sull’estrazione dello iodio e dell’agar-agar dalle alghe marine e giunse persino a brevettare una decina di importanti scoperte scientifiche, a partire dal liquido anticongelante.

Fu fucilato l’8 dicembre 1937. Di lui rimane una mole impressionante di scritti che spaziano tra le più diverse discipline. Profondamente toccanti le lettere che dal campo di concentramento ha scritto alla moglie e ai figli (sono state pubblicate con il titolo “Non dimenticatemi”).

__

VB

 

blank
Notifica di
10 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
10
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x