Putin tassa i ricchi per pagare la crisi coronavirus

Artyom Lukin

rt.com

Nel suo discorso sul coronavirus, Vladimir Putin ha promesso di spremere i ricchi e di installare reti di sicurezza per i più vulnerabili. Con l’economia russa ulteriormente martellata dal calo del prezzo del petrolio, inizia la vera prova della sua presidenza.
Mercoledì, il Presidente russo Vladimir Putin ha fatto il suo primo appello diretto alla nazione dall’inizio della pandemia di coronavirus. Questo è stato il discorso più cupo di Putin ai russi nei suoi vent’anni al potere, con il leader russo che ha sostanzialmente ammesso che il paese deve affrontare una grave crisi economica dovuta alla diffusione del coronavirus e all’imminente recessione globale.

In un discorso televisivo, Putin ha invitato la popolazione a rimanere a casa per motivi di sicurezza e ha imposto un congedo nazionale retribuito per tutti i lavoratori non essenziali fino al 5 aprile. Tuttavia, l’enfasi principale del suo discorso è stata posta sulle misure finanziarie e fiscali per sostenere i mezzi di sussistenza della gente comune e aiutare le piccole e medie imprese a sopravvivere alla crisi. Le misure si concentrano sulla fornitura di ulteriori reti di sicurezza per le famiglie con bambini, per le persone che vanno in congedo per malattia e per coloro che potrebbero perdere il lavoro. Ad esempio, il sussidio di disoccupazione minimo sarà aumentato da 8.000 a 12.000 rubli al mese. Putin ha annunciato vacanze fiscali e di credito per le piccole e medie imprese per i prossimi sei mesi e ha promesso una riduzione permanente di alcune imposte sulle piccole e medie imprese.

Probabilmente la parte più cruciale – e in gran parte inaspettata – del discorso di Putin è stata l’annuncio che il governo aumenterà le tasse sui russi ricchi e super-ricchi per ridistribuire il denaro a chi ne ha bisogno. L’imposta sui redditi provenienti dall’estero sarà aumentata dal 2 al 15 per cento. Inoltre, i depositi bancari di oltre un milione di rubli (117 mila euro) cominceranno ad essere tassati. La decisione di Putin di far sborsare il denaro ai russi ricchi può indicare che il Cremlino vede ora la reale prospettiva di un rapido esaurimento delle riserve finanziarie accumulate dalla Russia. Solo poche settimane fa, il primo marzo, Putin sembrava abbastanza fiducioso al riguardo, affermando che il governo russo aveva abbastanza potenza di fuoco finanziaria per garantire la stabilità economica e fiscale. Tuttavia, da allora il prezzo di riferimento del greggio Brent è ulteriormente scivolato da 50 a 29 dollari al barile e probabilmente scenderà ancora più in basso. Se l’economia globale entra in una prolungata depressione, le finanze della Russia saranno duramente colpite, considerando che circa la metà delle entrate del governo russo proviene dal settore del petrolio e del gas. In uno scenario economico globale sfavorevole, quello che sembra sempre più realistico, i circa 700 miliardi di dollari che il governo russo detiene nelle riserve di valuta estera e nel fondo patrimoniale sovrano, potrebbero non essere sufficienti per superare la crisi. È quindi necessaria una tassazione supplementare per evitare il disastroso esaurimento delle casse statali russe. Un’altra ragione per Putin di porre fine ai privilegi finanziari per i ricchi può essere politica. Questo potrebbe essere inteso come un gesto populista nei confronti dei russi comuni che il Cremlino non risparmierà gli oligarchi quando la gente e le piccole imprese soffriranno durante la crisi. La mossa di tassare i ricchi è ciò che distingue la risposta anticrisi di Putin dalle misure di emergenza adottate nella maggior parte delle altre grandi economie i cui governi distribuiscono pacchetti di stimolo e sostegni in denaro ai cittadini.

Nel suo discorso Putin ha anche annunciato un rinvio a tempo indeterminato, fino alla fine dell’epidemia, di un plebiscito costituzionale. La votazione su un pacchetto di emendamenti costituzionali è stata inizialmente prevista per il 22 aprile. Se approvata, la riforma costituzionale permetterebbe a Putin di governare il Paese fino al 2036. Putin insiste sul fatto che le modifiche costituzionali proposte rimangono importanti nonostante la situazione del coronavirus. Tuttavia, c’è da chiedersi se lui stesso ci creda davvero. Iniziate solo un paio di mesi fa con l’intenzione di consolidare lo stato di Putin, le modifiche costituzionali del Cremlino sono diventate ormai largamente irrilevanti. Il futuro di Putin, e il futuro del sistema politico che ha creato in Russia, dipenderà ora da come guiderà la Russia attraverso questa tempesta perfetta. A breve termine, Putin sembra relativamente sicuro. Sarà aiutato dall’effetto “rally-around-the-flag” [aumento di popolarità dei presidenti durante i periodi di crisi, ndt], simile a quello che sta facendo salire gli indici di gradimento di Donald Trump. L’impatto a lungo termine della crisi del coronavirus per il futuro della Russia è molto più incerto. Un rischio particolare per Putin è che le misure d’emergenza del Cremlino per tassare i benestanti gli allontaneranno le classi agiate, mentre non riusciranno a sostenere la gente comune e le piccole imprese in maniera adeguata. Detto questo, anche sotto un tale enorme stress, la Russia di Putin potrebbe rivelarsi più resistente di quanto molti in Occidente si aspettino. Le parole attribuite a Winston Churchill meritano di essere ricordate in questa sede: “La Russia non è mai forte come sembra; la Russia non è mai debole come sembra”.

 

Artyom Lukin è professore associato di relazioni internazionali all’Università Federale dell’Estremo Oriente a Vladivostok, Russia.

 

Fonte: rt.com

Link all’articolo: https://www.rt.com/op-ed/484152-covid-putin-political-future/

Pubblicato il 26.03.2020

Traduzione per comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin

 

Pubblicato da Riccardo Donat-Cattin

Sociologo e media analyst. Consiglia Kropotkin e Malatesta.
Precedente Perchè la Francia nasconde una cura sperimentata e poco costosa per il Covid-19?
Prossimo La pandemia di Corona: chi è l’OMS?