Porre fine al blocco: procediamo per gradi

DI MIKE WHITNEY

unz.com

Possiamo ammettere di aver sbagliato? Possiamo ammettere che il coronavirus non ucciderà “centinaia di migliaia o addirittura milioni” di americani? Possiamo ammettere che il sistema sanitario pubblico non crollerà? Possiamo ammettere che abbiamo modellato la nostra politica pubblica su modelli informatici difettosi che si sono rivelati del tutto inutili? Possiamo ammettere che il numero di persone infettate è significativamente maggiore di quello ufficiale? Possiamo ammettere che la percentuale di decessi sarà significativamente più bassa? Possiamo ammettere che la maggior parte delle persone decedute ha più di 60 anni e soffre di gravi patologie di fondo come l’alta pressione sanguigna, il diabete, l’obesità, ecc.

Possiamo ammettere che non esiste una “base scientifica storica” per l’utilizzo di “blocchi” per combattere una pandemia? Possiamo ammettere che l'”allontanamento sociale”, il “rifugio sul posto”, l'”auto-isolamento” e l'”auto-quarantena” sono direttive arbitrarie volte al controllo sociale e non rimedi scientifici derivati da una ricerca seria?

Possiamo ammettere che i nuovi dati e la scienza reale non supportano la politica esistente, ma suggeriscono che la violazione delle libertà civili, la decimazione dell’economia e il mantenimento dell’intera popolazione in un perenne stato di isteria, sono una reazione grossolana ed eccessiva che ha fatto danni incalcolabili al paese, al nostro benessere economico e alla nostra credibilità di nazione responsabile?

Il punto è questo: i dati e la scienza non supportano la politica attuale. Questo da solo dovrebbe farci riflettere.

L’isolamento è stato evocato da esperti di malattie infettive fatti su misura per la televisione, che hanno basato le loro raccomandazioni sui risultati di modelli informatici screditati che non trovano riscontro nella la realtà. In breve, i loro calcoli erano sbagliati e quindi anche la politica utilizzata è sbagliata. Non si tratta di liberali contro conservatori. Non è una questione di democratici contro repubblicani.

La questione è se la politica debba essere plasmata dai dati e dalla scienza o dai falsi modelli informatici e dall’implacabile allarmismo dei media. Questo è il cuore della questione. Leggete questo estratto da un articolo del Dr. Scott W. Atlas:

“Decine di migliaia di americani sono morti, e gli americani sono ora alla disperata ricerca di politici ragionevoli che abbiano il coraggio di ignorare il panico e fare affidamento sui fatti. I leader devono esaminare i dati accumulati per vedere cosa è realmente accaduto, piuttosto che continuare ad enfatizzare proiezioni ipotetiche; combinare queste prove empiriche con i principi fondamentali della biologia stabiliti da decenni; e poi riportare il paese in attività…

La vitale immunità della popolazione è impedita da politiche di isolamento totale, prolungando il problema… Sappiamo da decenni di scienza medica che l’infezione stessa permette alle persone di generare una risposta immunitaria – anticorpi – in modo che l’infezione sia controllata in tutta la popolazione da “immunità del gregge”.

In effetti, questo è lo scopo principale dell’immunizzazione diffusa in altre malattie virali – per aiutare l’immunità della popolazione. In questo virus, sappiamo che le cure mediche non sono nemmeno necessarie per la stragrande maggioranza delle persone infette. È così lieve che la metà delle persone infette è asintomatica.

Trasmettendo il virus ad altre persone del gruppo a basso rischio che poi generano anticorpi, bloccano la rete di percorsi verso le persone più vulnerabili, ponendo fine alla minaccia. Estendere l’isolamento all’intera popolazione impedirebbe direttamente lo sviluppo di questa diffusa immunità” (“I dati sono in – Fermare il panico e porre fine all’isolamento totale”, The Hill)

Pensateci. Non sta solo dicendo che l’isolamento sta impedendo alle persone a basso rischio di sviluppare gli anticorpi di cui hanno bisogno per contrastare l’infezione, ma sta anche dicendo che la politica sta in realtà mettendo più a rischio le persone vulnerabili. Non vale la pena di riflettere su questo?

Il virus non è qualcosa che scegliamo o che non scegliamo, e di certo non è qualcosa che si può evitare chiudendo la porta a chiave e nascondendosi sotto il letto. Ci sono solo due strade per l’immunità: il vaccino o la risposta immunitaria naturale degli anticorpi. Questo è tutto! Non c’è una terza via. L’autoquarantena non è una soluzione, nella migliore delle ipotesi è una soluzione temporanea. Alla fine, tutti dovranno uscire dalle proprie tane e rientrare nel mondo reale. Quale altra scelta c’è?

Vi siete chiesti come reagirà il governo ad una seconda o terza ondata del virus se ci sarà un’altra epidemia il prossimo autunno o la prossima primavera? Pensate che chiuderanno l’economia, manderanno a casa milioni di lavoratori e bruceranno altri 8.000 miliardi di dollari circa una seconda volta?

Diavolo, no. Era un “affare da un colpo solo” e l’hanno mandato all’aria. Avrebbero potuto adottare una politica meno costosa e meno radicale, che mantenesse aperte alcune parti dell’economia, mentre i lavoratori più giovani e a basso rischio continuavano a svolgere il loro lavoro costruendo gradualmente la loro immunità per future epidemie. Invece, hanno scommesso le industrie sulla loro sciocca teoria dello “stare a casa” e sono venuti fuori con un autogol. Questo significa che la prossima volta che il virus colpisce, la maggior parte della gente dovrà digerirlo e andare al lavoro o rimanere a casa fino a quando i soldi non finiscono.

Ci si chiede perché i media siano stati così critici nei confronti dell’approccio degli svedesi, che hanno chiaramente definito una strategia che non solo salva vite umane senza chiudere tutto, ma non fa sballare il banco.

Il fatto è che loro hanno fatto bene e noi abbiamo sbagliato. Allo stesso tempo, secondo la CNBC, “il capo epidemiologo svedese ha detto che “l’immunità del gregge potrebbe essere raggiunta nella capitale Stoccolma nel giro di poche settimane”, il che significa che la maggioranza della popolazione avrà sviluppato almeno una certa immunità al virus entro metà maggio.

Al contrario, le proiezioni dell’amministrazione Trump erano molto lontane, l’economia è stata congelata e l’autoisolamento ha impedito alle persone sane di sviluppare gli anticorpi di cui hanno bisogno per raggiungere una certa immunità parziale all’infezione. Se tenessimo una classifica, gli Stati Uniti sarebbero in rosso, ma questa non è una competizione. È una lotta per trovare una politica intelligente e sostenibile che salvi vite umane evitando una seconda Grande Depressione.

L’economia non è un piccolo interruttore che si può accendere e spegnere. È un ecosistema complesso che crea una miriade di piccole nicchie dove la gente può guadagnarsi da vivere fornendo servizi e prodotti che il pubblico vuole. L’isolamento ha inflitto un colpo mortale a questo fragile sistema. Insieme ai milioni di persone che ora si dirigono verso le file della disoccupazione, l’isolamento dato un colpo mortale alle migliaia di piccole e medie imprese che sono il cuore e l’anima stessa del Paese. Molte di queste imprese non riusciranno a superare il lungo congelamento, e saranno costrette a tirare le tende e a chiudere i battenti. Questo sarà devastante per il paese e per le migliaia di piccole città che devono la loro sopravvivenza alle entrate prodotte da queste piccole imprese. Cambierà tutto; dove la gente lavora, dove la gente fa acquisti e dove la gente chiama casa.

A parte le sofferenze che verranno inflitte alle imprese e ai lavoratori, si può scommettere che le élite useranno la crisi per imporre un’altra versione della “Shock Doctrine”, proprio come hanno fatto dopo il crollo del 2008. Questo significa più consolidamento, più privatizzazione, più austerità, più tagli ai programmi sociali, meno servizi pubblici, disoccupazione molto più alta e un’esplosione di senzatetto, fame, alcolismo, abuso di droga, criminalità e disordini sociali. Conoscete la procedura.

Invocheranno l’aumento del deficit e chiederanno ai proletari di tirare di più la cinghia ed offriranno più tassi zero e iniezioni di liquidità multimiliardarie di dollari per Wall Street. Useranno il debito come scusa per ristrutturare la forza lavoro, proprio come ha fatto il capo consulente economico di Obama, Lawrence Summers, dopo l’ultima crisi. Summers ha dimezzato lo stimolo fiscale per produrre un’economia fiacca, sottoperformante, permanentemente stagnante (dall’1 al 2% del PIL) che ha mantenuto bassi i salari (per prevenire l’inflazione) in modo che i tassi di interesse potessero essere mantenuti a zero a tempo indeterminato, mentre trilioni di dollari venivano pompati nei mercati finanziari. È così che è nato il sistema.

La Fed lanciò tre operazioni di QE per mantenere le casse di Wall Street piene mentre i lavoratori sperimentavano la più debole ripresa del dopoguerra. Nel frattempo, nelle città di tutto il paese sono spuntati campi di senzatetto e la disoccupazione a lungo termine ha costretto il 35% della forza lavoro a lavorare a basso salario, senza sussidi, nel settore dei servizi nella cosiddetta economia “gigante”. Questo è il modo in cui Summers ha abilmente ristrutturato la forza lavoro senza che nessuno se ne accorgesse.

Date un’occhiata a questo articolo scritto nel 2016 dal sito web socialista mondiale:

“La percentuale di lavoratori part-time con più posti di lavoro è più che quadruplicata negli ultimi 10 anni, passando dal 7,3% nel 2005 al 32% nel 2015. Quasi un terzo delle persone che lavorano senza benefici o sicurezza del posto di lavoro mantengono un lavoro aggiuntivo a tempo parziale o a tempo pieno solo per sbarcare il lunario”. (“La crisi sociale e le elezioni negli Stati Uniti”, World Socialist Web Site)

 

Questo è l’aspetto della “ristrutturazione della forza lavoro” in tempo reale. Non è un caso, infatti, che questi attacchi furtivi alla forza lavoro siano stati lanciati per la prima volta in Giappone, dove si stima che il 40% della forza lavoro sia attualmente impiegata in lavori a tempo parziale, a più posti di lavoro, come le “fabbriche dello sfruttamento”, mentre la Banca del Giappone continua a caricare i titoli di stato e altre attività finanziarie per aumentare i prezzi delle azioni per la classe degli investitori. Riuscite a vedere questo schema? Qui c’è dell’altro da un articolo su investing.com:

“Un nuovo studio condotto da economisti di Harvard e Princeton indica che il 94% dei 10 milioni di nuovi posti di lavoro creati durante l’era di Obama era temporaneo. Lo studio mostra che si trattava di posti di lavoro temporanei, a contratto o a tempo parziale in vari campi… La scomparsa del lavoro convenzionale a tempo pieno, dalle 9.00 alle 17.00, ha colpito ogni fascia demografica. “I lavoratori che cercavano un lavoro a tempo pieno e stabile hanno perso”, ha detto Krueger. (“Quasi il 95% di tutti i nuovi posti di lavoro durante l’era Obama erano part-time, o a contratto”, invest.com)

Praticamente tutti i posti di lavoro creati sotto Obama erano posti di lavoro “di me..a”, a basso costo, nel settore dei servizi, senza assistenza sanitaria, senza assenze per malattia e senza pensione. Allo stesso tempo, più di 500.000 posti di lavoro governativi ben pagati sono stati tagliati per tagliare i bilanci e far rispettare il regime del tirare la cinghia che è parte cruciale di questa truffa del trasferimento di ricchezza verso l’alto. Date un’occhiata a questo grafico dello Streetlight Blog che riassume in un unico grafico il triste record di Obama:

Il punto è proprio questo: la ristrutturazione del mercato del lavoro è stata progettata. Il piano è stato attuato durante la fase di ripresa dopo l’ultima crisi proprio come una nuova versione sarà attuata dopo questa crisi. Fa tutto parte del piano delle elite per schiacciare il lavoro. Nel frattempo, i profitti aziendali continueranno a salire, le azioni saliranno ancora di più e il divario di ricchezza si allargherà in un abisso enorme come il Grand Canyon.

Questo è il motivo per cui dobbiamo far ripartire l’economia il più presto possibile, perché le élite useranno la crisi per far avanzare la propria agenda. Al di là di questo, tuttavia, rimane il semplice fatto che la politica non si adatta alla scienza. Per esempio, questo è del Miami Herald:

“Circa il 6 per cento della popolazione di Miami-Dade – circa 165.000 residenti – ha anticorpi che indicano una passata infezione da coronavirus romanzo, nanizzando il conteggio del dipartimento di salute dello stato di circa 10.600 casi, secondo i risultati dello studio preliminare annunciato dai ricercatori dell’Università di Miami venerdì” (“Miami-Dade ha decine di migliaia di infezioni da coronavirus mancanti, l’indagine UM trova”, Miami Herald)

Quindi ci sono stati 287 morti nella contea di Miami-Dade, mentre oltre 165.000 residenti hanno già avuto il virus. Si tratta di un tasso di mortalità dello 0,17%, il che significa che circa 2 persone su 1.000 moriranno. 2 morti su mille non giustificano la chiusura dell’intera economia.

Ecco altri dati del team di ricerca dell’Accelerated Urgent Care di Bakersfield, California:

“Nella contea di Kern abbiamo testato 5.213 persone e abbiamo 340 casi di COVID positivi. Beh, è il 6,5% della popolazione. Il che indicherebbe un’infezione virale diffusa simile all’influenza”, ha detto il dottor Erickson. “… che (suggerisce che) il 12 per cento dei californiani sono risultati positivi alla COVID”.

Erickson ha dichiarato che le proiezioni originali di milioni di morti di COVID erano “tristemente imprecise” e non si stavano concretizzando. Secondo i calcoli di Erickson, la California – che ha una popolazione di circa 40 milioni di abitanti, probabilmente ha attualmente 4,7 milioni di casi positivi. Con l’attuale numero di morti attualmente a 1.227, il tasso di mortalità è di 0,03.

Questo (basso tasso di mortalità) rende necessario il ricovero? Questo richiede lo spegnimento dei sistemi medici? Questo richiede l’interruzione del lavoro? A livello nazionale, circa 42.000 persone sono morte di coronavirus a partire da mercoledì. Tra 30.000 e 60.000 muoiono ogni anno di influenza, ha detto Erickson, citando i dati del CDC”. (“Video: Dr. Erickson COVID-19: Questo ha senso? Stiamo seguendo la scienza?”, Global Research)

A New York, il governatore Andrew Cuomo ha riportato risultati simili da test casuali condotti recentemente nello stato di New York. Ecco un estratto da un articolo di RT:

“I primi test anticorpali per il coronavirus in 19 contee di New York suggeriscono che fino a 2,7 milioni di persone potrebbero essere state infettate solo nello stato, il che significa che il tasso di mortalità reale potrebbe essere molto più basso, ha rivelato il governatore Andrew Cuomo. I risultati di un campione casuale di 3.000 newyorkesi ha rivelato che circa il 13,9 per cento dei residenti dello stato ha probabilmente avuto il coronavirus e ne è guarito spontaneamente…

I nuovi numeri indicano che questo tasso di infezione rivisto, rispetto ai 15.740 decessi legati al coronavirus in tutto lo stato, indica un tasso di mortalità di soli 0,5 circa – molto più basso di quanto si credesse in precedenza…” (“MILIONI di infetti? Cuomo dice che i test anticorpali di NY suggeriscono che Covid-19 sia meno letale di quanto si pensasse in precedenza“, RT)

Così, anche a New York, l’epicentro della pandemia, l’effettivo tasso di mortalità è significativamente più basso di quanto suggerito dai “casi confermati di COVID” che appaiono in modo imponente nelle TV di tutta l’America. (Il tasso di mortalità di New York, pari a 0,5, è leggermente superiore a quello dello 0,37% riportato di recente da uno studio condotto in Germania, e simile ai risultati di altri test condotti in altre località di Santa Clara, Los Angeles e Svezia. Tutti questi studi indicano che il tasso di mortalità di COVID è molto più basso del tasso di mortalità ufficiale di circa il 13% nel Regno Unito, in Italia e in Francia, che è una grossolana sovrastima utilizzata per ingannare il gregge di pecoroni).

Quindi sappiamo che i numeri ufficiali sono fuorvianti e che la percentuale di persone che moriranno sarà molto più bassa di quanto originariamente previsto, ma è sufficiente per cambiare la politica e porre fine al blocco?

Sì, è così. La politica deve essere adattata ai dati. Se il tasso di mortalità è di circa la metà dell’1 per cento, allora dobbiamo riconsiderare il nostro approccio e fare i necessari aggiustamenti…

Procediamo per gradi – Il blocco deve essere revocato gradualmente

Secondo il capo-epidemiologo svedese ed ex capo scienziato del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, Johan Giesecke, il blocco non può finire tutto in una volta o ci sarà un picco drammatico nei casi qualche settimana dopo.

“Bisogna scendere la scala un gradino alla volta”… (Giesecke ritiene che la riapertura delle scuole debba venire prima di tutto).

Quindi, lentamente, si riduce il blocco e si consente gradualmente alle persone di tornare al lavoro. Mi sembra un buon consiglio.

 

Mike Whitney

Fonte: www.unz.com

Link: https://www.unz.com/mwhitney/lifting-the-lockdown-easy-does-it/

28.04.2020

 

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli/CptHook