Polifenoli per invecchiare in salute

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

I polifenoli promuovono cambiamenti positivi nei batteri del microbiota intestinale. Ne consegue la produzione di metaboliti bioattivi che favoriscono l’integrità della barriera intestinale e riducono i livelli di infiammazione. Lo ha evidenziato uno studio randomizzato controllato che è stato condotto per 8 settimane in Spagna su ultrasessantenni.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research e il team di ricerca è stato guidato dalla professoressa Cristina Andres-Lacueva della Facoltà di Farmacia e Scienze Alimentari dell’Università di Barcellona. Vi hanno partecipato anche ricercatori dell’Università degli Studi di Milano, dell’Istituto Quadram del Regno Unito e del Centro Nazionale Italiano per la Salute e la Scienza sull’Invecchiamento (INRCA).
In sostanza gli scienziati hanno sottoposto i volontari a una dieta ricca di polifenoli e hanno riscontrato che gli alimenti che li contengono possono migliorare la salute delle persone anziane perché inducono la produzione del metabolita IPA, un postbiotico con proprietà antiossidanti, neuroprotettive e antinfiammatorie.

L’INFIAMMAZIONE è il terreno fertile di molte patologie sia croniche che degenerative e sempre è associata anche a un’alterazione del microbiota intestinale.
I polifenoli, composti naturali che ingeriamo principalmente attraverso la verdura e la frutta, hanno capacità di interagire positivamente con i batteri presenti nel nostro intestino e di favorire la produzione di postbiotici, sostanze benefiche con capacità neuroprotettive, antinfiammatorie e antiossidanti che contribuiscono a migliorare la salute dell’intestino e dell’intero organismo. Si tratta di composti che aiutano a prevenire le malattie associate all’età e all’invecchiamento e nella letteratura scientifica si stanno accumulando sempre più prove in questo senso (lo studio sopra citato è uno tra quelli più recenti).

Ovviamente, al di là di un’alimentazione ricca di frutta e verdura di stagione, è necessario anche uno stile di vita sano che includa attività fisica regolare e escluda il consumo di sostanze chimiche dannose ed eccessi di tabacco e alcol.
__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix