Home / ComeDonChisciotte / PER PI DI 100 ANNI LE VACCINAZIONI SI SONO BASATE SULLA FRODE MEDICA

PER PI DI 100 ANNI LE VACCINAZIONI SI SONO BASATE SULLA FRODE MEDICA


DI PF LOUIS
NaturalNews

L’idea che vaccinare servisse a immunizzare nacque nel 1796 quando il farmacista britannico Edward Jenner inoculò del pus di vaiolo vaccino in un bambino di otto anni. L’esperimento scaturì dalla diceria non dimostrata che chiunque contraesse il vaiolo vaccino diventasse immune al vaiolo.

Nei due anni successivi Jenner vaccinò persone con il vaiolo vaccino per renderle immuni al vaiolo umano. Senza alcuna sperimentazione che ne provasse efficacia e sicurezza, Jenner impressionò talmente tanto re Giorgio III con la sua fittizia assicurazione di immunizzazione da venire ricompensato con l’equivalente di 500.000 dollari.

Pertanto Jenner fu il primo medico professionista a somministrare sostanze contaminate come medicamento a persone in buona salute e a ricevere una sostanziosa remunerazione per questo. Fu anche il primo a denunciare costantemente e con successo chi denigrava la vaccinazione.

Così facendo proteggeva il suo ego e il suo portafogli.Molti dei professionisti in campo medico nel XIX secolo erano a conoscenza dei numerosi casi di vaiolo verificatisi tra coloro che avevano contratto il vaiolo vaccino. Le basi della teoria di Jenner si incrinavano.

Iniziò in questo modo una tradizione che ancora oggi continua a essere preservata dai sostenitori del vaccino: tirar fuori una soluzione falsa per prevenire le malattie, farci un sacco di soldi e mettere a tacere le ragionevoli proteste di chi sa bene che l’immunizzazione tramite vaccinazione non è né efficace né tanto meno sicura.

In Inghilterra l’incidenza di vaiolo dopo la vaccinazione è cresciuta costantemente dal 5% iniziale al 95% del 1895. Nel 1872 si verificò addirittura una seria epidemia e l’anno successivo la vaccinazione contro il vaiolo fu resa obbligatoria per legge in tutto il Regno Unito e, contestualmente, il tasso di mortalità per vaiolo in quel periodo si quintuplicò.

Nonostante le intelligenti proteste che si avvalevano di prove evidenti per smentire l’efficacia e provare il danno derivante dalle sostanze tossiche e dai virus contenuti nei vaccini che compromettono l’immunità naturale, il principio dell’inoculazione a scopo immunizzante è stato mantenuto.

Proteggere il commercio di vaccini dalla verità attaccando chi lo contrasta con le sue argomentazioni ragionevoli ha portato oggi l’industria del settore a guadagni del valore di 17 miliardi di dollari annui. La cifra non include il ricavato dalle visite mediche per la prescrizione del vaccino e il conseguente stato di cattiva salute.

La tattica usata dai sostenitori del vaccino per nascondere i dati scientifici ai professionisti del settore ha assunto gli aspetti di una vera e propria mafia.

I professionisti medici onesti che avanzano dubbi sulla relazione tra buona salute e vaccinazione sono puniti severamente e calunniati dalla mafia medica attraverso i media in suo possesso.

La verità sui vaccini e sulle epidemie – nascosta all’opinione pubblica

Uno studio del 2012 guidato dal dottor David Witt, specialista di malattie infettive al San Rafael Kaiser Permanente Medical Center in California, ha concluso che la pertosse si presenta con maggior frequenza tra i bambini vaccinati che tra quelli non vaccinati.

Nel 2010 un’epidemia di orecchioni ha contagiato 1.000 bambini nel nord del New Jersey e nel sud di New York. Quasi l’80% di loro era stato vaccinato con l’MMR (contro morbillo, orecchioni e rosolia).

Negli anni ’80 le autorità hanno riportato di numerosi focolai di morbillo tra bambini vaccinati in zone diverse contando una scuola media e un istituto superiore dell’Illinois, un liceo del Massachusettes, una regione della Francia e un’area rurale nei dintorni di Helsinki, Finlandia.

In entrambe le scuole statunitensi si contava oltre il 90% di alunni vaccinati contro il morbillo. I sostenitori del vaccino affermano che un tasso di vaccinazione del 90% in una qualunque popolazione garantisce l’immunità di suddetta popolazione. La falsa affermazione serve a creare maggiori guadagni e al contempo stigmatizza quelli contrari al vaccino per voler mettere a repentaglio il benessere dell’umanità.

Dal non obbligatorio sistema di monitoraggio delle reazioni avverse ai vaccini (Vaccine Adverse Event Reporting System: VAERS) dell’Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali viene registrato solo il 5% delle reazioni avverse ai vaccini.

Nonostante ciò gli altri innumerevoli casi di reazioni avverse gravi ai vaccini trapelano dalle indiscrezioni di vari siti che parlano di questo tema.

E questo grazie ai pochi dottori e a tutti gli altri che osano controbattere incuranti del rischio al quale potenzialmente si espongono. Ora è compito nostro imparare da loro e dire di no ai vaccini.

Titolo originale: “Vaccines have been based on medical fraud for over a hundred years “

Fonte: http://www.naturalnews.com
Link
29.04.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DONATELLA GAGLIANO

 

Fonti

http://www.vaccinationcouncil.org

http://www.naturalnews.com/033399_vaccines_measles.html

http://www.naturalnews.com/028142_mumps_vaccines.html

http://www.naturalnews.com

http://www.naturalnews.com/023080.html

http://www.naturalnews.com/022400.html

http://www.naturalnews.com/035715_vaccines_history_fraud.html#ixzz1u98Z4eHG

Pubblicato da Das schloss

  • pantos

    ho un figlio non vaccinato che non si è mai ammalato.
    raffreddori, febbricole, solo radi e lievi.
    testimonianze come le mie sono presenti a iosa sulla rete e argomentazioni scientifiche in merito, reperibili dappertutto sulla rete, ad esempio sul sito http://www.informasalus.it/it/articoli/vaccinazioni/ del bravo dott. Gava.
    informatevi.
    vaccinare non è un obbligo coatto e l’obiezione è possibile e facile, basta una letterina all’ASUR dopo la convocazione.
    salvaguardate la salute dei vostri figli.

  • RicBo

    Questo articolo è una frode, perchè c’è una bella differenza tra i vaccini contro il vaiolo, polio, tbc e quelli contro le malattie esantematiche tipo morbillo ed orecchioni. Solo questi ultimi sono da evitare, fra l’altro sembra che aumentino il rischio di malattie neuroimmuni e di autismo in soggetti già predisposti.

  • ericvonmaan

    Sono d’accordo con RicBo, su questo argomento c’è un sacco di disinformazione, grave perchè si gioca con la salute dei bambini, basta parlare con un qualsiasi pediatra che sappia fare il suo lavoro (non un neolaureato con il titolo pagato, intendo uno/una che abbia lavorato per 30 anni nei reparti di neonatologìa e che conosca le statistiche di diffusione delle malattie), invece che sentire cosa dice il “naturista” di turno. Gli abusi di BigPharma sono un’altra cosa, per favore. Alla fine dietro queste crociate c’è sempre un interesse, un business. Un po’ di buon senso per favore e dati ben verificabili, ecco cosa serve per farsi un’opinione seria. Lo sapevate che negli ultimi 10 anni, proprio a causa della diffusione di queste teorie strampalate, è aumentata sensibilmente la percentuale di diffusione di certe gravi malattie? lo sapete cosa significa meningite a 3 anni? Per favore lasciamo la medicina alternativa agli adulti in grado di decidere per se stessi.

  • Truman

    L’articolo mi appare esagerato. Il vaiolo effettivamente è sparito. Se non è stato effetto del vaccino, PF Louis dovrebbe spiegare i motivi per la sparizione di tale malattia.

  • tuttouno

    Il mito del vaccino contro il vaiolo:
    http://www.mednat.org/vaccini/vaiolo.htm

  • MM

    Diciamo che più che i vaccini possono la corretta alimentazione e una corretta igiene ambientale e personale. Dove queste necessità non siano presenti e soddisfatte il vaccino è utile ma è anche vero che ne andrebbe razionalizzato l’uso il quale non deve divenire un mezzo per gonfiare il portafogli delle multinazionali.

    Prima della vaccinazione devono essere effettuati tutti gli esami e le analisi possibili che tendano ad escludere la eventualità di reazioni e di effetti collaterali gravi.
    Questi accertamenti non vengono svolti.

  • GPaolo

    PRIMA di scrivere o rispondere ad articoli sui vaccini, un soggetto serio e professionale, dovrebbe fare delle ricerche a 360°, anche al di fuori degli schemi precostituiti e falsamente informativi, della medicina ufficiale che e’ chiaramente collusa con Big Pharma, questo per conoscere i VERI e GRAVI DANNI dei VACCINI e quindi fare INFOrmazione e non DISINFORMAZIONE !

    vedi: http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm
    http://www.mednat.org/vaccini/vaccini_base.htm

    vedi anche le statistiche ISTAT sulle malattie per le quali si vaccina
    http://www.mednat.org/vaccini/Istatvaccino.htm

    dr. GPaolo Vanoli – [email protected] – Giornalista investigativo, specializzato in Sanita’ da 40 anni.

  • ericvonmaan

    Hai figli?

  • jorge

    E se fosse dovuto alla maggiore igiene ? La febbre puerperale, così diffusa, sparì appena i “chirurghi” cominciarono a lavarsi le mani. Semmelweis 1818-1865, docet. Le sue teorie (il fatto che i “chirurghi” passassero dall’obitorio alla sala parto senza nessun accorgimento igienico fosse la causa della elevata mortalità post parto) furono ferocemente osteggiate dal “mondo medico dell’epoca”.

  • Truman

    @jorge: Le infezioni ospedaliere oggi ci sono ancora. Il vaiolo mi risulta completamente sparito, debellato, annientato. Sembra essere un caso in cui le vaccinazioni di massa hanno funzionato.
    Probabilmente non è così semplice, ma non concorda con l’articolo qui sopra.

  • albsorio

    Noi abitiamo in Veneto, unica regione d’Italia dove tutte le vaccinazioni NON sono obbligatorie ma facoltative. Noi abbiamo una figlia, allattata da mia moglie 18 mesi, aveva tre allergie, che abbiamo scoperto in seguito verso i tre anni circa, dato che stava spesso male ci siamo messi a leggere molte cose, in varie direzioni, per capire cosa si dovesse fare, questo perché i medici non riuscivano a risolvere i suoi problemi, ora grazie a Dio sta bene. Questa situazione di nostra figlia dicevo ci spinse a cercare, una cosa interessante da capire è che quando porti tuo figlio/a a fare il vaccino devi passare dal pediatra per vedere se il bambino/a è in buono stato di salute, poi vai a fare il vaccino, se tuo figlio ha una reazione avversa tu sei legalmente responsabile perché eserciti su tuo figlio la patria potestà, cioè hai deciso tu di portare il bambino a fare il vaccino, ma se la classe medica è così favorevole ai vaccini, perché la responsabilità non ricade sul medico vaccinatore? La risposta è semplice se l’incidenza percentuale fosse 1 su 10.000 prima o poi ti capita di distruggere una vita e una famiglia, ovviamente il genitore ti fa causa e tu devi avere una bella assicurazione. Magari sarebbe più difficile trovare medici disposti a vaccinare. Una cosa interessante è che sembra che i vaccini, forse casualmente ( non voglio pensare male, preferisco immaginare i medici come persone non come bastardi dediti a chissà quale fine ), cambino l’acido ribonucleico, quindi quando hanno vaccinato me hanno cambiato mia figlia. Comunque sia trovo sbagliato le vaccinazioni e visto che la pensa così anche mia moglie quando l’obbligatorietà dei vaccini è venuta meno in Veneto noi abbiamo smesso di far vaccinare nostra figlia. Un’altra domanda che mi è sempre girata in testa, perché non aspettare che barriera ematoencefalica sia formata prima di fare il primo vaccino. Per finire dico che i vaccini possono essere in alcuni casi essere necessari ma non usati così in maniera sistematica.

  • cnj

    Beppe Grillo ste cose le diceva già anni fa ma probabilmente qualcuno dirà che non è vero: http://youtu.be/kExz1hXre28

  • stimiato

    Io si, ho un figlio. Non l’ho vaccinato e non ne ho la minima intenzione. Come tu stesso suggerisci, i bambini non sono in grado di decidere da soli su certe cose, quindi a volte decidere tocca ai genitori. Mi fa venire in mente una chiacchierata di qualche anno fa. Un’amica si diceva indignata dai fricchettoni che vanno a vivere sui monti con i figli, lontani dalla “civiltà”. La scandalizzava che dei genitori potessero arrivare a decidere sullo stile di vita dei figli. Come se vivere in una grande città non fosse una decisione con le sue conseguenze.

  • okinawa

    Ma che domanda è hai figli??
    Anche io ho figli non vaccinati.

    La nostra pediatra non naturista quando mi opposi alle vaccinazioni non ha battuto ciglio e sotto sotto ha fatto indendere che lei stessa non aveva vaccinato i suoi.

    A buon intenditor…

  • pantos

    informati meglio asino.
    non spreco altre parole con te.
    ma prima di accusare di frode, studia.,
    asino!

  • GPaolo

    Questi i danni dei vaccini, che il sig Rezza (ISS) non vuole dire….oltre a non rispondere ai quesiti che gli ho fatto ga’ 3 volte in 3 anni….ma prima o poi dovra’ rispondere delle sue azioni, anzi NON azioni !
    http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm [www.mednat.org]
    http://www.mednat.org/ministero_informato.htm [www.mednat.org]

  • GPaolo

    le norme igienico sanitarie lo ha detto anche l’OMS nella sua dichiarazione !
    inoltre il vaiolo e’ stato responsabile della comparsa e della diffusione della influenza detta impropriamente spagnola, portata dai militari USA (vaccinati per il vaiolo) in spagna ….