Home / ComeDonChisciotte / OLOCAUSTO NEGATO

OLOCAUSTO NEGATO

DI JOHN PILGER
Antiwar.com

Il silenzio mendace di quelli che sanno

“Quando la verità è sostituita dal silenzio” disse il dissidente sovietico Yevgeny Yevtushenko, “il silenzio è una bugia”. Potrebbe sembrare che il silenzio sia caduto su Gaza. Gli involucri dei bambini assassinati, avvolti di verde, insieme alle casse contenenti i loro genitori fatti a pezzi e le grida di dolore e rabbia di tutti coloro [rinchiusi] in quel campo di sterminio vicino al mare, possono essere visti su al-Jazeera e YouTube, persino intravisti sulla BBC. Ma l’incorreggibile poeta russo non si riferiva a quelle cose effimere che chiamiamo notizie; si chiedeva perché coloro che sanno il perché non parlano mai e perciò lo negano. Questo è particolarmente impressionante all’interno dell’intellighenzia anglo-americana. Sono i suoi componenti a detenere le chiavi delle miniere del sapere: le storiografie e gli archivi che ci conducono al perché.

Essi sanno che l’orrore che regna su Gaza ha poco a che fare con Hamas o, assurdamente, col “diritto di Israele ad esistere”. Sanno che è vero il contrario: che il diritto della Palestina ad esistere è stato cancellato 61 anni fa, e che l’espulsione e, se necessaria, l’estinzione della popolazione indigena era stata pianificata ed eseguita dai fondatori di Israele. Sanno, ad esempio, che lo scellerato “Piano D” si è concretizzato nello spopolamento criminale di 369 città e paesi palestinesi da parte dell’Haganah (l’esercito ebraico) e che l’ingente massacro di civili palestinesi in luoghi come Deir Yassin, al-Dawayima, Eilaboun, Jish, Ramle e Lydda è presentato dalle fonti ufficiali come “pulizia etnica”. Quando giunse in uno dei luoghi di questo massacro, a David Ben-Gurion, il primo ministro israeliano, fu chiesto da un generale, Yigal Allon, “Cosa dobbiamo fare con gli arabi?”. Ben-Gurion, raccontò lo storico israeliano Benny Morris, “fece un gesto energico e trasudante indifferenza con la propria mano e disse: ‘Espelleteli’”. L’ordine di espellere l’intera popolazione “senza tenere conto dell’età” fu firmato da Yitzhak Rabin, futuro primo ministro presentato come pacificatore dalla più efficiente propaganda mondiale.

La terribile ironia di questo fatto fu affrontata solo en passant, come quando uno dei leader del Partito Mapan, Meir Ya’ari, notò “come facilmente” i leader israeliani parlassero di come fosse “possibile e ammissibile prendere donne, bambini e anziani e riempirne le strade perché questo è l’imperativo della strategia… chi si ricorda di chi utilizzò questi mezzi contro il nostro popolo durante la [Seconda] guerra [mondiale]… siamo inorriditi”.

Ogni “guerra” successiva sostenuta da Israele ha avuto lo stesso obiettivo: l’espulsione della popolazione nativa e il furto di una porzione sempre più ampia di territorio. La bugia di Davide e Golia, delle vittime perenni, raggiunse il proprio apogeo nel 1967, quando la propaganda divenne una furia indignata che sosteneva che gli Stati arabi avevano attaccatto per primi. Sin da allora, alcuni rivelatori di verità per lo più ebrei come Avi Schlaim, Noam Chomsky, la defunta Tanya Reinhardt, Neve Gordon, Tom Segev, Uri Avnery, Ilan Pappe e Norman Finkelstein hanno smentito questo e altri miti e hanno portato a conoscenza di uno stato privato delle tradizioni umanitarie del Giudaismo, il cui ostinato militarismo è l’essenza di un’ideologia espansionista, senza legge e razzista chiamata sionismo. “Sembra”, ha scritto lo storico israeliano Ilan Pappe il 2 gennaio, “che persino i crimini più orrendi come il genocidio di Gaza, siano trattati come eventi estremi, sconnessi da qualsiasi cosa avvenuta nel passato e non legati ad alcuna ideologia o sistema… Come l’ideologia dell’apartheid spiegò notevolmente le politiche oppressive del governo sudafricano, questa ideologia – nella sua versione più semplicistica ed in grado di riscuotere consenso – ha permesso a tutti i governi israeliani nel passato e nel presente di rendere disumana la vita dei palestinesi, ovunque essi siano e di cercare di distruggerli. I mezzi sono cambiati da periodo a periodo, da luogo a luogo, così come il modo in cui sono state raccontate queste atrocità. Ma è evidente un progetto di genocidio”.

A Gaza, la fame obbligata e la negazione degli aiuti umanitari, il contrabbando di risorse vitali come la benzina e l’acqua, il diniego di medicine e cure, la sistematica distruzione delle infrastrutture e l’uccisione e la mutilazione della popolazione civile, il 50 per cento della quale sono bambini, hanno raggiunto lo standard internazionale della Convenzione sul genocidio. “È un’affermazione esagerata e irresponsabile” ha chiesto Richard Falk, il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani nei Territori Occupati palestinesi ed esperto di diritto internazionale all’Università di Princeton, “associare il trattamento dei palestinesi con questo primato nazista criminalizzato di atrocità collettiva? Penso di no”.

Descrivendo un “olocausto in corso” Falk alludeva all’istituzione da parte dei nazisti dei ghetti ebraici in Polonia. Per un mese nel 1943, gli ebrei polacchi prigionieri guidati da Mordechaj Anielewiz respinsero l’esercito tedesco e le SS, ma la loro resistenza fu infine stroncata e i nazisti inflissero la loro vendetta finale. Anche Falk è ebreo. L’odierno olocausto in corso, che iniziò con il Piano D di Ben-Gurion, è entrato nelle sue fasi finali. La differenza è che oggi si tratta di un progetto congiunto israelo-statunitense. I cacciabombardieri F-16, le bombe “intelligenti” da 250 libbre GBU-39 acquisiti alla vigilia dell’attacco contro Gaza, essendo stati approvati da un Congresso dominato dal Partito Democratico, oltre ai 2.4 miliardi di dollari l’anno di “aiuti” per le attività belliche, danno a Washington il controllo di fatto. Appare improbabile che il Presidente eletto Obama non fosse informato. Esplicito sulla guerra della Russia in Georgia e sul terrorismo a Mumbai, il silenzio di Obama sulla Palestina evidenzia la sua approvazione, che è ovvia, dati il suo servilismo nei confronti del regime di Tel Aviv e dei suoi lobbisti durante la campagna presidenziale e la nomina di sionisti come segretario di Stato, capo di gabinetto e principali consiglieri sul Medio Oriente. Quando Aretha Franklin canterà “Think”, il suo splendido inno alla libertà scritto negli anni ’60, in occasione dell’insediamento di Obama il 21 gennaio, sono sicuro che qualcuno con il cuore impavido di Muntadar al-Zaidi, il lanciatore di scarpe, griderà: “Gaza!”.

L’asimmetria sotto il profilo della conquista e del terrore è chiara. Il Piano D è oggi l’”Operazione Piombo Fuso”, che è l’incompiuta “Operazione Vendetta Giustificata”. Quest’ultima fu lanciata dal Primo Ministro Ariel Sharon nel 2001 quando, con l’approvazione di Bush, utilizzò degli F-16 contro città e villaggi palestinesi per la prima volta. Lo stesso anno l’autorevole Jane’s Foreign Report rivelò che il governo Blair aveva riferito il proprio “via libera” ad Israele ad attaccare la West Bank dopo che gli erano stati mostrati i piani segreti di Israele [che prevedevano] un bagno di sangue. È stata tipica del Nuovo Partito Laburista una complicità duratura e servile nei confronti dell’agonia della Palestina. Tuttavia, il piano israeliano del 2001, rivelava Jane’s, aveva bisogno di un attentato suicida come “casus belli” che sarebbe stato la causa di “numerosi morti e feriti [poiché] la vendetta è un fattore cruciale”. Questo “spingerebbe i soldati israeliani a distruggere i palestinesi”. Quello che allarmò Sharon e l’autore del piano, il generale Shaul Mofaz, il capo di stato maggiore israeliano, fu un accordo segreto tra Yasser Arafat ed Hamas per fermare gli attacchi suicidi. Il 23 novembre 2001, gli agenti israeliani assassinarono il leader di Hamas, Mahmud Abu Hunud, e riuscirono ad ottenere il loro “casus belli”; gli attacchi suicidi ripresero in risposta a questa uccisione.

Qualcosa di straordinariamente simile accadde lo scorso 5 novembre, quando le forze speciali israeliane attaccarono Gaza, uccidendo sei persone. Ancora una volta ottennero il “casus belli” per la loro propaganda. Un cessate il fuoco avviato e portato avanti dal governo di Hamas – che aveva imprigionato coloro che lo avevano violato – fu interrotto dall’attacco israeliano e razzi di produzione artigianale furono lanciati in quella che era solita essere la Palestina prima che gli occupanti arabi fossero “spazzati via”. Il 23 dicembre Hamas propose di rinnovare il cessate fuoco, ma la farsa israeliana fu tale che il suo attacco a oltranza contro Gaza era stato, secondo il quotidiano israeliano Ha’aretz, pianificato sei mesi prima.

Dietro questo squallido gioco si trova il “Piano Dagan”, il cui nome deriva dal generale Meir Dagan, che prestò servizio con Sharon durante la sua sanguinosa invasione del Libano nel 1982. Attualmente al vertice del Mossad, l’organizzazione di intelligence israeliana, Dagan è l’autore di una “soluzione” che ha visto la reclusione dei palestinesi in un ghetto delimitato da un muro che corre nella West Bank e a Gaza, un campo di concentramento a tutti gli effetti. L’istituzione di un governo fantoccio a Ramallah guidato da Mohammed Abbas è il risultato raggiunto da Dagan, insieme ad una campagna di hasbara (propaganda) diffusa attraverso i media occidentali in maggioranza servili, se intimiditi, in particolar modo in America, secondo la quale Hamas è un’organizzazione terroristica dedita alla distruzione di Israele e da “condannare” per i massacri e l’assedio del proprio popolo per due generazioni, parecchio tempo prima della sua creazione. “Le cose non sono mai andate meglio”, ha affermato il portavoce del Ministro degli Esteri israeliano Gideon Meir nel 2006. “Il risultato dell’hasbara è una macchina ben oliata”. In realtà, la vera minaccia rappresentata da Hamas è il suo essere da esempio come unico governo democraticamente eletto nel mondo arabo, ricavando la propria popolarità dalla resistenza nei confronti dell’oppressore e tormentatore dei palestinesi. Questo è stato dimostrato quando Hamas sventò un colpo di stato della CIA nel 2007, un avvenimento che i media occidentali decretarono come “la conquista del potere da parte di Hamas”. Similmente, Hamas non è mai descritto come un governo, tanto meno democratico. Né lo è la sua proposta di una tregua decennale come riconoscimento storico della “realtà” di Israele e il sostegno ad una soluzione a due Stati ad una sola condizione: che gli israeliani obbediscano al diritto internazionale e pongano fine alla loro occupazione illegale al di là dei confini fissati nel 1967. Come dimostra la votazione annuale presso l’Assemblea Generale dell’ONU, il 99 per cento dell’umanità condivide questa soluzione. Il 4 gennaio, il presidente dell’Assemblea Generale, Miguel d’Escoto, ha descritto l’attacco di Israele contro Gaza come una “mostruosità”.

Quando la mostruosità sarà stata portata a termine e la gente di Gaza sarà ancor più straziata, il Piano Dagan prevede quella che Sharon chiamò una “soluzione sul genere del 1948” – la distruzione di ogni leadership ed autorità palestinese seguita da espulsioni di massa in “acquartieramenti” sempre più piccoli e forse infine in Giordania. Questa distruzione della vita istituzionale ed educativa a Gaza è progettata per produrre, ha scritto Karma Nabulsi, un palestinese esiliato in Gran Bretagna, “una visione hobbesiana di una società anarchica: mutilata, violenta, priva di un’autorità, distrutta, spaventata… Guardate all’Iraq di oggi: è quello che [Sharon] ha pensato per noi, ed è quasi riuscito a renderlo realtà”.

La dottoressa Dahlia Wasfi è una scrittrice americana che si occupa della Palestina. Ha una madre ebrea ed un padre iracheno di religione musulmana: “La negazione dell’Olocausto è antisemita” ha scritto il 31 dicembre. “Ma non mi riferisco alla Seconda Guerra Mondiale, a Mahmoud Ahmedinijad (il presidente dell’Iran) o agli ebrei Ashkenaziti. Quello a cui mi sto riferendo è l’olocausto di cui tutti noi siamo testimoni e responsabili che si sta compiendo oggi a Gaza e negli ultimi 60 anni in Palestina… Dal momento che gli arabi sono semiti, la politica israelo-statunitense non può essere più antisemita di questa”. Ha citato Rachel Corrie, la giovane americana che è andata in Palestina a difendere i palestinesi ed è stata schiacciata da un bulldozer israeliano. “Sono nel mezzo di un genocidio”, scrisse Corrie, “che anch’io sto indirettamente appoggiando e del quale il mio governo è ampiamente responsabile”.

Leggendo le parole di entrambe, sono colpito dall’uso della parola “responsabilità”. Rompere la bugia del silenzio non è un’astrazione complessa ma una responsabilità impellente che ricade su coloro che godono del privilegio di una tribuna. Con la BBC intimidita, per quel che resta del giornalismo, consentendo solamente accesi dibattiti all’interno di irremovibili confini invisibili, sempre con la paura della calunnia di antisemitismo. La notizia non raccontata, nel frattempo, è che le perdite di Gaza equivalgono [in percentuale] a 18000 morti in Gran Bretagna. Provate ad immaginare, se potete.

Poi ci sono gli accademici, i rettori, i professori e i ricercatori. Perché tacciono mentre vedono un’università venire bombardata e sentono l’Associazione dei Professori Universitari di Gaza chiedere aiuto? Le università brittanniche sono, come ritiene Terry Eagleton, nient’altro che dei “supermercati intellettuali, che sfornano merci note come laureati anziché frutta e verdura”[1]?

Poi ci sono gli scrittori. In quell’oscuro anno che fu il 1939, si tenne alla Carnegie Hall di New York il terzo congresso degli scrittori e quelli come Thomas Mann ed Albert Einstein inviarono messaggi ed intervennero per assicurarsi che la bugia del silenzio avesse fine. Secondo una testimonianza, in 3500 riempirono l’auditorium ed un centinaio di persone fu mandato via. Oggi, questa potente voce carica di realismo e moralità è considerata obsoleta; le pagine delle riviste letterarie ostentano un’altezzosità ironica di mancanza di attualità; il falso simbolismo è tutto. Per quanto riguarda i lettori, la loro immaginazione politica e morale deve essere sedata, non accesa. L’anti-musulmano Martin Amis espresse bene questo in Visiting Mrs. Nabokov: “Il dominio del sé non è un difetto, è una caratteristica dell’evoluzione; è come stanno le cose”.

Se questo è lo stato in cui sono le cose, siamo regrediti come società civilizzata. Perché quello che succede a Gaza è il momento determinante della nostra epoca, che o concede all’impunità dei criminali di guerra l’immunità del nostro silenzio, mentre travisiamo il nostro intelletto e la nostra moralità, o ci dà il potere di alzare la voce. Per il momento preferisco il mio ricordo di Gaza: del coraggio e della resistenza delle persone e della loro “umanità luminosa”, come la definì Karma Nabulsi. Durante il mio ultimo viaggio da quelle parti, sono stato ricompensato con uno spettacolo di bandiere palestinesi che sventolavano in luoghi improbabili. Era il crepuscolo e lo avevano fatto i bambini. Nessuno aveva chiesto loro di farlo. Avevano realizzato delle aste per le bandiere legando dei bastoni tra di loro, e un numero ridotto di quei bambini salì su un muro e ressero la bandiera tra loro, alcuni in silenzio, altri gridando. Fanno questa cosa ogni giorno quando sanno che gli stranieri se ne stanno andando, convinti che il mondo non si dimenticherà di loro.

NOTA DEL TRADUTTORE

[1] Nella versione originale le università vengono paragonate alla nota catena di supermercati inglese Tesco.

John Pilger è nato e cresciuto a Sydney, Australia e vive attualmente a Londra. E’ stato corrispondente di guerra, regista e commediografo. Ha scritto da molti paesi e ha vinto due volte il titolo di “Giornalista dell’Anno”, il maggior premio giornalistico britannico, per i suoi lavori in Vietnam e Cambogia.

Titolo originale: “Holocaust Denied”

Fonte: http://www.antiwar.com
Link
08.01.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ANDREA B.

Pubblicato da Das schloss

  • tersite

    …ma è l’indifferenza l’arma più potente del mondo, quella che dovremmo usare noi quando siamo chiamati alle urne o quando transitiamo davanti a un edicola o un centro commerciale.
    Non basta boicottare i prodotti di uno stato.
    Dobbiamo imporre la nostra totale indifferenza sull’indifferente, spesso nostro amico o parente, fino al punto di ignorare la sua sofferenza.
    Dobbiamo disinnescare la nostra parte emozionale al cospetto di chi non ce l’ha, anche se ci somiglia e magari ci affascina pure.

  • adriano_53

    grazie andrea b.

    per far fronte a ciò che dice pilger sulla palestina, in questo articolo e nei suoi libri, senza morire di vergogna per la paura appartenere a questo silenzio complice ed assassino, si deve considerare la questione palestinese come una questione di “lunga durata”, nel senso storico, braudeliano, del termine.
    dopo quasi un secolo dalla dichiarazione Balfour, a sessantanni dalla nakba cos’è Israele? Un paese senza Costituzione e quindi senza Legge e quindi senza Legittimità Morale. E difatti, come dimostra la sua storia, esso può esistere solo in uno stato di conflitto permanente, di guerra continua e di perpetua mobilitazione contro il nemico. Ma neppure la scomparsa dell’ultimo palestinese potrebbe trasformare i gruppi briganteschi di Israele in un paese normale, in una nazione, in uno Stato. Senza scomodare l’idea tedesca del Blut and Boden è evidente che gli israeliani non appartengono alla Palestina e sono destinati ad annullarsi perchè non sono portatori di una civiltà e di una cultura superiore a quella che la palestina già possedeva e possiede: unico caso storicamente accertabile in cui il Genius Loci accetti la sostituzione della sua componente umana.
    Per quante sofferenze, dolori e lutti i palestinesi dovranno acora sopportare non ho alcun dubbio sull’esito finale: i palestinesi erano in palestina al tempo in cui vennero gli egizi, in cui vennero gli ebrei, in cui vennero i romani, in cui vennero i bizantini, in cui vennero gli arabi, in cui vennero i cristiani, in cui vennero i turchi, in cui vennero gli inglesi, in cui vennero gli israeliani. Tutti costoro vennero, chi per lungo chi per poco tempo, e tutti costoro se ne andarono. Se ne andrà anche questa cosa grottesca che è israele e la palestina, come sempre ha fatto, riaccoglierà la sua gente: i palestinesi.