Home / ComeDonChisciotte / NUCLEARE FRANCESE UNA FUGA DIETRO L'ALTRA

NUCLEARE FRANCESE UNA FUGA DIETRO L'ALTRA


DI MARCO CEDOLIN

Tricastin, Romans – Sur – Isere, Saint Alban e ancora Tricastin. Nelle centrali nucleari francesi si susseguono le fughe radioattive e per la quarta volta negli ultimi 20 giorni è scattato l’allarme rosso in un impianto transalpino, in un periodo già molto travagliato per l’atomo europeo dopo l’incidente accaduto ai primi di giugno in Slovenia nella centrale nucleare di Krsko ed i 4 incidenti registrati in Spagna a luglio in soli 12 giorni nella centrale nucleare di Cofrentes nei pressi di Valencia.

A Tricastin lo scorso 8 luglio le autorità francesi resero nota la fuoriuscita nell’ambiente, avvenuta il giorno precedente, di 74 kg di uranio. A Romans – Sur – Isere lo scorso 18 luglio l’Autorithy per la sicurezza nucleare francese ammise la fuoriuscita di acque contaminate da elementi radioattivi, pur assicurando che l’incidente non aveva determinato impatti ambientali. A Saint Alban lo scorso 21 luglio 15 operai vennero contaminati dalla fuoriuscita di liquido radioattivo. Ieri 23 luglio, nuovamente a Tricastin 100 operai sono stati contaminati da elementi radioattivi di cobalto 58 fuoriusciti da una tubatura del reattore numero 4 fermo per manutenzione ed immediatamente evacuati dalla centrale.
Proprio intorno al sito nucleare di Tricastin, fra i più grandi al mondo, che non comprende solo la centrale, ma anche una serie di laboratori che lavorano l’uranio grezzo e depositi per le scorie radioattive, sembrano emergere molti scampoli di realtà, fino ad oggi sottaciuti, in grado d’incrinare più di una certezza riguardo alla capacità francese di gestire al meglio le conseguenze di quella sorta di “patto con l’atomo” che in Francia (dove il 78% dell’energia consumata viene prodotta dalle centrali nucleari) ha creato il mito dell’energia “facile”, pulita ed a buon mercato.

Gli incidenti nel sito di Tricastin avvengono da oltre 30 anni, anche se spesso sia la dinamica sia le conseguenze degli stessi sono state tenute nascoste per evitare polemiche e proteste.
Già dal 1964, prima ancora che sorgesse la centrale, il sito ospitava un deposito di scorie radioattive, provenienti da una vecchia fabbrica militare per l’arricchimento dell’uranio, stoccate senza alcuna precauzione, che avrebbero determinato nel corso del tempo la migrazione di 900 chilogrammi di uranio all’interno delle acque sotterranee che riforniscono i pozzi delle famiglie della zona. Ad esso si è aggiunto il deposito per scorie nucleari della Sogema, la società che a Tricastin arricchiva l’uranio per la costruzione degli ordigni nucleari, che contiene 700 tonnellate di scorie radioattive sepolte sotto un cumulo di quattro metri di terra
Nel 1986 una fuga di esafluoruro d’uranio dalla centrale portò il livello di radioattività dell’aria a 130 bequerel per metro cubo, «quando il dato normale è di 0.00001». Nel 1991 si verificò lo sgocciolamento di nitrato d’uranio sulla ferrovia della Sogema,. Nel 1997 si verificò una fuga di uranio arricchito nei terreni. Solamente un paio di settimane fa a due chilometri di distanza dalla centrale sono state trovate falde freatiche e pozzi privati dove il tasso di uranio rilevato dall’Istituto di radioprotezione e sicurezza nucleare Irsn, arrivava a punte di 64 microgrammi per litro, ben oltre i 15 ammessi dall’Oms per dichiarare potabile l’acqua.

Energia facile, pulita ed a buon mercato che inizia a manifestarsi sempre più lontana da una realtà costretta a specchiarsi con il dramma dei lavoratori sottoposti alla contaminazione radioattiva e degli abitanti dei comuni che sorgono in prossimità del sito di Tricastin, costretti a convivere con la paura e privati perfino dell’acqua, essendo ormai proibito berla, nuotarci, mangiarne il pesce ed irrigare i campi, destinati ad inaridire in questa fetta di pianura francese immolata, come tante altre, sull’altare di un atomo che sta iniziando a scolorare e preoccupare sempre più.

Fonte: http://marcocedolin.blogspot.com
Link
24.07.2008

Pubblicato da Das schloss

  • LonanHista

    Constatazione:
    la francia è il paese che in assoluto sfrutta produce e vende energia tratta dal nucleare in percentuale maggiore al mondo.(SE NON ERRO E MI SI CORREGGA SE SBAGLIO,IN FRANCIA IL 70% DELL’ENERGIA PER SCOPI CIVILI ED INDUSTRIALI è TRATTA DAL NUCLEARE…E ANCHE L’ITALIA DIPENDE DAL “NUCLEARE” FRANCESE, POICHé IMPORTA ENERGIA DALLA FRANCIA)

    QUINDI il nucleare per i francesi è un asset altamente strategico, che difendono in ogni modo, pur non disponendo del copyright sul nucleare.

    (comunque suona strano il fatto che negli anni in cui i francesi sviluppavano il nucleare per scopi civili, gli stessi francesi fornivano ad Israele il know-now per il nucleare militare. Forse gli israeliani controllavano la materia prima, cioè l’uranio che occorreva ed occorre ai francesi?
    ..è una domanda).

    Oggi si torna a parlare, perlomeno in Italia dello sviluppo del nucleare civile. Ovviamente è la lobby nucleare che preme, perché ad un paese come il nostro, conviene rinunciare del tutto al nucleare, poiché ripartire da zero oltre ai costi esorbitanti che non compensano i benefici a cominciare dal fatto che il nucleare al limite potrebbe coprire solo il 10% del fabbisogno, quindi zero anzi sotto zero constatato il rapporto costi benefici, OCCORRE, ED è LA COSA PIù SCONVENIENTE, DIPENDERE SOTTO OGNI ASPETTO DA ENTITà ESTERNE VARIE, magari non collegate tra loro o peggio in competizione,per la tecnologia, lo sviluppo il carburante nucleare(uranio)il trattamento delle scorie eyc e quindi CONVIENE CONTINUARE AD ACQUISIRE IL PRODOTTO FINITO DA CHI LO PRODUCE O AL LIMITE INVESTIRE ALL’ESTERO DOVE GIà, COME NELLA REPUBBLICA CECA O SLOVENIA, ESISTONO IMPIANTI ATTIVI.

    L’unico vantaggio del nucleare per paesi come il nostro che in sostanza nulla sanno e dispongono sul nucleare, è PER LA LOBBY NUCLEARE, MOLTO FORTE E VICINA NON SOLO AGLI AMBIENTI INTERNAZIONALI DEL PD
    ma in tutto l’arco politico(anche i politici tengono famiglia e vuoi mettere le mazzette della lobby nucleare pagate estero su estero?).

    A prescindere da queste considerazioni e aggiungendo che fra 15-20 anni il nucleare sarà “seppellito” da altre alternative più sicure ed economiche e che al limite in Italia potremmo smontare le 100 testate nucleari che appartengono agli Usa(ai nostri padroni colonizzatori) e sono stoccate a ghedi, aviano etc ogni volta che si torna a smuovere l’opinione pubblica sul nucleare succede qualche incidente e fuga radioattiva.

    IN SOSTANZA I FRANCESI ED ANCHE GLI INGLESI PUR DI DIFENDERE LE LORO RISORSE STRATEGICHE INSCENANO QUALCHE INCIDENTE IN MODO DA CONDIZIONARE L’OPINIONE PUBBLICA INTERNAZIONALE E SOPRATTUTTO DI QUEI PAESI COME IL NOSTRO SCETTICI SUL NUCLEARE.

    Cioè questi incidenti SONO FASULLI, BUFALE, per allarmare l’opinione pubblica allo scopo di mantenere il copyright sul nucleare.

    Ovvio che non ci sono prove.MA GLI INCIDENTE VERI QUANDO CAPITANO NON VENGONO MICA RACCONTATI.

  • cesco

    Secondo me i francesi (e gli sloveni prima di loro) stanno inscenando questi incidenti per persuadere gl’italiani a non costruire centrali nucleari.
    Non perchè temano la concorrenza del nostro paese, ma perchè sanno che un paese neppure in grado di gestire la normale monnezza, con le centrali nucleari combinerebbe disastri apocalittici.

  • antsr

    Riporto quest’articolo ancora validissimo: Il Bidone Nucleare Di Ugo Bardi 6 Ottobre 2007 – http://www.aspoitalia.blogspot.com – =Dove sono piazzate le centrali nucleari francesi? Ce ne sono sei una dopo l’altra in un arco che va lungo le Alpi, a ridosso del confine con l’Italia. Perché mai saranno tutte quante proprio li’? C’è chi ha parlato di questioni di sicurezza, chi dell’acqua del Rodano da usare per il raffreddamento. Può darsi, ma la sicurezza varia poco da un posto a un altro e la Francia è un paese generalmente ricco di acqua. La spiegazione sembrerebbe un’altra; una che ha a che fare con l’uso che si fa delle centrali nucleari, ovvero la produzione di energia elettrica. Usando linee ad alta tensione, l’energia elettrica si può trasportare anche a parecchie centinaia di chilometri di distanza ma, comunque, a costo di una certa perdita. Per questo, conviene che le centrali siano costruite vicino agli utenti. Ora, se i Francesi hanno costruito le loro centrali il più vicino possibile all’Italia è probabile che fin dall’inizio progettassero di vendere l’energia all’Italia, come stanno facendo da almeno vent’anni. Ora, vorrei provare a fare un’ipotesi complottista. Più di una volta ho detto male di chi vede complotti dappertutto ma è vero anche che i complotti esistono e certe volte è proprio difficile ignorarli. Non vi viene in mente l’idea che il referendum antinucleare del 1987 sia stato un complotto, ovvero il modo per rifilarci un bel “bidone nucleare” da parte dei nostri vicini di casa francesi? A seconda della parte da cui uno sta, il referendum del 1987 si può vedere come una grande vittoria degli ambientalisti in favore della sicurezza e della sanità pubblica, oppure come un vile colpo alla schiena contro un’industria alla quale l’ideologia degli ecofanatici ha impedito di svilupparsi sfruttando ignobilmente l’onda emotiva del disastro di Chernobyl del 1986. L’una o l’altra di queste versioni degli eventi fanno comodo, rispettivamente, agli ambientalisti, che possono vantarsi di una grande vittoria, e ai nuclearisti, che possono dare la colpa agli ambientalisti per il mancato sviluppo delle centrali nucleari italiane. Ma siamo proprio sicuri che le cose siano andate veramente così? Per prima cosa, consideriamo che il movimento ambientalista italiano non è mai riuscito a ottenere una vittoria importante nella sua storia, nemmeno contro la caccia ai fringuelli. E’ strano che sia riuscito a impallinare così facilmente un’industria importante come quella nucleare. E’ curioso poi che l’Italia sia l’unico paese al mondo che abbia smantellato centrali funzionanti o in corso avanzato di costruzione. Ci sono diversi paesi in Europa che non hanno centrali nucleari (per esempio Grecia e Austria) e altri che si sono impegnati nel non costruirne di nuove oltre a quelle esistenti (come la Germania). Ma nessuno ha smantellato le proprie centrali prima della fine della loro vita operativa. L’Italia è una vera anomalia energetica. Dall’altra parte, come sapete, la Francia ha puntato tutto o quasi sulla fissione nucleare per la propria energia elettrica. La Francia è il solo paese al mondo che ha fatto una cosa del genere e anche questa è un’anomalia, diametralmente opposta a quella italiana. Non potrebbe darsi che le due confinanti anomalie si spieghino l’una con l’altra? Mettiamoci dal punto di vista dei francesi negli anni ’60 e ’70. Avevano deciso di potenziare al massimo la produzione di energia nucleare. Avevano la tecnologia e le risorse, la Francia aveva addirittura delle miniere di uranio sul territorio nazionale. Però avevano un problema: l’energia nucleare si adatta male alla caratteristica di domanda variabile di energia elettrica. La potenza immessa nella rete elettrica varia continuamente a seconda della domanda. Di giorno c’è un picco di richiesta mentre di notte se ne richiede molta meno. La richiesta varia anche stagionalmente, con dei picchi in inverno e anche in estate per i condizionatori d’aria. In una rete tipica ci sono degli impianti, di solito turbine a gas, che funzionano in modo intermittente per seguire la variazione. La notte, quando la richiesta è bassa, molti impianti a combustibile fossile vengono semplicemente spenti. Seguire la richiesta variabile della rete è una cosa difficile con le centrali nucleari. Sono di solito impianti molto grandi; con potenze intorno al gigawatt (GW) o di più, che non sono agevoli da accendere o spegnere. Questo non vuol dire che non si potrebbero progettare delle centrali nucleari in grado di seguire la domanda, ma il problema è un altro. Nelle centrali nucleari, il combustibile (uranio) che genera il calore costa abbastanza poco rispetto al costo totale dell’impianto e quindi il costo dell’energia prodotta dipende principalmente dai costi di ammortamento. Per ridurre questi costi al massimo, bisogna che l’impianto funzioni 24 ore su 24 a tutta potenza. E’ così che la maggior parte delle centrali nucleari sono progettate. Spegnere la centrale ogni tanto vorrebbe dire ridurre la produzione lasciando invariati i costi; ovvero aumentare i costi del kWh prodotto. Il contrario vale per le centrali a combustibili fossili dove il costo principale è dovuto al combustibile stesso. A centrale spenta, non si consuma combustibile, per cui conviene tenerla spenta, se possibile. Quindi, i Francesi si trovavano davanti a un problema con la loro idea di usare quasi esclusivamente il nucleare per la loro energia elettrica. Per coprire la richiesta di picco avrebbero dovuto sovradimensionare gli impianti rispetto ai momenti di bassa domanda, ma questo li avrebbe costretti a buttar via un sacco di energia. Oppure potrebbero aver limitato le centrali al numero che avrebbe permesso di tenerle sempre al massimo della potenza; ma allora non avrebbero potuto coprire tutta la richiesta. Arriviamo ora al complotto: i Francesi devono aver pensato a questo punto “Beh, l’energia che produciamo in eccesso con le nostre centrali la possiamo vendere ai nostri vicini!”. Si sono guardati intorno e hanno visto che la Germania e la Svizzera avevano già le loro centrali; la Spagna a quei tempi non assorbiva tanta energia. L’Italia era invece affamata di energia: proprio dirimpetto c’era la pianura Padana, una delle più grandi zone industriali d’Europa, a una distanza sufficientemente breve da poter essere raggiunta con elettrodotti ad alta tensione. Il cliente perfetto del nucleare francese. Il problema era che a quei tempi l’Italia aveva un programma nucleare assai evoluto e all’avanguardia. Era forse più indietro di quello francese, ma se si fossero costruite le centrali nucleari italiane previste, non ci sarebbe stata più la necessità di importare energia dalla Francia. Da qui in poi, non possiamo fare altro che delle ipotesi. Come sempre, quando si parla di queste cose, non possiamo portare prove di nessun genere. Cerchiamo di evitare il complottismo di bassa lega, ma non possiamo fare a meno di notare che c’era una convergenza di ragioni per le quali era conveniente per qualcuno che l’Italia uscisse dal nucleare. A livello strategico, l’Italia è stata considerata per molti anni un alleato inaffidabile. Fino al crollo dell’Unione Sovietica, c’era ancora la preoccupazione che i comunisti avrebbero potuto prendere il potere e trascinare l’Italia nel patto di Varsavia che, a quel punto, avrebbe avuto accesso fra le altre cose anche alla tecnologia nucleare occidentale. Oppure, si temeva che l’Italia avrebbe potuto fare una politica nucleare indipendente e non tutti sanno che, come ci racconta Paolo Cacace nel suo Libro “L’atomica europea”.l’Italia progettava di costruire armi nucleari insieme a Germania e Francia negli anni 1950. Di certo, un’Italia senza energia nucleare era un buon cliente per il nucleare francese e non avrebbe fatto concorrenza a nessuno in quello che si vedeva allora come un mercato in espansione: quello dell’energia nucleare in tutto il mondo. E’ impossibile dire come tutte queste pressioni si siano coalizzate fino a produrre il referendum del 1987; ma sicuramente c’erano delle forze imponenti che non volevano un’Italia nucleare
    e che hanno colto l’occasione dell’ondata emotiva del disastro di Chernobyl per distruggere l’industria nucleare italiana. In effetti, la storia dell’industria nucleare italiana somiglia per diversi aspetti a quella dell’industria petrolifera al tempo di Enrico Mattei. In tutti e due casi, il tentativo di fare una politica energetica indipendente da parte dell’Italia fallì per l’opposizione di forze molto più potenti di quelle che l’Italia poteva mettere in campo. Nel 1962, Mattei pagò con la vita il suo tentativo. Andò meglio, in un certo senso, a Felice Ippolito, presidente del CNEN (comitato nazionale per l’energia nucleare) che fu processato nel 1964 per illeciti amministrativi e condannato a 11 anni di carcere. I reati che gli furono contestati erano ridicoli ma, ai fini pratici, anche lui fu messo in condizioni di non poter più agire. E così Francia e Italia si sono trovate a braccetto per vent’anni. L’Italia cliente del nucleare francese, la Francia cliente della capacità del sistema energetico italiano di assorbire parte dell’energia in eccesso prodotta dalle centrali francesi. La situazione si è evoluta negli anni e il grande black-out del 2003 ha fatto si che la dipendenza italiana dalle centrali Francesi sia stata nettamente ridotta per evitare ripetizioni. Ma rimane il fatto che l’Italia è un cliente dell’energia nucleare francese. In un certo senso, è stato un buon affare per tutti e due i paesi. Si potrebbe arguire, addirittura, che l’affare migliore l’ha fatto l’Italia che non ha avuto la necessità di doversi impegnare negli investimenti necessari per costruire centrali nucleari sul proprio territorio. Ma, ahimé, come si suol dire “i nodi vengono al pettine”. L’iperspecializzazione a lungo andare non paga. Se la Francia si è iperspecializzata nel nucleare, l’Italia si è iperspecializzata nei combustibili fossili. Entrambi si trovano oggi in difficoltà. Da una parte, la Francia ha esaurito da un pezzo le proprie miniere di uranio ed è costretta a rifornirsi sul mercato internazionale. Ma la situazione delle forniture di uranio è estremamente difficile con la produzione mineraria mondiale che copre solo circa il 60% della domanda e con poche prospettive di grandi espansioni nel futuro. Per ora, i francesi si riforniscono con uranio ricavato da vecchie testate nucleari sovietiche smantellate. Questo potrà durare ancora qualche anno, ma dopo? A che prezzi l’uranio? Ci sarà uranio da comprare, anche a qualsiasi prezzo? In aggiunta, le centrali nucleari francesi hanno funzionato ormai per molti anni e si pone il problema dello smantellamento e della bonifica dei siti. Già questo è destinato a costare cifre immense, ma il problema è un altro: vale la pena di impegnare le enormi risorse necessarie a ricostruire le centrali senza la sicurezza di poterle rifornire di uranio? Il fallimento della politica nucleare Francese, in effetti, è cominciato molto tempo fa, con il costoso fallimento del reattore a neutroni veloci “Superphénix” che avrebbe dovuto risolvere tutti i problemi di scarsità di uranio fissile producendo combustibile a partire da una forma di uranio non fissile e abbondante. Certamente, la centrale incontrò dei grossi problemi tecnici, ma non tutto è chiaro sulle ragioni della sua chiusura. Superphénix fu sabotata più volte e addirittura attaccata a colpi di bazooka nel 1982. Più tardi, esponenti dell’ambientalismo svizzero si addossarono la responsabilità dell’attacco anche se, va detto, l’arma usata non era tanto comune fra gli eco-pacifisti. Da parte sua, l’Italia si trova in guai forse peggiori. La crisi del petrolio e dei fossili sta colpendo molto duramente un paese che aveva fatto della raffinazione una delle sue industrie portanti. Tutto il sistema industriale italiano si basa su energia che viene dai fossili: l’aumento dei prezzi di mercato lo sta mettendo in una crisi che potrebbe essere terminale. Né la Francia né l’Italia hanno investito seriamente nell’energia rinnovabile e ora si trovano terribilmente indietro rispetto ad altri paesi, come la Germania, la Cina, e il Giappone che lo hanno fatto e lo stanno facendo. C’è ancora tempo per rimediare, forse, ma in entrambi i paesi, la virata verso l’unica direzione possibile si sta ancora facendo attendere. In Francia, si cerca di insistere con il nucleare, sognando di un difficilissimo ritorno ai reattori veloci. Non è impossibile, ma dopo il fallimento del Superphénix bisognerebbe ricominciare da zero e non c’è più tempo con la crisi del petrolio non più alle porte ma ormai arrivata. Anche in Italia, c’è chi sogna un ritorno al nucleare. Non sarebbe forse impossibile: in fondo l’opposizione internazionale al nucleare Italiano dovrebbe essersi molto ridotta dopo il crollo dell’Unione Sovietica. Ma le difficoltà sono immense. Dopo la distruzione delle competenze e degli investimenti italiani nel nucleare si tratterebbe oggi di ricominciare da zero. E l’Italia si trova di fronte allo stesso problema della Francia: chi può garantire che ci sarà uranio sufficiente per garantire il ritorno degli enormi investimenti per nuove centrali? In Italia, la virata verso le rinnovabili sarebbe molto più facile che in Francia dato che non c’è un parco di centrali nucleari da smantellare a costi immensi. Per cui, è strana tanta lentezza e tanta resistenza in Italia. Lacci burocratici di ogni sorta, leggi che sembrano fatte apposta per scoraggiare chi vuole installare le rinnovabili; “leggi truffa” con le quali si dice che si vogliono finanziare le rinnovabili e invece si finanzia l’incenerimento. Come ciliegina sulla torta, l’Italia è probabilmente l’unico paese al mondo dove c’è gente che scrive libri interi per dimostrare che le rinnovabili non servono a niente e trova anche chi li compra. E’ possibile che ci sia un complotto contro le rinnovabili, così come potrebbe essercene stato uno ai suoi tempi contro il nucleare? Sembrerebbe di no. A differenza del caso dell’industria nucleare, l’industria delle rinnovabili non ha particolari risvolti strategici. Se l’Italia si lanciasse in quella direzione, nessuno ha particolare interesse a impedircelo. Se ci sta arrivando sulla testa un nuovo bidone, quello di non fare l’energia rinnovabile, è un bidone che ci stiamo tirando addosso da noi stessi per ignoranza e stupidità.