Home / Attualità / Neue Zürcher Zeitung: Kiev è in attesa di prestiti, mentre l’FMI di garanzie che non verranno rubati

Neue Zürcher Zeitung: Kiev è in attesa di prestiti, mentre l’FMI di garanzie che non verranno rubati

FONTE: FONDSK.RU

Il mercato finanziario ucraino è in attesa nervosa di accordi

 La Neue Zürcher Zeitung – il più antico quotidiano in Svizzera, pubblicato dal 1780 – ha prestato attenzione al mercato finanziario ucraino, che oggi vive nella speranza di un nuovo prestito dell’FMI.

“Il nervosismo si osserva sul mercato finanziario ucraino: le autorità riusciranno a raggiungere un accordo con il Fondo Monetario Internazionale? Nuovi prestiti sono di vitale importanza per prevenire una crisi valutaria. Il mercato finanziario ucraino sta trattenendo il respiro e sta osservando i tentativi del governo di negoziare con l’FMI. Ma i negoziati prolungati rimangono senza successo”, riferisce l’autore dell’articolo Matthias Benz.

C’è motivo di nervosismo per i partecipanti al mercato finanziario: la situazione nel Paese peggiora di mese in mese. A causa del fatto che negli ultimi tempi molti Paesi in via di sviluppo hanno avuto problemi, l’Ucraina non fatto eccezione: “… il tasso di cambio della grivna è diminuito drasticamente e la disponibilità di prestiti in dollari a Kiev ha solo aggravato la situazione. E se a questo si aggiunge anche una correzione nei mercati azionari internazionali, la situazione si aggraverà vieppiù.” Il Neue Zürcher Zeitung dà per l’Ucraina tale previsione pessima.

“Nonostante i significativi progressi nell’attuazione delle riforme economiche, la situazione in Ucraina è ancora molto fragile. In vista delle elezioni presidenziali e parlamentari del prossimo anno l’instabilità politica rimane. Inoltre, il governo deve rimborsare (o rifinanziare) un enorme debito estero nei prossimi 12 mesi. Secondo la maggior parte delle previsioni, ciò non sarà possibile senza un nuovo accordo con l’FMI. L’accordo dipende, in primo luogo, da nuovi prestiti da parte del Fondo e da altri finanziatori per circa 4 miliardi di dollari (il 4% del PIL ucraino). E in secondo luogo, l’Ucraina solo con il sostegno del Fondo Monetario Internazionale sarà in grado di ottenere nuovi denari sui mercati internazionali del capitale”, scrive la pubblicazione.

L’autore della Neue Zürcher Zeitung nota che Kiev non ha altre opzioni: soltanto negoziare con l’FMI a ogni costo, altrimenti il Paese è minacciato da una crisi valutaria e del debito. Pertanto, è sorpreso del fatto che la risoluzione delle questioni con i rappresentanti del Fondo Monetario Internazionale, che hanno visitato Kiev in settembre, sia stata un fallimento.

“Ovviamente, entrambe le parti hanno bisogno di più tempo. Secondo i dati di fonti informate, nel marzo 2019 la direzione del Fondo Monetario Internazionale intende sostituire l’Extended Fund Facility(1) quadriennale, in scadenza, con un regolare programma di sostegno annuale. Ciò fornirebbe all’Ucraina un finanziamento per il periodo post-elettorale, ma il Fondo Monetario Internazionale, a sua volta, richiede sicure garanzie”, racconta [Matthias Benz] i piani del Fondo Monetario Internazionale nei confronti dell’Ucraina per il prossimo futuro.

Gli ambienti politici ucraini sono persino pronti a “inghiottire l’amara pillola” e ad adottare misure impopolari nei confronti della popolazione, come l’aumento dei prezzi del gas per le persone fisiche. Ma il principale motivo di contesa è diventato il bilancio dello Stato per il 2019. Le malelingue a Kiev affermano che gli esperti dell’FMI hanno chiesto di revisionare completamente il bilancio per garantire che i politici non sprechino tutte le risorse allocate ancor prima delle elezioni. La votazione sul bilancio in Parlamento avrà luogo non prima di inizio dicembre. Quindi si deve attendere pazientemente, finché il Fondo Monetario Internazionale e Kiev siano in grado di mettersi d’accordo, fa appello la Neue Zürcher Zeitung.

Sembra che in Occidente abbiano perfettamente analizzato le capacità delle autorità ucraine di rubare tutto ciò su cui si possono mettere le mani, e ora stanno aspettando le garanzie di Kiev che questo non accadrà con la prossima tranche dell’FMI.

 

Fonte: https://www.fondsk.ru/news/

Link:  https://www.fondsk.ru/news/2018/10/16/neue-zuercher-zeitung-kiev-zhdet-kreditov-mvf-garantij-chto-ih-ne-ukradut-46963.html

16/10/2018

Scelto e Tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

 

Nota a cura del traduttore

 

  • L’Extended Fund Facility è stato istituito per fornire assistenza ai Paesi: (i) che sperimentano seri squilibri nei pagamenti a causa di impedimenti strutturali; o (ii) caratterizzati da una crescita lenta e da una posizione di bilancia dei pagamenti intrinsecamente debole. L’Extended Fund Facility fornisce assistenza in sostegno di programmi globali che comprendono politiche della portata e del carattere richieste per correggere squilibri strutturali per un periodo prolungato.

 

Fonte:

https://www.imf.org/en/About/Factsheets/Sheets/2016/08/01/20/56/Extended-Fund-Facility

Traduzione dall’Inglese all’Italiano

Pubblicato da Davide