Home / ComeDonChisciotte / NESSUNO SI ASPETTA L'INQUISIZIONE AMERICANA!

NESSUNO SI ASPETTA L'INQUISIZIONE AMERICANA!

(Un omaggio al leggendario sketch dell’Inquisizione Spagnola dei Monty Python)

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times

[Casa Bianca, Studio Ovale]

Vice Presidente Joe Biden [percorrendo con ansia la stanza]: Signor Presidente. Il Mullah Omar, leader Talebano con un occhio solo, ha appena detto che dobbiamo fuggire il prima possibile dall’inferno dell’Afghanistan. E ha detto che i Talebani stanno vincendo la guerra.

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama [contemplando un pallone da basket]: Non c’è da stupirsi che io qui non possa gestire nulla. Perchè questi “Coinistas” (esperti di repressione delle insurrezioni, NdT) non possono servirmi su un piatto la testa di Omar? So anche che vive a Quetta [in Pakistan]. E perchè non possono seguire le tracce di Osama Bin Laden? Che stanno facendo queste Forze Speciali, stanno guardando Mad Men sulla Tv via cavo?

Biden: Signor Presidente, mi creda, siamo noi che stiamo vincendo, non loro.Obama: Oh, no, no, no, Joe. Datti una calmata su questo affare AfPak (Afghanistan-Pakistan, NdT). I Coinistas vogliono la costruzione di una nazione e la guerra contro i Talebani, che per loro sono la stessa cosa di Al-Qaeda. Tu vuoi solo antiterrorismo contro Al-Qaeda su entrambi i lati dell’AfPak. Qualunque cosa facciamo verremo colpiti nei sondaggi di Novembre. Ho bisogno di un arco narrativo di vittoria qui, Joe!

Biden: Signor Presidente, lei ha terminato la guerra in Iraq la scorsa settimana…

Obama: Non sono stato abbastanza impressionante, Joe. Oltretutto, [George W.] Bush lo ha fatto prima di me, e non ha funzionato.

Biden: Ho paura che ci siano problemi più importanti, Signor Presidente. Architetti e ingegneri per la Verità sull’11 Settembre (Architects and Engineers for 9/11 Truth N.d.r.) si sono riuniti e al National Press Club stavano dicendo a tutti che le Torri Gemelle sono crollate quasi in caduta libera a causa di esplosivi da demolizione programmati. Lo dice qui, Signor Presidente, e io cito: “Un team internazionale di scienziati ha trovato tra la polvere del World Trade Center il materiale composto di nanotermite, fornendo la prima forte prova della presenza di avanzati fuochi pirotecnici o esplosivi tra le macerie del disastro”. Loro vogliono un’indagine del gran giurì del National Institute of Standard and Technology, Signor Presidente.

Obama: Per amor di Dio Joe, puoi immaginare se avessi deciso di riaprire l’11 settembre? Hai visto quel sondaggio la scorsa settimana in cui una gran parte dei Repubblicani ha detto, fammi vedere se ricordo correttamente, che io “sicuramente simpatizzo con gli obiettivi dei fondamentalisti islamici che vogliono imporre la legge islamica in tutto il mondo”? Chi sono queste persone? Qualsiasi cosa io faccia sono un razzista, un radicale amico dell’Islam… Io non mi aspettavo questo tipo di Inquisizione Americana!

[Rumore stridente] [La porta dello Studio Ovale si apre da sé ed entrano un messianico ospite di Fox News e l’autonominatosi portavoce di Dio per gli Stati Uniti, Glenn Beck, fiancheggiati dall’ex candidata alla vicepresidenza e icona del Tea Party Sarah Palin, dall’ex relatore della casa (e aspirante candidato presidente) Newt Gingrich, l’ex ambasciatore USA alle Nazioni Unite (e aspirante candidato presidente) John Bolton, i miliardari fratelli Koch del conglomerato texano sull’energia, e Glenville, il pastore cristiano Terry Jones della frangia estremista della Florida, che brucia nelle sue mani un mini-Corano in omaggio alla sua proposta, poi ritirata, della Giornata Internazionale “Brucia un Corano” per l’11 settembre.]

Beck [ampolloso]: Nessuno si aspetta l’Inquisizione Americana! La nostra arma principale è la sorpresa… sorpresa e terrore… terrore e sorpresa… Le nostre due armi sono terrore e sorpresa… e slogan orecchiabili… Le nostre tre armi sono terrore, sorpresa e slogan orecchiabili… e una quasi fanatica devozione per Dio… Le nostre quattro… no…fra le nostre armi…fra il nostro armamento… ci sono alcuni elementi di terrore, di sorpresa… Tornerò di nuovo.

[L’Inquisizione esce]

Obama: Io non mi aspettavo una specie di Inquisizione Americana!

[Rumore stridente] [Il gruppo fa irruzione, senza Terry Jones, che si è bruciato le mani dando fuoco al Corano]

Palin [squittendo]: Nessuno si aspetta l’Inquisizione Americana! Noi amiamo le armi! Oh, ci puoi scommettere! Ne abbiamo così tante, terrore, sorpresa, slogan orecchiabili, una quasi fanatica devozione per cacciare il lupi dal mio elicottero, queste belle scarpe di cuoio rosso… E posso vedere la Russia da casa mia! Oh, accidenti!? [a Bolton]: Non posso dirlo – dovrai dirlo tu.

Bolton: Cosa??

Palin: Tu dovrai pronunciare il motto su: “Le nostre principali armi sono…”

Bolton [abbastanza impaziente]: Nah, intendiamoci su questo. Dobbiamo correre al pezzo in cui dipingiamo tutti i Musulmani come neonazisti.

[Il gruppo si riunisce di nuovo fuori]

Obama: Io non mi aspettavo una specie di Inquisizione Americana!

[Rumore stridente] [Il gruppo entra]

Bolton: Ehm… Nessuno… uhm… si aspetta… Nessuno si aspetta la… uhm.. Americana…uhm

Beck: Inquisizione ?

Bolton: Lo so, lo so! Nessuno si aspetta l’Inquisizione Americana. In realtà, quelli che se l’aspettano sanno che noi non possiamo essere alla mercé dei terroristi, dobbiamo rivendicare la data dell’11 settembre da questi ingannevoli sostenitori della supremazia Islamica, ed è per questo motivo che correrò per la Presidenza nel 2012.

Gingrich: OK! OK! OK! Stop! Stop. Ah! … le nostre armi principali sono la sorpresa … blah blah blah. Va bene. Glenn, leggi le accuse.

Beck: Con la presente sei accusato di aver commesso eresia contro la bandiera Americana in varie occasioni. Sei un razzista… un tizio che nutre un odio radicato per la gente bianca, la cultura bianca, non so che cos’è. Sei un Musulmano. Non sei neanche nato negli Stati Uniti. Sei un servitore dell’Islam…

Gingrich: E’ abbastanza. [Verso Obama] Ora, come ti dichiari?

Obama: Questo è ridicolo! Certo che sono innocente.

Gingrich: Ha! Ha! Ha! Ha! Ha! [Risata diabolica]

I fratelli Koch [furtivamente]: Noi ti faremo presto cambiare idea a riguardo!

Bolton: Terrore, sorpresa, e finchè siamo a questo, in guerra con tutti i servitori dell’Islam, che ormai sta prendendo il controllo del mondo e ora è il turno dell’America. Su, Glenn, afferra il tappeto da preghiera!

[Beck tira fuori un puzzolente tappeto da preghiera ricevuto da un officiale delle Forze Speciali che lo aveva comprato in Chicken Street a Kabul per $10. Gingrich lo osserva e serra i denti sforzandosi di non perdere il controllo. Canticchia ad alta voce per nascondere la rabbia]

Gingrich: Voi… Bene! Fategli stringere tra le braccia il tappeto!

[I fratelli Koch fanno un penoso tentativo di rubare il tappeto dal grembo del Presidente Obama]

Gingrich: Bene! Come ti dichiari?

Obama [imperturbabile]: Innocente.

Beck: Ah! Bene! Newt, non pensi che dovrebbe inginocchiarsi e pregare?

[Gingrich si trova in imbarazzo, si scrolla le spalle]

Gingrich: Io…

Beck [digrignando i denti]: Lo so, lo so che non puoi.

Gingrich: Io…

Beck: Fingi soltanto, per l’amor di Dio! Ha! Ha! Ha!

[Gingrich come in sogno afferra il tappeto e lo stende sul pavimento. Tutto sfocato, colonna sonora da sogno…] [Taglia bruscamente al gruppo mentre tortura il Segretario di Stato americano Hillary Clinton]

Beck: Ora, vecchia donna – hai tre accuse di eresia – eresia per mezzo di pensieri, parole, scritti e azioni – quattro accuse. Confessi?

Clinton: Non ho la più pallida idea di che cosa sono accusata. Non hai mai visto le mie conferenze stampa?

Beck: Ha! Allora ti faremo capire noi! Glenn! Fetch… i cuscini Islamici!

[Rumore stridente] [Beck tira fuori due cuscini Islamici verdi, prodotti in Cina]

Beck: Ecco qua. Ci credi che li stavano vendendo a Manhattan a pochi metri da Ground Zero?

Gingrich: Ora, vecchia signora – hai la tua ultima possibilità. Confessa l’atroce peccato di eresia, rifiuta le opere dell’empio – due ultime possibilità. E sarai libera – tre ultime possibilità. Tu hai tre ultime possibilità, la cui natura ho reso pubblica nella precedente dichiarazione.

Clinton: Non so di cosa stia parlando.

Gingrich: Bene! Se è questo che vuoi – Bolton! Colpiscila con il cuscino Islamico!

[Bolton dà inizio alla sua patetica tortura]

Gingrich: Confessa! Confessa! Confessa!

Bolton: Non sembra farle del male! Ho sempre pensato che questa donna fosse diabolica!

Gingrich [scagliando via rabbiosamente i cuscini]: Mmm! E’ fatta di un materiale più duro! Glenn! Fletch… la confortevole moschea!

[Rumore stridente][Beck porta avanti una confortevole moschea in miniatura – un modello del centro Islamico progettato per Ground Zero]

Gingrich: Così tu pensi di essere forte perchè puoi sopravvivere ai cuscini Islamici! Bene, vedremo! Datele la confortevole moschea!

[Spingono rozzamente la confortevole moschea in grembo alla Clinton]

Gingrich [con uno sguardo crudele]: Ora, sarai prostrata davanti alla confortevole moschea fino a cena, con solo una tazza di té verde al tramonto. Tempo di pregare, signora! [da parte, a Beck]: E’ davvero questo tutto quello che c’è?

Beck: Dovrebbe essere abbastanza.

Gingrich: Capisco. Penso che avremmo fatto peggio gridando di più, no? Confessa, donna. Confessa! Confessa! Confessa! Confessa!

Titolo originale: “Nobody expects the American inquisition!”

Fonte: http://www.atimes.com/
Link

11.09.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DONATO PINTO

Pubblicato da Das schloss

  • alinaf

    L’inquisizione statunitense
    Presentate come “minacce reali”, queste false crisi costituiscono una copertura della “vera crisi” :
    1- Un attacco nucleare contro gli Stati Uniti da parte di Al-Qaida
    2-Un’emergenza globale della salute pubblica. Una pandemia globale per l’influenza.
    3-I pericoli del riscaldamento globale
    L’obiettivo è quello di distorcere i fatti, creare un’atmosfera di paura e intimidazione così come sopprimere il dissenso e la resistenza popolare contro l’ordine politico ed economico stabilito.
    Ci troviamo di fronte ad un entourage inquisitorio.
    La campagna di paura dietro una falsa crisi ha lo scopo di offuscare le vere crisi- compreso il pericolo di una guerra nucleare- così come di disarmare ogni forma di resistenza e opposizione significativa.
    http://www.vocidallastrada.com/2010/09/crisi-reali-o-crisi-false-nascondono-il.html#more
    Comunque per freschezza di dialogo, preferisco di gran lunga il Vic. Ciao

  • Kiddo

    E’ la prima cosa che mi è venuta in mente leggendo.. Sembra la brutta copia di un post di vic.