Neanche gli dei

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

di Nestor Halak
comedonchisciotte.org

Contro la stupidità neanche gli dei possono nulla

scriveva Schiller.

Ultimamente la stupidità ha conosciuto grande fortuna e gli dei se ne lavano le mani. Certo, anche prima c’erano tante occasioni di darle sfogo, che so, si poteva giocare a gratta e vinci, andare al mare a ferragosto per godersi finalmente un poco di tranquillità, votare per il PD credendo di votare a sinistra, comprarsi un vestito a decine di volte il suo valore solo perché qualcuno ci aveva appeso sopra un cartellino figo, pagare centinaia di euro per mangiare tre spaghetti ai frutti rossi con cardo aromatizzato all’Amarone arrotolati dentro un tondino, convincersi che la Sindone di Torino è il lenzuolo dove è stato avvolto il corpo di Cristo: le occasioni erano innumerevoli e la televisione te ne suggeriva sempre di nuove. Ma erano tutte cose più o meno volontarie. In fondo i giocatori di gratta e vinci facevano risparmiare le tasse a chi non giocava.

La trovata geniale dell’ultimo anno e mezzo è stata quella di rendere la stupidità obbligatoria per legge. Non si vedeva nulla di simile almeno dagli anni trenta, quando ci si tuffava attraverso cerchi di fuoco. Per esempio adesso è obbligatorio fare da cavia gratuitamente per un esperimento medico, portare una maschera per bere un caffè, chiudersi in casa quando lo comanda il capo gioco, portarsi dietro l’autorizzazione scritta (meglio elettronica) ad esistere. Questo ha moltiplicato le occasioni e gli utenti. Siamo arrivati al trionfo della stupidità.

Diciamo la verità, già all’inizio dell’epidemia i conti non tornavano, c’era puzza d’imbroglio, le persone più accorte già dubitavano di quello che diceva la televisione: vigile attesa e paracetamolo non poteva essere una strategia credibile per un morbo letale quale volevano dipingerlo. Era già chiaro che volevano per forza far partire una campagna mondiale di vaccinazione, con un vaccino che nemmeno esisteva, promettendo che sarebbe stata la soluzione rapida e definitiva: come fosse possibile eradicare un virus simile a quello del raffreddore! In realtà era l’affare del secolo, rapido e definitivo. Miliardi di persone da vaccinare, anzi, da abbonare forzosamente al vaccino: il paese del bengodi per i produttori. Nel frattempo arresti domiciliari, mascherate, coprifuoco. Una pacchia per i fanatici del controllo sociale! E inoltre la rovina dell’economia locale: una favola per le grandi corporations!

Ripeto, già allora la ricostruzione televisiva non era credibile, le soluzioni troppo sproporzionate o francamente ridicole, ma era ancora possibile appellarsi a quella che in gergo si chiama la “plausibile negabilità”: d’altra parte non tutti sono aquile. Ma oggi, con oltre il 70% della popolazione vaccinabile vaccinata ed il resto in via di rapida vaccinazione, la pandemia dovrebbe essere abbondantemente superata come da promessa. Ma così non è. O almeno, questo è ciò che la televisione va continuamente ripetendo. In effetti i contagi e i decessi attribuiti al covid dalle statistiche ufficiali continuano ad essere superiori al corrispondente periodo dello scorso anno, in tutti i paesi ad alta vaccinazione.

La spiegazione più logica parrebbe essere che l’efficacia dei vaccini non è poi quella propagandata.

O no? Anche l’introduzione della variante (alfa, beta, gamma, c’è tutto un alfabeto a disposizione), non pare spostare di molto i termini della questione: la panacea come da assicurazioni verissime, doveva debellare la malattia nel suo complesso: la debella o no?
C’è anche chi sostiene che forse proprio il vaccino favorisce la variabilità: molti virologi sconsigliano le vaccinazioni di massa in corso di epidemia, proprio per non indurre una pressione evolutiva sul virus.
Di sicuro in autunno, se la tendenza attuale sarà confermata, l’efficacia del sempre lodato vaccino, non ci farà una gran figura e comincerà ad essere molto difficile giustificare i numeri. Nel frattempo si incolpano della dubbia efficacia … coloro che non sono ancora stati vaccinati!

Parrebbe un evidente non sequitur logico: se il vaccino immunizza al 95% ed il 70% della popolazione è vaccinata, per quanto i non vaccinati possano essere pieni di virus e morire come le mosche, ci dovrebbe essere un significativo calo dei contagi, dei ricoveri e dei decessi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: si osserva invece l’opposto.
Tuttavia, senza alcuna riflessione su tutto ciò, i padroni dell’informazione, ed i loro portavoce televisivi con la faccia indistinguibile dal posteriore, non avanzano dubbio alcuno e cominciano a parlare di una terza dose: pensate che poi non ce ne sarà una quarta?
In Israele, dove innegabilmente molte persone completamente vaccinate si stanno ammalando, la somministrazione della terza dose è già iniziata. Ciò mi ricorda molto un detto attribuito al solito Einstein: follia è fare la stessa cosa sperando di ottenere risultati diversi.

E non tocchiamo neppure il tema degli effetti avversi che, come per ogni farmaco, ci sono pure per i vaccini. In particolare quelli a medio e lungo termine che sono per forza sconosciuti, semplicemente perché non c’è stato il tempo di conoscerli.

Nonostante tutto ciò, a quanto pare, la maggioranza crede ancora ai professoroni televisivi, che fino ad oggi hanno non solo sistematicamente sbagliato ogni previsione, ma anche sostenuto nel tempo tesi differenti adatte al momento: sicuri che la stupidità non ci tenga per mano? Avete ancora voglia di mascherate, coprifuoco, distruzione dell’economia locale, lasciapassare e amenità varie? Quanto costano in termini economici e in termini di vite umane? Più o meno della malattia? Qualcuno ha fatto uno studio serio? Tutto questo assomiglia molto a un suicidio.

Oh, un consiglio: usate sempre la mascherina, anche quando siete da soli, perché si può essere infetti senza saperlo, per cui ci si può autoattaccare la malattia. La mascherina ci da almeno un minimo di protezione. Due mascherine, meglio, ma un sacchetto di plastica ben stretto sul collo, è il rimedio più sicuro!

PS Non fatelo davvero! Almeno non senza il controllo del medico!

 

 

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
58 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
58
0
È il momento di condividere le tue opinionix