Home / ComeDonChisciotte / MESSAGGIO AGLI “EROICI” TRUCIDATORI DI BAMBINI

MESSAGGIO AGLI “EROICI” TRUCIDATORI DI BAMBINI

DI MAURO SANTAYANA
Jornal do Brasil

Scelto e tradotto da Azul

Circola in internet un video di alcuni

secondi, che mostra due bambini di Sirte, mentre ricevono trattamento

in un qualche posto che ricorda un ambulatorio improvvisato. Sono un

bambino, di cinque o sei anni, e una bambina, di età simile. Il bambino

grida di dolore, pur avendo le due mandibole, il mento e la gola lacerate,

probabilmente per le schegge di una bomba. La bambina sta in silenzio,

con lo sguardo rivolto verso il nulla, come se il nulla potesse spiegarle

la sofferenza del bambino, e il calcagno strappato, il piede quasi pendente

dalla gamba. I link delle immagini, qui e qui

Da veterano giornalista, che ha narrato

crimini barbari e incidenti terribili e la dura esperienza di guerre

civili e invasioni militari – ma soprattutto, come padre e nonno –,

confesso che niente mai è penetrato tanto a fondo nella mia tristezza,

come le immagini di quei bambini di Sirte. Di quelli ancora vivi, e

di quelli morti della famiglia Khaled. È stato così possibile immaginare

le migliaia di altri bambini, morti e feriti, in Libia, Afghanistan,

in Iraq, in Palestina.

Di fronte a quelle scene, ho rivisto

il Presidente Barack Obama, la sua elegante sposa e le sue due figlie,

belle, sorridenti, col cane ricevuto in regalo dal padre, perché lo

facessero passeggiare per i giardini della Casa Bianca. Le ho riviste

viaggiando per il mondo, e visitando scuole in Africa e in America Latina.

E sono venuto a sapere dell’allegria di Monsieur Sarkozy di essere di

nuovo padre. Nella sua relativa gioventù, marito di una cantante giovane,

famosa e bella, il presidente della Francia avrà, è quello che tutti

speriamo, anni felici al lato della figlia. La condurrà per mano fra

i sentieri dei giardini di Parigi, e, se gli impegni della politica

glielo permetteranno, le racconterà dei momenti della propria infanzia.

Ascolterà la moglie, con la sua magnifica voce, cantarle le più belle

berceuses. E quando lei diventerà una giovincella, si incanterà

con le canzoni di sua madre, come “Quelqu’un m’a dit

e i suoi versi aperti: “Qualcuno m’ha detto che le nostre vite

non valgono un granché/Passano in un istante, come appassiscono le

rose”.

L’idea che associa la morte dei bambini

– nel caso, una bambina – alla brevità delle rose è di Malherbe,

il grande poeta francese dei secoli XVI e XVII, al quale si attribuisce

l’invenzione del francese letterario. Scrisse il suo famoso poema per

consolare un amico che aveva perso la figlia di sei anni, e riassume

l’omaggio alla bambina, che si chiamava Rose, nel verso conosciuto:

E, rosa, ella visse quello che vivono le rose, lo spazio di una

mattina”.

Un bambino morto, musulmano o ebreo,

negro o nordico, di fame, di epidemie o di incidenti, in qualsiasi parte

del mondo, è una violenza insopportabile contro la vita. I bambini

morti nelle guerre sono un insulto alle ragioni della vita e un grande

dubbio sull’esistenza di Dio, che non sia il Dio degli Eserciti.

David Cameron, partner e concorrente

di Sarkozy nell’avventura libica, è un padre che ha sofferto la

dolorosa perdita del figlio, Ivan, anche lui con sei anni – nel febbraio

del 2009 – sofferente di una forma rara di epilessia. Non è possibile

che, di fronte alle scene di Sirte e nel ricordo del figlio, non senta,

nel cuore, il peso della sua colpa per aver usato armi britanniche nei

bombardamenti sistematici contro le città libiche, fra le quali Sirte,

quella che più ha sofferto, senza tregua, per bombe e missili. La Libia

e le altre nazioni della regione sono state bombardate e occupate dalle

nazioni più potenti dell’Occidente perché hanno le proprie sabbie

bagnate di petrolio. Il petrolio, nella visione di queste nazioni, è

uno dei diritti umani dei ricchi e ben armati.

La specie umana sopravvive solo perché

si rinnova in ogni bambino che nasce. Come nelle riflessioni di Riobaldo,

in un sentiero del grande sertão (regione povera e semi arida

del nord-est del Brasile, N.d.T.), di fronte alla poverissima moglie

che ha dato alla luce: non piangere, no, mia signora; un bambino è

nato, il mondo è cominciato un’altra volta.

I dottori in giornalismo di oggi, che

raccomandano testi freddi, possono vedere in queste riflessioni l’inutile

sentimentalismo di un veterano di fronte alla realtà del mondo.

Ma ci fu un tempo, non molto distante, nel quale il giornalismo era

solidale con le sofferenze dei più deboli, con i perseguitati e gli

affamati di pane e di giustizia.

Infine, God bless America. E

God save the Queen.

**********************************************

Fonte: Mensagem aos “heroicos” trucidadores de crianças

08.11.2011

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da AZUL

Pubblicato da supervice

  • Fabriizio

    bell’articolo!

  • geopardy

    Lode a te Santayana

  • Skaff

    Bell’articolo, ma temo siano parole al vento. Abbiamo da tempo imparato che quella gente (i sarko, i cameron, gli obama…) non vede le cose come le vediamo noi. Si sentono parte di una razza superiore, e la loro prole non ha pari dignita’ rispetto al resto del pianeta, come per noi e’ evidente che sia. Per cui…

  • Tonguessy

    Se dobbiamo valutare il destino della nostra specie basandosi sui crudi numeri dettati dalle scelte politiche che ci vengono imposte non possiamo stare molto allegri. Nel solo Afganistan ci sono 500.000 orfani mutilati. Qui da noi ci sono le giovani generazioni che si trovano costrette a esperienze mutilanti, come le mense scolastiche dal pasto unico fornito da servizi esternalizzati ed erogato a costi improponibili, bombardamento massiccio di pubblicità per farne non cittadini consapevoli ma consumatori dall’inconscio manipolato, per passare poi al lavoro: precariato, cassintegrato, delocalizzato, emigrato, alienato.
    La mutilazione delle nuove generazioni sembra sia diventata la parola d’ordine del NWO. Vogliono un pianeta abitato da vecchi guerrafondai violenti fino al midollo.

  • AlbertoConti

    Obama, Cameron, Sarkozy, sono dei criminali …… che in qualche modo ci rappresentano. Per vivere come viviamo è inevitabile che accadano porcherie nel mondo, ed è ancora poco, è quasi un miracolo questa sorta di “equilibrio” di una macchina tanto complessa. Alla voragine che vediamo c’è un peggio infinitamente più grande, che si profila a grandi passi. E’ ora di svegliarsi, d’invertire la rotta con la forza e il coraggio che solo un barlume di consapevolezza può infondere nelle masse, in ognuno di noi. Le cose giuste le sappiamo; presto dovremo dire perchè non le facciamo.

  • rosa

    Ciao!
    Segnalo che non funzionano i due link alle immagini (a meno che non sia un problema mio…).
    Grazie, ciao.

  • Tao

    Adesso dovrebero essere a posto
    Grazie
    Davide

  • lucamartinelli

    Ottimo articolo che comunque racconta di cose conosciute. Mi piacerebbe che qualcuno raccontasse dei bambini uccisi nei riti massonici in tutta la civile Europa.

  • DenyDeDog

    Penso che sia un problema tuo xke a me si vede cmq se vedi il video spero che non mangi niente, a me e’ salito il caffè su per lo stomaco… non si può andare avanti cosi stiamo inescando la 3a guerra mondiale se un giorno un ali ahmadinajat da iranstan ci lancia un bombetta atomica non mi meraviglerei

  • azul

    @Rosa: I link sono disattualizzati (avevo proposto l’articolo un mese fa), puoi trovare comunque entrambi i contenuti su questo sito: http://redeliberdade.blogspot.com/2011/11/otan-assassina.html

    Il link su youtube è accessibile (oggi) solo se hai un account, ne è stata in pratica limitata la visibilità perchè “potrebbe non essere appropriato per alcuni utenti”.
    Così mentre le porcate iperviolente prodotte da hollywood e i videogames ideati da e per futuri psicopatici assassini sono sempre appropriati e disponibili, le altre nefandezze criminali prodotte dalla Nato (quindi anche da noi), sono quasi nascoste per non urtare troppo la nostra sensibilità occidentale.

    Consiglio comunque a chi non l’avesse già fatto, di non vedere il video. E’ sufficiente la composta e rispettosa descrizione di Santayana, il resto è solo un dolore indelebile dell’anima che potrebbe accompagnarvi per molto tempo.

  • azul

    @Rosa: I link sono disattualizzati (avevo proposto l’articolo un mese fa), puoi trovare comunque entrambi i contenuti su questo sito: http://redeliberdade.blogspot.com/2011/11/otan-assassina.html

    Il link su youtube è accessibile (oggi) solo se hai un account, ne è stata in pratica limitata la visibilità perchè “potrebbe non essere appropriato per alcuni utenti”.
    Così mentre le porcate iperviolente prodotte da hollywood e i videogames ideati da e per futuri psicopatici assassini sono sempre appropriati e disponibili, le altre nefandezze criminali prodotte dalla Nato (quindi anche da noi), sono quasi nascoste per non urtare troppo la nostra sensibilità occidentale.

    Consiglio comunque a chi non l’avesse già fatto, di non vedere il video. E’ sufficiente la composta e rispettosa descrizione di Santayana, il resto è solo un dolore indelebile dell’anima che potrebbe accompagnarvi per molto tempo.

  • azul

    @Rosa: I link sono disattualizzati (avevo proposto l’articolo un mese fa), puoi trovare comunque entrambi i contenuti su questo sito: http://redeliberdade.blogspot.com/2011/11/otan-assassina.html

    Il link su youtube è accessibile (oggi) solo se hai un account, ne è stata in pratica limitata la visibilità perchè “potrebbe non essere appropriato per alcuni utenti”.
    Così mentre le porcate iperviolente prodotte da hollywood e i videogames ideati da e per futuri psicopatici assassini sono sempre appropriati e disponibili, le altre nefandezze criminali prodotte dalla Nato (quindi anche da noi), sono quasi nascoste per non urtare troppo la nostra sensibilità occidentale.

    Consiglio comunque a chi non l’avesse già fatto, di non vedere il video. E’ sufficiente la composta e rispettosa descrizione di Santayana, il resto è solo un dolore indelebile dell’anima che potrebbe accompagnarvi per molto tempo.

  • Ali

    Invece i bambini siriani non sentono niente quando vanno in pezzi poco alla volta…

  • saurowsky

    Non ho capito chi sarebbe il responsabile del dolore di questi bambini…
    Da chi-cosa sono stati feriti?

    saluti

  • dana74

    ed hai immagini dei bambini siriani?
    Io ne ho una sola, un video in cui la madre accusa i terroristi detti ribelli armati dal Qatar Usa Gb e sauditi vari di aver trucidato suo figlio.

    Anche i bimbi libici erano vittime dei bombardamenti di Ghedafi ed andavano salvati, peccato che quei bombardamenti l’esercito di Ghedafi non li avesse mai effettuati.

    Vuoi che i bambini siriani subiscano la sorte dei bimbi libici?
    Hai un bel coraggio.Umanitario.

  • Blackrose4400

    Dalle bombe europee, per la precisione italo-franco-anglo-tedesche. Percké non si intuisce dai video che stavamo esportando la democrazia a Sirte????

  • Blackrose4400

    Certo che dal video si intuisce molto bene che l’esportazione della democrazia è molto positiva per i popoli che vivono sotto regime!!!
    io mi domando come facciamo ancora a sopportare tutto ciò… Il punto è che ogni volta che accendiamo la nostra auto, ogni volta che compriamo un telefonino, ogni volta che gironzoliamo con un carrello per il supermercato abbiamo migliaia di questi bambini sulla coscienza, poiché anche se non siamo gli esecutori materiali di questi abusi, la maggior parte di noi, popoli “civilizzati”, è colpevole di indifferenza che è il male peggiore che si possa fare a questi bambini… Per fortuna sono consolato dal fatto che i lettori di CdC sono sensibili a tutto ciò… Pensate che attualmente siamo di fatto i maggiori seguaci di Cristo, anche se per esempio io non sono mai stato battezzato, e penso che pochi di voi vanno in chiesa la domenica. Questo per denotare il secondo grande male dei popoli civilizzati, l’Ipocrisia…

  • rebel69

    Che brutti pezzi di merda.Non credo in Dio almeno non in un Dio in particolare,ma sono sicuro che tutti quelli che hanno avuto a che fare con quella bomba,da chi la fabbricata la trasportata da chi ha dato l’ordine di sganciarla e chi la sganciata prima o poi in questa vita o in un altra la dovranno pagare.
    Si perchè se non credessi fermamente in questo,vivere e comportarsi onestamente non avrebbe alcun senso.

  • X

    …il Karma è una brutta bestia!

  • bstrnt

    Sarkozy, Cameron, Obama e la megera Clinton e i loro mandanti non sono umani, non possono aver rimorsi semplicemente perché sono parassiti e psicopatici (ammesso che un parassita possa essere psicopatico).