MESSAGGIO AGLI “EROICI” TRUCIDATORI DI BAMBINI

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI MAURO SANTAYANA
Jornal do Brasil

Scelto e tradotto da Azul

Circola in internet un video di alcuni

secondi, che mostra due bambini di Sirte, mentre ricevono trattamento

in un qualche posto che ricorda un ambulatorio improvvisato. Sono un

bambino, di cinque o sei anni, e una bambina, di età simile. Il bambino

grida di dolore, pur avendo le due mandibole, il mento e la gola lacerate,

probabilmente per le schegge di una bomba. La bambina sta in silenzio,

con lo sguardo rivolto verso il nulla, come se il nulla potesse spiegarle

la sofferenza del bambino, e il calcagno strappato, il piede quasi pendente

dalla gamba. I link delle immagini, qui e qui

Da veterano giornalista, che ha narrato

crimini barbari e incidenti terribili e la dura esperienza di guerre

civili e invasioni militari – ma soprattutto, come padre e nonno –,

confesso che niente mai è penetrato tanto a fondo nella mia tristezza,

come le immagini di quei bambini di Sirte. Di quelli ancora vivi, e

di quelli morti della famiglia Khaled. È stato così possibile immaginare

le migliaia di altri bambini, morti e feriti, in Libia, Afghanistan,

in Iraq, in Palestina.

Di fronte a quelle scene, ho rivisto

il Presidente Barack Obama, la sua elegante sposa e le sue due figlie,

belle, sorridenti, col cane ricevuto in regalo dal padre, perché lo

facessero passeggiare per i giardini della Casa Bianca. Le ho riviste

viaggiando per il mondo, e visitando scuole in Africa e in America Latina.

E sono venuto a sapere dell’allegria di Monsieur Sarkozy di essere di

nuovo padre. Nella sua relativa gioventù, marito di una cantante giovane,

famosa e bella, il presidente della Francia avrà, è quello che tutti

speriamo, anni felici al lato della figlia. La condurrà per mano fra

i sentieri dei giardini di Parigi, e, se gli impegni della politica

glielo permetteranno, le racconterà dei momenti della propria infanzia.

Ascolterà la moglie, con la sua magnifica voce, cantarle le più belle

berceuses. E quando lei diventerà una giovincella, si incanterà

con le canzoni di sua madre, come “Quelqu’un m’a dit

e i suoi versi aperti: “Qualcuno m’ha detto che le nostre vite

non valgono un granché/Passano in un istante, come appassiscono le

rose”.

L’idea che associa la morte dei bambini

– nel caso, una bambina – alla brevità delle rose è di Malherbe,

il grande poeta francese dei secoli XVI e XVII, al quale si attribuisce

l’invenzione del francese letterario. Scrisse il suo famoso poema per

consolare un amico che aveva perso la figlia di sei anni, e riassume

l’omaggio alla bambina, che si chiamava Rose, nel verso conosciuto:

E, rosa, ella visse quello che vivono le rose, lo spazio di una

mattina”.

Un bambino morto, musulmano o ebreo,

negro o nordico, di fame, di epidemie o di incidenti, in qualsiasi parte

del mondo, è una violenza insopportabile contro la vita. I bambini

morti nelle guerre sono un insulto alle ragioni della vita e un grande

dubbio sull’esistenza di Dio, che non sia il Dio degli Eserciti.

David Cameron, partner e concorrente

di Sarkozy nell’avventura libica, è un padre che ha sofferto la

dolorosa perdita del figlio, Ivan, anche lui con sei anni – nel febbraio

del 2009 – sofferente di una forma rara di epilessia. Non è possibile

che, di fronte alle scene di Sirte e nel ricordo del figlio, non senta,

nel cuore, il peso della sua colpa per aver usato armi britanniche nei

bombardamenti sistematici contro le città libiche, fra le quali Sirte,

quella che più ha sofferto, senza tregua, per bombe e missili. La Libia

e le altre nazioni della regione sono state bombardate e occupate dalle

nazioni più potenti dell’Occidente perché hanno le proprie sabbie

bagnate di petrolio. Il petrolio, nella visione di queste nazioni, è

uno dei diritti umani dei ricchi e ben armati.

La specie umana sopravvive solo perché

si rinnova in ogni bambino che nasce. Come nelle riflessioni di Riobaldo,

in un sentiero del grande sertão (regione povera e semi arida

del nord-est del Brasile, N.d.T.), di fronte alla poverissima moglie

che ha dato alla luce: non piangere, no, mia signora; un bambino è

nato, il mondo è cominciato un’altra volta.

I dottori in giornalismo di oggi, che

raccomandano testi freddi, possono vedere in queste riflessioni l’inutile

sentimentalismo di un veterano di fronte alla realtà del mondo.

Ma ci fu un tempo, non molto distante, nel quale il giornalismo era

solidale con le sofferenze dei più deboli, con i perseguitati e gli

affamati di pane e di giustizia.

Infine, God bless America. E

God save the Queen.

**********************************************

Fonte: Mensagem aos “heroicos” trucidadores de crianças

08.11.2011

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da AZUL

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix