Home / ComeDonChisciotte / L'ORO DENARO? L'IRAN DICE DI S

L'ORO DENARO? L'IRAN DICE DI S

DI ANDREY DASHKOV E LOUIS JAMES
Lew Rockwell

Le crisi economiche ci segnalano che il sistema in vigore non sta funzionando nel modo previsto e che ha bisogno di essere migliorato. Quando si tratta di sistemi monetari, considerarne i fondamentali può portare a chiedersi se il mezzo preferito di scambio continuerà a esserlo per un lungo periodo. Il vortice generalizzato delle difficoltà economiche in tutto il mondo ha spinto alcuni a ripensare al ruolo dell’oro nell’economia, e di fatto ad avvicinarsi a una sua reintroduzione.
Un mese fa una voce che l’India stesse per pagare in oro per il petrolio importato dall’Iran, colpito dalla sanzione, ha scosso il mercato. Non era una piccola quantità, sia in linea di principio che la quantità: l’India è uno dei maggiori acquirenti di petrolio dall’Iran, circa il 22% delle esportazioni totali per un valore di circa 12 miliardi di dollari l’anno. La Cina viene al secondo posto con il 13%, e il Giappone è il terzo con circa il 10%. Stanno tutti vivendo un periodo difficile per le importazioni iraniane di petrolio, dato che il paese è sottoposto alle sanzioni motivate dai timori occidentali per il suo programma nucleare.

In seguito il sito informativo israeliano DEBKAfile ha rivendicato l’esclusiva conoscenza di una

possibile elusione delle sanzioni tra India e Iran: stabilire gli acquisti

in oro. I funzionari del governo indiano si sono rifiutati di commentare,

e il fatto ha aggiunto altre congetture.

In superficie l’accordo sembrava un

buon modo per risolvere gli acquisti attraverso un mezzo stabile: la

valuta iraniana, il rial, che di solito non viene utilizzata al di fuori

dei propri confini, e l’inerente anonimato dell’oro avrebbe fornito

un sistema perfetto per limitare l’attenzione non necessaria da parte

della comunità globale. Ironia della sorte, è stato proprio il fatto

che l’accordo abbia riguardato l’oro ad attirare così tanta attenzione.

Comunque, non si è rivelato altro

che una voce: le

parti hanno deciso di fissare l’accordo

in una maniera più tattica. L’India coprirà gli acquisti in parte

con la sua valuta, e l’Iran in seguito userà quei fondi per effettuare

le importazioni.

Ma l’oro non è ancora fuori dai

giochi. Le sanzioni avviate dagli Stati Uniti sono state efficaci, e

le istituzioni internazionali hanno evitato di tenere rapporti con la

nazione paria. Reuters

ha riportato che l’Iran

non nemmeno è riuscito a organizzare le importazioni dei cibi basilari per la sua popolazione di 74 milioni di abitanti.

I prezzi nei mercati locali sono cresciuti bruscamente; e mentre il

paese si avvicina alle elezioni parlamentari del 2 marzo, il governo

sta adottando misure radicali per soddisfare le necessità fondamentali

dei cittadini: una delle soluzioni anticonvenzionali è stata di offrire

l’oro in scambio di cibo.

Gli scambi di cereali

verranno pagati con lingotti d’oro ed

è stato offerto il baratto”, ha detto un commerciante europeo

di cereali, che ha parlato sotto anonimato mentre discuteva gli accordi

commerciali. “Sono coinvolte alcune delle più

grandi aziende commerciali.”

Un altro trader ha detto:

“Dato che le spedizioni di cereali sono così

abbondanti, i pagamenti in oro o il baratto sono l’opzione più

semplice.”

Scambiare in oro invece che con una

moneta fiat evita l’uso del denaro. Tutto ciò potrebbe suonare

come se non ci fosse un mezzo di scambio, ma è senz’altro un fraintendimento:

l’oro è il mezzo di scambio più antico della storia.

Fintanto che le sanzioni rimarranno

in vigore e il governo iraniano avrà un accesso limitato ai mercati

monetari internazionali, l’oro rimarrà un sistema pratico per prezzare

le transazioni. Il

calo delle importazioni di petrolio del Giappone, il terzo maggiore importare al mondo, avrà

un impatto sull’economia iraniana, limitando gli afflussi di moneta

estera. La mancanza di valuta straniera potrebbe spingere il paese a

continuare a usare le sue riserve di valuta estera, o l’oro, per coprire

i suoi contratti internazionali. Il petrolio sembra un’alternativa

perseguibile, anche se meno conveniente.

L’economia iraniana è in uno

stato di crisi e, a causa della mancanza di fiducia riposta nella sua

moneta, i dirigenti stanno facendo sempre più ricorso a offerte straordinarie

verso i partner commerciali. La situazione potrebbe ovviamente peggiorare

se il paese entrasse in un conflitto. Mentre si fanno ancore queste

ipotesi, immaginiamo cosa accadrebbe al prezzo dell’oro se una parte

dei 29

milioni di once d’oro delle riserve iraniane

diventasse un mezzo – non un oggetto – di scambio nel commercio

internazionale.

Questa riduzione di fornitura potenziale

potrebbe suggerire una svolta, non solo a causa dello scoppio della

crisi in Iran, ma anche perché potrebbe incentivare altri paesi a fare

la stessa cosa. Probabilmente il prezzo dell’oro risponderebbe molto

positivamente.

Questo scenario, nonostante possibile,

potrebbe non comparire molto presto: il commercio di oro su larga scala

si è verificato solo di rado negli ultimi anni. Le risultanze degli

accordi sono difficili da rintracciare a causa dell’anonimato del metallo

giallo. Questo rievidenzia la nostra opinione sull’oro come moneta definitiva:

quando la pressione economica arriverà al limite, l’oro sopravviverà

a qualsiasi altro mezzo di scambio esistente. Come mostrano le circostanze

iraniane, ogni governo – i dirigenti e le banche centrali – quando

sotto pressione faranno ricorso alla più vecchia forma di denaro utilizzato

dall’umanità.

Ciò ci porta a una conclusione

sempre valida: l’oro è uno dei beni migliori da possedere, sia

nei tempi buoni che in quelli cattivi. Può alzarsi con l’inflazione

quando l’economia cresce, e può essere utilizzato negli scambi se

il periodo è negativo.

L’oro non è un rifugio: sono soldi.

**********************************************

Fonte: Is Gold Money? Iran Says Yes

29.02.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ELISA CURATOLO

Pubblicato da supervice

  • nuvolenelcielo

    anche la Gheddafi aveva detto sì…
    Se la stampante di dollari non vale più niente, è un problema per la Canon – ops, per la Federal Reserve

  • Affus

    Una cattiva economia si fonda su una cattiva morale , l’economia cattolica oggi si fonda sull usura che sta dando i suoi frutti perversi, ora non sarà facile tornare indietro.

  • AlbertoConti

    “L’oro non è un rifugio: sono soldi.” Sarebbe meglio dire che l’oro è denaro, non moneta. La centralità dell’oro nella concezione della moneta è storia, importantissima quanto morta e sepolta, non tanto per questioni geopolitiche, ma per le conseguenze dell’evoluzione tecnologica, produzione alimentare compresa. Come forma di moneta alternativa certo che l’oro andrà sempre bene. Come riferimento monetario principale no, è stato (finalmente) soppiantato dal concetto astratto di diritto. Finalmente perchè quella è la sua vera natura. Si tratta di saperla interpretare politicamente, al meglio per le finalità autentiche, sociali, dei popoli che lo usano per vivere. Per l’Iran la fonte di denaro endogeno è il petrolio. Se riusciranno a mantenere abbastanza a lungo la volontà politica di non convertirlo nella moneta USA, contribuiranno fortemente all’implosione della moneta fiat più falsa che potessimo inventarci. Prima succede e meglio è per tutti, americani compresi.

  • pehuenco

    non ti preoccupare, prima che accada faranno saltare l’iran per non inceppare la stampante della fed, altro che nucleare!

  • mincuo

    L’economia cattolica la condannava l’usura. E la vietava ai Cattolici. Forse è meglio studiare qualcosa. Non è quell’etica che ha vinto a suo tempo. Quella è stata invece sconfitta.
    Indovini da quale?