Lo Stato può crescere il vostro bambino meglio di voi

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Mattias Desmet

Il politico belga Connor Rousseau e il suo partito socialdemocratico Vooruit vogliono imporre ai genitori di mandare i figli all’asilo nido e alla scuola materna. Ci sono ancora politici che pensano ai bambini. E la logica è conclusiva: i primi sei anni di vita sono decisivi per la vita futura del bambino. Non possono essere lasciati ai genitori. Lo Stato deve assumersi le proprie responsabilità e stanziare denaro. Pochi miliardi sono sufficienti per portare a termine il lavoro.

Nessuno sa da dove verrà questo denaro. Ma, se necessario, si potrà stamparne di più. Questo è in realtà un modo per far pagare più tasse alla popolazione senza che essa se ne renda conto. Oggi i cittadini pagano appena il 53% di tasse. Un po’ più di lealtà verso lo Stato è la benvenuta. Inoltre, è per il loro bene e per quello dei loro discendenti. I cittadini non si rendono abbastanza conto di quanto sia importante che i loro figli siano cresciuti bene. Così come non si rendono conto che non possono farlo da soli e che lo Stato deve farlo per loro.

E se l’inflazione porta al collasso del sistema finanziario, la soluzione è già a portata di mano: l’introduzione della CBDC, la moneta digitale delle banche centrali. Questa sarà collegata al passaporto digitale e a un sistema di credito sociale. In questo modo, lo Stato educherà non solo il bambino, ma anche i genitori, secondo il sistema di punizioni e ricompense che Pavlov sperimentò sui cani.

Certo, Pavlov concluse che il suo sistema di premi e punizioni funziona davvero solo se si conosce il carattere del singolo cane. Ogni cane, in definitiva, reagisce a modo suo a premi e punizioni. Possiamo chiederci se lo Stato, nella sua educazione statale, terrà conto anche del carattere individuale dei bambini-cuccioli dell’asilo nido. Questa possibilità è minima. Connor Rousseau ritiene che ogni bambino debba ricevere pari opportunità e quindi un’educazione uguale. Non è importante se il bambino ne tragga effettivamente beneficio o meno.

Lo Stato deve garantire la qualità dell’istruzione e quindi deve anche monitorarla e valutarla. Così come lo Stato non può affidare il gravoso compito di genitore ai genitori, non può affidare il lavoro di assistenza ai bambini ai fornitori di servizi per l’infanzia. Per questo motivo dovranno sottostare a protocolli rigorosi, come si addice ad una buona burocrazia. E questi protocolli saranno progettati da esperti che hanno determinato scientificamente quali tecniche di condizionamento portano al miglior adattamento del piccolo cittadino nuovo.

Durante la crisi del coronavirus, questi esperti – non gli stessi, ovviamente, perché ci sono esperti per ogni aspetto della vostra vita privata – avevano preso il controllo anche della vostra salute e di quella dei vostri figli. Così come oggi non sapete come crescere i vostri figli, allora non sapevate come prendervi cura della vostra salute e di quella della vostra prole.

Eravamo stati tutti esortati a vaccinare noi stessi e i nostri figli, soprattutto per evitare che i nonni si infettassero. Qua e là, rari scienziati critici avevano suggerito che un vaccino non poteva prevenire le infezioni, anche perché i coronavirus mutano rapidamente. La gente non aveva ascoltato queste sciocchezze: questi scienziati erano stati cacciati da Twitter e privati del loro lavoro.

E coloro che si erano rifiutati di vaccinarsi erano stati trattati come cittadini di seconda classe. Non avevano più potuto andare al ristorante o a teatro. In alcuni Paesi era stato vietato loro di prendere i mezzi pubblici. Il presidente francese Macron credeva che la loro vita dovesse essere resa un inferno. I leader totalitari erano così convinti che la loro logica fosse l’unica corretta, quella che alla fine avrebbe condotto al Paradiso, che tutti i principi fondamentali dell’umanità erano stati buttati a mare per perseguire quella logica.

Sfortunatamente, la logica totalitaria, come è accaduto nel corso della storia, ha fallito. Il grande guardiano della sanità pubblica americana, Anthony Fauci, oggi dice più o meno la stessa cosa di quelle voci critiche: che il virus sta mutando troppo rapidamente per sviluppare un vaccino che protegga dall’infezione a lungo termine. Gli esperti parlano di natura progressiva della scienza. A quanto pare, al giorno d’oggi la scienza progredisce molto rapidamente. Quasi quanto il prezzo delle azioni Pfizer nello stesso anno.

È probabile che anche l’esperienza nell’educazione dei bambini sia un lavoro in corso. Quando i genitori si accorgeranno che il loro piccolo nuovo cittadino, grazie all’educazione statale, non è così felice e perfetto come il protocollo aveva promesso, la loro unica consolazione sarà che, consegnando volontariamente il figlio allo Stato, hanno contribuito al progresso della scienza.

Il problema di questo tipo di “scienza” è che non riconosce che l’educazione e la salute sono entrambi fenomeni che hanno a che fare principalmente con l’individualità – le caratteristiche uniche di una persona come soggetto. La letteratura sugli effetti placebo e nocebo dovrebbe di per sé essere sufficiente a fugare ogni dubbio: l’apprezzamento soggettivo di un trattamento ne determina gli effetti terapeutici. Allo stesso modo, il nucleo di una buona educazione si concentra sull’individualità del bambino. L’educatore deve vedere il bambino nella sua singolarità, deve amarlo per la sua unicità. Senza questo amore, l’educazione diventa indottrinamento.

Un’educazione basata su un protocollo fallisce inevitabilmente. Anche se i grandi esperti di genitorialità probabilmente spiegheranno il loro fallimento in modo diverso. In fondo, la colpa è sempre dei genitori. E la Grande Educazione di Stato dovrebbe in realtà iniziare ancora prima, preferibilmente nella sala di imbottigliamento di Huxley.

E se l’amore per il proprio figlio dovesse darvi il coraggio di chiedere conto allo Stato, scoprirete che, in realtà, non avete nessun posto dove andare. Cinquanta anni fa, Hannah Arendt aveva scritto riguardo alle burocrazie: “In una burocrazia pienamente sviluppata non c’è più nessuno con cui discutere, a cui presentare le proprie rimostranze, su cui esercitare le pressioni del potere. La burocrazia è la forma di governo in cui tutti sono privati della libertà politica, del potere di agire; perché il governo di nessuno non è un non-governo, e dove tutti sono ugualmente impotenti, abbiamo una tirannia senza tiranno”. (Hannah Arendt, Sulla violenza).

Solo per dire: io andrei cauto con l’idea di un’educazione statale ideale. Se lo Stato deve proteggere i figli dai genitori, i genitori devono proteggere i figli dallo Stato.

Di Mattias Desmet

Mattias Desmet ha articolato la teoria della formazione di massa durante la pandemia di COVID-19. È professore di psicologia all’Università di Gent e autore di The Psychology of Totalitarianism (2022).

Fonte:https://mattiasdesmet.substack.com/p/the-state-can-raise-your-child-better

Traduzione: https://telegra.ph/Lo-Stato-pu%C3%B2-crescere-il-vostro-bambino-meglio-di-voi-09-04

11.05.2023

Traduzione di Costantino Ceoldo per https://t.me/ideeazione

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
72 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
72
0
È il momento di condividere le tue opinionix