Home / ComeDonChisciotte / L’INDISTRUTTIBILE MORDECHAI VANUNU

L’INDISTRUTTIBILE MORDECHAI VANUNU

DI RANNIE AMIRI
Counterpunch

L’eroe pacifista israeliano di nuovo in prigione solo per avere parlato con i giornalisti

Ho detto allo Shabak, al Mossad, ‘non riuscirete a distruggermi, non riuscirete a farmi diventare pazzo.’

Mordechai Vanunu, ex tecnico nucleare israeliano, al momento del suo rilascio dalla prigione Shikma di Ashkelon il 21 Aprile 2004, dove è stato rinchiuso per 18 anni.

Sono state parole di coraggio e di sfida, pronunciate da un uomo che incarna entrambe queste virtù. Mordechai Vanunu ha passato 18 anni in prigione,11 dei quali in isolamento solitario, per aver rivelato al mondo le capacità nucleari di Israele che erano ancora ignote. Egli è emerso da Shikma con le braccia tese verso l’alto, mostrando ripetutamente il segno della vittoria. O era quello della pace? E rifiutandosi di rispondere a domande postegli in ebraico dai giornalisti in attesa. “Sono orgoglioso e felice di aver fatto ciò che ho fatto”, affermò senza alcun imbarazzo.

E ciò che egli ha fatto dopo lo riporterà ora dietro le sbarre.Un tribunale israeliano ha appena condannato Vanunu a sei mesi di prigione per aver violato i termini della sua libertà condizionata, che gli proibivano qualunque contatto con stranieri e qualunque visita alla Cisgiordania. Come per ogni altra cosa egli non ha avuto paura di fare entrambe.

Ciò rende necessario raccontare un’altra volta la significativa storia di quest’uomo in modo da non dimenticare cosa può raggiungere una persona di coscienza.

Mordechai Vanunu è stato il primo a esporre il piccolo sporco segreto di Israele: che esso era una grande potenza nucleare. Egli ha lavorato come tecnico all’impianto nucleare di Dimona nel deserto del Negev dal 1976 al 1985. Poi, in una intervista del 1986 con il Sunday Times di Londra, egli ha mostrato fotografie che non solo provavano che Israele aveva la capacità di produrre armi nucleari, ma che ne era realmente in possesso.

Appena prima della pubblicazione della sua intervista, il cinque ottobre, gli eventi si svolsero come se provenissero direttamente dalle pagine di un thriller di Robert Ludlum. Il 30 settembre Vanunu fu attirato da un agente donna del Mossad da Londra a Roma, dove venne catturato e rapidamente portato in Israele. A porte chiuse subì un processo per tradimento, fu rapidamente imprigionato e condannato a 18 anni di reclusione. Se il governo israeliano ha sperato che egli sarebbe quietamente e colpevolmente scomparso si è tristemente sbagliato.


[Sinistra: Vanunu al momento del suo arresto rivela, con un messaggio scritto sulla mano, di essere stato rapito a Roma. Destra: una foto del reattore nucleare di Dimona]

Vanunu ha rinnovato con forza la sua richiesta perché Israele dichiari il suo arsenale nucleare (che pare sia il quinto più grande al mondo) e apra il reattore di Dimona a ispezioni internazionali. Israele rimane ancora il solo paese in Medioriente a non avere sottoscritto il trattato di non proliferazione nucleare e ha allo stesso modo impedito l’ingresso al personale della agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA).

I politici israeliani, da destra, da sinistra e dal centro, hanno unanimemente gettato disprezzo contro Vanunu dopo il suo rilascio, chiamandolo “traditore”. Le condizioni della sua libertà condizionata includevano la proibizione di andare all’estero per un anno e di possedere un passaporto, limitazioni nei suoi movimenti all’interno del paese, nel parlare con cittadini non israeliani e discutere qualunque cosa sia collegata al suo ex lavoro a Dimona. Queste restrizioni sono state condannate da Amnesty International che ha chiesto che venissero ritirate, citando l’articolo 12 del “patto internazionale sui diritti civili e politici” che permettono a un cittadino di muoversi liberamente o lasciare il suo paese.

Sebbene il termine “informatore” [“whistleblower” n.d.t.] sia spesso usato per descrivere Vanunu, questa è una descrizione piuttosto debole e modesta. Egli è stato una sirena che ha avvertito il mondo che le armi nucleari si erano aperte la strada in Medioriente, mandando in frantumi la politica ufficiale di Israele di ambiguità nucleare.

Nato in Marocco, Vanunu si è convertito al cristianesimo prima di essere imprigionato. Egli sentiva che sia le sue idee politiche (è un convinto sostenitore dei diritti dei palestinesi) che quelle religiose hanno portato al duro trattamento che egli ha ricevuto mentre era in carcere, trattamento che egli ha descritto come “crudele e barbarico”.

Nonostante sia stato interrogato dalle agenzie di intelligence più spietate del mondo e sia stato imprigionato in condizioni impietose, Vanunu ha resistito, dicendo:

“Io sono un simbolo del desiderio di libertà, del fatto che non si può spezzare lo spirito dell’uomo.”

Egli è nientemeno che un autentico eroe del nostro tempo in attesa di ricevere il premio Nobel per la pace.

Rannie Amiri è un commentatore indipendente su questioni che riguardano il mondo arabo e islamico. Può essere contattato all’indirizzo:
[email protected]

Titolo originale: “Back Behind Bars.
The Unbreakable Mordechai Vanunu”

Fonte: http://www.counterpunch.org
Link
08.07.2007

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

  • olix

    Vanunu mi è sempre sembrato un personaggio ambiguo: dal punto di vista di Israele come mai, avendo fatto cose tanto gravi, il Mossad non certo accomodante o tenero con i traditori, invece di ucciderlo semplicemente per metterlo definitivamente a tacere, lo ha lasciato vivo con la possibilità che parli ancora e ancora e ancora? Forse perché Vanunu doveva parlare e far sapere al mondo, a scopo indimidatorio quanto è forte Israele… forse perché deve continuare a parlare?
    Il nobel per la pace?!?
    A cosa è servito il suo parlare? Si è disarmato il medioriente? Si è disarmato qualcuno? O Israele ha potenzialmente accresciuto il suo potere intimidatorio, grazie al fatto che adesso tutti sanno che è pieno di bombe atomiche. Cosa te la tieni a fare l’atomica se non lo dici a nessuno e se nessuno sa che ce l’hai?!?!
    boh?!?

    stiamo a guardare…

    tristemente…

    queste squallidissime farse…

  • marko

    Volevo dire esattamente le stesse cose. Vanunu ha fatto un grande favore a Israele: ha detto quello che nessun politico israeliano poteva dire, ma che il mondo *doveva* sapere. Del resto, per definizione, la deterrenza funziona solo se il nemico ne è al corrente.

  • psy

    Secondo me non regge. E’ vero che la deterrenza funziona solo con il nemico cosciente. Ma è anche vero che il nemico non ha bisogno di sapere da Vanunu se Israele ha le armi atomiche o meno. Stai tranquillo che chi lo deve sapere (Iran, USA, Russia e gli altri Stati che contano), lo sa se Israele è armato e quanto lo è, a prescindere da quello che dice Vanunu.