Home / ComeDonChisciotte / L’IMMINENTE COLLASSO DEL SIONISMO

L’IMMINENTE COLLASSO DEL SIONISMO

DI KATHLEEN CHRISTISON (Ex analista della CIA)
Counterpunch

Il fallimento morale del principio fondatore d’Israele

Sono solamente gli osservatori al di fuori della massa ad aver notato che con i suoi sanguinosi attacchi al Libano, e al tempo stesso a Gaza, Israele ha finito col mostrare, anche ai più illusi, il totale fallimento dell’ideale alla base della sua nascita?

È possibile che gl’illusi continuino ad illudersi? È possibile che il fallimento d’Israele salti agli occhi solo di quelli che già lo avevano intuito, di quelli che avevano già bollato come illegittimo il sionismo per i principi razzisti che lo permeano?

È dunque possibile che solo quelli già convertiti riescano a vedere il collasso finale del sionismo, e della stessa Israele in quanto stato esclusivo degli ebrei?

Il razzismo è sempre stato la linfa vitale di Israele. Il sionismo si basa sulla convinzione che gli ebrei hanno maggiori diritti nazionali, umani e naturali sul territorio: una visione fondamentalmente razzista che esclude ogni possibilità di vera democrazia o uguaglianza tra i popoli.

La distruttiva violenza in Libano e a Gaza è stato il logico sviluppo di questa idea di fondo. Proprio perché postula l’esclusività e superiorità dei diritti di un popolo, l’ideologia non può ammettere limiti legali o morali al suo comportamento; e men che mai limiti territoriali, dato che ha bisogno di un territorio sempre più ampio per realizzare questi diritti illimitati.

Il sionismo non può tollerare che venga minacciato, o anche solo rimesso in questione, il controllo assoluto del proprio spazio: non semplicemente quello all’interno dei confini israeliani del 1967, ma anche quello che lo circonda, oltre i limiti geografici che il sionismo non ha ancora ritenuto opportuno fissare. Controllo assoluto significa nessuna minaccia fisica e nessuna minaccia demografica: gli ebrei dominano, gli ebrei sono totalmente protetti, gli ebrei sono sempre quelli più numerosi, gli ebrei hanno tutto il potere militare, gli ebrei controllano tutte le risorse naturali, e tutti i popoli vicini sono senza poteri e completamente asserviti. È questo il messaggio che Israele ha cercato di trasmettere attaccando il Libano: né Hezbollah né nessun altro in Libano che protegga Hezbollah potrà continuare ad esistere, per il solo fatto che Hezbollah sfida la suprema autorità di Israele nella regione e che Israele non può tollerare un simile affronto. Il sionismo non può coesistere con nessuna altra ideologia o etnicità che metta in gioco la sua posizione di preminenza, perché ogni ideologia che non sia quella sionista rappresenta una minaccia potenziale.

In Libano, Israele ha cercato con la sua selvaggia e temeraria violenza di distruggere la nazione, farne una zona di caccia all’uomo in cui solo il sionismo avrebbe dovuto regnare e in cui i non ebrei avrebbero dovuto o morire o scappare o sottomettersi, come avevano già dovuto fare durante l’ultima quasi venticinquennale occupazione israeliana dal 1978 al 2000. Mentre osservava la guerra a Beirut, dopo la prima settimana di bombardamenti, e descriveva la morte in un raid israeliano di quattro tecnici libanesi del genio militare venuti a riparare le linee elettriche e le tubature idriche per “mantenere in vita la città”, il corrispondente britannico Robert Fisk ha scritto di avere infine capito sulla propria pelle quello che Israele voleva: “Beirut doveva morire…A nessuno doveva essere permesso di lasciare vivo la città”. Il capo di stato maggiore israeliano Dan Halutz (lo stesso che quattro anni orsono, quando era a capo delle forze aeree israeliane, aveva affermato di non provare alcun disagio psicologico dopo che, nel mezzo della notte, uno dei suoi F16 aveva sganciato una bomba da una tonnellata su un edificio di appartamenti a Gaza, uccidendo 14 civili in gran parte bambini) aveva dichiarato, all’inizio dell’aggressione, di voler riportare il Libano indietro di 20 anni, quando il paese non era vivo e un terzo del suo territorio meridionale era occupato da Israele, a perenne ricordo di un decennio di guerra civile inutilmente distruttiva.

Le bombe a grappolo [cluster bombs] sono una prova evidente dell’intenzione d’Israele di rendere nuovamente il Libano, o quanto meno la sua parte meridionale, una regione priva di popolazione araba e incapace di funzionare, se non secondo il suo capriccio. Le bombe a grappolo – di cui gli Stati Uniti, che le forniscono a Israele, sono leader mondiali nella produzione (e in posti come la Yugoslavia anche nell’uso) – esplodono a mezz’aria, spargendo intorno centinaia di submunizioni (bombe secondarie) su una superficie di vari ettari. Oltre un quarto delle submunizioni non esplodono all’impatto col terreno e restano lì in attesa di essere scoperte da ignari civili che tornano alle proprie case. Gl’ispettori delle Nazioni Unite stimano che nel Libano meridionale ci siano oltre 100.000 submunizioni inesplose, sparse in oltre 400 raid aerei. Dopo il cessate il fuoco del mese scorso, numerosi ragazzi e adulti libanesi sono stati uccisi o feriti da questi residui bellici.


[Una bomba a grappolo]

Disseminare mine anti-uomo in aree densamente abitate non è un’operazione chirurgica delle forze armate a caccia di obiettivi militari: è una operazione di pulizia etnica. Secondo Jan Egelund, coordinatore per gl’interventi umanitari dell’ONU, oltre il 90% delle bombe a grappolo israeliane sono state sganciate nelle 72 ore che hanno preceduto il cessate il fuoco, quando era oramai chiaro che la risoluzione dell’ONU per una sospensione delle ostilità sarebbe entrata in vigore. Non può essersi trattato che di un ultimo sforzo, senza dubbio inteso come un colpo di grazia, per spopolare l’area. Se a questo aggiungiamo i bombardamenti del mese precedente – che hanno distrutto il 50% (e in qualche caso l’80%) delle abitazioni di molti villaggi, inferto irreparabili danni all’infrastruttura civile dell’intera nazione, resa inutilizzabile una centrale elettrica sulla costa che ancora oggi sparge tonnellate di petrolio e di benzene sulle coste libanesi e su parte di quelle siriane, ucciso oltre 1.000 civili in edifici di appartamenti, in ambulanze, in auto che fuggivano inalberando la bandiera bianca – la guerra di Israele non può essere giudicata altro che una massiccia operazione di pulizia etnica per rendere la regione un’area sicura per il dominio ebraico.

Secondo le stime ONU, circa 250.000 persone non possono in effetti rientrare nelle loro case, o perché le abitazioni sono state distrutte o perché le bombe a grappolo inesplose e le altre armi non sono ancora state neutralizzate dalle squadre di sminamento. Questa non è stata, se non in misura marginale, una guerra contro Hezbollah, non è stata una guerra al terrorismo, come Israele e i suoi accoliti statunitensi vorrebbero farci credere (in effetti Hezbollah non ha compiuto atti terroristici ma si è impegnata lungo la frontiera in una serie di sporadiche scaramucce con i soldati israeliani, di solito scatenate dagli israeliani). Questa è stata una guerra per consentire a Israele di avere più spazio, di essere assolutamente sicura di dominare i vicini. Questa è stata una guerra contro un popolo non completamente sottomesso, tanto audace da ospitare una forza come Hezbollah e da non piegarsi alla volontà di Israele. Questa è stata una guerra contro altri esseri umani e la loro maniera di pensare, esseri umani che non sono ebrei e che non vivono per favorire il sionismo e l’egemonia ebraica.

In un modo o nell’altro, sin dalla sua creazione Israele ha sempre agito alla stessa maniera contro i suoi vicini, anche se ovviamente i palestinesi sono stati più a lungo le vittime, e i maggiori oppositori, del sionismo. I sionisti pensavano di essersi liberati del loro più grande problema, quello alla base stessa del loro credo, nel 1948, quando avevano costretto alla fuga circa due terzi della popolazione palestinese che intralciava i piani per fare di Israele uno stato unico a maggioranza ebraica; non era infatti possibile creare uno stato ebraico con una maggioranza della popolazione non ebraica. Diciannove anni più tardi, quando ha cominciato ad allargare i suoi confini conquistando la Cisgiordania e Gaza, Israele ha scoperto che quei palestinesi che pensava fossero spariti erano dopo tutto ancora nei dintorni, e minacciavano l’egemonia ebraica dei sionisti.


[Profughi Palestinesi della “Nakba” (“disastro”): l’esodo di quasi un milione di persone provocato dall’aggressione sionista]

Nei quasi quarant’anni successivi, la politica di Israele è stata in massima parte – con brevi intervalli per avere il tempo di aggredire il Libano – diretta a far sparire definitivamente i palestinesi. I metodi di pulizia etnica sono molti: sottrazione dei territori, distruzione delle terre coltivabili e delle risorse, strangolamento economico, paralizzanti restrizioni sul commercio, abbattimento delle case, revoca dei permessi di soggiorno, deportazioni, arresti, omicidi, smembramento delle famiglie, limitazioni nei movimenti, distruzione dei registri della popolazione e del catasto, appropriazione delle tasse doganali, privazioni alimentari. Israele vuole tutte le terre dei palestinesi, incluse la Cisgiordania e Gaza, ma non può continuare ad essere un paese a maggioranza ebraica fino a quando continuano a viverci i palestinesi. Ed ecco il perché del lento strangolamento. A Gaza, dove quasi un milione e mezzo di persone vivono accatastate in un’area che non è nemmeno un decimo dell’isola di Rodi, Israele sta facendo senza interruzione quello che ha fatto in Libano per un mese: uccidere civili, distruggere le infrastrutture civili, rendere l’area inabitabile. A Gaza, i palestinesi vengono uccisi al ritmo di otto al giorno, le mutilazioni avvengono con un tasso più alto. Ecco quanto vale la vita dei non ebrei secondo la visione sionista del mondo.

Lo studioso israeliano Ilan Pappe lo definisce un genocidio al rallentatore (ElectronicIntifada, 2 settembre 2006). Sin dal 1948, il minimo atto di resistenza dei palestinesi all’oppressione israeliana è stato preso come scusa da Israele per mettere in opera una politica di pulizia etnica, un fenomeno considerato nel paese talmente inevitabile e accettato che Pappe aggiunge “il lavoro giornaliero di uccidere deliberatamente i palestinesi, soprattutto i bambini, viene ora registrato nelle pagine interne della stampa locale, spesso in caratteri microscopici”. Secondo il suo modo di vedere, gli ininterrotti omicidi a questo ritmo o porteranno a una migrazione di massa o a uno sterminio più massiccio, se, come è molto più probabile, i palestinesi si manterranno incrollabili e continueranno a resistere. Pappe ricorda che il mondo ha assolto Israele da ogni responsabilità e perseguibilità per la sua operazione di pulizia etnica del 1948, e ha permesso al paese di trasformare questa politica “in uno strumento legittimo del suo piano di sicurezza nazionale”, che, se il mondo resta ancora una volta muto dinanzi a questa nuova fase di pulizia etnica, aumenterà inevitabilmente “in misura ancora più drammatica”.

Ed è questo il punto cruciale dell’odierna situazione: qualcuno si accorgerà dell’orrore? Come abbiamo detto all’inizio, con la sua selvaggia campagna estiva di pulizia etnica nel Libano e a Gaza, Israele ha veramente mostrato il totale fallimento dell’ideale alla base della sua fondazione, l’illegittimità di base del principio sionista di esclusività ebraica? Se ne rendono conto anche i più illusi, o continueranno ad illudersi e il mondo seguiterà a guardare da un’altra parte, giustificando le atrocità perché vengono commesse da Israele per rendere i territori circostanti un luogo sicuro per gli ebrei?

Da quando ha lanciato la sua folle incursione nel Libano, numerosi attenti osservatori nei media alternativi europei e arabi hanno sottolineato la nudità morale d’Israele, e del suo fiancheggiatore americano, con un insolito livello di schiettezza. Si analizza anche molto la nuova consapevolezza della crescente opposizione araba e islamica alla incredibile brutalità delle azioni israelo-americane. Ai primi di agosto, lo studioso anglo-palestinese Karma Nabulsi ha lamentato “l’indiscriminata rabbia di un nemico guidato da una mania esistenziale che non può essere contenuta ma solo bloccata”. La studiosa americana Virginia Tilley (Counterpunch, 5 agosto 2006) osserva che ogni possibilità di vita normale e pacifica è un anatema per Israele, obbligata a “guardare e trattare i suoi vicini come una minaccia alla propria esistenza, in modo da giustificare … il suo carattere etnico e razziale”. Già prima della guerra in Libano, ma dopo che Gaza aveva cominciato a essere affamata, l’economista politico Edward Herman (Z Magazine, marzo 2006) aveva condannato “la prolungata pulizia etnica e il razzismo istituzionalizzato” d’Israele, e l’ipocrisia con cui l’occidente e i media occidentali avevano accettato e sottoscritto queste politiche “in violazione di tutti i presunti illuminati valori”.

Il razzismo è alla base dell’asse neoconservatore israelo-statunitense che ha oggi scatenato la sua furia omicida nel Medio Oriente. Il razzismo insito nel sionismo ha trovato un alleato naturale nella filosofia razzista imperiale fatta propria dai neoconservatori dell’amministrazione Bush. La logica ultima della guerra globale israelo-americana, scrive l’attivista israeliano Michel Warschawski, dell’Alternative Information Center di Gerusalemme (30 luglio 2006), è la “completa etnicizzazione” di tutti i conflitti, “nei quali non viene combattuta una politica, un governo o un obiettivo specifico, ma una minaccia che coincide con un’intera comunità” (o, nel caso d’Israele, con tutte le comunità non ebraiche).

Il concetto fondamentalmente razzista di scontro delle civiltà, esaltato sia dall’amministrazione Bush che da Israele, fornisce una giustificazione per le aggressioni ai palestinesi e al Libano. Come ha osservato (al-Ahram, 10-16 agosto 2006) Azmi Bishara, importante membro palestinese della Knesset israeliana, se l’argomento israelo-americano secondo cui il mondo è contraddistinto da due diverse e inconciliabili culture, noi contro loro, è corretto, allora l’idea che “noi” agiamo con un doppio standard perde ogni implicazione morale negativa, perché diventa l’ordine naturale delle cose. Per gl’israeliani, questo è sempre stato l’ordine naturale delle cose: nel mondo d’Israele e dei suoi alleati americani, l’idea che gli ebrei e la cultura ebraica siano superiori e incompatibili con i popoli vicini è alla base stessa dello stato.

Dopo la presa di coscienza che ha fatto seguito al fallimento israeliano in Libano, arabi e islamici hanno la sensazione, per la prima volta dall’arrivo degli ebrei nel cuore del Medio Oriente arabo circa 60 anni orsono, che Israele sia andata troppo lontano con la sua arroganza e che il suo potere e le sue azioni possono essere contrastate. La “etnicizzazione” del conflitto globale di cui parla Michel Warschawski – l’arrogante vecchio approccio coloniale, ora rinverdito con uno strato di alta tecnologia fornita dagli F16 e dalle armi nucleari, che ribadisce la superiorità dell’occidente e di Israele e postula uno scontro apocalittico tra l’occidente “civilizzato” e un oriente arretrato e furioso – è stata vista, dopo il folle assalto israeliano al Libano, per quello che è. Cioè, una brutale dichiarazione razzista di potere da parte di un regime sionista che persegue l’egemonia assoluta e incontrastata a livello regionale e di un regime neoconservatore americano che persegue l’egemonia assoluta e incontrastata a livello mondiale. Come ha fatto notare, una settimana dopo l’inizio della guerra libanese, il commentatore palestinese Rami Khouri in un’intervista con Charlie Rose, sia Hezbollah in Libano che Hamas in Palestina sono il frutto delle prime guerre di egemonia israeliane e rappresentano la risposta politica di popolazioni che “sono state ripetutamente degradate, occupate, bombardate, uccise e umiliate dagli israeliani, spesso con il consenso tacito o esplicito o, come abbiamo capito adesso, l’aiuto degli Stati Uniti”.

Queste popolazioni oppresse hanno adesso ricominciato a lottare. Non importa quanti leader arabi – in Egitto, Giordania e Arabia Saudita – possano chinare la testa di fronte agli Stati Uniti e a Israele: il popolo arabo vede adesso l’intrinseca debolezza della cultura e della politica razzista israeliana e ha una crescente fiducia nella possibilità di arrivare alla fine a sconfiggerla. I palestinesi, in particolare, aspettano questo momento da 60 anni, senza mai sparire nonostante la migliore buona volontà israeliana e senza mai smettere di ricordare a Israele e al resto del mondo la loro esistenza. Non è certo adesso che soccomberanno, e il resto del mondo arabo sta prendendo coraggio dopo aver visto la loro capacità di resistere, e quella di Hezbollah.

Qualcosa deve cambiare nel modo di fare di Israele, e nel modo in cui gli USA sostengono i suo modo di agire. Sempre più commentatori, dentro e al di fuori del mondo arabo, hanno cominciato a rendersene conto, e un numero sorprendente si sente abbastanza audace da prevedere una sorta di fine del sionismo, nella forma razzista ed esclusivista in cui esiste e funziona al giorno d’oggi. Non si tratta di buttare i sionisti a mare. Israele non verrà battuta sul piano militare, ma può essere battuta sul piano psicologico: il che vuol dire limitare la sua egemonia, fermare la sua avanzata predatoria nei territori dei vicini, mettere fine al dominio razziale e religioso sugli altri paesi.

Rami Khouri sostiene che il più ampio sostegno del mondo arabo a Hezbollah e Hamas è una “catastrofe” per Israele e gli Stati Uniti, perché sottolinea l’opposizione ai loro progetti imperialistici. Khouri non si spinge più lontano nelle sue previsioni, ma altri lo fanno, delineando, anche se solo nelle linee generali, la visione di un futuro in cui Israele non godrà più del dominio assoluto. Il pensatore e musicista jazz Gilad Atzmon, un ex israeliano che vive in Gran Bretagna, vede nella vittoria di Hezbollah in Libano un segnale della disfatta di quello che chiama il sionismo globale, termine con cui indica l’asse neoconservatore israelo-americano. Sono i libanesi, i palestinesi, gli iracheni, gli afgani e gli iraniani – sostiene – ad essere “in prima linea nella battaglia per l’umanità e l’umanesimo”, mentre Israele e gli USA seminano morte e distruzione; un numero sempre crescente di europei e americani se ne rende conto e sta scendendo dal carrozzone dei sionisti e dei neoconservatori. Atzmon definisce in ultima analisi Israele “un episodio della storia” e una “entità morta”.

Molti altri hanno un punto di vista simile. Sempre più spesso i commentatori discutono la possibilità che Israele, ora che si è sgonfiato il suo mito d’invincibilità, attraversi una fase di trasformazione simile a quella sudafricana, in cui i leader politici riconoscano in qualche modo l’errore della scelta razzista e in un impulso di umanità abbandonino le iniquità sioniste, ammettendo che ebrei e palestinesi devono vivere su un piano di parità in uno stato unitario. Il parlamentare britannico George Galloway (Guardian, 31 agosto 2006) prevede la possibilità che in Israele e tra i suoi sostenitori internazionali si sviluppi “un momento F.W. de Klerk “, nel quale, come accadde in Sudafrica, una “massa critica di oppositori” andrebbe oltre le posizioni della precedente minoranza e i leader giustificherebbero il trasferimento dei poteri partendo dalla constatazione che farlo più tardi, in una posizione più sfavorevole, risulterebbe meno vantaggioso. In mancanza di una simile transizione pacifica, e di una contemporanea azione per risolvere il conflitto israelo-palestinese, Galloway, come molti altri, non vede altro che “guerra, guerra e ancora guerra, fino al giorno in cui Tel Aviv sarà a fuoco e l’intransigenza dei capi israeliani farà crollare sulle loro teste l’intera impalcatura dello stato ebraico”.


[Con Nelson Mandela, F.W. De Klerk, ex presidente sudafricano e premio Nobel per la pace, fautore della fine dell’apartheid. Quando nascerà un De Klerk israeliano?]

E sempre di più questa sembra essere l’alternativa futura: o Israele e i suoi sostenitori neoconservatori americani riescono a eliminare i peggiori aspetti del sionismo, accettando di creare uno stato unitario in una Palestina abitata da palestinesi ed ebrei, o il mondo si troverà di fronte a un conflitto di un livello oggi non immaginabile.

Proprio come Hezbollah è parte integrante del Libano, impossibile da distruggere con il bombardamento di ponti e centrali, così, prima del 1948, i palestinesi erano la Palestina, e continuano ad esserlo. Colpendoli dove vivevano, in senso proprio e figurato, Israele ha lasciato ai palestinesi un solo obiettivo e una sola visione. Una visione di giustizia e compensazione, dove compensazione significa, in ultima analisi, sconfitta del sionismo e recupero della Palestina, oppure riconciliazione con Israele a condizione che quest’ultima agisca come un vicino normale e non da conquistatore, o infine unione con gli ebrei israeliani in un unico stato in cui nessuna parte goda di più diritti dell’altra parte. In Libano, Israele ha ancora una volta dato l’impressione di voler imporre a un altro popolo la propria volontà, il suo dominio, la sua cultura e la sua etnicità. Non ha funzionato in Palestina, non ha funzionato in Libano, non funzionerà da nessuna parte nel mondo arabo.

Siamo a un crocevia morale. Nel “nuovo Medio Oriente” progettato da Israele, Bush e i neoconservatori, solo Israele e gli USA possono dominare, solo loro avranno la forza, solo loro potranno vivere al sicuro. Ma nel mondo giusto all’altro lato del crocevia, questa visione è inaccettabile. La giustizia deve prevalere.

Kathleen Christison è stata analista politico della CIA e ha lavorato sui temi medio-orientali per 30 anni. Ha scritto Perceptions of Palestine e The Wound of Dispossession .

Kathleen Christison
Fonte: http://www.counterpunch.org/
Link: http://www.counterpunch.org/christison09122006.html
12.09.2006

Traduzione per www.comedonchisciotte.org di CARLO PAPPALARDO

Pubblicato da Das schloss