Home / ComeDonChisciotte / LIBERT DAL FEUDALESIMO

LIBERT DAL FEUDALESIMO

DI ETHAN JACOBS
Activist Post

Quando la ”repubblica”

massonica

chiamata Stati Uniti fu fondata nel 1776,

non c’erano imposte e le persone erano generalmente libere di fare

quello che preferivano, fino a che non avessero danneggiato la persona

o la proprietà altrui. Sfortunatamente, ogni anno i governi federali

e quello dello stato, che sono sempre stati controllati di “interessi

particolari”, hanno approvato sempre più leggi, distrutto la libertà

delle persone, provocato la morte per migliaia di individui. Gli Stati

Uniti e il resto del mondo vivono oggi nel

sistema neo-feudale del Nuovo Ordine Mondiale.Il feudalesimo era presente nell’Europa

medievale:

I sistemi feudali nelle

società del passato avevano generalmente l’aspetto comune di

essere governati dalle classi più

ricche e potenti (nobili e aristocratici) con un potere legittimo quasi

assoluto sulla vita e il benessere delle impoverite classi di lavoratori,

artigiani, professionisti, agricoltori e servi (individui con debiti

tanto alti che le uniche possibilità

erano la prigionia del debitore, una vita da

“fuorilegge” senza un tetto, o l’essere impiegati delle classi

superiori come servi o domestici). Le classi feudali più

alte non erano soggette allo stesso tipo di leggi delle classi inferiori.

Per questo uno dei criteri basilari per caratterizzare una società

feudale potrebbe essere semplicemente quello che le sue leggi e i suoi

costumi sono progettati per meglio servire i proprietari di terre e

i ricchi offrendo una protezione legale notevolmente inferiore ai senza

terra, alla classe dei lavoratori e alle persone indebitate.

Vi giunge nuova?

Il neofeudalesimo è il punto

in cui siamo adesso:

Neofeudalesimo significa alla lettera

“nuovo feudalesimo” e comporta l’attuale rinascita delle politiche

economiche e di governo che si ricordano quelle delle società feudali

pre-industriali. L’idea

sottesa è che le politiche governative hanno l’effetto (deliberato

o no) di incrementare sistematicamente la forbice della ricchezza tra

i ricchi e i poveri e al contempo aumentare il potere dei ricchi facendo

diminuire quello dei poveri.”

Per i servi (lavoratori e produttori), il Giorno del Costo del Governo (COGD),

il giorno del calendario in cui il lavoratore americano medio ha guadagnato

il lordo necessario per pagare la sua quota di spesa pubblica e di fardelli

normativi imposti a livello federale, statale e locale, è ora al

19 Agosto, il dato più avanzato mai registrato. Questo significa

che l’americano medio deve lavorare 230 giorni, il 63% dell’anno,

per pagare il costo totale del governo. Significa anche che si trattiene

solamente il 37 per cento del proprio lavoro. 63 delle 100 ore lavorate

servono per pagare il governo.

Per i signori (banchieri, “reali”,

grandi aziende e think tank) come General

Electric, nel 2010 non

sono state pagate imposte anche con profitti di 5,1 miliardi di dollari.

Allo stesso modo, tra

il 2008 e il 2010, Wells Fargo

ha ottenuto guadagni per un totale di 49,37

miliardi di dollari. In questo lasso di tempo, la loro cartella

esattoriale era negativa per 681 milioni di dollari, ossia Wells Fargo

ha invece ricevuto 681

milioni di dollari

dal governo degli Stati Uniti (a

parte i fondi per i salvataggi).

Controllate

questa lista di tasse, tariffe e regolamenti

e poi provate a cantare “Star-Spangled

Banner” con sincerità. Gli Stati Uniti sono davvero “la terra dei

liberi e la patria dei coraggiosi”? 0 è una nazione di servi

schiaffeggiati che cercano di sopravvivere nell’ “green service

economy?” Noi servi siamo

stati condizionati per lasciare che i signori del governo e delle grandi

aziende ci frustassero più forte di Kunta Kinte in “Radici”, e

come i suoi compagni schiavi rimanere nell’ignavia, troppo spaventatati

per rovesciare i padroni degli schiavi tanto inferiori di numero?

Infatti, il lavoratore americano medio

deve lavorare 74

giorni

solo per coprire il costo delle strutture federali, statali e locali. Come ha scritto l’economista Paul Craig

Roberts:

Pochi americani hanno

chiaro il fatto che negli ultimi 94 anni sono stati fatti servi e che non hanno maggiori

diritti sul proprio lavoro di quelli dei servi medievali o degli schiavi

del XIX secolo. […] oggi nella “libera” America,

un normale americano non ha più potere sul proprio lavoro di un servo

medievale. Alcuni schiavi del XIX secolo, le cui abilità

valevano molto più in città che nelle piantagioni, furono affittati

dal loro proprietari per gli affari. Questi affari avrebbero portato

metà degli stipendi dello schiavo al proprietario. Come promemoria,

gli schiavi potevano risparmiare abbastanza per acquistare la propria

libertà. Oggi, non si può comprare la nostra libertà

dall’IRS.

Comunque, i banksters internazionali

che possiedono la

privata Federal Reserve

e controllano il governo federale vivono come dei sovrani. Dopo aver fatto per anni enormi profitti

con la bolla immobiliare, le banche sono state salvate nel collasso

successivo.

La Federal Reserve ha concesso 16,1 triliardi di dollari

in prestiti di emergenza agli Stati Uniti e altre istituzioni finanziarie

tra il 1° dicembre 2007 e il 21 luglio 2010, secondo i dati forniti

dalla prima revisione del bilancio della banca centrale mai effettuata

dal governo. Lo scorso anno, il PIL dell’intera economia statunitense

era di 14,5 trilioni di dollari. Dei 16,1 prestati, 3,08 triliardi di

dollari sono andati nelle istituzioni finanziarie di Regno Unito, Germania,

Svizzera, Francia e Belgio, come dimostrato dall’analisi del Government

Accountability Office (GAO). Di tutti i beneficiari, Citigroup ha

ricevuto l’assistenza più robusta da parte della Fed, 2,5 triliardi

di dollari. Morgan Stanley è arrivata al secondo posto con 2,04 triliardi,

seguita da Merrill Lynch con 1,9 triliardi e da Bank of America con

1,3.

Allo stesso modo, le fondazioni esentate come quelle di Carnegie, Ford, Rockefeller, e di Bill e Melinda Gates non pagano imposte mentre

influenzano le politiche

sociali.

In conclusione, quelli che vivono negli

Stati Uniti e nella gran parte del mondo sono servi di un sistema neo-feudale

controllato da un estremamente piccolo numeri di banchieri e signori

globalisti. Abolire questo sistema e riportare l’uomo alla sua condizione

naturale è ancora possibile. Per arrivarci, le più grandi banche e le

grandi aziende devono essere boicottate

e sciolta la privata Federal Reserve.

Inoltre, tutte le azioni delle multinazionali globaliste dovranno essere

vendute, comprese le azioni dei fondi che hanno investito in loro.

*********************************************

Fonte: Freedom to Feudalism

08.08.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • Onilut

    Un buon articolo che sottoscrivo. Quello che qui viene menzionato come Nuovo Ordine Mondiale è già in fase di startup. E da diverso tempo, oltretutto. Gli “Americani” che si son fatti servi – in tutto l’occidente, dico io, ci siam fatti servi – son stati vittime dell’inganno per mezzo del quale l’NWO opera: il consenso. Il consenso, la sottile corrente viziata espirata dalle bocche del potere e inspirata dalle masse con l’ebbrezza del privilegio. Il consenso, quello che farcisce le nostre lingue e riempie i borsellini del potente. Forse non dovrebbe interessarci un I-phone sostenibile. Forse dovremmo darci fuoco, noi, all’I-phone. Forse non dovremmo affatto avercela un’industria globale. Forse non è necessario un governo. Chissà. Il punto è che Noi siam peggio dei servi per un solo motivo: siamo servi che si divertono.

  • xmas

    Condivido il senso dell´articolo (pur contenendo alcune imprecisioni), ma trovo idiota il paragone sul medioevo.

    Il medioevo sopra descritto è una parodia in chiave moderna dello stesso.

    Evidendemente oggi c´è una ignoranza paurosa in merito alla storia, già di per se stessa presentata manipolata dagli attuali vincitori. (Manipolazione peraltro superficiale che conta molto sulla pigrizia e sulla mancanza di tempo delle persone)

    Domanda: “Siete proprio sicuri che il Medioevo (termine generico per rappresentare 1000 e passa anni di storia) sia stato tale incubo come viene spesso descritto ?”

    Alcuni potrebbero trovare assolutamente irrilevante questo mio intervento – … con i problemi attuali … chi se frega del medioevo … –
    … purtroppo non è così: noi siamo il frutto della nostra storia, non conoscerla significa essere cechi, e per non sapere da dove si viene, non si può certo sperare di capire dove andare.
    I problemi attuali hanno la loro radice nella storia, non c´è modo di risolverli senza conoscere quest´ultima.

    … e non sto ovviamente parlando di una conoscenza “stupida” di date e avvenimenti, liste di regnanti e relative opere e azioni con relativi giudizi di merito partoriti da un unico punto di vista, indiscusso e funzionale ai fini di potere attuale; come tale materia ci viene presentata durante il nostro squallido percorso di apprendimento/indottrinamento nella scuola.

  • GioCo

    Ehm, io non sono un matematic, ma 340 mlioni per un milione, non fa 340 milioni. Fa 340.000.000.000.000, che non so proprio come si legga ma se dopo il milione viene il miliardo e dopo il triliardo, dovrebbero essere 340 triliardi. In effetti un po’ più di 16,1 triliardi. Comunque non tutti gli americani sono indebitati e forse una politica redistributiva delle posisioni di debito (tipo un riacquisto federale del debito privato) sarebbe costato di meno. Non so. E’ da verificare …
    Per in caso scegliamo chi sa fare i conti, plese … 🙂

  • supervice

    La prima parte di commento si riferisce a un paragrafo dove c’erano calcoli sbagliati, che sono stati tolti dall’originale e, di conseguenza, anche da quest’articolo.