Home / Capitalismo / Le multinazionali evadono miliardi ma il governo vuole la galera per idraulici e muratori

Le multinazionali evadono miliardi ma il governo vuole la galera per idraulici e muratori

DI PAOLO BECCHI E GIOVANNI ZIBORDI

liberoquotidiano.it

Dato che il governo non vuole aumentare il deficit pubblico e neanche l’IVA, deve alla fine aumentare tante piccole tasse di qui e di là , e dato che si tratta di una coalizione traballante, di gente che non ha mai lavorato nel settore privato e che crede che ci siano 200 o 300 miliardi di “sommerso”, pensa di cavarsela con “la caccia all’evasione”.

Come noto in Italia idraulici e altri che fanno lavori artigianali fanno del nero, a differenza ad esempio degli Stati Uniti dove ti danno regolare fattura. Stiamo ovviamente scherzando, perché chi ha vissuto a New York o a Los Angeles sa che nemmeno i meccanici accettano mai, anche per importi di migliaia di dollari, qualcosa di diverso dal cash, i contributi alle domestiche sono sconosciuti, i ristoratori di origine italiana raccontano come sia bello vivere senza libri IVA,registratori di cassa, redditometri e studi di settore. Sì perché appunto, non esistendo strumenti di rilevazione come questi, in America negozianti, ristoratori e artigiani dichiarano qualcosa di plausibile e poi, se gli capita l’ispezione, vanno a discutere e patteggiano di pagare di più (ma non essendoci documentazione tipo libri IVA come da noi è più che altro un tira e molla in cui alla fine ci si mette d’accordo). Poi ci sono circa 15 milioni di immigrati non regolari, il che implica che interi settori come la raccolta della frutta o l’edilizia utilizzino lavoro in nero.

In America però ti mettono in galera! Questo è vero. Ma solo perché gli USA hanno due milioni e mezzo di carcerati, cioè da loro si va dentro per dozzine di reati per i quali in Europa e in Italia non succede un cazzo. Ad esempio migliaia di persone finiscono in carcere per debiti (incredibile ma vero). E’ vero quindi che ci sono evasori che in USA vanno in carcere, ma semplicemente perché è un Paese dal carcere facile, per ogni tipo di reato grande e piccolo, dalla manifestazione non autorizzata al mancato pagamento degli alimenti. Vogliamo fare così anche da noi? Pensata allora prima alla costruzione di nuove carceri, ma è questo il vero problema?

Ci sono multinazionali che grazie a Irlanda, Olanda, Lussemburgo (paesi europei!) eludono circa un terzo delle tasse, perché pagano in media un 20% effettivo quando le aliquote sono sul 33% negli ultimi anni. In Italia ad esempio Google, Facebook, Apple o Nerflix non pagano quasi niente, fanno figurare gli utili in Olanda e poi in Irlanda e alla fine nei Caraibi. E lo stesso fanno in una certa misura le grandi famiglie e gruppi italiani dalla Fiat in giù che hanno ora sedi appunto in Olanda.

Come si vede qui sotto dal grafico le multinazionali USA fatturano e operano in tutta l’Europa e Asia, ma mostrano i profitti in Lussemburgo, Irlanda, Olanda e Svizzera. Fingono di non guadagnare niente in Germania, Francia e Italia e di avere utili solo nei paradisi fiscali e i governi li lasciano tranquillamente fare.

Immagine

Il nero o sommerso legato all’uso del contante tra chi lavora in proprio fornendo servizi in persona è fisiologico in tutto il mondo, tanto in America quanto in Italia. Noi oggi vogliamo colpire quello come il male assoluto. Ma il fenomeno clamoroso della nostra epoca è la colossale elusione delle tasse che con la globalizzazione le multinazionali e le elites oggi possono orchestrare, tramite sofisticate strategie legali e finanziarie e persino con la complicità di alcuni governi europei. Il vero problema è questo, ma noi abbiamo deciso che è più importante sbattere in galera idraulici, elettricisti, tappezzieri, muratori ecc.ecc., che lavorano in nero per sopravvivere.

 

Paolo Becchi e Giovanni Zibordi su Libero, 23/10/2019

visto su https://www.ariannaeditrice.it/

Pubblicato da Davide

Precedente Elezioni in Umbria: cronaca di un’asfaltata annunciata
Prossimo Extinction Rebellion travolge il mondo

11 Commenti

  1. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Non riesco ad afferrare il senso del titolo dell’articolo… O piccola o grande l’evasione deve essere combattuta… Casomai dobbiamo pretendere che la macchina statale funzioni al meglio e che i servizi ai cittadini vengano sempre garantiti.

  2. E mentre idraulici e lavoratori autonomi entreranno in carcere dovranno prendere atto che gli spacciatori in carcere neanche ci mettono piede, vengono presi e rimessi subito in libertà dal giudice, specie se neri. Volete diminuire il debito? Sequestrate i proventi dello spaccio di droga.

  3. Pietà, ne ho le scatole piene……….

    Il vittimismo e la puerile autoflagellazione interessata basta! In Italia non siamo ne più ladri ne più evasori che in altre parti, siamo solo più invidiosi e rancorosi: perchè lui che ha la partita iva può evadere e io no? tutti nella stessa m**da o niente. Da dipendente ogni tanto anche a me scappa l’idea, poi mi rendo conto che io non pago ne commercialista ne altro ed il fisco, salvo stranezze, mai verrà da me.
    Che esistano gli evasori totali è certo, come è certo che esistono i truffatori, altrettanto certo è che leggi draconiane applicate ai nemici ed interpretate per gli amici non risolvono nulla! Quì si sta solo sgozzando i piccoli deboli per salvare i grandi amici……

  4. In questo articolo del Sole24ore vengono spiegati per benino i motivi per cui la lotta all’evasione è una montatura mediatica atta a ingraziarsi i dipendenti mentre si “criminalizzano” a parole gli autonomi ma si concedono loro tutte le rottamazioni del caso.
    https://www.econopoly.ilsole24ore.com/2019/10/25/evasione-fiscale-nemico/

  5. Le multinazionali hanno fatto comodo a molti governi europei infatti hanno una complicita’ di vecchia data, il famoso doppiogioco dell’UE. Le filiere dei e delle consumatori-ci decidono -da sempre- dove canalizzare i loro soldi senza sapere -deficit di conoscenza economico/finanziaria- che possono far crollare le quotazioni delle azioni di molte multinazionali cambiando le loro scelte negli acquisti. La novità dov’è?

  6. Prima dei piccoli evasori,per combattere lo spreco bisogna licenziare almeno 1 milione di statali e non dare agli altri per almeno 2 anni la pensione,che non si hanno guadagnato.Poi inoltre fare una legge retroattiva che faccia effettuare lavori socialmente utili a chi è andato in pensione a 40 anni,che ne conosco parecchi,poi lavorano in nero.Inoltre farsi dare i 15 miliardi dalla chiesa e poi passare ai grandi evasori,e per ultimo i piccoli,ma come al solito in italia si comincerà dal fondo e si lasceranno in pace gli altri.

    • Io me ne sono andato di mia spontanea iniziativa da un ente tombale. Uno di quegli enti pretesto paraculo che infestano questa fogna-stato. Ero il più giovane e l’unico assunto tramite l’unico concorso fatto proprio quando l’ente era commissariato. Potevo stare a non fare una mazza tutto il dì ma io cercavo di darmi da fare. Ero visto molto male dai “colleghi” per questo fatto. Dopo 10 anni di angosciosa attività e risparmi felici me ne sono andato e ora sono un paria, un “coglione” per parenti e molti (ex) amici. Il concetto che mi viene ripetuto é: “potevi stare a non fare nulla fino alla pensione”, come se la vita fosse già conclusa dal primo giorno di lavoro. Ora vivo e lavoro cercando di contribuire il meno possibile a questo cesso infetto. E ho investito quasi tutti i miei risparmi in una casa di pietra in collina. Io mia moglie e mia figlia possediamo 3 ettari di terra, un trattorello, 5 galline, due gatti, 3 capre, una vigna di sangiovese forte e 70 ulivi. Fanculo alla civiltà post moderna. Che bruci!

  7. Ei, gente, ma ci siete o ci fate? Parlo di voi, commentatori di cdc, come me, fratelli miei!

    Ho letto le decine di commenti qua sopra, quasi tutti incentrati sul dito, non sulla luna!
    Qui si parla delle multinazionali che ci dominano in tutto e per tutto, e poi, ciliegina sulla torta, non pagano neppure le tasse per miliardi e miliardi, proprio quelli che mancano al bilancio statale per poter vivere in un paese un po’ più normale, dove la politica non sia fatta da pagliacci rincoglioniti alla beppe grillo o ai due matteo, sì, proprio quelli che vi sbattono il dito in prima pagina tutti i giorni affinchè non vediate la luna.

    E’ la prima e l’ultima volta che me la prendo così duramente con questa comunità alla quale ho l’onore di appartenere, almeno dal mio punto di vista, ma quando ce vo’ ce vo’.
    Un abbraccio, come sempre.

  8. Ogni volta che o il primo ministro italiano o il presidente della Repubblica sono andati negli Usa, Trump ha sottolineato che l’Italia sta comprando molti aerei (i discussi F35 suppongo), e addirittura l’ultima volta ha precisato 90 aerei… Ogni volta mi chiedo quanto potremmo investire in welfare, sanità. scuola ecc. risparmiando questi soldi. A quale guerra della Nato o francese dobbiamo prepararci? quando ci sarà un governo che taglierà i fondi alle armi( e metterà mano alle pensioni dei militari, che hanno altri parametri dalla Fornero e nessuno dice mai niente) gli crederò

  9. Si fa così a governare: deboli coi forti e forti con i deboli. Non va così il mondo? Mondo di m. ovviamente.

  10. Ma la galera per gli evasori fiscali non c’è già? Io ricordo Sofia Loren (gran donna!), che s’è fatta un mese di galera a testa alta perchè attribuiva al suo commercialista un errore nella denuncia dei redditi. E allora?