Home / ComeDonChisciotte / LE 2400 TONNELLATE D'ORO DELL'ITALIA: IL VERO OBBIETTIVO DEL FMI?

LE 2400 TONNELLATE D'ORO DELL'ITALIA: IL VERO OBBIETTIVO DEL FMI?

Activist Post

Un’intervista mandata in onda da Russia Today con Stacy Herbert e Max Keiser.

Stacy Herbert: Grecia, Irlanda e Portogallo sono andate, ma queste economie valgono meno di 400 miliardi di dollari. Ora assistiamo agli attacchi alla Spagna e all’Italia. L’Italia ha un’economia
di 2 triliardi di dollari con 2400 tonnellate d’oro.

Max Keiser: Le 2400 tonnellate d’oro in Italia rappresentano la seconda quantità presente nell’eurozona. Questo è il filone principale, credo che questo sia l’obbiettivo reale. La Grecia, l’Irlanda, il Portogallo, quelli sono aspetti laterali; sono micro-nazioni, non ci sono grossi affari da fare. L’Italia ha davvero l’oro che vuole il FMI e i terroristi che sostengono il FMI, come Eric Cantor, stanno
aiutando ad agevolare il furto di quelle 2400 tonnellate d’oro, perché questo è quello che conta.

Stacy Herbert: Questo perché hanno bisogno di quell’oro, certo: il FMI sta cercando di ottenere le tariffe per l’atterraggio degli aerei a Napoli o in Sicilia?

Max Keiser: No.

Stacy Herbert: E comunque un paese importante da osservare. Berlusconi è un magnate dei media. Possiede il 90% dei media di questo paese.

Max Keiser: Esatto, è il Murdoch italiano.

Stacy Herbert: Sì, persino di più. Ma vedi, questo orribile vecchio buffone, che sta portando il paese a terra, e la popolazione sembra felice di questo, perché ci sono molte tette nei suoi spettacoli televisivi e in tutti i suoi media e pornostar che nomina per guidare l’economia, e sembrano essere davvero felici di questo. Ma il FMI vuole prendere il loro oro, e qualcun altro riderà per ultimo. Potrebbe essere davvero divertente questo buffone, ma…

*********************************

Fonte: http://www.activistpost.com/2011/07/italys-2400-tons-of-gold-real-target-of.html

Pubblicato da supervice

  • AlbertoConti

    Ragazzi siamo seri, qui stiamo sempre più dando i numeri, a vanvera.
    Problemino: oggi l’oro quota 1.593 dollari l’oncia, l’oncia d’oro corrisponde a 31,1 grammi, un euro vale circa 1,42 dollari. Domanda quanto vale un grammo d’oro? E una tonnellata, che è 1 milione di grammi? Risposte: 1 grammo d’oro vale 36 euro, 1 tonnellata vale 36 milioni, 2.400 tonnellate 86,5 miliardi di euri. Facciamo pure che siano 2.500 tonnellate, come parevano essere solo qualche anno fa, e che le quotazioni aumentino: stiamo parlando di riserve in oro in capo a Bankitalia dell’ordine dei 100 miliardi. Oro distribuito in caveau a New York, Basilea e Roma. Solo tre anni fa il debito pubblico era 300 miliardi in meno di adesso. Questo significa che vendere tutte le favolose riserve d’oro italiane, tra le prime al 5 al mondo per quantità, ammesso che la privatissima Bankitalia ne accrediti il ricavato al Tesoro, significherebbe interrompere di un solo anno l’aumento del debito pubblico, secondo una media PRECEDENTE ai reiterati declassamenti di Moodys’. Vale la pena azzerare l’unica risorsa solida che abbiamo, per una boccata d’ossigeno di un solo anno? Qui siamo al delirio, e la cosa tragica è che di questo delirio ne parla convintamente perfino Corradino Mineo, direttore di Rainews. Sono tutti al soldo del FMI?

  • mikaela

    Stacy Herbert serva di Press TV di Al Gore dice la sua mezza verita’, – tutta propaganda – come se tutte le colpe dell’attuale situazione sono di Berlusconi dimenticando chi c’era prima di lui e quelli che hanno fatto di tutto per fare arrivare questo governo in ginocchio di fronte al grande pote.

  • vainart

    Si vede che non hai capito il vero valore dell’oro paragonato alla carta moneta… per loro la carta è carta e ne possono mettere in giro quanta vogliono ma l’oro mica lo trovi in tipografia!!

  • lucamartinelli

    quando un concetto è vero, è vero. Solo gli stolti e gli schierati possono attribuire la catastrofica situazione italiana a Berlusconi, re del bunga-bunga. Non possiamo dimenticare che i danni procurati all’Italia dal massone Prodi sono stati gravissimi e irreparabili, al limite del tradimento della nazione, anzi alto tradimento. Prodi è fortunato che non sia in vigore il codice militare di guerra, perche’ sarebbe stato passato per le armi. Un altro fortunato è il sig. Draghi, amministratore delegato di Bankitalia Spa, carica che da quelle parti si chiama “governatore”. Draghi, fedele cagnolino di Goldman Sachs, è responsabile della svendita del patrimonio pubblico nostro allo straniero. E’ un altro traditore. Come vedete siamo circondati da venduti e traditori. Anche il Berlusca non è da meno: lui è un fedele servitore della massoneria. Chi vuole parteggiare puo’ scegliere… buona serata.

  • alvise

    Ti sei dimenticato il fu padoa schioppa, altro stipendiato, fino a prova contraria, della G&S.Un’altro grande amico degli italiani…

  • AlbertoConti

    Si vede che non hai capito quel che ho scritto. Cioè che quell’oro dobbiamo tenercelo stretto, anzi, dovremmo recuperarlo da New York e da Basilea, non si sa mai, e soprattutto dalle sgrinfie di una Bankitalia privatizzata! Quell’oro appartiene per diritto storico al popolo italiano, e guai a chi lo tocca! Soprattutto se l’eventuale vendita corrisponde a un piatto di lenticchie, nel “libero mercato” drogato dai signori truffatori della moneta attuale, che a stamparne 100 miliardi per loro è un’inezia. Se finiamo come l’Argentina quell’oro torna buono per ricominciare daccapo con una nuova “Lira pesante”, ma più per l’immagine che per altro (fondata sull’ignoranza della gente), perchè la moneta non è mai stata “merce”, e il Gold Standard Exchange lo ha dimostrato storicamente, rivelandosi la più grossa truffa della storia.

  • ROE

    L’oro in deposito a New York si può ritirare solo se c’è ancora …

  • nettuno

    Giusta valutazione la tua ..

  • nuspy

    Max Keiser non e’ ne’ un giornalista ne’ tantomeno un economista ma solo un comico televisivo (es. the Oracle) che si e’ rigiocato una carriera fatiscente facendo propaganda stupida per conto e al soldo di Russia e Iran (Russia Today e Press TV). Non citatelo come persona seria e onesta.

    E’ famoso per le scempiaggini che tira regolarmente fuori come la borsa sugli attori di Holliwood e pur di fare sensazionalismo e’ disposto a raccontare cagate pazzesce e inverosimili: tra queste l’ ultima e’ che tutto questo palcoscenico sia stato messo in piedi per quelle famose 2400 tonnellate d’ oro.
    Scambio (purtroppo) insostenubile a fronte di 1.900 miliardi di Euro di debito italiano perche’ come prima di me hanno fatto notare quell’ oro equivale a circa 80 miliardi di euro , ovvero al 4% del totale del nostro debito.
    Quindi inconsistentissimo: io lo scambio lo farei all’ istante, perche’ vorrebbe dire vendere il nostro oro a 24 volte il prezzo di mercato.

    Per chiunque sostenga che l’ oro abbia un valore reale e la carta no, ricordo l’ esperienza di un tale re Mida: in soldoni l’ oro non serve quasi ad un cazzo, e il suo valore, tanto quanto la carta, e’ solo ed esclusivamente simbolico, tranne che per la sua non riproducibilita’.

    Cioe’, l’ oro ha solo il valore simbolico che viene deciso che rappresenti come strumento di accumulazione o commercio: il valore industriale dell’ oro (rullo di tamburi! RIVELAZIONE!!! e’ di 50 euro all’ oncia).

    In caso di crollo del nostro paradigma sociale non varra’ assolutamente nulla, in mancanza di un mercato efficiente che sia in grado di riattriburgli qualsivoglia valore simbolico.

  • Ghibli

    Considerare la valuta come strumento di misura del valore dell’oro è oggi quantomeno inopportuno se non per farsi una vaga idea della misura in cui il valore della carta moneta si approssimi sempre più allo zero. Non è l’oro che sta incrementando abnormemente il proprio valore, bensì è la valuta che sta diventando carta straccia. Il valore dell’oro è aumentato come in tutte le commodities, dai metalli al grano, dal caffè all’energia. Si chiama semplicemente inflazione. Ovvero non è il valore intrinseco di un bene che aumenta, bensì è il valore della valuta che lo rappresenta a diminuire, anche se per alcuni beni, in effetti, è aumentata anche la domanda (l’oro guarda caso, poichè considerato bene rifugio esattamente come il mattone qualche anno fa).
    Una vaga idea del reale apprezzamento che ha avuto il metallo giallo la si può dedurre dal rapporto con l’indice dei prezzi al consumo CPI di cui fornisco un articolo tratto da zero hedge con tanto di grafico: http://www.zerohedge.com/article/gold-and-silver-likely-go-parabolic-due-%E2%80%98global-shockwaves%E2%80%99-if-us-defaults.
    E anche uno studio sul comportamento dell’oro in rapporto a prospettive economiche deflattive o inflattive della Oxford Economics: http://www.zerohedge.com/article/oxford-economics-looks-role-gold-under-inflation-and-deflation-finds-average-gold-holdings-s.

  • ROE

    Tutto vero ma l’interesse degli Stati Uniti di appropriarsi dell’oro italiano prescinde dal rapporto fra valore di quell’oro e debito pubblico italiano. Il problema degli Stati Uniti potrebbe essere unicamente quello di ricostituire le loro riserve che dal 1934 esistono solo contabilmente ma che in realtà non ci sono. E non possono più dare tungsteno al posto di oro. Se qualcuno dicesse “vedo”, chi ne assumerebbe la responsabilità?

  • RIPLAY

    UUUAOOOOOOOO!!!!!! Noi italiani rincoglioniti come siamo dalle tette televisive sentire queste originalissime analisi economiche è propio come mandare giù un bel bicchierone di acqua fresca. Per fortuna ogni tanto qualche notizia straniera riesce a superare la colossale nebbia di ignoranza che avvolge questa nostra desolata Italia. – Grazie Yoghi e Bubu, ne avevamo propio bisogno di queste profondissime considerazioni! Grazie, grazie!

  • sirigu

    scusate la mia ignoranza, a cosa serve avere tutto questo oro se non lo si può usare neanche come garanzia per i nostri debiti? e poi in tutto questo tempo perchè non se ne parla? a parte voi e pochissimi altri nel web ? ho provato a fare la stessa domanda in diversi siti ma nessuno mi ha risposto . evidentemente o la mia è una domanda banale , o nessuno ne sa niente.
    grazie