Home / ComeDonChisciotte / L'ACCORDO SEGRETO TRA AMERICA E IRAN SULLA SICUREZZA IN IRAQ

L'ACCORDO SEGRETO TRA AMERICA E IRAN SULLA SICUREZZA IN IRAQ

A CURA DI ROADS TO IRAQ

Come si mette in relazione con la visita di McCain in Israele

Il giornale Arab online pubblicato a Londra fu l’unico giornale a riporta la notizia la settimana scorsa, però io ho aspettato qualche altro giorno per vedere se la situazione si fosse evoluta come affermava il giornale e se la campagna militare a Basra avesse risposto alle mie aspettative.
Arab online afferma che c’è stato un segreto negoziato tra Iran e USA durante la visita di Ahmadinejad in Iraq [da ricordare che in questa settimana ci sono stati altri eventi collegati, come il fatto che l’ambasciata statunitense che si sia rifiutata di ricevere una delegazione iraniana…etc]

Il documento contiene i dettagli dei nomi delle persone presenti all’incontro da entrambe le parti, cosa che non ci interessa in questa sede. Ecco quanto afferma il giornale in breve:

Ahmadinejad offrì di calmare la situazione in Iraq, usando i 3 giorni della visita senza attacchi come dimostrazione di quello che può fare l’Iran, e si offrì anche di accettare l’accordo di lungo termine tra USA e Iraq.Questo a cambio:

– della rimozione dell’Iraq dalla risoluzione delle Nazioni Unite n° 1546, che da il diritto alle “Forze della Coalizione” di usare la forza anche contro i vicini dell’Iraq, se i documenti dell’intelligence provano che il Paese sta esportando terrorismo in Iraq, e c’è anche un capitolo che permette alle forze statunitensi di usare il territorio iracheno come base per attaccare altri Paesi.

– della fine delle politiche Euro-americane e del supporto logistico all’opposizione iraniana, specialmente al Consiglio di Resistenza Iraniano, all’organizzazione Pijac Kurdish, ma anche agli ad altri piccoli gruppi [Arabi, Turkmeni, Azari…etc].

– fine degli incitamenti americani, pubblici e segreti, al rovesciamento del regime iraniano.

– fine delle campagne americane ed europee che spingono gli ebrei iraniani a emigrare in Israele.

– di mettere fine alla campagna mediatica che vuole far passare come necessarii bombardamenti selettivi verso installazioni iraniane militari, nucleari e di intelligence, a scopo di difesa preventiva.

La parte più importante di questi nagoziati è stabilire cosa può realmente fare l’Iran per gli USA in Iraq:

Ahmadinejad ha detto di negoziare con la previa benedizione dell’Ayatollah Khamenei, e ha rassicurato gli americani sull’effettiva serietà dei nagoziati stessi.

Dunque, gli impegni di Ahmadinejad sono:

– Cooperazione a livello di intelligence in Iraq e in tutta la regione, mentre Washington lascia un po’ di spazio di manovra internazionale all’Iran, alleggerendo la pressione internazionale e l’embargo. Come risultato Tehran rimanderebbe le operazioni di arricchimento dell’uranio di due anni, con la supervisione del team di ispettori dell’Agenzia Internazionale sull’Energia Atomica sul programma nucleare iraniano.

– Completa collaborazione tra i due Paesi in tutti i campi, l’Iran assicurerà l’approvazione di diverse leggi, in favoredegli USA, da parte del blocco Sciita e dell’Alleanza dei Kurdi iracheni, incluse quelle su gas e petrolio, sulle province, chiedendo al Presidente Americano George W. Bush di rinunciare ai propri poteri, fornitigli dalle Forze Armate, che gli danno la possibilità di attaccare installazioni iraniane per la sicurezza delle forze americane e dei civili iracheni.

Questo accordo “America-Iran” riguarda da vicino Israele che per questo ha invitato il candidato repubblicano McCain a visitare Tel Aviv e gli ha chiesto di visitare Bagdad per informarsi su quanto sia stato realmente accordato con gli iraniani; promettendogli, in caso di successo della missione, l’appoggio di Tel Aviv e della lobby sionista alle elezioni presidenziali americane.

Titolo originale: “The secret American-Iranian security deal in Iraq, and how this connected to McCain’s visit to Israel”

Fonte:http://www.roadstoiraq.com
Link
26.03.2008

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di EPICUREO

Pubblicato da Das schloss

6 Commenti

  1. wow se tutto ciò fosse vero non dovrebbero cadere bombe atomiche su nessuno!
    l’abbiamo scampata?

  2. ma ke minkiate scrive questo?

    La diplomatie anglaise redoute que le témoignage de Petraeus ne présage d’une attaque de l’Iran (VO)
    7 avril 2008

    le général Petraeus, qui commande les forces US en Irak, doit faire son rapport au Congrès demain. Selon le Telegraph, les diplomates anglais s’attendent à ce qu’il attaque « très durement » Téhéran pour son rôle dans les derniers affrontements en Irak. The Times indique que Petraeus devrait accuser l’Iran de « participation directe » aux combats de Bassorah. Les sources du Telegraph craignent qu’il ne s’agisse là d’un signal annonciateur d’une action militaire contre l’Iran.

    British fear US commander is beating the drum for Iran strikes

    Par Damien McElroy, The Telegraph, 07 avril 2008

    British officials gave warning yesterday that America’s commander in Iraq will declare that Iran is waging war against the US-backed Baghdad government.

    A strong statement from General David Petraeus about Iran’s intervention in Iraq could set the stage for a US attack on Iranian military facilities, according to a Whitehall assessment. In closely watched testimony in Washington next week, Gen Petraeus will state that the Iranian threat has risen as Tehran has supplied and directed attacks by militia fighters against the Iraqi state and its US allies.

    The outbreak of Iraq’s worst violence in 18 months last week with fighting in Basra and the daily bombardment of the Green Zone diplomatic enclave, demonstrated that although the Sunni Muslim insurgency is dramatically diminished, Shia forces remain in a strong position to destabilise the country.

    “Petraeus is going to go very hard on Iran as the source of attacks on the American effort in Iraq,” a British official said. “Iran is waging a war in Iraq. The idea that America can’t fight a war on two fronts is wrong, there can be airstrikes and other moves,” he said.

    “Petraeus has put emphasis on America having to fight the battle on behalf of Iraq. In his report he can frame it in terms of our soldiers killed and diplomats dead in attacks on the Green Zone.”

    Tension between Washington and Tehran is already high over Iran’s covert nuclear programme. The Bush administration has not ruled out military strikes.

    In remarks interpreted as signalling a change in his approach to Iran, Gen Petraeus last week hit out at the Iranian leadership. “The rockets that were launched at the Green Zone were Iranian-provided, Iranian-made rockets,” he said. “All of this in complete violation of promises made by President Ahmadinejad and the other most senior Iranian leaders to their Iraqi counterparts.”

    The humiliation of the Iraqi prime minister Nouri al-Maliki by the Iranian-backed cleric Moqtada al-Sadr in fighting in Basra last week triggered top-level warnings over Iran’s strength in Iraq.

    Gen Petraeus and Ryan Crocker, the US ambassador to Baghdad, will answer questions from American political leaders at the US Congress on Tuesday and Wednesday before travelling to London to brief Gordon Brown.

    The Wall Street Journal said last week that the US war effort in Iraq must have a double goal.

    “The US must recognise that Iran is engaged in a full-up proxy war against it in Iraq,” wrote the military analyst Kimberly Kagan.

    There are signs that targeting Iran would unite American politicians across the bitter divide on Iraq. “Iran is the bull in the china shop,” said Ike Skelton, the Democrat chairman of the Armed Services Committee. “In all of this, they seem to have links to all of the Shi’ite groups, whether they be political or military.”
    Iran joined militias in battle for Basra

    Sarah Baxter and Marie Colvin, Sunday Times, 6 avril 2008

    IRANIAN forces were involved in the recent battle for Basra, General David Petraeus, the US commander in Iraq, is expected to tell Congress this week.

    Military and intelligence sources believe Iranians were operating at a tactical command level with the Shi’ite militias fighting Iraqi security forces ; some were directing operations on the ground, they think.

    Petraeus intends to use the evidence of Iranian involvement to argue against any reductions in US forces.

    Dr Daniel Goure, a defence analyst at the Lexington Institute in Virginia, said : “There is no question that Petraeus will be tough on Iran. It is one thing to withdraw troops when there is purely sectarian fighting but it is another thing if it leaves the Iranians to move in.”

    US defence chiefs are concerned that the troop surge has overstretched the military. Admiral Mike McMullen, chairman of the joint chiefs of staff, warned that the army and marines were at risk of crossing an “invisible red line” if the burden on forces remained. He said deployments of 15 months had to be reduced to a year “as fast as possible”.

    Petraeus is likely to announce that combat tours will be reduced from 15 months to 12 months.

    The number of US troops in Iraq is set to fall from 160,000 to 140,000 by July, but Petraeus is expected to recommend an indefinite pause in further troop cuts.

    Moqtada al-Sadr, the radical Shi’ite cleric, has called for 1m people to march on Baghdad on Wednesday – the fifth anniversary of the fall of the capital – when Petraeus and Ryan Crocker, the US ambassador to Iraq, will be briefing Congress.

    A senior Iraqi official who met Petraeus last week said, “It will be difficult to show that the situation is improving.” Another Iraqi source described the US general as “furious” that al-Maliki moved against the militias into Basra without consultation and had to rely on US forces to bail him out.

    Abu Ahmed, a senior military commander with the Awakening, the Sunni tribal movement cooperating with US forces, said progress was largely the result of al-Sadr’s Mahdi Army ceasefire.

    “When the Mahdi Army decides to resume its activities, neither the American troops nor the Iraqi government will be able to stop it,” he said.
    Publications originales The Telegraph, The Times

    Référence
    http://contreinfo.info/article.php3?id_article=1885

    mi scuso, ma non ho una padronanza tale dell’inglese che mi permette di tradurre.
    ed il fatto che è l’iran a controllare quello che succede in iraq è PROPRIO IL PRETESTO CHE GLI AMERICANI CERCANO PER ATTACCARE…..
    (si vedano le manovre e le esercitazioni TOTALI che stanno facendo gli israeliani!)

  3. Tra le (presunte) richieste dell’Iran però non configura il ritiro delle truppe USA dall’Iraq. Molto strano, gli Iraniani dovrebbero sapere che l’obiettivo degli americani era una permanenza decennale in Iraq, cioè mettere basi permanenti nel cuore del Medio Oriente per poi attaccare agilmente tutti gli altri paesi circostanti (Iran compreso), e completare poi l’accerchiamento strategico della Cina.

  4. Usa, possibile accordo per rimanere in Iraq a tempo indeterminato

    Lo rivela un quotidiano inglese, secondo il quale le truppe militari americane sostituirebbero l’Onu in futuro

    Gli Usa saranno presente in Iraq per sempre? Sembra essere questo l’accordo che è stato firmato tra i due stati, secondo il quale gli Stati Uniti avranno un impegno militare nello stato mediorientale di durata indeterminata. Le indiscrezioni sono venute fuori da un quotidiano britannico, che dichiara come questo progetto sostituirà di fatto l’impegno che attualmente si è preso l’Onu di garantire la presenza militare nel territorio iracheno. Se davvero l’accordo dovesse divenire operativo, gli Usa avrebbero il permesso del Governo iracheno a condurre operazioni militari e arrestare delle persone, se ciò fosse necessario, per ragioni di sicurezza imperative, senza alcun limite di tempo.

    08/04/2008 08:33

    http://www.unionesarda.it/DettaglioCategorizzato/?contentId=21457

  5. In generale, i giornali arabi come Al Shar al wasat e arab on line, sono da considerare come portavoce della famiglia AlSaud e quindi, come procuratore degli interessi sauditi.
    Naturalmente, il ruolo dell’Iran e l’importanza della influenza religiosa, politica e sociale, nonché economica di un’ orbita superiore al solo Iran cioé, del Clero Sciita (dell’asse Qum-Najav), non è discutibile, né sono ormai convinti pienamente anche gli israeliani che, in base a legami con alcuni curdi e alcuni baasisti sin dai tempi di Saddam, credevano di poter instaurare un regime favorevole a loro in Iraq, dopo l’attacco americano.
    Dall’altra parte i sauditi hanno un problema che non riescono a risolvere, essi avrebbero desiderato l’instaurazione del regime favorevole ad Israele in Iraq, piuttotsto che vedere aumentare, ed affermare, l’egemonia iraniana in questo paese e l’esempio clamoroso di questa “identità di vedute” tra i sauditi e i sionisti è il governo di Foad signore in Libano e l’appoggio al gruppo 14 marzo di sauditi, insieme agli americani e agli israeliani.
    Arab On line cerca , probabilmente, di coprire il viaggio di Cheney in Arabia Saudita e gli accordi che i sauditi hanno preso con gli americani sul Libano e sulla Siria !?!
    Per me la risposta a questa domanda è affermativa, tutti in medioriente sanno che il Re saudita ha detto a Cheney, in maniera chiara, che la responsabilità della situazione irachena e quella dell’aumento del potere dell’Iran in Iraq, cade direttamente sulle spalle dell’amministrazione Bush che credeva di prendere due piccioni (i curdi e gli sciiti) con una fava (dandoli la possibilità di formare il governo) mentre sin dall’inizio gli stessi americani avevano isolato i sunniti e gli ex bassisiti.
    Quando Ahmadinejad è andato in Iraq, l’Iran ha voluto dimostrare la propria potenza effettiva , sia agli americani(che però lo conoscevano) che agli israeliani e i sauditi, quando in tre giorni ogni violenza in Iraq si è fermata totalmente!
    Non è da poco conto questo, purtroppo i mass media occidentali sono ormai completamente orientati verso la disinformazione, altrimenti questo fatto avrebbe dovuto essere trattato pià profondamente sui giornali e nei programmai TV.
    Per tre giorni i servizi segreti dei guardiani della rivoluzione islamica, hanno potuto bloccare ogni attività terroristica in Iraq, che avviene per il 99% per le mani degli affilliati (sunniti/ex baasisti) dei servizi segreti arabi(Giordanosauditi) e occidentali(israeloangloamericani), anticipando ogni loro mossa, uccidendo oltre 180 terroristi con armi dotati di silenziatori, prima che essi potessero mettere il naso fuori dai loro nascondigli.
    A partire da quel viaggio di Ahmadinejad i palloni gonfiati(israeloangloamericanosauditi) si sono sgonfiati di colpo e l’America (anche come vice di altri sgonfiati) sta chiedendo di incontrarre l’Iran per il terzo round di trattative sull’Iraq, in Iraq.
    In tutto questo tempo l’Iran non aveva ancora accettato di incontrare l’America , perché era impegnata a porre le sue condizioni, prima del terzo round con l’America e le condizioni non erano solo per gli americani, bensi, per gli stessi iracheni (sciiti) che nelle settimane scorse, se non era per(ancora una volta) diretto intervento dell’Iran, sarebbero scesi in guerra totale tra di loro.
    L’Iran chiede, come ha sempre chiesto, che gli americani liberino l’Iraq della loro presenza perciò, non ci potrà mai essere nessun accordo con gli americani sulla loro permanenza in Iraq, ma dall’altra parte gli stessi iraniani contribuiscono affinché l’America rimanga più a lungo nel pantano iracheno prima di dissolversi in questo.
    Questa è stata una strategia vincente del clero sciità finora, con questa strategia il clero sciità ha potuto affermarsi in un orbita di indiscusso potere in tutto il medioriente, mettendo in ginocchio il nemico più forte, il quale si sta sgretolando da dentro cioé, gli USA, mentre lasciare l’Iraq è peggio e non lasciarlo è peggiore ancora, per ogni futura speranza americana di rimanere, o continuare ad svilupparsi, come unica superpotenza del mondo.
    A chi non si era ancora accorto dell’evidenza, ricordo che questa incorso, è la prima guerra mondiale assimetrica che la storia del mondo ha potuto vedere, peccato che i mass media occidentali nascondo tutto all’opinione pubblica occidentale oggetto della loro disinformazione, altrimenti le seguenze di fallimenti dei politici occidentali in questa guerra, in aggiunta ai fallimenti interni, avrebbe potuto causare una vera rivoluzione nell’occidente stagnato, dando grande forza di affermazione ai movimenti pacifisti e quindi, creando le basi per l’affermazione di una nuova classe politica, non più soggetto ai ricatti sionisti che mira ancora ad una guerra tra l’Occidente e l’Islam.
    Non è ancora tardi per questo comunque e malgrado che i sionisti ogni giorno diventano più invadenti, per chi vuole aprire gli occhi, è evidente che l’Islam vera rivoluzionaria mihamdiana lotta in rispetto ai diritti umani e diritto internazionale cioé; per la libertà, mentre i mass media occidentali lo marcano con il “terrorismo”, però gli stessi mass media e gli stessi politici , sono i complici del vero ed unico terrorismo internazionale; quella sionista, di cui spesso sono vittime gli occidentali(11 settembre, Londra, Madrid) senza sperlo.

  6. MI SONO FIDATO DELLE MINKIATE SCRITTE DAGLI EMEBEDDED di albione e yankee!

    perdono!

    in ogni modo l’amministrazione bush lascierebbe gli usa ed israele in questa incertezza?

    per me :NO!..quindi…