La seconda vittima della guerra è la compassione

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Guy Somerset

George Orwell è famoso per aver detto: “La prima vittima della guerra è la verità”.

Se questo può essere esatto, un secondo posto è occupato dal senso di compassione tra i combattenti.

Ogni volta che scoppia un conflitto, non passa molto tempo prima che lo sciovinismo prenda piede in una popolazione. Fasce di individui che prima si consideravano amici sconosciuti diventano presto nemici anonimi. Troppo spesso questo sentimento è incoraggiato dai governi come mezzo per incoraggiare le uccisioni.

Detto questo, in questo periodo di quella che dovrebbe essere la fratellanza cristiana, si dovrebbe riflettere su alcuni fatti importanti…

Nessun russo comune odia gli ucraini

Prima di tutto – nonostante ciò che i telegiornali possono dirvi – pochi, se non nessuno, dei russi comuni odia gli ucraini.

Anche se i media occidentali insultano, calunniano e malignano su una popolazione russa che sperava di evitare questa catastrofe, il sentimento generale dei russi è di determinazione piuttosto che di disprezzo. Il sentimento di “fare ciò che deve essere fatto” è molto più diffuso dell’odio dogmatico. Questo è fondamentale per gli osservatori esterni, vista l’incessante caratterizzazione negativa dell’atteggiamento russo nei confronti dei combattimenti.

Anche i sostenitori più accaniti considerano la liberazione degli slavi co-etnici e russofoni e la prevenzione della successiva ostilità della NATO come la ragion d’essere della situazione attuale – nessuno vuole combattere solo per combattere. Nessuno, o se così fosse solo i fuoriusciti, nutre una profonda inimicizia nei confronti dei civili ucraini, che sono fondamentalmente considerati come ingannati a combattere dai loro politici corrotti.

Pochi soldati russi odiano gli ucraini

La maggior parte dei militari di ogni Paese preferirebbe non combattere. A volte combattere è necessario, come quando la leadership immorale di un vicino belligerante abusa della vostra minoranza etnica e minaccia di puntare armi nucleari sulla vostra capitale. Tuttavia, in genere i soldati cercano di portare a termine i loro compiti e di tornare a casa. Solo una piccolissima minoranza si mette in marcia per danneggiare intenzionalmente la vita di un altro.

Mentre la propaganda di atrocità che denuncia abusi specifici (comuni durante le battaglie) tenta di far credere che il tipico soldato russo sia desideroso di commettere ogni sorta di brutalità, la verità è l’esatto contrario. La maggior parte dei militari lavora in condizioni incredibilmente difficili, nonostante il loro impegno nel dovere.

Tutto questo per dire che i russi capiscono che questa lotta non è qualcosa che una persona normale vorrebbe fare. Ci sono stati circa dieci anni di negoziati prima che gli eventi arrivassero a questo punto. Anche il Presidente Putin ha dichiarato che il conflitto non è stato voluto dal governo russo.

L’aspetto cruciale per una futura riconciliazione è capire che ogni amministrazione aveva un punto di vista sul perché fosse necessario combattere, ma quando si tratta di coloro che hanno combattuto entrambe le parti hanno agito senza cattiveria personale.

Raramente gli americani odiano i russi

Dopo quasi un anno di costante manipolazione mediatica si potrebbe credere che tutti gli americani disprezzino i russi.

Con grande disappunto di CNN, ABC, NBC, CBS, FOX, MSNBC e del resto dei media dell’alfabeto (spesso diretti dalle agenzie governative dell’alfabeto), gli americani normali non provano antipatia per i russi.

Per inciso, un esempio lampante delle stupefacenti assurdità prodotte negli Stati Uniti è stato l’incipit del programma Law & Order: SVU, che è un dramma poliziesco che dovrebbe occuparsi di casi di violenza sessuale a New York… ma inizia con russi che uccidono ucraini senza motivo… in Ucraina! Questo è ciò con cui gli americani hanno a che fare ogni giorno e che proviene dai nostri media controllati.

Fondamentalmente il sentimento americano – mai rappresentato dai media qui – è che ciò che sta accadendo in Ucraina è triste… che dovremmo aiutare i civili sofferenti… e che dovrebbe finire il prima possibile.

Se chiedete a qualcuno le ragioni del conflitto, vi dirà “la Russia ha invaso l’Ucraina” o la menzogna dei media “Putin vuole far tornare l’URSS”. Quasi nessuno è in grado di dire quali siano le cause complesse del conflitto, il che ovviamente è intenzionale, essendo nell’interesse dei politici americani corrotti prolungarlo.

Nonostante questo fatto, gli americani di base non odiano i russi. Gli americani, al contrario del governo, preferiscono farsi gli affari propri. Gli americani hanno una comprensione incompleta della situazione solo perché un resoconto incompleto viene loro fornito essenzialmente da tutti i notiziari di lingua inglese.

Per quanto possibile, è importante che i russi sappiano che le azioni dei politici americani non rappresentano le opinioni della popolazione americana.

Pochi comuni europei occidentali odiano i russi – tranne forse in Polonia…

Ancora una volta, è molto difficile spiegare a chi è all’estero la distinzione tra politici e popolazioni delle nazioni occidentali. Il mito del sistema è che il governo attua una politica approvata dal popolo. Purtroppo questo è raramente, se non mai, il caso.

Così abbiamo la situazione attuale in cui gli europei stanno subendo una marcata riduzione del loro standard di vita. Dall’Inghilterra alla Germania, gli elettori tagliano le spese per le vacanze, abbassano il riscaldamento per risparmiare e in tutto il continente molti mangiano meno per potersi permettere un alloggio.

Tutto questo a causa del fanatico sostegno dei politici all’Ucraina. Come gli americani, la maggior parte degli europei vede le battaglie come una “situazione sfortunata”, ma difficilmente come lo scontro di civiltà che viene loro propagandato. In molti Paesi sono già state organizzate marce per uscire da questa situazione.

Tuttavia, i media europei spesso incolpano la Russia straniera per le difficoltà imposte dalle politiche interne.

Se questa propaganda prenderà piede o meno è una questione critica dei prossimi mesi. È fondamentale per il mondo che ciò non avvenga. Gli europei che non sono coinvolti nell’attività politica non devono essere i destinatari dell’animus dall’estero, poiché hanno poco potere di incidere sulla governance e in questo momento vogliono per lo più essere neutrali.

Il pericolo esiste quando coloro che sono disposti a premere per la fine del sostegno all’Ucraina si sentono investiti personalmente nel conflitto. Per quanto possibile, forse al di là dell’efficacia, occorre fare uno sforzo per distinguere tra il popolo e i parlamenti di queste nazioni.

A prescindere dalle cause o dalle motivazioni, il conflitto russo-ucraino non è una preoccupazione dell’europeo comune che cerca di mantenere il proprio lavoro, riscaldare la propria casa e sfamare i propri figli.

Gli europei comuni non sono attualmente contro i russi comuni… e dobbiamo mantenere questa situazione.

Riavvicinamento storico

Due ultimi esempi di come si possa procedere per le persone normali dopo i combattimenti dimostrano che è possibile realizzare ciò che in questo momento sembra impossibile.

In primo luogo, la guerra civile americana ha fatto più morti di tutte le altre guerre americane messe insieme. L’inimicizia tra i belligeranti era così intensa che pochi credevano che il Paese sarebbe stato di nuovo unito.

Nel 1913, però, ci fu una sorta di “riunione di famiglia” a Gettysburg, generalmente considerata una delle battaglie più feroci e un punto di svolta della guerra stessa. Uomini anziani di entrambe le fazioni si riunirono come compagni che avevano condiviso un’esperienza e avevano capito che per andare avanti non potevano guardare indietro con rabbia. Ecco qui un raro filmato dell’incontro.

In secondo luogo, sebbene la maturità sia diminuita notevolmente negli ultimi decenni, negli anni Novanta in America si era capito che i combattenti della Seconda Guerra Mondiale in Germania non erano intrinsecamente malvagi.

Il film Memphis Belle raccontava la storia del primo bombardiere americano a raggiungere il livello di missioni di combattimento che davano diritto al ritorno a casa. Statisticamente, questa cifra era impossibile da raggiungere, il che significa che matematicamente gli uomini sarebbero morti prima di ottenere il diritto di essere sollevati.

Ciò che è importante ai fini di questa discussione è che alla fine del film c’è un epilogo che dedica l’opera artistica a tutti gli uomini che hanno coraggiosamente combattuto da tutte le parti durante la guerra. Ecco il trailer.

Il nostro nemico sarà di nuovo nostro fratello

Un’ovvietà di ogni conflitto è che finirà. Quando finisce, dobbiamo ricordare il coraggio e il sacrificio di tutti. Nonostante per molti di noi questa battaglia sia stata resa inevitabile, sarà nostro merito considerare l’umanità che rimane quando il fuoco cessa.

La conservazione della compassione è la chiave per qualsiasi pace imminente – e questa è la Verità.

Di Guy Somerset

04.01.2022

Guy Somerset scrive da qualche parte in America.

********************************************
Fonte:
https://english.pravda.ru/opinion/155348-war_compassion/
Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
15 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
15
0
È il momento di condividere le tue opinionix