LA SECONDA COSA PEGGIORE CHE SIA MAI ACCADUTA AL POPOLO EBRAICO

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

blankDI WILLIAM BLUM
Killinghope.org

La cosa peggiore che sia mai accaduta al popolo ebraico è l’Olocausto. La seconda cosa peggiore che sia mai accaduta al popolo ebraico è lo stato di Israele.

A livello internazionale le cose sono così deprimenti che non ci resta altro che fantasticare. Mi immagino la Turchia, che come stato membro della NATO, chieda agli alleati di difenderla dopo essere stata attaccata da Israele. In base all’articolo 5 dello statuto un attacco armato ad uno degli stati membri è da considerare come un attacco a tutti gli stati membri. Questo è il pretesto per cui la NATO sta combattendo in Afghanistan – l’attacco contro gli Stati Uniti l’11 Settembre 2001 è considerato un attacco a tutti gli Stati Membri della NATO (senza contare lo strano fatto che l’Afghanistan come stato non ha nulla a che fare con quell’attacco). L’attacco israeliano alla nave con bandiera turca, con a bordo un’organizzazione umanitaria turca, che ha ucciso 9 cittadini turchi e ne ha ferito molti altri, può essere considerato un attacco contro un membro della NATO.
Così, dopo che gli Stati Uniti, l’Inghilterra, la Germania, la Francia ed altri stati a capo della NATO offrono le loro ridicole scuse sul perchè non potessero…ummm…er.. appellarsi all’articolo 5, e i media internazionali digeriscono la decisione senza nessuna indigestione, la Turchia chiede che Israele possa almeno perdere la formale associazione con la NATO come stato membro del dialogo mediterraneo. Anche questa richiesta viene bocciata con disprezzo dagli eminenti poteri della NATO sul territorio dicendo che avrebbe costituito una vittoria per il terrorismo. E dell’anti-semitismo naturalmente.

La Turchia allora si ritira dalla NATO. L’Azerbaijan e altri 5 membri dell’Asia Centrale membri del comitato della Pace della NATO e i rappresenti della Turchia fanno lo stesso. La NATO entra in crisi. Gli Stati membri rimasti iniziano a porsi delle domande sulle linee di condotta, come mai avevano fatto prima…. come “per piacere spiegateci ancora perché i nostri giovani ragazzi stanno morendo e soffrendo in Afghanistan, e perché li mandiamo in Kosovo ed Iraq e negli altri posti che gli americani giudicano essenziali per il pericolo senza fine della sicurezza nazionale”.

Quando il Vice Presidente Biden dice all’eminente conservatrice in vestiti liberali e pseudo-intellettuale Charlie Rose alla tv che “abbiamo messo quanta più pressione potevamo e lusinghe su Israele per permettere (a Gaza) di far entrare materiali da costruzione”[1], Rose che per una volta si comporta come una vera giornalista chiede a Biden: “avete minacciato Israele di bloccare tutti gli aiuti militari ed economici? Avete messo i nomi degli alti funzionari di Israele sulla vostra lista di stranieri che non possono entrare negli Stati Uniti e bloccato i loro depositi presso le banche Americane, come avete fatto con molti altri funzionari esteri che non erano d’accordo con l’impero?….visto che anche Israele ha commesso crimini contro la pace e contro l’umanità, e che questi crimini hanno una giurisdizione internazionale, certamente il personale politico Israeliano e il personale militare potrebbe essere chiamato in processi tenuti in qualsiasi stato del Mondo. Direbbe all’Attorney General di procedere con un simile atto d’accusa? O se uno degli altri stati che è membro della corte dei crimini internazionali chiedesse alla corte dei crimini internazionali (ICC) di accusare questi individui, tenterebbero di Stati Uniti di bloccare questa decisione? … Perché i materiali da costruzione non sono stati portati a Gaza dagli Americani?”

Quando Israele giustifica questi omicidi come ‘autodifesa’, i comici TV della seconda serata, Jay Leno e David Letterman trovano questo molto divertente, ricordando che delle nuove memorie del Primo Ministro Cinese riguardo al momento della repressione violenta a piazza Tiananmen nel 1989 difendono l’azione militare affermando che i soldati avevano agito per ‘autodifesa’ mentre sparavano sugli attivisti democratici.[2]

Mentre gli Israeliani definiscono ‘terroristi’ i passeggeri della barca che si sono difesi dagli invasori Israeliani, il New York Times ha fatto notare come i passeggeri che si erano difesi dagli attentatori dell’11 settembre sull’aereo che poi si era schiantato in Pennsylvania sono considerati ‘eroi’. (A parte, bisogna notare che gli Stati Uniti usano l’11 settembre come Israele usa l’Olocausto – e cioè come una scusa ed una giustificazione per tutti i comportamenti illegali e violenti tenuti).

Intanto, il Washington Post ricorda ai propri lettori che nel 2009 Israele ha attaccato in acque internazionali una nave che trasportava medicinali a Gaza con a bordo il membro del Congresso Cynthia Mckinney, e che nel 1967 Israele ha attaccato una nave americana, la USS Liberty, uccidendo 34 persone e ferendone 173, e che il presidente Johnson fece ciò che il presidente Obama sta facendo adesso e che avrebbe fatto a quel tempo – nulla.

Ed infine, il segretario di Stato Clinton dichiara di avere avuto una rivelazione. Ha capito che si può usare anche con Israele quello che era stato appena detto a riguardo della Corea quando era stata accusata di aver silurato una nave da Guerra Sud Coreana.

La Signora Clinton chiede che Pyongyang ‘fermi i suoi comportamenti provocatori, arresti la sua politica di minaccia di belligeranza contro i suoi vicini, e prenda decisioni irreversibili per completare il suo impegno di denuclearizzazione per ottemperare alle leggi internazionali.”[3] E aggiunge che la colpa della Nord Corea non è affatto certa, mentre Israele non ha negato il suo attacco contro la nave; inoltre non si conosce per certo se la Nord Corea al momento possegga armi nucleari, mentre non c’è incertezza sulle grandi riserve di Israele.

Perciò ecco tutto. L’ipocrisia regna. Nonostante queste mie fantasie. E’ l’ipocrisia un fallimento morale o un fallimento dell’intelletto? Quando il Presidente Obama dice, come fa spesso, “che nessuno è al di sopra della legge”, e subito dopo dice chiaramente che la sua amministrazione non cercherà di incriminare Bush o Cheney per alcun crimine, non pensa che qualcuno noterà la contraddizione e l’ipocrisia? Questo è un cinico disprezzo per l’opinione pubblica e/o un mutismo degno del suo predecessore.

E quando dichiara: “che il futuro non è di coloro che riuniscono eserciti su un campo di battaglia o che seppelliscono missili nella terra”[4] non gli viene in mente che sta predicendo una prospettiva desolante per gli Stati uniti? O che la sua cosciente e deliberata decisione politica è quella di aumentare le dimensioni dell’esercito e le sue riserve di missili?

Compagni, possono l’ipocrisia e le bugie raggiungere una tale magnitudine che abbastanza credenti americani inizino a mettere in discussione la loro cara fede, così che il loro numero raggiunga la forza di una massa critica ed esploda? Beh, è già successo con innumerevoli americani, ma è un compito terribilmente arduo quello di tenere il passo con ciò che è detto dalle aziende dei mass media e della propaganda. Sono terribilmente bravi a fare ciò che fanno. Peccato. Ma mai abbandonare una lotta. Qual è il modo migliore di vivere questa vita? E ricordate, solo perché il mondo è stato conquistato dalla menzogna, ipocrisia, e da pazzi omicidi che commettono stragi di massa, questo non significa che non possiamo vivere tranquillamente.

Cattivi ragazzi e bravi ragazzi

Il Washington Post del 29 Maggio riferisce che a Lahore, in Pakistan, “Militanti inscenano attacchi coordinati…su 2 moschee di una setta islamica minoritaria, prendendo ostaggi e uccidendo almeno 80 persone…Almeno 7 uomini armati con granate, fucili da combattimento, e giubbe esplosive hanno assaltato le moschee appena la preghiera del venerdì era terminata”.

Carino, molto carino, davvero civilizzato. Non mi meraviglia che i bravi americani pensino che è questo che combattono – fanatici islamici, maniaci omicidi, che ammazzano i loro simili seguendo alcuni dogmi esoterici della loro religione, che vogliono ammazzare gli americani a causa di alcuni immaginari peccati, perché sono “infedeli”. Che giustificazione possiamo dare a queste persone? Dove è il senso umanitario comune che gli ingenui pacifisti e attivisti contro la guerra vorrebbero che noi onorassimo?

E poi arriviamo all’ultimo paragrafo della storia: “Da qualche parte del Pakistan venerdì, un missile telecomandato ha colpito un recinto carcerario Talebano nel sud della zona tribale del Waziristan, uccidendo 8 persone, secondo i 2 funzionari della regione”. “Questo, come ci hanno chiesto di credere i nostri leader, è un altissimo livello di umanità. Gli Stati Uniti lo fanno ogni giorno, mandando macchine da morte robotizzate chiamate Predator in volo tra l’Afghanistan ed il Pakistan, per mandare urlanti missili Hellfire sui festeggiamenti dei matrimoni, i funerali, le case, senza sapere chi fossero le vittime, senza preoccuparsi chi fossero le vittime, molte centinaia fino adesso, finché Washington può rivendicare ogni volta – che sia corretto o no- che tra tutti questi numeri c’erano un cospicuo numero di Talebani, o di membri di Al Qaeda, o insorgenti, o militari. Come si può ragionare con questa gente, quelli della CIA, quelli che controllano gli aerei telecomandati? Qual è la differenza tra loro e un attentatore suicida? L’attentatore suicida diventa anche lui una vittima, e vede le sue vittime da vicino prima di ucciderle. I bombaroli assassini della CIA siedono in una stanza nel Nevada o in California, e pensano di stare giocando a un gioco elettronico, e poi vanno fuori a cena, mentre le loro vittime giacciono morte. L’attentatore suicida crede con passione in qualcosa chiamato paradiso. I bombaroli assassini credono con passione in qualcosa chiamato bandiera e Stato.

Il Consigliere Legale del Dipartimento di Stato giustifica questi bombardamenti come …sì, come “autodifesa”.[5] Provate voi a ragionarci.

Questi bombardamenti dei droni Americani telecomandati sono naturalmente il colmo dell’aggressione, il crimine internazionale definitivo. I droni sono stati usati in Iraq dagli inizi del 1990. Nel dicembre 2002, appena prima dell’invasione americana di Marzo, gli iracheni riuscirono a colpire e a farne cadere uno. Questo ha spinto un portavoce del Comando Centrale Americano, che controllava le operazioni Americane nel Medio Oriente, a definire questa azione come un’altro segno della “campagna militare di aggressione” del Presidente Saddam Hussein. [6]

Questa particolare parte di ipocrisia è stata sorpassata dal commento del Segretario della Difesa Donald Rumsfeld sui voli americani e i bombardamenti sull’Iraq in quel periodo: “mi dà un dannatissimo fastidio che si spari contro ai piloti Americani ed Inglesi ogni giorno, con impunità”[7].

Mandatemi una busta affrancata con indirizzo stampato per avere una copia aggiornata di “La guida del piromane alle case dei funzionari del Pentagono”.

Quando i politici si comportano male. Dicendo la verità.

Il presidente Tedesco, Horst Koehler, ha presentato le dimissioni la scorsa settimana, perché aveva detto qualcosa che i membri del Governo non dovrebbero dire. Aveva detto che la Germania stava combattendo in Afghanistan per ragioni economiche. Senza nominare la democrazia. Senza menzionare la libertà. Senza dire una parola sui bravi ragazzi che stanno combattendo i cattivi ragazzi. La parola ‘terrorismo’ non era mai stata usata. Nemmeno la parola ‘Dio’ era stata usata. In una visita alle truppe tedesche in Afghanistan, aveva dichiarato che gli stati come la Germania, che dipendono dalle esportazioni e dal mercato libero, devono essere preparati ad usare la forza militare. Lo stato, aveva detto, deve agire “per proteggere i nostri interessi, per esempio, le rotte del mercato libero, o per prevenire l’instabilità di alcune regioni, che potrebbero certamente avere un effetto negativo sul nostro mercato, sui nostri lavori e sui nostri guadagni.”

“Koehler ha affermato apertamente qualcosa che è sempre stato ovvio fin dall’inizio” ha detto il capo del partito della sinistra in Germania. “I soldati tedeschi stanno rischiando la vita e gli arti in Afghanistan per difendere gli interessi di esportazione dei grandi poteri economici.” [8]

Gli altri politici dell’opposizione hanno chiesto che Koehler ritirasse i suoi commenti e l’hanno accusato di avere danneggiato il consenso pubblico alla missione della Germania all’estero [9].

Come notoriamente osservò T.S. Eliot: “il genere umano non può sopportare troppa realtà”

Qual è l’opposto di essere un teorico cospiratore?

David Remnick, l’editore del periodico New Yorker e ex reporter del Washington Post, sta facendo uscire un nuovo libro, “The Bridge: The Life and Rise of Barack Obama” (“Il ponte: la vita e l’ascesa di Barack Obama”). Nelle 3 pagine che Remnick dedica al lavoro di Obama presso la Business International Corporation a New York nel 1983-84 non parla dei noti legami tra la BIC e la CIA. Nel 1977, ad esempio, il New York Times ha rivelato che la BIC aveva fornito copertura a 4 agenti CIA impiegati in diversi stati nei primi anni della guerra Fredda;[10] la BIC ha inoltre tentato di inserirsi nella sinistra radicale, tra cui gli Students for a Democratic Society (SDS).[11]

Non aveva pensato Remnick che era molto interessante e che era giusto menzionare che il futuro presidente aveva lavorato per di più di un anno per una compagnia che era una struttura della CIA? Anche se la società e la CIA non hanno provato a reclutare Obama, che altre cose potrebbero avere fatto? E’ questo tipo di ovvie omissioni, che alimentano il pensiero complottista di sinistra.

Dato che Remnick ha impeccabili credenziali da classe dirigente il libro è stato largamente recensito. Ma nessuno dei molti critici ha pensato di menzionare questa omissione. Naturalmente funziona che se non è menzionato, non è successo. E se tu menzioni una cosa simile, sei un patetico teorico della cospirazione. Come me, che ne ho discusso nell’edizione di gennaio di questo rapporto [12].

Lo Spam, io ed i lettori

Come alcuni di voi ora sanno, qualcuno si è inserito illegittimamente nel mio sito internet e ha usato gli indirizzi in rubrica per spedire emails a molti lettori di questo rapporto. Le emails dicevano che erano state spedite da me e indirizzavano le persone ad un altro sito che vende borse, scarpe ed orologi. Ciò che mi dà maggiore fastidio di questo incidente è che alcuni dei miei lettori abbiano creduto che davvero fossi stato io a spedire questi messaggi, che io stavo vendendo al dettaglio borse, scarpe ed orologi. L’unica cosa che vendo sono i libri. Ma penso che adesso questi lettori abbiano capito come funziona lo spam. E spero abbiano anche capito qualcosa su di me.

Ah, comunque, potrebbero interessare qualcuno di voi delle magliette molto carine, dei cappelli o degli occhiali da sole?

Note

[1] Charlie Rose Live, programma del 2 Giugno

[2] Associated Press, 4 Giugno 2010

[3] Conferenza stampa del Dipartimento di Stato, 24 Maggio 2010

[4] Discorso del 7 Luglio 2009 a Mosca, testo pubblicato dalla Casa Bianca.

[5] National Public Radio, 26 Marzo 2010

[6] Washington Post, 24 Dicembre 2002

[7] Associated Press, 30 Settembre 2002

[8] London Times Online, 31 Maggio 2010

[9] Associated Press, 31 Maggio 2010

[10] New York Times, 27, Dicembre 1977, p.40

[11] Carl Oglesby, “Ravens in the Storm: A Personal History of the 1960s Antiwar Movement” (2008), passim

[12] William Blum, The Anti-Empire Report, 3 Gennaio 2009

William Blum è autore di “Killing Hope: US Military and CIA Interventions Since World War 2”; “Rogue State: A Guide to the World’s Only Superpower”; “West-Bloc Dissident: A Cold War Memoir”; “Freeing the World to Death: Essays on the American Empire”

Titolo originale: “The Second Worst Thing That Ever Happened to the Jewish People”

Fonte: http://www.killinghope.org/
Link
11.06.2010

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di JACKLALOPE

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
22 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
22
0
È il momento di condividere le tue opinionix