La prima parte del discorso del Presidente Putin

Firma dei trattati di adesione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e delle regioni di Zaporozhye e Kherson alla Russia

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Vi proponiamo la prima parte del discorso del Presidente Putin così come ricevuta dal sito del Kremlino. La traduzione della seconda parte, dal russo in inglese, è probabilmente ancora in via di revisione; ve la proporremo appena disponibile anche a noi.

 

30 settembre 2022 – 16:00 – Il Cremlino, Mosca

 

Discorso presidenziale in occasione della firma dei trattati di adesione alla Russia delle regioni DPR, LPR, Zaporozhye e Kherson. Foto: Grigoriy Sisoev, RIA Novosti

 

Il Presidente della Russia Vladimir Putin:

cittadini della Russia, cittadini delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, abitanti delle regioni di Zaporozhye e Kherson, deputati della Duma di Stato, senatori della Federazione Russa,

Come sapete, si sono svolti i referendum nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e nelle regioni di Zaporozhye e Kherson. Le schede sono state scrutinate e i risultati sono stati annunciati. Il popolo ha fatto la sua scelta inequivocabile.

Oggi firmeremo i trattati di adesione della Repubblica Popolare di Donetsk, della Repubblica Popolare di Lugansk, della Regione di Zaporozhye e della Regione di Kherson alla Federazione Russa. Non ho dubbi che l’Assemblea federale sosterrà le leggi costituzionali sull’adesione alla Russia e sulla creazione di quattro nuove regioni, le nostre nuove entità costitutive della Federazione Russa, perché questa è la volontà di milioni di persone. (Applausi).

È indubbiamente un loro diritto, un diritto intrinseco sancito dall’articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite, che afferma direttamente il principio dell’uguaglianza dei diritti e dell’autodeterminazione dei popoli.

Ripeto, è un diritto intrinseco dei popoli. Si basa sulla nostra affinità storica, ed è questo diritto che ha portato alla vittoria generazioni di nostri predecessori, coloro che hanno costruito e difeso la Russia per secoli fin dal periodo dell’Antica Rus’.

Qui in Novorossiya [Pëtr] Rumyantsev, [Alessandro] Suvorov e [Fëdor] Ushakov hanno combattuto le loro battaglie, Caterina la Grande e [Grigorij] Potyomkin hanno fondato nuove città. I nostri nonni e bisnonni hanno combattuto qui fino alla fine durante la Grande Guerra Patriottica.

Ricorderemo sempre gli eroi della Primavera russa, quelli che si sono rifiutati di accettare il colpo di Stato neonazista in Ucraina nel 2014, tutti coloro che sono morti per il diritto di parlare la propria lingua madre, di preservare la propria cultura, le proprie tradizioni e la propria religione, e per il diritto stesso di vivere. Ricordiamo i soldati del Donbass, i martiri dell'”Odessa Khatyn”, le vittime dei disumani attacchi terroristici condotti dal regime di Kiev. Commemoriamo i volontari e i miliziani, i civili, i bambini, le donne, gli anziani, i russi, gli ucraini, le persone di varie nazionalità; il leader popolare di Donetsk Alexander Zakharchenko; i comandanti militari Arsen Pavlov e Vladimir Zhoga, Olga Kochura e Alexei Mozgovoy; il procuratore della Repubblica di Lugansk Sergei Gorenko; il paracadutista Nurmagomed Gadzhimagomedov e tutti i nostri soldati e ufficiali che sono morti da eroi durante l’operazione militare speciale. Sono eroi. (Eroi della grande Russia. Vi prego di unirvi a me in un minuto di silenzio per onorare la loro memoria.

(Minuto di silenzio.)

Grazie.

Dietro la scelta di milioni di residenti nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nelle regioni di Zaporozhye e Kherson, c’è il nostro destino comune e la nostra storia millenaria. Le persone hanno trasmesso questo legame spirituale ai loro figli e nipoti. Nonostante tutte le prove subite, hanno portato l’amore per la Russia attraverso gli anni. È qualcosa che nessuno può distruggere. È per questo che sia le generazioni più anziane che i giovani – quelli nati dopo il tragico crollo dell’Unione Sovietica – hanno votato per la nostra unità, per il nostro futuro comune.

Nel 1991, a Belovezhskaya Pushcha, i rappresentanti dell’élite del partito di allora decisero di porre fine all’Unione Sovietica, senza chiedere ai cittadini comuni cosa volessero, e la gente si trovò improvvisamente tagliata fuori dalla propria patria. Questo ha lacerato e smembrato la nostra comunità nazionale e ha innescato una catastrofe nazionale. Proprio come il governo delimitò silenziosamente i confini delle repubbliche sovietiche, agendo dietro le quinte dopo la rivoluzione del 1917, gli ultimi leader dell’Unione Sovietica, contrariamente all’espressione diretta della volontà della maggioranza del popolo nel referendum del 1991, hanno distrutto il nostro grande Paese e hanno semplicemente fatto in modo che i cittadini delle ex repubbliche lo affrontassero come un fatto compiuto.

Posso ammettere che non sapevano nemmeno cosa stessero facendo e quali conseguenze avrebbero avuto le loro azioni alla fine. Ma ora non ha più importanza. Non c’è più l’Unione Sovietica, non possiamo tornare al passato. In realtà, oggi la Russia non ne ha più bisogno; non è questa la nostra ambizione. Ma non c’è nulla di più forte della determinazione di milioni di persone che, per cultura, religione, tradizioni e lingua, si considerano parte della Russia, i cui antenati hanno vissuto per secoli in un unico Paese. Non c’è niente di più forte della loro determinazione a tornare nella loro vera patria storica.

Per otto lunghi anni, la popolazione del Donbass è stata sottoposta a genocidio, bombardamenti e blocchi; a Kherson e Zaporozhye è stata portata avanti una politica criminale per coltivare l’odio verso la Russia, verso tutto ciò che è russo. Anche ora, durante i referendum, il regime di Kiev ha minacciato di rappresaglie e di morte gli insegnanti, le donne che lavoravano nelle commissioni elettorali. Kiev ha minacciato di repressione milioni di persone venute a esprimere la loro volontà. Ma la popolazione del Donbass, di Zaporozhye e di Kherson non si è scomposta e ha detto la sua.

Voglio che le autorità di Kiev e i loro veri burattinai in Occidente mi ascoltino ora, e voglio che tutti ricordino questo: le persone che vivono a Lugansk e Donetsk, a Kherson e Zaporozhye sono diventate nostri cittadini, per sempre. (Applausi).

Chiediamo al regime di Kiev di cessare immediatamente il fuoco e tutte le ostilità; di porre fine alla guerra che ha scatenato nel 2014 e di tornare al tavolo dei negoziati. Siamo pronti a questo, come abbiamo detto più di una volta. Ma la scelta della popolazione di Donetsk, Lugansk, Zaporozhye e Kherson non sarà discussa. La decisione è stata presa e la Russia non la tradirà.

(Applausi)

Le attuali autorità di Kiev dovrebbero rispettare questa libera espressione della volontà popolare; non c’è altro modo. Questa è l’unica via per la pace.

Difenderemo la nostra terra con tutte le forze e le risorse di cui disponiamo e faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza del nostro popolo. Questa è la grande missione liberatrice della nostra nazione.

Ricostruiremo sicuramente le città e i paesi distrutti, gli edifici residenziali, le scuole, gli ospedali, i teatri e i musei. Ripristineremo e svilupperemo le imprese industriali, le fabbriche, le infrastrutture, nonché i sistemi di sicurezza sociale, pensionistici, sanitari ed educativi.

Lavoreremo certamente per migliorare il livello di sicurezza. Insieme faremo in modo che i cittadini delle nuove regioni possano sentire il sostegno di tutto il popolo russo, dell’intera nazione, di tutte le repubbliche, i territori e le regioni della nostra vasta Madrepatria.

(Applausi.)

Amici, colleghi,

oggi vorrei rivolgermi ai nostri soldati e ufficiali che stanno partecipando all’operazione militare speciale, ai combattenti del Donbass e della Novorossia, a coloro che si sono recati negli uffici di reclutamento militare dopo aver ricevuto un foglio di convocazione in base all’ordine esecutivo sulla mobilitazione parziale, e a coloro che lo hanno fatto volontariamente, rispondendo alla chiamata del loro cuore. Vorrei rivolgermi ai loro genitori, alle loro mogli e ai loro figli, per dire loro per cosa sta combattendo il nostro popolo, contro quale tipo di nemico ci stiamo battendo e chi sta spingendo il mondo verso nuove guerre e crisi, traendo da questa tragedia benefici macchiati di sangue.

I nostri compatrioti, i nostri fratelli e sorelle ucraini che fanno parte del nostro popolo unito hanno visto con i loro occhi cosa la classe dirigente del cosiddetto Occidente ha preparato per l’umanità intera. Hanno gettato le loro maschere e hanno mostrato di che pasta sono fatti.

Quando l’Unione Sovietica è caduta, l’Occidente ha deciso che il mondo e tutti noi avremmo accettato per sempre i suoi dettami. Nel 1991, l’Occidente pensava che la Russia non si sarebbe mai rialzata dopo tali shock e che sarebbe caduta a pezzi da sola. Questo è quasi accaduto. Ricordiamo gli orribili anni ’90, affamati, freddi e senza speranza. Ma la Russia rimase in piedi, si rianimò, si rafforzò e occupò il posto che le spettava nel mondo.

Nel frattempo, l’Occidente ha continuato e continua a cercare un’altra occasione per colpirci, per indebolire e disgregare la Russia, come ha sempre sognato, per dividere il nostro Stato e mettere i nostri popoli l’uno contro l’altro, e per condannarli alla povertà e all’estinzione. Non possono dormire sonni tranquilli sapendo che c’è un Paese così grande al mondo, con un territorio così vasto, con le sue ricchezze naturali, le sue risorse e la sua gente che non può e non vuole sottostare agli ordini di qualcun altro.

L’Occidente è pronto a superare ogni limite per preservare il sistema neocoloniale che gli permette di vivere sul mondo, di saccheggiarlo grazie al dominio del dollaro e della tecnologia, di riscuotere un vero e proprio tributo dall’umanità, di estrarre la sua fonte primaria di prosperità non guadagnata, l’affitto pagato all’egemone. La conservazione di questa rendita è la loro motivazione principale, reale e assolutamente egoistica. Ecco perché la de-sovranizzazione totale è nel loro interesse. Questo spiega la loro aggressione agli Stati indipendenti, ai valori tradizionali e alle culture autentiche, i loro tentativi di minare i processi internazionali e di integrazione, le nuove valute globali e i centri di sviluppo tecnologico che non possono controllare. Per loro è fondamentale costringere tutti i Paesi a cedere la propria sovranità agli Stati Uniti.

In alcuni Paesi, le élite al potere accettano volontariamente di farlo, accettano volontariamente di diventare vassalli; altri vengono corrotti o intimiditi. E se questo non funziona, distruggono interi Stati, lasciandosi dietro disastri umanitari, devastazioni, rovine, milioni di vite umane distrutte e maciullate, enclavi terroristiche, zone di disastro sociale, protettorati, colonie e semicolonie. A loro non importa. A loro interessa solo il proprio “particulare”.

Voglio sottolineare ancora una volta che la loro insaziabilità e la determinazione a preservare il loro dominio incontrastato sono le vere cause della guerra ibrida che l’Occidente collettivo sta conducendo contro la Russia. Non vogliono che siamo liberi, vogliono che siamo una colonia. Non vogliono una cooperazione paritaria, vogliono saccheggiare. Non vogliono vederci come una società libera, ma come una massa di schiavi senz’anima.

Vedono il nostro pensiero e la nostra filosofia come una minaccia diretta. Per questo motivo prendono di mira i nostri filosofi per assassinarli. La nostra cultura e la nostra arte rappresentano un pericolo per loro, quindi cercano di metterle al bando. Anche il nostro sviluppo e la nostra prosperità sono una minaccia per loro, perché la concorrenza sta crescendo. Loro non vogliono e non hanno bisogno della Russia, ma noi sì.

(Applausi.)

Vorrei ricordarvi che in passato le ambizioni di dominio mondiale si sono ripetutamente infrante contro il coraggio e la resistenza del nostro popolo. La Russia sarà sempre la Russia. Continueremo a difendere i nostri valori e la nostra Madrepatria.

L’Occidente conta sull’impunità, sulla possibilità di farla franca. In effetti, fino a poco tempo fa era proprio così. Gli accordi strategici di sicurezza sono stati stracciati; gli accordi raggiunti al più alto livello politico sono stati dichiarati favole; le ferme promesse di non espandere la NATO a est hanno lasciato il posto a sporchi inganni non appena i nostri ex leader ci hanno creduto; i trattati sulla difesa missilistica e sui missili a raggio intermedio e a corto raggio sono stati smantellati unilateralmente con pretesti inverosimili.

E tutto ciò che sentiamo è che l’Occidente insiste su un ordine basato su regole. Ma da dove viene questa affermazione? Chi ha mai visto queste regole? Chi le ha concordate o approvate? Ascoltate, queste sono solo sciocchezze, inganni, doppi standard o addirittura tripli standard! Devono pensare che siamo stupidi.

La Russia è una grande potenza millenaria, un’intera civiltà, e non ha intenzione di vivere secondo queste regole improvvisate e false.

(Applausi).

È stato il cosiddetto Occidente a calpestare il principio dell’inviolabilità dei confini e ora decide, a propria discrezione, chi ha diritto all’autodeterminazione e chi no, chi non ne è degno. Non è chiaro su cosa si basino le loro decisioni o chi abbia dato loro il diritto di decidere. Lo hanno semplicemente presupposto.

Ecco perché la scelta dei cittadini di Crimea, Sebastopoli, Donetsk, Lugansk, Zaporozhye e Kherson li fa arrabbiare così furiosamente. L’Occidente non ha alcun diritto morale di intervenire, né di pronunciare una parola sulla libertà della democrazia. Non ce l’ha e non l’ha mai avuto.

Le élite occidentali non solo negano la sovranità nazionale e il diritto internazionale. La loro egemonia ha caratteristiche pronunciate di totalitarismo, dispotismo e apartheid. Dividono sfacciatamente il mondo tra i loro vassalli – i cosiddetti Paesi civilizzati – e tutti gli altri che, secondo i progetti degli odierni razzisti occidentali, dovrebbero essere aggiunti alla lista dei barbari e dei selvaggi. False etichette come “Paese canaglia” o “regime autoritario” sono già disponibili e vengono utilizzate per stigmatizzare intere nazioni e Stati, il che non è una novità. Non c’è nulla di nuovo in questo: in fondo, le élite occidentali sono rimaste le stesse colonizzatrici. Discriminano e dividono i popoli in chi sta in alto e chi sta in basso.

Non abbiamo mai accettato né  accetteremo mai questo nazionalismo politico e questo razzismo. Cos’altro, se non il razzismo, è la russofobia diffusa in tutto il mondo? Cos’altro, se non il razzismo, è la convinzione dogmatica dell’Occidente che la sua civiltà e la sua cultura neoliberale siano un modello indiscutibile da seguire per il mondo intero? “O sei con noi o contro di noi”. Sembra persino strano.

Le élite occidentali stanno addirittura scaricando su tutti gli altri il pentimento per i propri crimini storici, pretendendo che i cittadini dei loro Paesi e di altri popoli confessino cose con cui non hanno assolutamente nulla a che fare, ad esempio il periodo delle conquiste coloniali.

Vale la pena ricordare che l’Occidente ha iniziato la sua politica coloniale già nel Medioevo, seguita dalla tratta degli schiavi in tutto il mondo, dal genocidio delle tribù indiane in America, dal saccheggio dell’India e dell’Africa, dalle guerre dell’Inghilterra e della Francia contro la Cina, in seguito alle quali è stato costretto ad aprire i suoi porti al commercio dell’oppio. Hanno fatto in modo che intere nazioni si drogassero e hanno sterminato di proposito interi gruppi etnici per accaparrarsi terre e risorse, cacciando le persone come animali. Questo è contrario alla natura umana, alla verità, alla libertà e alla giustizia.

Siamo orgogliosi che nel XX secolo il nostro Paese abbia guidato il movimento anticoloniale, che ha aperto a molti popoli di tutto il mondo la possibilità di progredire, ridurre la povertà e le disuguaglianze, sconfiggere la fame e le malattie.

Per sottolineare che una delle ragioni della secolare russofobia, l’astio non celato delle élite occidentali nei confronti della Russia, è proprio il fatto che non abbiamo permesso loro di derubarci durante il periodo delle conquiste coloniali e abbiamo costretto gli europei a commerciare con noi a condizioni reciprocamente vantaggiose. Questo è stato ottenuto creando in Russia un forte Stato centralizzato, che è cresciuto e si è rafforzato sulla base dei grandi valori morali del cristianesimo ortodosso, dell’islam, dell’ebraismo e del buddismo, nonché della cultura russa e della parola russa aperta a tutti.

Ci furono numerosi piani di invasione della Russia. Tali tentativi furono fatti durante il Periodo dei Torbidi nel XVII secolo e nel periodo di difficoltà dopo la rivoluzione del 1917. Tutti fallirono. L’Occidente è riuscito a impadronirsi delle ricchezze della Russia solo alla fine del XX secolo, quando lo Stato era ormai distrutto. Ci hanno chiamato amici e partner, ma ci hanno trattato come una colonia, utilizzando vari schemi per pompare trilioni di dollari fuori dal Paese. Noi ricordiamo. Non abbiamo dimenticato nulla.

Pochi giorni fa, i cittadini di Donetsk e Lugansk, Kherson e Zaporozhye hanno dichiarato il loro sostegno al ripristino della nostra unità storica. Grazie!

(Applausi).

Da secoli i Paesi occidentali affermano di portare libertà e democrazia alle altre nazioni. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Invece di portare la democrazia hanno soppresso e sfruttato, e invece di dare la libertà hanno schiavizzato e oppresso. Il mondo unipolare è intrinsecamente antidemocratico e non libero; è falso e ipocrita fino in fondo.

Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo ad aver usato due volte le armi nucleari, distruggendo le città di Hiroshima e Nagasaki in Giappone. E hanno creato un precedente.

Ricordiamo che durante la Seconda Guerra Mondiale gli Stati Uniti e la Gran Bretagna ridussero in macerie Dresda, Amburgo, Colonia e molte altre città tedesche, senza la minima necessità militare (non dimentichiamo il bombardamento dello scalodi San Lorenzo, a Roma, N.d.T.). Lo fecero con ostentazione e, ripeto, senza alcuna necessità militare. Avevano un solo obiettivo, come i bombardamenti nucleari sulle città giapponesi: intimidire il nostro Paese e il resto del mondo.

Gli Stati Uniti hanno lasciato una profonda cicatrice nella memoria dei popoli della Corea e del Vietnam con i loro bombardamenti a tappeto e l’uso di napalm e armi chimiche.

In realtà continuano a occupare la Germania, il Giappone, la Repubblica di Corea e altri Paesi, che cinicamente definiscono uguali e alleati. Ma che razza di alleanza è questa? Tutto il mondo sa che gli alti funzionari di questi Paesi sono spiati e che i loro uffici e le loro case sono sotto controllo. È una vergogna, una vergogna per coloro che lo fanno e per coloro che, come schiavi, ingoiano silenziosamente e docilmente questo comportamento arrogante.

Chiamano gli ordini e le minacce che rivolgono ai loro vassalli solidarietà euro-atlantica, e la creazione di armi biologiche e l’uso di cavie umane, anche in Ucraina, nobile ricerca medica.

Sono le loro politiche distruttive, le guerre e i saccheggi che hanno scatenato l’odierna ondata massiccia di migranti. Milioni di persone sopportano privazioni e umiliazioni o muoiono a migliaia nel tentativo di raggiungere l’Europa.

Ora stanno esportando grano dall’Ucraina. Dove lo portano con il pretesto di garantire la sicurezza alimentare dei Paesi più poveri? Dove lo portano? Lo stanno portando negli stessi Paesi europei. Solo il cinque per cento è stato consegnato ai Paesi più poveri. Ancora imbrogli e inganni.

In effetti, l’élite americana sta usando la tragedia di queste persone per indebolire i suoi rivali, per distruggere gli Stati nazionali. Questo vale per l’Europa e per le identità di Francia, Italia, Spagna e altri Paesi con una storia secolare.

Washington chiede sempre più sanzioni contro la Russia e la maggior parte dei politici europei la asseconda obbedientemente. Capiscono chiaramente che, facendo pressione sull’UE affinché rinunci completamente all’energia e alle altre risorse russe, gli Stati Uniti stanno praticamente spingendo l’Europa verso la deindustrializzazione nel tentativo di mettere le mani sull’intero mercato europeo. Queste élite europee capiscono tutto – lo capiscono, ma preferiscono servire gli interessi degli altri. Non si tratta più di servilismo, ma di tradimento diretto dei loro stessi popoli. Dio li benedica, dipende da loro.

Ma gli anglosassoni ritengono che le sanzioni non siano più sufficienti e ora sono passati alla sovversione. Sembra incredibile ma è un dato di fatto: provocando esplosioni sui gasdotti internazionali Nord Stream che passano sul fondo del Mar Baltico, hanno di fatto avviato la distruzione dell’intera infrastruttura energetica europea. È chiaro a tutti chi ci guadagna. I responsabili sono ovviamente coloro che ne traggono vantaggio.

I dettami degli Stati Uniti sono sostenuti dalla forza cruda, dalla legge del pugno. A volte è ben confezionata, a volte non lo è affatto, ma la sostanza è la stessa: la legge del pugno. Da qui il dispiegamento e il mantenimento di centinaia di basi militari in ogni angolo del mondo, l’espansione della NATO e i tentativi di mettere insieme nuove alleanze militari, come AUKUS e simili. Si sta facendo molto per creare una catena politico-militare Washington-Seoul-Tokyo. Tutti gli Stati che possiedono o aspirano a una vera sovranità strategica e che sono in grado di sfidare l’egemonia occidentale sono automaticamente dichiarati nemici.

Questi sono i principi alla base delle dottrine militari degli Stati Uniti e della NATO, che richiedono il dominio totale. Le élite occidentali presentano i loro piani neocolonialisti con la stessa ipocrisia, sostenendo intenzioni pacifiche, parlando di una sorta di deterrenza. Questa parola evasiva passa da una strategia all’altra, ma in realtà significa solo una cosa: minare tutti i centri di potere sovrani.

Abbiamo già sentito parlare della deterrenza di Russia, Cina e Iran. Credo che i prossimi saranno altri Paesi dell’Asia, dell’America Latina, dell’Africa e del Medio Oriente, oltre agli attuali partner e alleati degli Stati Uniti. Dopotutto, sappiamo che quando sono scontenti, introducono sanzioni anche contro i loro alleati, contro questa o quella banca o azienda. Questa è la loro prassi e la espanderanno. Hanno tutto nel mirino, compresi i nostri vicini di casa, i Paesi della CSI.

Continua.

 

Link: http://en.kremlin.ru/events/president/news/69465

 

Traduzione (IMC) di CptHook

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
30 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
30
0
È il momento di condividere le tue opinionix