La NATO ha sviluppato nuovi metodi di guerra cognitiva

di Leonid Savin

geopolitica.ru

Un ruolo di primo piano in questa direzione è svolto dal Centro specializzato Innovation for Defense Excellence and Security (IDEaS), noto anche come Innovation Hub, situato in Canada. Tuttavia, questo centro non è incluso nell’elenco dei centri di eccellenza accreditati ufficiali della NATO [1], come il Centro per la Difesa Informatica Cooperativa di Tallinn o il Centro per la Sicurezza Energetica di Vilnius. Probabilmente, la NATO non ha voluto attirare l’attenzione sul suo lavoro, quindi funziona “in modo autonomo”.

Va ammesso che questo approccio di occultamento ha avuto successo, poiché, a giudicare dal feed di notizie, il Centro ha iniziato a lavorare nel 2017.

Gli obiettivi ufficialmente designati differiscono poco dal lavoro di altri centri NATO simili. Sono indicati da frasi generiche e rappresentano:

  • Accesso a un’ampia comunità di esperti sia all’interno che all’esterno della NATO;
  • Piattaforma di collaborazione online per interagire con la community;
  • Base di conoscenza su tutti i temi considerati dal Centro di Innovazione;
  • Documenti su soluzioni innovative per soddisfare le capacità future della NATO e dei Paesi;
  • Capacità di spiegare i vostri problemi, porre le vostre domande o offrire le vostre soluzioni.

Il sito elenca [2] sette aree in cui opera il centro. Si tratta di istruzione e formazione, meccanismi decisionali, cyberspazio, iniziative umanitarie, informazione e disinformazione, sistemi e strategie autonomi. Tuttavia, il tema che ricorre più frequentemente in più direzioni contemporaneamente è la guerra cognitiva. Alla fine del 2020, il centro ha pubblicato uno studio su questo argomento [3], il cui autore è stato indicato in François de Clusel.

La prefazione dell’opera dice che “la mente umana è ora vista come un nuovo campo di guerra. Con il ruolo crescente della tecnologia e del sovraccarico di informazioni, le capacità cognitive individuali non saranno sufficienti per garantire un processo decisionale informato e tempestivo, che porterà all’emergere di un nuovo concetto di guerra cognitiva, che negli ultimi anni è diventato un termine ricorrente in terminologia militare… La guerra cognitiva ha una portata universale, dall’individuo agli Stati e alle organizzazioni multinazionali. Utilizza metodi di disinformazione e propaganda volti all’esaurimento psicologico dei recettori dell’informazione. Tutti contribuiscono a questo, in un modo o nell’altro, consciamente o inconsciamente e questo fornisce una conoscenza inestimabile della società, in particolare delle società aperte come in Occidente. Questa conoscenza può quindi essere facilmente utilizzata come arma… Gli strumenti della guerra dell’informazione, insieme all’aggiunta di “neuro-armi”, ampliano le prospettive tecnologiche future, suggerendo che il campo cognitivo diventerà uno dei campi di battaglia di domani. Questa prospettiva è ulteriormente rafforzata dai rapidi progressi nelle nanotecnologie, nelle biotecnologie, nelle tecnologie dell’informazione, nelle scienze cognitive e nella comprensione del cervello.”

Nella relazione sono fornite alcune definizioni. “La guerra cognitiva è una guerra di ideologie che cerca di minare la fiducia alla base di ogni società… La disinformazione sfrutta la vulnerabilità cognitiva dei suoi bersagli, sfruttando paure o credenze preesistenti che li predispongono ad accettare informazioni false.

Ciò richiede che l’aggressore abbia una chiara comprensione delle dinamiche socio-politiche in atto e sappia esattamente quando e come infiltrarsi per sfruttare al meglio queste vulnerabilità.

La guerra cognitiva sfrutta le vulnerabilità intrinseche della mente umana a causa del modo in cui è progettata per elaborare le informazioni, che, ovviamente, sono sempre state utilizzate in guerra. Tuttavia, a causa della velocità e della prevalenza della tecnologia e dell’informazione, la mente umana non è più in grado di elaborare il flusso di informazioni.

Ciò che rende la guerra cognitiva diversa dalla propaganda è che tutti sono coinvolti, per lo più involontariamente, nell’elaborazione delle informazioni e nella generazione di conoscenza in un modo senza precedenti. Questo è un cambiamento sottile ma significativo. Mentre gli individui si sono sottoposti passivamente alla propaganda, ora contribuiscono attivamente ad essa.

Lo sfruttamento della cognizione umana è diventato un’industria di massa. E si prevede che presto nuovi strumenti di intelligenza artificiale forniranno ai propagandisti opportunità radicalmente ampliate per manipolare la mente umana e cambiare il comportamento umano.”

Il rapporto parla anche di economia comportamentale, definita come un metodo di analisi economica che applica la comprensione psicologica del comportamento umano per spiegare il processo decisionale economico.

Come mostra la ricerca nel processo decisionale, il comportamento sta diventando più computazionale. In termini operativi, ciò significa l’uso massiccio e metodico di dati comportamentali e lo sviluppo di metodi per la ricerca attiva di nuove fonti di dati. Con la grande quantità di dati (comportamentali) che tutti generiamo in gran parte senza il nostro consenso e consapevolezza, è facilmente realizzabile un’ulteriore manipolazione.

Le grandi aziende dell’economia digitale hanno sviluppato nuovi metodi di raccolta dati per visualizzare informazioni personali che gli utenti potrebbero non voler necessariamente divulgare.

E i dati ridondanti sono diventati la base per nuovi mercati di previsione chiamati “pubblicità mirata”.

“Queste sono le origini del capitalismo della sorveglianza in una miscela redditizia e senza precedenti: surplus comportamentale, scienza dei dati, infrastruttura fisica, potenza di calcolo, sistemi algoritmici e piattaforme automatizzate”, afferma il documento.

E tutto questo è già stato elaborato da giganti occidentali come Facebook, Google, Amazon, Microsoft ed altri. Non è un caso che siano stati più volte criticati sia per aver imposto un monopolio sia per aver utilizzato manipolazioni basate sui dati degli utenti stessi. E poiché tutti collaborano attivamente con le forze di sicurezza statunitensi in qualità di appaltatori, ciò crea un rischio di manipolazione deliberata per gli utenti di tutto il mondo.

Si sostiene inoltre che la mancanza di regolamentazione dello spazio digitale avvantaggi non solo i regimi dell’era digitale, che possono avere un impatto significativo non solo sulle reti informatiche e sui corpi umani, ma anche sulle menti dei loro cittadini, come pure l’essere utilizzati per scopi malevoli, come ha dimostrato lo scandalo di Cambridge Analytica.

Il modello digitale di Cambridge Analytica ha descritto come combinare i dati personali con l’apprendimento automatico per scopi politici, profilando i singoli elettori per indirizzare annunci politici personalizzati.

Utilizzando i più avanzati metodi di indagine e psicometria, Cambridge Analytica è stata effettivamente in grado di raccogliere un’enorme quantità di dati sulle persone, che l’ha aiutate a capire, attraverso informazioni economiche, demografiche, sociali e comportamentali, cosa pensa ciascuna di loro. Questo ha letteralmente aperto per l’azienda una finestra sulle menti.

L’autore scrive che “una gigantesca raccolta di dati, organizzata con l’ausilio delle tecnologie digitali, è oggi principalmente utilizzata per determinare e prevedere il comportamento umano. La conoscenza comportamentale è un asset strategico. L’economia comportamentale adatta la ricerca psicologica ai modelli economici, creando così rappresentazioni più accurate delle interazioni umane”.

Allo stesso tempo, molte di queste aziende degli Stati Uniti continuano a lavorare tranquillamente in Russia e a raccogliere dati dai nostri cittadini.

Un altro aspetto interessante, evidenziato nella ricerca sulla guerra cognitiva, è la cyberpsicologia, che si colloca all’intersezione di due aree principali: psicologia e cibernetica. Come si dice, “tutto ciò ha a che fare con la difesa e la sicurezza, così come con tutte le aree che sono importanti per la NATO nel processo di preparazione alla trasformazione. La cyberpsicologia, focalizzata sulla delucidazione dei meccanismi del pensiero e dei concetti, usi e limiti dei sistemi cibernetici, è una questione chiave nel vasto campo delle scienze cognitive. L’evoluzione dell’intelligenza artificiale introduce nuove parole, nuovi concetti, ma anche nuove teorie che riguardano lo studio del funzionamento naturale delle persone e delle macchine che creano e che ora sono pienamente integrate nel loro ambiente naturale (antropotecnico). Le persone di domani dovranno inventare una psicologia per il loro rapporto con le macchine. Ma la sfida è anche quella di sviluppare la psicologia delle macchine, dei software con intelligenza artificiale o dei robot ibridi. La cyberpsicologia è un campo scientifico complesso che comprende tutti i fenomeni psicologici associati o influenzati da tecnologie in evoluzione rilevanti. La cyberpsicologia esplora come gli esseri umani e le macchine si influenzino a vicenda ed esplora come la relazione tra umani e intelligenza artificiale cambierà l’interazione umana e la comunicazione da macchina a macchina.”

Il rapporto ha anche evidenziato i punti problematici legati al pensiero umano. Si dice che “i pregiudizi cognitivi possono portare a giudizi imprecisi e decisioni sbagliate, che possono provocare un’escalation involontaria o impedire l’identificazione tempestiva delle minacce. Comprendere le fonti e i tipi di pregiudizi cognitivi può aiutare a ridurre le incomprensioni e aiutare a sviluppare strategie più efficaci per rispondere ai tentativi degli avversari di sfruttare questi pregiudizi.

Nello specifico, il cervello:

  • non è in grado di determinare se informazioni specifiche sono corrette o errate;
  • è abituato a determinare rapidamente la validità dei messaggi in caso di sovraccarico di informazioni;
  • è incline a ritenere vere affermazioni o messaggi che ha già ascoltato, anche se possono essere falsi;
  • accetta come vere le affermazioni se sono supportate da elementi di prova, senza riguardo all’autenticità di tali elementi di prova.”

C’è anche una sezione dedicata alla Russia. Come altri studi simili, la menzione del ruolo della Russia, invece, serve a giustificare la necessità di stanziare fondi per lo sviluppo di neuro-armi e metodi di guerra cognitiva in modo che la NATO non venga superata dagli avversari.

Nel giugno 2021 è stato pubblicato un altro studio sul tema delle guerre cognitive [4] sulla base del Centro.

Ha già dato una chiara formulazione della terminologia, che indica l’adozione del concetto di guerra cognitiva da parte della NATO.

“La guerra cognitiva è un approccio di armi combinate che combina le capacità di combattimento non cinetico della cyber ingegneria psicologica sociale e di informazione per vincere senza lotta fisica. Questo è un nuovo tipo di guerra, definita come l’uso dell’opinione pubblica come arma da parte di attori esterni. Questo viene fatto con l’obiettivo di influenzare e/o destabilizzare una nazione. Questi attacchi possono essere pensati come una matrice: coprire pochi e molti; influenzare pensieri e azioni; gli obiettivi vanno dall’intera popolazione a misure individuali; tra comunità e/o organizzazioni. Gli attacchi mirano a cambiare o amplificare i pensieri. Il modo in cui vengono condotti differisce dalle aree di guerra più tradizionali. La guerra d’informazione cerca di controllare ciò che vede il pubblico di destinazione, la guerra psicologica controlla ciò che vede il pubblico di destinazione.

Questo documento presenta una serie di tecnologie per migliorare il lavoro della NATO. “Il primo consiste in mezzi “reali” di guerra elettronica cognitiva (GEC). È definito come l’utilizzo di sistemi cognitivi, intelligenza artificiale o apprendimento automatico per migliorare lo sviluppo e il funzionamento delle tecnologie di guerra elettronica (GE) per la comunità della difesa. Più simile alla guerra automatizzata, differisce da un vero sistema cognitivo, che farebbe piani in termini di considerazione dei pensieri e dei comportamenti che ci si aspetterebbe dai suoi avversari. Si compone di due tipi di strumenti KRB. Il primo è non cinetico e utilizza sistemi di guerra elettronica per modificare i pensieri/comportamenti del nemico prendendo di mira i suoi sistemi di informazione/influenza.

La seconda tecnologia è la biostampa 3D che utilizza il tessuto nervoso… Un’altra tecnologia è un addestratore per le prestazioni cognitive in realtà virtuale. Compreso l’addestramento alla realtà virtuale e l’analisi dei dati neurali, questo approccio migliora le prestazioni umane nelle missioni militari. Combina la realtà virtuale con sensori di elettroencefalografia (EEG) e un sistema di controllo umano per migliorare le prestazioni analizzando i dati neurali ottenuti durante l’allenamento. Lavorare in ambienti stressanti spesso pone ulteriori richieste agli individui, con il risultato che la cognizione umana diventa il fattore più importante. Questo ha lo scopo di migliorare le prestazioni operative. L’auricolare dell’utente è dotato di sensori che raccolgono dati EEG durante determinati round e durante l’intero esercizio. Come parte del test Stroop, all’utente viene chiesto di sparare ai bersagli in tre round separati, soggetto a distrazioni e aumentando il tempo. Dopo ogni round, l’utente viene posto in una “stanza di recupero” dove il suo livello di stress può tornare al livello originale prima di essere sottoposto a un altro round del test. Un rapporto dettagliato di follow-up tiene traccia dei risultati tecnici e tattici come precisione, processo decisionale ed eccitazione. Tutto questo è formulato in un punteggio di prestazione unico alla fine della simulazione. Ogni sessione viene misurata, archiviata e analizzata nel sistema di controllo delle frecce, dove i dati vengono visualizzati utilizzando un dashboard virtuale. Come parte del test Stroop, all’utente viene chiesto di sparare ai bersagli in tre round separati, soggetti a distrazioni e aumentando il tempo. Dopo ogni round, l’utente viene inserito in una “sala pausa” dove i livelli di stress possono tornare al livello originale prima di essere sottoposto a un altro round del test. Un rapporto dettagliato di follow-up tiene traccia dei risultati tecnici e tattici come precisione, processo decisionale ed eccitazione. Tutto questo è formulato in un punteggio di prestazione unico alla fine della simulazione. Ogni sessione viene misurata, archiviata e analizzata nel sistema di controllo delle frecce, dove i dati vengono visualizzati utilizzando un dashboard virtuale.

L’ultima tecnologia consiste nell’informatica e nella tecnologia quantistica. Questo è l’unico modo per elaborare enormi set di dati disparati e ottenere rapidamente informazioni dettagliate. In futuro, questo sarà di fondamentale importanza per essere in grado di condurre la stimolazione neurale su scala nanometrica negli esseri umani.”

Pertanto, vediamo che gli scienziati della NATO adottano l’approccio più serio per l’introduzione di nuovi metodi di guerra, che si basano sugli ultimi risultati di varie scienze. Per inciso, le prime vittime delle innovazioni della guerra cognitiva della NATO furono i canadesi [5]. I cittadini di questo Paese sono stati usati come cavie, all’oscuro delle manipolazioni a cui erano sottoposti.

Nell’aprile 2020 è stato sviluppato e messo in atto un piano di propaganda, con l’epidemia di Covid-19 che fungeva da copertura. Sebbene le forze armate canadesi abbiano già ammesso che “le operazioni di informazione, le politiche e le dottrine di puntamento sono per gli avversari e hanno un’applicazione interna limitata”.

Il piano, sviluppato dal Canadian Joint Operations Command, noto anche come CJOC, si basava su metodi di propaganda simili a quelli utilizzati durante la guerra in Afghanistan. La campagna ha chiesto la “modellazione” e “l’uso” delle informazioni. Il CJOC ha sostenuto che lo schema delle operazioni di informazione era necessario per prevenire la disobbedienza civile dei canadesi durante la pandemia di coronavirus e per rafforzare le comunicazioni del governo sulla questione.

Un’iniziativa separata, non correlata al piano del CJOC, ma supervisionata da ufficiali dell’intelligence delle forze armate canadesi, è stata quella di raccogliere informazioni dagli account dei social media pubblici in Ontario. Sono stati raccolti anche dati sugli incontri di Black Lives Matter e sui leader del BLM. Alti ufficiali militari hanno sostenuto che le informazioni erano necessarie per garantire il successo dell’Operazione Laser, la missione delle forze canadesi per aiutare le case di cura a lungo termine colpite da COVID-19 e per aiutare a distribuire i vaccini in alcune comunità del nord. Naturalmente, dopo che l’informazione è stata pubblicata dai media canadesi, poche persone hanno creduto a queste scuse, dal momento che sono completamente poco convincenti. Da segnalare, infine, che la NATO Innovation Network Conference è già prevista per il 9 novembre [6]. La conferenza della NATO Innovation Challenge si terrà in Ontario il 30 novembre [7]. Ciò indica che continueranno da parte dell’Occidente gli sviluppi nel campo della guerra cognitiva.

NOTE

[1]https://www.nato.int/cps/en/natohq/structure.htm#OA

[2]https://www.innovationhub-act.org/content/all-initiatives

[3]https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2021-01/20210122_CW%20Final.pdf

[4]https://www.innovationhub-act.org/sites/default/files/2021-07/210601%20Cognition%20Workshop%20Report-%20v3.pdf

[5]https://ottawacitizen.com/news/national/defence-watch/military-leaders-saw-pandemic-as-unique-opportunity-to-test-propaganda-techniques-on-canadians-forces-report-says

[6] https://www.innovationhub-act.org/content/nin-conf-21

[7]https://www.canada.ca/en/department-national-defence/campaigns/fall-2021-nato-innovation-challenge.html

 

*****************************************************

 

Articolo originale di Leonid Savin: https://www.geopolitica.ru/en/article/nato-developed-new-methods-cognitive-warfare

Traduzione di Costantino Ceoldo

Notifica di
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
12 Novembre 2021 13:38

L’ovest ha pochi ingegneri. E già questo è gravissimo. Possono creare centri di guerra cognitiva ecc. .
Il problema è che hanno soldati senza carica morale, senza combattività,
senza anima. I Vietnamiti combattevano per la Patria, perché erano carichi di Valori (sbagliati o corretti erano i loro valori, non “valori” degli invasori marci fessacchiotti), gli Americani erano sbandati, pavidi, e poco motivati.
E centri di guerra cognitiva……… SE NON SI HANNO SOLDATI VALOROSI AL SUOLO, non si vince una fico secco!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Lo dimostrano TUTTE LE INFINITE GUERRE PERSE IN MODO ULTRA CATASTROFICO. C.V.D. Auguri.

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce(@fedeledellacroce)
Utente CDC
12 Novembre 2021 15:04

Riusciranno con il loro inganno solamente nella mente dei poveri di spirito che stavolta, invece delle porte del paradiso, avranno aperte quelle del purgatorio.
O dell’inferno.
Sappiate peró che costoro riescono a manipolare la mente, ma non la coscienza e l’intelligenza viscerale intuitiva.
Seguite quest’ultima invece di riempire la mente con i pacchi di informazioni contraddittorie che ci mettono a disposizione.
Coltivate le emozioni positive e lasciate passar oltre le follie che ci vogliono far vedere, che ci vogliono far credere.

Ultimo aggiornamento 26 giorni fa effettuato da Fedeledellacroce
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  Fedeledellacroce
12 Novembre 2021 17:26

Sei stato chiarissimo. E’ una guerra Spirituale contro queste forze del male di indemoniati idioti.

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce(@fedeledellacroce)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
12 Novembre 2021 17:38

No, é una guerra di volontá e integritá.
Alla fine basta vedere e vivere oltre la gabbia che hanno costruito.

oriundo2006
oriundo2006(@oriundo2006)
Utente CDC
12 Novembre 2021 15:34

Qui: https://www.mittdolcino.com/2021/10/20/cose-la-cognitive-warfare-la-nato-ed-il-progetto-di-guerra-tramite-controllo-del-cervello-umano-condotta-dai-militari-occidentali-prima-parte/ e qui: https://www.mittdolcino.com/2021/10/23/cose-la-cognitive-warfare-la-nato-ed-il-progetto-di-guerra-tramite-controllo-del-cervello-umano-condotta-dai-militari-occidentali-seconda-parte/ qualche altra info sul fatto che la manipolazione mentale è apertamente ed esplicitamente perseguita dalla Nato. Dicesi Nato e si intende tutto l’apparato militare occidentale: nessuno nasconde più che si preparano ”..armi biologiche e chimiche (neuroarmi)..“ che già oggi sono all’opera per imporre cambiamenti decisivi nelle proiezioni mentali in quello che chiamiamo ‘coscienza’. Ne converrete che a questo punto parlare di ‘democrazia’, ‘libere elezioni’, ‘primato della politica’ è cosa superflua. Persino scrivere qui su CDC. Allora, che fare ? Davvero saremmo in un angolo. Questo tipo di mind control era però già perseguito nel ‘comportamentismo’ e chi ha fatto studi di sociologia se lo ricorda. Del resto le religioni e le ideologie già ai loro tempi ne facevano largo uso, con esiti incerti data la possibilità del rifiuto del sistema coattivo ‘more theologico’. Oggi invece anche nel settore ‘civile’ appare ben difficile sfuggire alla coazione indotta: https://www.laluce.news/2021/11/11/la-pandemia-e-la-finta-mosca-nel-cesso/ Naturalmente la mosca siamo noi. Non facciamoci illusioni: l’ idea di umanità libera e in salute che si persegue nelle fantasie covidiane mira solo a costringerci ad un sistema sociale di controllo totale. Tutto questo ‘grimoire’ è svelabile anche solo dalla ripetizione continua dell’ obbligo vaccinale, anche quando… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 26 giorni fa effettuato da oriundo2006
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
12 Novembre 2021 17:14

Molto bene. Bisogna opporsi e stare all’erta. Se permetti, posso aggiungere, che, il Sistema delle forze del male, non azzecca più nulla. Sono genioni con idee anacronistiche.
Dato che il bombardamento di tutte queste bugie scadenti, banali e idiote,
ripetute e ripetute come se fossero del canzonette è CONTROPRODUCENTE! E’ proprio vero che troppe caramelle stufano.

cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
13 Novembre 2021 18:11

Ma dove sarebbe la novità?
Le sette areea di attività del segretissimo centro canadese(!) sarebbero queste: istruzione e formazione, meccanismi decisionali, cyberspazio, iniziative umanitarie, informazione e disinformazione, sistemi e strategie autonomi.
Escludendo ovviamente il cyberspazio, sono esattamente i pilastri su cui si è basata per secoli la formazione dei preti cattolici, soprattutto dopo il concilio di Trento. E sarebbero queste le nuovi armi della nato per vincere le guerre contro i russi ed i cinesi senza usare le buone vecchie atomiche?
Se invece questi metodi servono ad influenzare le persone (che non sanno più scrivere con una penna ma solo con una tastiera) affinchè continuino a comperare cose inutili per mantenere il capitalismo decadente(sic!) allora il discorso si fa interessante. Tutto quanto citato è già stato scritto 60 anni fa da Packard in “I Persuasori Occulti” che si spera tutti abbiano letto da ragazzi, soprattutto i consulenti a cottimo della nato che in fondo alla loro relazione pietiscono ulteriori consulenze spacciandole per investimenti(!) irrinunciabili per salvare il mondo.

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da cedric
abc
abc(@abc)
Utente CDC
13 Novembre 2021 18:19

questo articolo parla della punta dell’iceberg.Che ci siano balle e disinformazione è scontato e risaputo.purtroppo ci sono tecnologie che attaccano le nostre facoltà cognitive e vengono usate a distanza da satelliti aerei e cellulari.Lo scopo è disconnetterci al flusso divino e inserire altre frequenze poi tradotte dai nostri cervelli come stati emotivi e pensieri.Anche questo è lo scopo del 5g stanno usando le microonde nel peggiore modo possibile. Quando Draghi ha detto che loro e la nato avrebbero saputo che farne dei dissidenti si riferiva a quello.Ci sono gruppi e associazioni di vittime di questa forma di bullismo e il fatto che i soldi pubblici vengano spesi in questa direzione è antidemocratico anti costituzionale e un abuso inaccettabile.Abbiamo il diritto di pensare quello che ci pare . io per esempio per aver detto pubblicamente su internet un’ovvietà come quella che i soldi spesi per la guerra possono essere usati diversamente per il bene di tutti sono stata presa di mira per anni.Comunque esiste il karma e prima o poi chi la fa gli ritorna e allora quando succede si facessero un esamino di coscienza invece di accanirsi su chi cerca di creare qualcosa di meglio per tutti.

8
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x