La minaccia più grande: il complesso pandemico-industriale

 

Dr.Joseph Mercola – 28 giugno 2021

Nella conferenza del 22 gennaio 2021, nel video qui sotto, Jonathan Latham, Ph.D., discute quello che ha soprannominato il complesso industriale dei virus pandemici: chi sono, come funzionano e interagiscono con elementi all’interno dei complessi accademici, militari e commerciali, e come hanno cercato di oscurare i fatti che indicano che il SARS-CoV-2 è un virus artificiale che ha avuto origine in un laboratorio.

Ho già intervistato Latham alcune volte. È l’editore di Independent Science News, un sito web che fornisce commenti critici su cibo, agricoltura e biotecnologia. Fa parte del Bioscience Resource Project, un gruppo educativo senza scopo di lucro, di interesse pubblico, co-fondato da Latham e Allison Wilson, Ph.D., che fornisce ricerche e analisi indipendenti sull’ingegneria genetica e i suoi rischi.

Latham sottolinea che attualmente non ci sono dati che suggeriscano un’origine zoonotica naturale del SARS-CoV-2. D’altra parte, ci sono molte prove e dati che suggeriscono che il virus è stato manipolato geneticamente nel Wuhan Institute of Virology (WIV) in Cina. Molte delle ricerche correlate sono state fatte da una scienziata cinese, Shi Zheng-Li, Ph.D.

“Il complesso industriale dei virus pandemici è un insieme interconnesso di società e altre istituzioni che si alimentano e si sostengono a vicenda con beni e servizi in modo auto-rinforzante. ~ Jonathan Latham, Ph.D.”

Latham continua poi riassumendo la teoria del passaggio attraverso i minatori di Mojiang. Questa teoria postula che il virus si sia evoluto all’interno dei corpi di sei minatori che si erano ammalati per una sospetta infezione causata da un nuovo coronavirus nel 2012. Alcuni dei minatori erano rimasti malati per diverse settimane: una quantità di tempo, ritiene Latham, sufficiente perche il virus possa mutare.

I campioni virali dei minatori erano stati inviati al WIV. Latham e Wilson credono che la ricerca su questi campioni sia stata ciò che aveva causato un rilascio accidentale del virus alla fine del 2019.

Il complesso industriale dei virus pandemici

Latham descrive il complesso industriale dei virus pandemici come “un insieme interconnesso di società e altre istituzioni che si alimentano e si sostengono a vicenda con beni e servizi in modo auto-rinforzante“. È un’impresa che sfrutta il denaro pubblico per il profitto privato. Latham nota anche che molti di questi partecipanti giocano ruoli inaspettati. Per esempio:

  • Le organizzazioni filantropiche agiscono come manipolatori, influenzatori e centri di profitto
  • Il Dipartimento della Difesa è sia una vacca da mungere che un provocatore
  • Il mondo accademico fornisce relazioni pubbliche attraverso i media tradizionali controllati dalle organizzazioni filantropiche e dall’industria farmaceutica
  • Le organizzazioni accademiche non profit agiscono come riciclatori di denaro

Questi ruoli non tradizionali hanno lo scopo di confondere e camuffare le varie parti in movimento di quella che è una situazione complessa“, dice Latham, “proteggendo così l’insieme dai controlli“. Mentre ci sono molte somiglianze tra il complesso militare-industriale e il complesso industriale dei virus pandemici, c’è un’importante differenza tra i due.

Il complesso industriale dei virus pandemici è rivolto al pubblico, e ci si aspetta che sia benefico e trasparente. Come tale, ha un’immagine di rispettabilità che deve essere mantenuta, ed è per questo che gli accademici e le organizzazioni filantropiche e senza scopo di lucro svolgono ruoli così importanti in questo schema.

Insieme, contribuiscono ad oscurare la vera agenda sotto una patina di rispettabilità e di interesse pubblico. In sostanza, mantengono l’illusione che tutto ciò che sta avvenendo sia per il miglioramento dell’umanità quando, in realtà, si tratta di uno schema di profitto.

Latham ritiene che il complesso industriale del virus pandemico abbia giocato un ruolo decisivo nello sforzo di oscurare la probabile origine della pandemia. Crede anche che questo sia la cornice mancante che aiuta a spiegare la politicizzazione della pandemia.

Precedenti tentativi di oscuramento dei focolai artificiali

Nella sua conferenza, Latham rivede un po’ della storia di questo complesso industriale della pandemia virale. Nel 2014, [la causa di] un’epidemia di Ebola in Africa occidentale era stata definitivamente attribuita ad trasferimento zoonotico da pipistrelli infetti. Secondo un rapporto in EMBO Molecular Medicine (1), il paziente zero sarebbe stato un bambino di 2 anni che aveva giocato con dei pipistrelli nel tronco di un albero abbattuto.

Tuttavia, mentre l’articolo non era riuscito a produrre prove conclusive a sostegno della sua tesi, i media occidentali erano andati avanti con questa storia. In Africa occidentale, tuttavia, si diceva che la vera fonte dell’epidemia fosse un ospedale in Sierra Leone, che ospitava un laboratorio biologico in cui si faceva ricerca su Ebola e sui virus correlati, come il virus della febbre di Lassa.

Questa ricerca era stata in gran parte finanziata dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. La ragione di questo finanziamento era un recente riclassificazione, da parte dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie del virus della febbre di Lassa, come sostanza infettiva di categoria A, cioè un agente patogeno che avrebbe potuto essere usato come arma biologica dai terroristi. La ricerca era stata condotta sotto gli auspici del Consorzio per la febbre emorragica virale, guidato dall’Università di Harvard.

Il Consorzio è legato anche ad altre istituzioni accademiche, tra cui l’Università di Tulane, lo Scripps Research Institute, l’Università della California a San Diego, il Broad Institute di Boston e l’Università del Texas, così come una serie di aziende farmaceutiche private. Secondo Latham, le dichiarazioni di alcune delle persone coinvolte nella ricerca suggeriscono che stavano approfittando delle norme di biosicurezza lassiste e inferiori dell’Africa Occidentale.

Nel suo libro “The Ebola Outbreak in West Africa: Corporate Gangsters, Multinationals & Rogue Politicians“, Chernoh Bah fornisce prove che dimostrano come la storia del Paziente Zero fosse una frode. Il bambino era morto a 18 mesi, troppo giovane per giocare con i pipistrelli, e non gli era mai stata diagnosticata l’Ebola, né ad alcuno della sua famiglia. Il primo caso registrato di Ebola ara stato effettivamente registrato in Guinea, circa tre mesi dopo la morte del bambino.

Bah ha anche trovato altri buchi nella narrazione. Per esempio, nonostante l’ampio campionamento, nessun virus Ebola è mai stato trovato in nessun animale, e nessuna moria di animali si era verificata prima dell’epidemia, cosa che tende ad essere tipica negli eventi naturali di diffusione zoonotica. Nonostante gli ovvi problemi con la narrativa ufficiale, non è mai stata condotta alcuna indagine formale sulla teoria della fuga dal laboratorio.

Seguire il denaro

Secondo Latham, possiamo imparare diverse cose da questa storia. Prima di tutto, le fughe dai laboratori sono probabilmente più comuni di quanto pensiamo, e le epidemie generalmente considerate zoonotiche potrebbero non essere affatto di origine zoonotica. Un altro esempio è l’epidemia di AIDS, come si può leggere nel libro “The River: A Journey to the Source of HIV and AIDS“.

La seconda cosa che possiamo imparare dalla storia dell’Ebola dell’Africa occidentale riguarda il percorso del denaro. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti aveva finanziato la ricerca fatta dal Viral Hemorrhagic Fever Consortium. Altre fonti alternative spesso utilizzate sono il finanziamento della salute pubblica e gli aiuti internazionali. In ogni caso, che si tratti di bio-difesa, di finanziamenti per la salute pubblica o di aiuti umanitari, il denaro proviene da Noi, il Popolo.

In terzo luogo, le aziende partecipanti al Consorzio avevano un modello di business specifico in mente, e non aveva nulla a che fare con la protezione degli Africani vulnerabili da Lassa o Ebola. L’obiettivo delle aziende farmaceutiche è quello di vendere vaccini, farmaci e strumenti diagnostici, principalmente ai militari statunitensi o europei.

Il fatto che la narrazione dell’epidemia di Ebola del 2014 non sia stata messa in discussione dimostra una preoccupante mancanza di rigore accademico, e non era certo la prima volta. Come notato da Latham, gli scienziati stanno venendo meno al loro ruolo di perseguire e promulgare conoscenza e comprensione.

Invece, sempre più spesso, il mondo accademico crea finzioni“, dice. Creano “narrazioni convenienti ed egoistiche“. I media tradizionali lavorano a braccetto con questi accademici, fungendo da megafono per le loro dubbie affermazioni scientifiche.

La scienza usata per scopi di PR

Un esempio di come le aziende usano gli accademici per plasmare una narrazione e manipolare l’opinione pubblica si è avuto quando, nel maggio 2020, 77 premi Nobel avevano firmato una lettera pubblica sollecitando il governo degli Stati Uniti a ripristinare i finanziamenti a EcoHealth Alliance, cheaveva subappaltato la ricerca sui coronavirus al WIV. All’inizio di quell’anno, l’allora presidente Trump aveva ordinato al National Institutes of Health di cancellare quel finanziamento.

La lettera era stata voluta da Sir Richard Roberts, un biologo molecolare e premio Nobel che è anche un alto dirigente della New England Biolabs, un produttore di attrezzature di laboratorio e reagenti.

Tagliare i fondi per la ricerca sui virus biotecnologici minaccia il loro core business“, dice Latham. Quindi, Roberts è davvero una parte disinteressata? O ha un interesse molto vivo nel mantenere la pericolosa ricerca sul gain-of-function, al diavolo i rischi?

Già nel 2016, Roberts aveva organizzato una campagna simile, in cui 107 premi Nobel avevano attaccato Greenpeace per aver presumibilmente bloccato l’approvazione del riso dorato OGM.

Il National Press Club di Washington D.C. aveva portato l’attenzione nazionale sulla lettera con una conferenza stampa formale. Uno degli organizzatori di quell’evento stampa era un ex dirigente PR della Monsanto, e il sito web creato per promuovere la campagna è stato ricondotto all’industria biotech.

Il punto qui è che non c’è niente di spontaneo in queste lettere“, dice Latham. “Sono giochi di PR attentamente coreografati… Ciò che viene realmente difeso è la sovrapposizione degli interessi di aziende come New England Biolabs e Monsanto. In questo mondo, la scienza e gli scienziati sono utili pedine con cui modellare l’opinione pubblica“.

 

La propaganda ora proviene dalle fonti più improbabili

Una delle ultime tattiche di propaganda impiegate nel tentativo di plasmare l’opinione pubblica e scoraggiare la curiosità è che se sei preoccupato per le potenziali “fughe” di laboratorio, sei anti-scienza e un razzista pro-Trump.

Se fai richieste agli scienziati in base al Freedom of Information Act (FOIA, sei anti-scienza. Se metti in discussione il dottor Anthony Fauci, sei anti-scienza (2, 3). Se sei contro gli OGM, sei anti-scienza. Se sei contro la ricerca sul guadagno di funzione, sei anti-scienza. Se sei contro l’energia nucleare, sei anti-scienza. Questo è uno stratagemma e nient’altro. Purtroppo, questa propaganda viene ora vomitata anche dalla più improbabile delle fonti, come Mother Jones.

Il 14 giugno 2021, Mother Jones ha pubblicato un pezzo sul Center for Food Safety, scritto da Kiera Butler (4). Nel maggio 2021, il Center for Food Safety ha fatto causa al NIH nel tentativo di costringere l’agenzia a rivelare il suo finanziamento della ricerca sul gain-of-function.

“I virologi dicono che questo tipo di ricerca è vitale e ha portato a molte importanti scoperte mediche, anche durante la pandemia di Covid-19. Ma il Center for Food Safety sostiene che la ricerca gain-of-function è troppo pericolosa da perseguire”, scrive Butler.

“Perché questo gruppo di sinistra che si occupa di cibo e fattorie … inveisce contro la ricerca virologica di alto livello? La chiave della risposta ha a che fare con la lunga opposizione del Center for Food Safety alla pratica dell’ingegneria genetica. In una recente telefonata, ho parlato con Kimbrell del CFS, che ha spiegato ciò che vede come connessione.

Si ingegnerizzano geneticamente i batteri e le piante, poi si ingegnerizzano geneticamente gli animali, poi si ingegnerizzano geneticamente gli embrioni – tutto questo è successo, con qualche promessa, ma anche un’enorme quantità di pericoli e minacce”, ha detto.

Ora, i virus non sono tecnicamente un organismo, ma sono elementi biologici viventi. Quindi, si inseriscono certamente all’interno di quella narrazione: Solo perché possiamo fare qualcosa non significa che dovremmo fare qualcosa”.

Kimbrell ha detto che “assolutamente” pensa che la pandemia sia il risultato di una fuga accidentale da un laboratorio. Gli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan, crede, hanno usato il gain-of-function per migliorare un coronavirus. Il virus è poi scappato dal laboratorio, si è diffuso in modo incontrollato e ha causato la pandemia COVID-19. Quindi, in effetti, la ricerca gain-of-function ha causato la pandemia”.

Butler parla anche dell’Organic Consumers Association, dell’U.S. Right to Know, dell’International Center for Technology Assessment e del Children’s Health Defense, che hanno tutti sollevato domande e preoccupazioni su questo tipo di ricerca pericolosa sugli agenti patogeni. Secondo Butler, non hanno alcun diritto di mettere in discussione tale ricerca, e il loro coinvolgimento potrebbe metterci tutti in pericolo.

“Con decine di migliaia di seguaci sui social media, i gruppi anti-OGM hanno il potenziale per cambiare l’opinione pubblica; in bilico c’è la scienza che potrebbe potenzialmente aiutare a prevenire la prossima pandemia”, scrive.

Butler accusata di negligenza giornalistica

Alla maniera dei veri propagandisti, la Butler continua a confutare le preoccupazioni sul guadagno di funzione con il commento del presidente di EcoHealth Alliance Peter Daszak, Ph.D., uno degli individui maggiormente in conflitto di interessi che si possano trovare. Infatti, i suoi conflitti d’interesse sono diventati così noti che è stato recentemente rimosso dalla commissione del Lancet incaricata di indagare sull’origine della Covid-19 a causa di ciò (5, 6).

Butler si spinge anche fino a cercare di dipingere la questione con colori politici di parte, e cita il Dr. Peter Hotez, un altro personaggio altamente compromesso finanziato dall’industria, che ha pubblicamente chiesto azioni di guerra cibernetica sui cittadini americani che non sono d’accordo con le narrazioni ufficiali della Covid.

In un’aspra confutazione, l’avvocato Andrew Kimbrell, fondatore del Center for Food Safety, accusa Butler di “negligenza giornalistica ” (7), e giustamente, a mio parere. Lei cerca chiaramente di confondere i lettori sottolineando che “guadagno di funzione” è una definizione ampia e che gran parte della ricerca sul guadagno di funzione che viene fatto è sia innocua che preziosa.

Tuttavia, questo non è il tipo di ricerca di cui si preoccupa il Center for Food Safety o chiunque altro. L’azione legale del Center for Food Safety riguarda specificamente la manipolazione degli agenti patogeni per renderli più virulenti e pericolosi per l’uomo, e lei non ha intervistato un solo scienziato mainstream che abbia avvertito dei pericoli associati a questa pratica, anche se ce ne sono decine.

Nel complesso, il pezzo di Butler si legge come una classica propaganda, creata dalle stesse persone con qualcosa da nascondere. Come notato da GM Watch (8):

“L’Alliance for Science, finanziata da Gates, è stata rapida nel promuovere l’articolo della Butler. Si tratta di una campagna di PR con sede a Cornell che spinge i punti di vista dell’industria agrochimica e cerca di minare i critici dell’industria, in particolare quei critici preoccupati per gli OGM.

Come parte di questo sforzo, l’Alliance for Science si è spacciata per un organismo esperto in miti sulla pandemia, anche se non ha alcuna competenza in materia di distruzione dei miti. Un primo esempio di questo è stato un pezzo pubblicato dal loro dipendente Mark Lynas che ha bollato GMWatch, tra gli altri, come teorici della cospirazione per aver detto che il virus potrebbe essere sfuggito accidentalmente da un laboratorio.

Su Twitter, Mary Mangan, che fa parte del comitato consultivo di Alliance, ha attentamente monitorato e commentato esattamente quali ‘gruppi anti-OGM’ hanno chiesto di prendere sul serio l’ipotesi della fuga di laboratorio…

È interessante notare che un giornalista ha detto a HuffPost in relazione a un caso giudiziario che coinvolge Monsanto, che pensava che Mangan aveva cercato di ‘giocarla’ per fare un lavoro di successo su uno dei testimoni esperti, critici dell’erbicida Roundup della società. Potrebbe essere che la signora Butler non fosse così resistente alla presa in giro?”

 

La ricerca Gain-of-Function pone una minaccia molto reale

Un altro chiaro pezzo di propaganda è stato pubblicato da Hotez su The Daily Beast, il 21 giugno 2021 (9). Nelle ultime settimane, il ruolo di Fauci nella pandemia è diventato sempre più chiaro, ed è tutt’altro che lusinghiero. Ha finanziato ricerche pericolose che potrebbero in effetti aver portato a un’epidemia globale. Ora, sta cercando di deviare la colpa dicendo che gli attacchi personali su di lui “rappresentano un assalto alla scienza americana“, e Hotez sta facendo il possibile per rafforzare questa nozione ridicola.

Per farlo, Hotez fa un ulteriore passo avanti, collegando gli attacchi a Fauci ad attacchi non solo alla scienza ma anche al fondamento stesso della democrazia. Secondo Hotez, “il coraggio morale e la difesa dei valori democratici richiedono che il popolo americano dia il suo pieno sostegno agli scienziati e alle istituzioni scientifiche. Fare altrimenti è capitolare alle forze dell’insurrezione” (10).

Come Butler, Hotez spende una quantità spropositata di tempo cercando di dipingere le preoccupazioni sulla ricerca pericolosa sugli agenti patogeni che hanno il potenziale di ucciderci tutti, come un problema di estrema destra, razzista, anti-scienza, anti-democrazia, quando non è niente del genere.

Quando la scienza pericolosa ha il potenziale di spazzare via l’umanità, è motivo di preoccupazione per gli individui pensanti di tutte le fedi politiche. Non è anti-scienza. È contro l’incoscienza e, per prevenire un altro disastro, i responsabili devono essere chiamati a rispondere delle loro azioni. Chiaramente, non tutta la scienza è pericolosa. Essere contro la scienza sconsideratamente pericolosa non significa essere contro tutta la scienza o la scienza in generale.

Se vogliamo evitare che un’altra pandemia come questa si verifichi in futuro, dobbiamo prima determinare l’origine del SARS-CoV-2 e come è finito tra la popolazione. Se si può dimostrare che proviene da un laboratorio, allora dobbiamo identificare e chiamare in causa i responsabili della sua creazione e del suo rilascio per le loro azioni e/o negligenze e, infine, dobbiamo impedire che si ripeta vietando la ricerca in cui gli agenti patogeni vengono manipolati di proposito per renderli più pericolosi.

Per arrivare in fondo a tutto questo, dobbiamo guardare al complesso industriale dei virus pandemici. Dobbiamo analizzare come funziona e come i suoi membri si collegano e lavorano insieme per oscurare la verità.

 

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/06/28/pandemic-virus-industrial-complex.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20210628_HL2&mid=DM922049&rid=1195075730

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
VincenzoS1955
VincenzoS1955(@vincenzos1955)
Utente CDC
1 Luglio 2021 10:22

È vero: tutto il complesso industriale liberal-capitalistico è una minaccia alla Vita sul Pianeta e questo lo sanno anche le pietre oramai. Ma adesso sembra che la farsa sul Covid stia mettendo in secondo piano (ma forse è proprio questo il suo scopo) la minaccia reale e incipiente più grave: le anomalie climatiche eccezionali che si stanno verificando anno dopo anno in un catatstrofico crescendo e quest’anno particolarmente e insolitamente in alcune parti del pianeta come in Canada con centinaia di morti e nall’artico siberiano con temperature di più di 20 °C oltre la norma, tanto per fare qualche esempio. Se a tutto questo aggiungiamo poi l’inquinamento di acqua, suolo e aria, che ha raggiunto livelli stratosferici, ne scaturisce che siamo impelagati da capo a piedi in un devastante e inarrestabile circolo vizioso il quale sarà pieno di sofferenze e sarà oltremodo difficilissimo uscirne soprattutto se non si cambia “paradigma” socio-economico.

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da VincenzoS1955
oldhunter
oldhunter(@oldhunter)
Utente CDC
1 Luglio 2021 11:19

Alla pur ottima traduzione di Arrigo De Angeli manca l’incipit (letteralmente “LA STORIA A COLPO D’OCCHIO) che appresso riporto: ·        Il complesso industriale del virus pandemico — un termine inventato da Jonathan Latham, Ph.D. — è un insieme interconnesso di società e altre istituzioni che si alimentano e si sostengono a vicenda con beni e servizi in modo auto-rafforzante. È un’impresa che fa leva sul denaro pubblico per il profitto privato ·        Include organizzazioni filantropiche intrallazzanti, personaggi influenti e centri di profitto, il Dipartimento della Difesa, che è sia una mucca da mungere che un provocatore, accademici, che forniscono pubbliche relazioni e organizzazioni no profit accademiche che agiscono come riciclatori di denaro ·        Il complesso industriale del virus pandemico dovrebbe essere vantaggioso e trasparente. In quanto tale, ha un’immagine di rispettabilità che deve essere mantenuta, motivo per cui accademici e organizzazioni filantropiche e senza scopo di lucro svolgono ruoli così importanti in questo schema. Insieme, aiutano a oscurare la vera agenda sotto una patina di rispettabilità e bene pubblico ·        Una delle ultime tattiche di propaganda impiegate nel tentativo di plasmare l’opinione pubblica e scoraggiare la curiosità è accusare tutte le indagini di essere “anti-scienza” ·        Quando la scienza pericolosa ha il potenziale per spazzare via l’umanità, è motivo… Leggi tutto »

emilyever
emilyever(@emilyever)
Utente CDC
1 Luglio 2021 11:55

Guerra cibernetica… ecco che cosa potrebbero fare ai non vaccinati dal prossimo autunno quando ci avranno identificati: toglierci internet…

GioCo
GioCo(@gioco)
Utente CDC
1 Luglio 2021 18:54

Paure varie a parte, magari ha senso leggere l’articolo in quanto capace di circoscrivere il problema invece che “generalizzarlo” in modo da renderlo inattaccabile. Se infatti la montagna diventa infinita, come puoi scalarla? Puoi solo prima o poi rinunciare. Ma se diventa inquadrabile, finita, non importa poi se è il K2 o l’Everest, quanlcuno che avrà tempo, modo e pazienza per scarlarlo e tornare a raccontarlo si troverà. Il secondo e ultimo, “last but not least“, è puntare ad attaccare i giornalisti che scrivono sciocchezze tipo “sicuro ed efficace“, sapendo perfettamente di scrivere sciocchezze, io spero anche dal punto di vista legale. Basterebbe anche per uno solo, una condanna anche simbolica ma penale, ad esempio per aver provocato l’esposizione al rischio anche di un singolo soggetto che volesse denunciarli, per millantata efficacia che non c’era e per un beneficio che non valeva il rischio e che comunque non poteva essere provato, e avremo almeno un piccolo tassello di vittoria a favore (nostro) in questa guerra che ripeterò alla nausea, è principlamente una guerra delle parole e dopo, solo dopo, anche il resto. C’è poi un corrollario da attenzionare. L’articolo suggerisce una distinzione tra complesso militare-industriaale buono e complesso militare-industriale cattivo.… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 4 mesi fa effettuato da GioCo