La guerra in Ucraina: contraccolpi in Medio Oriente

Stati Uniti e Israele impediranno la vendita di droni iraniani alla Russia

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

Philip Giraldi – The Unz Review – 17 gennaio 2023

 

Nonostante l’inondazione di disinformazione proveniente dai media mainstream e dai governi occidentali, continuano ad esistere opinioni ovviamente molto divergenti sull’attuale guerra tra Ucraina e Russia. La narrazione ufficiale e sostenuta dai media è che Mosca abbia attaccato il suo vicino in violazione dei principi “basati sulle regole” delle relazioni internazionali, secondo cui un attacco a qualsiasi nazione da parte di un vicino con l’intento di impadronirsi del territorio è sempre e inequivocabilmente sbagliato. Questa linea di pensiero, riassunta dai media con la frase ripetuta all’infinito “guerra di aggressione non provocata da parte della Russia”, ha fornito una giustificazione per l’intervento degli Stati Uniti e della NATO a sostegno dello sforzo del governo di Volodymyr Zelensky di reagire contro i russi. Ha anche alimentato la linea secondo cui l’Ucraina e i suoi sostenitori stanno difendendo la “libertà”, la “democrazia” e persino “il bene contro il male”.

Ribaltando l’argomento sul punto di vista russo, il Cremlino ha sostenuto di aver ripetutamente cercato di negoziare un accordo con l’Ucraina sulla base di due questioni fondamentali che, a suo dire, minacciano la sua sicurezza e identità nazionale. La prima è il mancato rispetto da parte dell’Ucraina degli accordi di Minsk del 2014-5, che concedevano un’ampia autonomia alla regione del Donbas, un’area indiscutibilmente abitata da russi, così come la Crimea. Dopo quell’accordo, comunque, le milizie ucraine e altri elementi armati hanno utilizzato l’artiglieria per bombardare il Donbas, uccidendo, secondo le stime, circa 15.000 residenti, per lo più russi. In secondo luogo, la Russia si è opposta ai piani della NATO di offrire l’adesione all’Ucraina, che porrebbe alle sue porte un’alleanza militare ostile probabilmente superiore. Il Presidente russo Vladimir Putin ha osservato che le questioni erano entrambe negoziabili e che Zelensky doveva solo accettare di mantenere il suo Paese “neutrale”, cioè non legato ad alcuna alleanza militare. Secondo quanto riferito, sono stati gli Stati Uniti e la Gran Bretagna a spingere l’Ucraina a rifiutare tutte le richieste russe nel tentativo di iniziare una guerra di logoramento usando le vite degli ucraini per destabilizzare il governo di Putin e ridurre la sua capacità di opporsi al dominio statunitense e occidentale.

Il punto di vista statunitense/europeo presenta una notevole ipocrisia, dal momento che gli Stati Uniti e la NATO hanno invaso e cambiato i governi in diversi Paesi dall’11 settembre, compreso quello ucraino nel 2014. Alcuni critici dei combattimenti ritengono che le richieste russe siano legittime, in quanto Putin ha fissato dei paletti molto chiari ed è sinceramente preoccupato per la sicurezza del suo Paese, anche se si potrebbe concordare sul fatto che è un passo eccessivo accettare qualsiasi attacco armato da parte di un Paese contro un altro, a meno che non vi sia una minaccia chiara e imminente. Ma, in questo caso, l’intensificarsi del coinvolgimento degli Stati Uniti e della NATO nei combattimenti è uno sviluppo estremamente pericoloso, perché potrebbe facilmente far degenerare il conflitto e trasformarlo in quello che potrebbe diventare un devastante scambio nucleare. Sarebbe auspicabile l’avvio di una tregua per fermare i combattimenti in questo momento, seguita da seri negoziati per giungere a una soluzione della disputa territoriale. Ma, naturalmente, gli Stati Uniti, che hanno fornito a Zelensky più di 100 miliardi di dollari in aiuti, hanno chiarito che non sono interessati a una soluzione negoziata a meno che Putin non sia disposto, come primo passo per rafforzare la fiducia, a consegnare tutto il territorio ucraino occupato, compresa la Crimea. In altre parole, arrendersi.

I timori che i combattimenti in Ucraina possano in qualche modo coinvolgere più attori e diventare regionali e persino crescere oltre sembrano essere confermati dal contenuto di un articolo del New York Times apparso di recente. L’articolo, intitolato “Gli Stati Uniti si affannano per impedire all’Iran di fornire droni alla Russia“, è sottotitolato “Mentre la guerra in Ucraina va avanti, alcuni funzionari si sono convinti che l’Iran e la Russia stiano costruendo una nuova alleanza di convenienza“. Si tenga presente che qualsiasi cosa appaia su un importante organo di informazione americano è probabile che sia un inserimento o una fuga di notizie da parte dello stesso governo statunitense. Il Times fa risalire la notizia a “…interviste negli Stati Uniti, in Europa e in Medio Oriente, a una serie di funzionari dell’intelligence, dell’esercito e della sicurezza nazionale [che] hanno descritto un programma statunitense in espansione che mira a soffocare la capacità dell’Iran di produrre droni, a rendere più difficile per i russi il lancio di velivoli ‘kamikaze’ senza pilota e – se tutto il resto fallisce – a fornire agli ucraini le difese necessarie per abbatterli“.

Tutto ciò significa che le fonti delle informazioni non sono nominate e devono essere considerate anonime e quindi non verificabili, ma l’articolo è comunque interessante. Il passaggio più significativo recita: “L’amministrazione Biden ha intrapreso un ampio sforzo per fermare la capacità dell’Iran di produrre e consegnare droni alla Russia per l’uso nella guerra in Ucraina, uno sforzo che ha echi del suo programma pluriennale per impedire l’accesso di Teheran alla tecnologia nucleare“.

Sembra quindi che la guerra per procura contro la Russia sia ora entrata in Medio Oriente, più precisamente in Iran, dove Stati Uniti e Israele sono da tempo impegnati nell’assassinio di scienziati e tecnici, nonché nel sabotaggio di impianti e nell’introduzione di “worm” di attacco informatico (Stuxnet) nei sistemi operativi dei computer delle strutture di ricerca. In effetti, l’articolo afferma che Israele e gli Stati Uniti hanno discusso su come procedere per colpire la produzione di droni iraniani. Il 22 dicembre si è svolto un incontro video protetto tra i massimi funzionari israeliani della sicurezza nazionale, dell’esercito e dell’intelligence e Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Biden. I partecipanti hanno “discusso le crescenti relazioni militari dell’Iran con la Russia, compreso il trasferimento di armi che il Cremlino sta impiegando contro l’Ucraina, prendendo di mira le sue infrastrutture civili e la fornitura di tecnologia militare all’Iran da parte della Russia“.

C’è sicuramente un’ampia dose di ipocrisia chiaramente evidente negli sforzi di Washington per fermare la vendita di armi alla Russia da parte dell’Iran, mentre gli Stati Uniti stanno contemporaneamente fornendo molti miliardi di dollari di armi all’Ucraina. Gli sforzi iniziali degli Stati Uniti per ridurre il presunto impatto dei droni sul campo di battaglia si sono finora concentrati sul blocco della vendita o della distribuzione della tecnologia di produzione non iraniana necessaria alla costruzione dei droni. Le forze armate statunitensi hanno anche fornito all’Ucraina informazioni che avrebbero permesso di contrattaccare i siti di lancio russi. Ma questi sforzi hanno avuto un successo solo parziale, poiché i componenti elettronici utilizzati sono ampiamente disponibili o possono essere adattati impiegando componenti “a doppio uso” se una fonte di approvvigionamento viene interrotta. Inoltre, gli astuti russi hanno apparentemente imparato a cambiare frequentemente i siti di lancio, poiché i droni e i camion su cui sono montati sono molto mobili.

Ma l’articolo del Times suscita più domande che risposte. Ad esempio, sembra che gli iraniani abbiano venduto ai russi qualcosa come 1.700 droni e che a metà dicembre ne siano stati utilizzati circa 300. Non si tratta certo di una svolta nel tipo di combattimenti in corso in Ucraina, soprattutto perché il loro uso nel cosiddetto ruolo di kamikaze significa che colpiscono il bersaglio facendo esplodere un esplosivo collegato al drone. Ciò significa che vengono distrutti in un solo utilizzo. Sono stati segnalati anche problemi della catena di approvvigionamento, per cui non è chiaro quanti droni siano stati effettivamente consegnati. Inoltre, i russi hanno certamente le loro fabbriche di droni come parte della loro industria degli armamenti altamente sofisticata, quindi non è che cercassero disperatamente l’aiuto dell’Iran, nonostante le affermazioni in tal senso dei media statunitensi.

Per essere sicuri, l’Iran ha un programma attivo di droni e i droni iraniani sono stati utilizzati in attacchi diretti contro le basi militari statunitensi in Siria e contro le raffinerie dell’Arabia Saudita. I droni “Shahed” sono economici e semplici ma efficaci e si ritiene che l’Iran possa produrli in serie, se necessario, a patto di continuare a procurarsi i componenti necessari. Si potrebbe dire che costituiscono un’arma “da poveri” da usare contro nemici molto più potenti e sofisticati come gli Stati Uniti o Israele.

Comunque sia, c’è qualcosa che non ha senso nell’improvviso desiderio dell’amministrazione Biden di affrontare l’Iran in modo più attivo, con Israele come partner, usando la guerra in Ucraina e la Russia come scusa. Biden e il Segretario di Stato Antony Blinken hanno rinunciato a rinnovare l’accordo di monitoraggio nucleare del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) con l’Iran, nonostante Teheran fosse disposta a fare concessioni e fosse nell’interesse della sicurezza nazionale degli Stati Uniti rendere effettivo un tale accordo. Il neo-insediato Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è già rivolto al potente Comitato per gli Affari Pubblici Americani d’Israele (AIPAC) e ha chiesto uno “stretto allineamento” con Washington per lavorare in modo aggressivo contro l’Iran. A gennaio è prevista una serie di incontri tra personale dell’intelligence e della sicurezza nazionale israeliano e statunitense. Naturalmente, il Dipartimento di Stato e le agenzie di sicurezza nazionale di Biden sono pieni di sostenitori della linea dura nei confronti dell’Iran, della Russia e ora anche della Cina. La maggior parte di loro sono anche sionisti dichiarati, molti dei quali hanno stretti legami con Benjamin Netanyahu, il che li rende sensibili agli interessi israeliani.

L’Iran, che in realtà non minaccia né gli Stati Uniti né alcun interesse strategico identificabile di Washington, è già al centro di praticamente tutte le sanzioni immaginabili messe in atto in più di quarant’anni dai successivi presidenti americani. E ora, poiché l’Iran è amico della Russia e fornisce a questo Paese armi sicuramente gradite ma che difficilmente cambieranno il corso della guerra, gli Stati Uniti si preparano nuovamente a creare e ad affrontare un altro nemico, forse con l’aiuto clandestino o addirittura aperto di Israele. Ciononostante, ci si chiede quanto di questo atteggiamento della Casa Bianca sia reale e quanto falso. Dal momento che gli Stati Uniti si stanno avvicinando a un bilancio della difesa di 1.000 miliardi di dollari per il 2023, qualcuno deve trovare un modo per giustificare la spesa e allo stesso tempo rendere tutti quei soldi politicamente utili, dicendo all’opinione pubblica che la spesa sta rendendo gli americani “sicuri”. E cosa c’è di meglio che usare tutte quelle nuove armi scintillanti su qualche “nemico” qua e là, garantendo che gli appaltatori della difesa diventino ancora più ricchi e restituiscano ancora di più agli stessi politici che sono la fonte di queste elargizioni. Possibile che sia tutto così semplice?

Philip Giraldi (classe 1946) è un editorialista americano, commentatore e consulente di sicurezza. È direttore esecutivo del Council for the National Interest, ruolo che ricopre dal 2010. In precedenza ha lavorato come specialista di intelligence per la CIA, prima di passare alla consulenza privata. Giraldi è stato criticato per il suo presunto antisemitismo e la negazione dell’Olocausto e ha affermato che “gli ebrei americani che non hanno un briciolo di integrità” (sionisti) quando appaiono in televisione dovrebbero essere etichettati “come un’etichetta di avvertimento su una bottiglia di veleno per topi“.

 

 

Link: https://www.unz.com/pgiraldi/ukraine-war-spills-over-into-the-middle-east/

 

Scelto e tradotto da CptHook per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix