Home / ComeDonChisciotte / LA GUERRA FINANZIARIA GLOBALE, L'ESCALATION NEL GOLFO PERSICO

LA GUERRA FINANZIARIA GLOBALE, L'ESCALATION NEL GOLFO PERSICO

E LE MINACCE VITALI CONTRO IL SISTEMA DEI PETRODOLLARI

DI MAXIME CHAIX
Mondialisation.ca

Standard & Poor’s – certamente presa di mira in passato dall’ex presidente francese Valéry Giscard d’Estaing quando parlò di “laboratori” che destabilizzano l’economia europea – perpetua una strategia di diversione, degradando il credito dei nove paesi dell’Eurozona tra cui Francia, Italia, Portogallo, Austria e Spagna. L’agenzia finanziaria Standard & Poor’s, criticata da un decennio per la sua incapacità di prevedere il collasso di Enron, di Lehman Brothers e più recentemente di MF Global, ha provocato uno shock psicologico in Francia a cento giorni dall’elezione presidenziale, e gli effetti di questa “degradazione” vengono amplificati da una certa drammatizzazione mediatica.
Se si aderisce alla lettura degli avvenimenti

fatta da Valéry Giscard d’Estaing, dal ricercatore Emmanuel Todd o dalla presidentessa del MEDEF Laurence Parisot, la guerra psicologica condotta contro l’Europa dai “laboratori” anglosassoni e dalle loro staffette mediatiche e speculative è salita di intensità, con l’eurozona che viene presa di mira nel suo insieme. Tuttavia, dall’altro lato dell’oceano Atlantico, gli Stati Uniti – che nonostante le difficoltà strutturali sono ancora il primo potere mondiale sul piano finanziario, militare, culturale ed economico – devono farsi carico di un indebitamento nazionale superiore ai 15 trilioni di dollari, per un debito totale che rasenta i 56 trilioni,
secondo i
dati officiali del conteggio
nazionale dell’indebitamento degli Stati Uniti.

Visto questo debito gargantuesco, possiamo affermare con sicurezza che, nell’ipotesi in cui il sistema dei petrodollari dovesse crollare a causa della diversificazione monetaria negli scambi commerciali e petroliferi internazionali, gli Stati Uniti, in quanto stato federale, fallirebbero e si troverebbero de facto in categoria D (“In default“), qualunque sia la posizione delle agenzie di rating. In questo contesto, i generali del Pentagono, che rappresentano l’onnipotente complesso
militare-finanziario-energetico
degli Stati Uniti, non possono accettare la politica di abbandono del dollaro come moneta di scambio per il petrolio che è condotta dall’Iran, dato che costituisce una minaccia vitale contro il sistema dei petrodollari.

Di conseguenza, tutto porta a credere che i generali del Comitato dei capi di Stato Maggiore Inter-armi del Pentagono (JCS) vadano a pianificare un conflitto armato contro l’Iran, come indicano le ultime dichiarazioni del generale Dempsey – che dirige il JCS – e di Leon Panetta, il segretario alla Difesa all’origine del recente inasprimento dialettico nei confronti dell’Iran (dopo l’offensiva economica, psicologica e strategica attuale).

Oggi, gli Stati Uniti stanno esperendo nei confronti dell’Iran una guerra economica totale, accompagnata da movimenti militari su grande scala. Questo schieramento strategico è imperniato sul posizionamento prossimo di almeno due
portaerei statunitensi
nel golfo Persico (l’USS Carl Vinson che dovrebbe sostituire l’USS John Stennis, prima di essere raggiunta dall’USS
Abraham Lincoln
). Questa importante pianificazione sta togliendo il sonno al comandante in capo dell’US Navy, l’ammiraglio Jonathan Greenert, in base alle sue dichiarazioni pubbliche.

Dal naufragio dell’USS Maine nel porto della Cuba nel 1898, il cui sfruttamento mediatico provocò la guerra ispano-americana, passando dai misteriosi incidenti nel Golfo del Tonchino del 4 agosto 1964 che gettarono gli Stati Uniti nella guerra contro il Vietnam del Nord, la storia militare degli Stati Uniti resta macchiata di zone d’ombra quando si valutano gli incidenti navali come casus belli, e più generalmente le giustificazioni che precipitano le forze armate statunitensi nelle loro recenti guerre.

Sapendo che Dick Cheney aveva pensato, secondo Seymour Hersh, a organizzare un attacco false flag contro le navi della Quinta flotta degli Stati Uniti – arrivando a considerare un’operazione contro la flotta USA da
parte dei Navy Seals travestiti da Guardie Rivoluzionarie iraniane vicino allo stretto di Hormuz -. una provocazione navale immediatamente attribuita all’Iran potrebbe essere sufficiente per scatenare il potere militare degli Stati Uniti contro un Iran determinato a resistere. Sembrerebbe che simili
provocazioni siano in corso nel momento in cui queste righe vengono scritte.

Comunque sia, si potrebbe pensare che non reagendo militarmente alla politica estera dell’Iran, gli alti responsabili negli Stati Uniti avrebbero molto da temere dal cedimento del sistema dei petrodollari rispetto a una guerra contro l’Iran, viste le conseguenze ancora incalcolabili nel contesto economico e finanziario particolarmente volatile (in qualche modo propizio agli aumenti costanti del prezzo degli idrocarburi). Senza sorpresa, le petromonarchie del Golfo
e Israele sostengono apertamente questa guerra.

Comunque sia, attraverso la politica estera iraniana, lo status quo dei petrodollari sembra davvero minacciato. Oggi la Cina acquista il petrolio iraniano in euro, e gli Stati Uniti non sembrano in grado di influire sulla politica cinese nei confronti dell’Iran, visto che le relazioni sino-iraniane datano dal periodo pre-islamico, sin dal primo secolo avanti Cristo. L’India sta realizzando un sistema di scambio del petrolio in rupie. Infine, la Russia si prepara a mettere in opera un accordo di scambi petroliferi e commerciali in rial e in rubli.

Come già fatto alcuni mesi fa con la Russia, la Cina ha adottato anche col Giappone un sistema di scambi energetici e commerciali centrati sulle proprie monete. La supremazia del dollaro come moneta di riserva internazionale è indiscutibilmente messa a repentaglio. Il sistema dei petrodollari che impone da decenni è ancora più pericolosamente messo in discussione dalla politica di affermazione di potere continuamente perseguita dall’Iran.

Come scritto con precisione Peter Dale Scott all’alba del conflitto che ha distrutto la Libia, “la domanda del petrolio è legata strettamente a quella del dollaro, perché lo status del dollaro come moneta di riserva mondiale dipende in larga parte dalla decisione dell’OPEC di stipulare gli acquisti del petrolio dell’OPEC in dollari. L’economia attuale dei petrodollari si basa su due accordi segreti approvati negli anni ’70 coi sauditi per riciclare i petrodollari nell’economia degli Stati Uniti. Il primo di questi accordi assicurava un apporto speciale e duraturo dell’Arabia Saudita nella tenuta in salute del dollaro statunitense; il secondo assicurava un sostegno saudita continuato per la formulazione dei prezzi del petrolio dell’OPEC in dollari. Questi due accordi garantivano che l’economia degli Stati Uniti non sarebbe stata indebolita dai rialzi di prezzo del petrolio dell’OPEC. Questo pesante fardello risale da allora, con le economie dei paesi meno evoluti che devono acquistare dollari per le loro forniture di petrolio. Come evidenziato da Ellen Brown, prima l’Iraq e poi la Libia decisero di sfidare il sistema dei petrodollari per porre fine alle vendite di petrolio con questa moneta, poco prima che questi i due paesi venissero attaccati.”

Oggi, l’Iran sembra essere il “bersaglio” dei pianificatori militari del Pentagono. Tuttavia, questo paese ha appena dimostrato che è capace di poter chiudere l’arteria principale di un’economia mondiale fragile e instabile: lo stretto di Hormuz.

**********************************************

Fonte: La guerre financière globale, l’escalade dans le golfe Persique et les menaces vitales contre le système des pétrodollars

15.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • AlbertoConti

    Chiaro come il sole! La iena ferita sta preparando la III guerra mondiale e noi mondo stiamo qui inerti, tra l’impotente e l’indifferente, di chi crede sia troppo grossa per essere reale, distratti come siamo dalla “crisi”. Facile in questo clima creare il “cattivo”, il capro espiatorio. Ci sono appena riusciti con Gheddafi, figuriamoci se non è possibile con Ahmadinejad. Il paradosso è che proprio sul carburante stiamo qui pagando il 70% d’imposte per ripagare i debiti farlocchi di questo sistema parassitario dollarocentrico. Se non è esser coglioni questo! No, c’è di peggio, è di non gridare ai 4 venti che gli stati canaglia esistono davvero, e sono i nostri “alleati”!

  • Allarmerosso

    Bravooooo sono assolutamente d’accordo con te … e lunedi l’europa si appresta ad emettere l’embargo sul petrolio contro i nostri stessi interessi e nei confronti di una nazione che a noi Italiani sopratutto ed europei in genere non ha mai fatto nulla se non firmare accordi commerciali , si siamo proprio coglioni e la cosa assurda è c’è chi se ne vanta pure ed è pure contento.

  • Allarmerosso

    “gli Stati uniti sono ancora il primo potere mondiale sul piano finanziario, militare, culturale ed economico”
    No questo è troppo mi sta bene il primo punto ed anche il secondo ma sul piano culturale non è ammissibile vedere negli Stati Uniti il primo potere mondiale , di quale cultura stiamo parlando ?

  • Maxime

    Salve Alarmerosso ! Sono l’autore francese di quest’articolo. Capisco la sua reazione a proposito della “cultura”, ma non stavo pensando qualitativamente quando ho scritto questo. Invece, stavo parlando della cultura post-moderna di massa, come i blockbusters di Hollywood, la “musica” di MTV ecc. Forse il termine non era appropriato… Grazie mille al traduttore, comunque, perché non avevo anticipato che il mio articolo sarebbe tradotto in italiano !

  • reza

    Intanto sono iniziate le manovre dei Pasdaran iraniani nel Golfo Persico.
    si svolgeranno nel periodo dal 21 gennaio al 19 febbraio, mentre il Generale Dempsey (capo stato maggiore USA) arriva a TelAviv per “coordinare” i due paesi “in una fase molto movimentata come quella attuale” , ma fonti politici e i media americani parlano del fatto che ” Casa Bianca e Pentagono non sembrano voler lasciare nella mani dell’autonoma valutazione d’Israele la scelta delle opzioni.” !!!

    Sul fronte europeo,mentre la crisi in corso minaccia seriamente la tenuta dell’Ue della sua moneta Euro, i ministri europei(con tutto quello che avranno da fare per salvare i loro paesi dal caos) già prossimo Lundeì dovranno rispondere all’America sulla loro adesione alle sanzioni contro l’Iran.
    Vi ricordo che , quando si parla delle nuove sanzioni all’Iran a cui deve aderire l’Ue, non si tratta di rispondere a questa richiesta per doveri di alleanza e di amicizia con gli States.
    La questione è (un’attimino) diverso; gli USA con la legge annunciata il 31 dicembre 2011 da Obama, stabiliscono “severe sanzioni per chi lavora con l’Iran”, quindi queste “nuove sanzioni” , nella realtà dei fatti, non sono control’Iran ma contro chi lavora con l’Iran tra cui i paesi Ue !!!

    Naturalmente, agli USA non importa che l’UE con l’Iran ha importanti legami d’ affari e che questi legami contano assai nell’economia di questi paesi , specialmente ora che si trovano tutti a combattere con una crisi (lasciam perdere l’entità della crisi stessa, da dove arriva e perché le agenzie rating americane stanno cercando a tutti i costi di farla peggiorare)

    Pier Luigi D’Agata (direttore generale di Associazione di Confindustria che rappresenta le aziende italiane che operano nel Mediterraneo, in Africa e nel Medio Oriente) dichiara al Sole24Ore ; “l’inasprimento delle sanzioni contro l’Iran si tradurrà in cassa integrazione per i lavoratori di quelle imprese molto esposte sul mercato iraniano. E al danno economico che subiremo si aggiunge la beffa, perché gli iraniani possono acquistare tranquillamente da altri paesi, la Cina in testa, ma noi non possiamo trovare subito altri clienti al posto dell’Iran».

    Secondo P.L.D’Agata ” l’Iran è in una fase di forti investimenti in infrastrutture e in molti settori industriali. Dispone delle risorse che gli derivano dal petrolio e ha ottimi livelli di scolarizzazione. cresce con un ritmo stabile e quindi , è un ottimo partner per le nostre imprese in molti settori. Capisco che non bisogna aiutare la costruire della bomba nucleare, ma qui stanno distruggendo tutto; mettere sanzioni su un forno per ceramica o una macchina per fare biscotti non credo che abbia giustificazioni diverse da ciò che realmente presenta e questo per noi rappresenta bloccare le nostre attività assolutamente civili e pacifiche in una situazione di crisi di cui soffre l’industria manufattoriera italaiana”.
    UN ESEMPIO; Aggiunge D’Agata «Una trentina di aziende del Nord Italia che produce turbine a gas e a vapore per energia elettrica ad uso civile , ha 250 milioni di ordini in corso e altri 300 nei prossimi 2 anni. Con le sanzioni sono a rischio 2.500 posti di lavoro, senza contare l’indotto». !!!
    Certamente questa situazione riguarda anche altri paesi europei che Lunedì dovranno esprimersi insieme sulle “nuove sanzioni contro l’Iran”.
    Da tutto ciò si capisce comunque che LA GUERRA CONTRO L’IRAN è in fase di COMPLETAMENTO perché dopo aver distrutto questi PONTI con l’Ue , agli USA resta di mettere in pratica un VERO E PROPRIO BLOCCO NAVALE per impedire che l’Iran possa continuare il suo import-export con altri paesi;
    Attualmente nelle acque del Mare di Oman, a partire dall’uscità dal Golfo Persico , sia verso la entrata del Mar Rosso che verso la rotta orientale (che porta in Cina) ; Vale a dire ; sulle due vie del commercio dell’Iran con l’UE e con l’Asia , si sono piazzati ben 3 Portaerei americani con a bordo 700 aerei e con 35 navi d’appoggio , fregate e lanciamissili attorno.

    QUESTA FLOTTA DISPONE DI 21 TESTATE ATOMICHE.

    Gli iraniani , sin dall’annuncio della Legge americana del 31 dicembre, hanno capito la situazione e per PERSUADERE l’America delle decisioni affrettate , hanno svolto le loro manovre militari proprio in quest’area (distesa per r 2 milioni di km²), dimostrando alla Flotta americana che qualsiasi tentativo di mettere in atto un blocco navale contro l’Iran avrà una riposta militare e di portata NON ASSOLUTAMENTE CONVENIENTE ALL’AMERICA (sul piano delle perdite e danni che riceverà la stessa Flotta ma anche il totale degli interessi dell’America nella regione) ,mentre la Cina prendeva la responsabilità di RENDERE SICURO L’INTERO TRATTATO DI MARE , DAL CONFINE DEI 2 MILIONI DI km² FINE ALLE ACQUE CINESI. Il Capo di Stato Maggiore cinese su questo ha dichiarato “Siamo pronti anche alla terza guerra mondiale per difendere queste acque” !!!

    Come potete notare,il scenario è proprio quello della TERZA GUERRA MONDIALE.