Home / ComeDonChisciotte / LA GUERRA ECONOMICA TRA USA E IRAN

LA GUERRA ECONOMICA TRA USA E IRAN

DI PEPE ESCOBAR
Asia Times Online

NEW YORK – Ecco qui un corso accelerato su come mandare a picco l’economia globale.

Un emendamento al National Defense Authorization Act firmato dal Presidente degli Stati Uniti Barack Obama nell’ultimo giorno del 2011 – quando nessuno prestava attenzione – impone sanzioni a chiunque (stati o aziende private) acquisti petrolio da Teheran attraverso la banca centrale iraniana. Pena l’esclusione, a partire dall’estate prossima, da ogni rapporto commerciale con gli Stati Uniti.

L’emendamento – a tutti gli effetti una dichiarazione di guerra economica – è un regalino della Commissione per gli Affari Israelo-statunitensi (AIPAC) su commissione del governo israeliano e del suo primo ministro Benjamin “Bibi” Netanyahu.
Si è cercato in mille salse di farlo passare come il “piano B” dell’amministrazione Obama: l’alternativa? Lasciare i guerrafondai israeliani liberi di condurre un attacco unilaterale contro l’Iran e i suoi presunti programmi nucleari.

La verità è che la strategia israeliana era, se possibile, ancor più folle: impedire a qualunque Paese – a eccezione di Cina e India, forse – di acquistare il petrolio iraniano. Per di più, i sionisti americani hanno cercato di convincere tutti che ciò non avrebbe dato luogo a impennate sfrenate dei prezzi nei listini.

Intanto anche i governi dell’Unione
Europea, con la loro impareggiabile capacità di tirarsi la zappa sui piedi, si sono messi a discutere se comprare o no il petrolio di Teheran. Il dubbio esistenziale è se smettere da subito o aspettare ancora qualche mese. Il risultato inevitabile, come la morte e le tasse – poteva essere altrimenti? – è stata l’ennesima impennata dei prezzi. Il greggio si aggira attorno ai 114 dollari al barile, e non accenna a diminuire.

Il mio regno per un barile

L’Iran è il secondo maggior produttore dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) con qualcosa come 2,5 milioni di barili di export al giorno. Di questi, circa 450mila finiscono in Europa, il secondo mercato dell’Iran dopo la Cina.

L’anonimo burocrate di turno, il commissario UE per l’energia, Gunther Ottinger, ha vagheggiato che l’Europa potrebbe compensare con il petrolio dell’Arabia Saudita la perdita di forniture iraniane.

Ma qualsiasi analista che si rispetti
sa che l’Arabia Saudita non possiede sufficienti riserve extra. Inoltre, dettaglio cruciale, i sauditi hanno tremendamente bisogno di far fruttare il loro prezioso petrolio. Dopotutto, il regime controrivoluzionario di Riyad da qualche parte dovrà prendere i soldi per tenere i suoi sudditi lontani dalle tentazioni di una primavera araba.

Si aggiunga che Teheran minaccia di bloccare lo Stretto di Hormuz, impedendo così a un sesto del petrolio
mondiale e al 70% dell’export del’OPEC di raggiungere i mercati. Niente
di strano se è già iniziata la corsa dei commercianti di petrolio per mettere in salvo quanto più greggio possibile.

Scordatevi, d’ora in avanti, prezzi accessibili da 50 o anche 75 dollari al barile. I listini raggiungeranno i 120, magari 150 al barile entro la prossima estate, proprio come all’apice della crisi del 2008. L’OPEC, fra l’altro, sta pompando petrolio in uantità mai toccate dalla fine di quell’anno.

Così, quello che è nato come un ordigno improvvisato di fattura israeliana si è trasformato in un bombardamento economico a tappeto, che colpirà intere sezioni dell’economia globale.

Non c’è da stupirsi che il presidente
della commissione per la sicurezza nazionale e le politiche estere del parlamento iraniano, Ala’eddin Broujerdi, abbia definito queste sanzioni un “errore strategico” dell’Occidente.

Tradotto: da adesso, il gioco dell’anno 2012 si chiama profonda recessione globale.

Obama lancia il dado

All’inizio Washington ha lasciato trapelare che le sanzioni alla banca centrale iraniana “non erano sul tavolo“. Dopotutto, l’amministrazione Obama sapeva benissimo che si sarebbero tradotte in un’impennata nel prezzo del petrolio e in un biglietto di sola andata per un’ulteriore recessione. Il regime

iraniano, del resto, non farebbe che guadagnare di più dalle esportazioni

di greggio.

Eppure il combo Bibi-AIPAC non si è

fatto problemi a forzare l’emendamento presso i templi del sionismo

americano, il Senato e il Congresso degli Stati Uniti, nonostante il

Segretario del Tesoro Tim Geithner fosse espressamente contrario.

L’emendamento appena approvato potrebbe

non rappresentare le “sanzioni paralizzanti” che il

governo israeliano reclama a gran voce. Teheran sentirà la stretta,

ma non al punto da non poterla sopportare. Solo quegli irresponsabili

del Congresso,– invisi alla stragrande maggioranza degli elettori

secondo tutti i sondaggi, potevano pensare di escludere dal mercato

2,5 milioni di barili di greggio al giorno senza conseguenze drastiche

per l’economia globale.

L’Asia avrà sempre più bisogno di

petrolio. Continuerà a comprarlo dall’Iran. E i prezzi del greggio

continueranno a levitare nella stratosfera.

Perché allora Obama ha firmato?

Per la sua amministrazione ora è tutta una questione di calcolo

elettorale. Quei pazzoidi senza speranze del circo presidenziale repubblicano

– con l’ammirevole eccezione di Ron Paul – vanno in giro a vendere

la guerra all’Iran come la prima cosa che faranno una volta eletti,

e fasce sostanziose dell’elettorato americano sono abbastanza sprovvedute

da comprare le loro promesse.

Nessuno che faccia due più due

riesce a capire che, al di sopra il tetto dei 120 dollari al barile,

qualsiasi possibilità di ripresa per l’economia americana e europea

dovrà per forza essere scartata dal mazzo.

Fuori le palle

A eccezione di quel consorzio autolesionista

e ormai moribondo che è la NATO, tutti, ma proprio tutti, bypasseranno

il proclama israeliano-statunitense di guerra all’Iran:

– la Russia ha già detto che lo eluderà;

– l’India sta comprando petrolio iraniano attraverso la Halk Bank, in Turchia;

– l’Iran ha avviato trattative per incrementare le vendite alla Cina, di cui è il secondo maggior fornitore dopo l’Arabia Saudita. La Cina paga in euro, e presto potrebbe passare allo yuan. Per marzo dell’anno prossimo sarà siglato l’ accordo sui nuovi prezzi;

– il Venezuela gestisce una banca bi-nazionale assieme all’Iran dal 2009: è così che Teheran raccoglie i pagamenti in America Latina;

– anche gli alleati tradizionali degli Stati Uniti si chiamano fuori. La Turchia, che importa dall’Iran circa il 30% del proprio fabbisogno petrolifero, cercherà di ottenere una deroga alle sanzioni per il suo importatore, la Turpas;

– anche la Corea del Sud è in cerca di un’esonero per poter acquistare dall’Iran nel 2012 200.000 barili al giorno, il 10% delle importazioni.

Cina, India e Corea del Sud intrattengono complessi accordi bilaterali con l’Iran (quello con la Cina vale già 30 miliardi l’anno, e verrà incrementato). Nessuno di questi accordi cadrà perché l’asse Washington-Tel Aviv ha deciso così. C’è da aspettarsi piuttosto una fioritura di nuove banche private, nei paesi in via di sviluppo, per la compravendita del petrolio iraniano.

Washington non avrà le palle

per imporre sanzioni alle banche cinesi quando queste si metteranno

a trattare con l’Iran.

Bisogna semmai ammirare le palle di

Teheran. Nonostante la campagna incessante di uccisioni e rapimenti

di scienziati iraniani, le incursioni nella provincia del Sistan-Belucistan,

i sabotaggi israeliani alle infrastrutture per mezzo di virus e altro,

le infrazioni territoriali compiute dai droni statunitensi, il terrorismo

mediatico e le minacce non-stop da parte di Israele e dei Repubblicani,

60 miliardi di armi americane vendute all’Arabia Saudita, nonostante

tutto questo, l’Iran non vacilla.

Teheran ha appena testato, con successo,

i suoi missili cruise, e lo ha fatto proprio nello stretto di

Hormuz. Una reazione alle raffiche incessanti dell’Occidente che è

stata subito stigmatizzata come un “atto di provocazione“.

Venerdì scorso i redattori del

New York Times dal primo all’ultimo hanno sposato la politica aggressiva

del Pentagono e invocato “la massima pressione economica

nei confronti dell’Iran.

La verità è che a soffrirne

sarà l’iraniano medio, come anche l’europeo medio, stremato dalla

crisi e indebitato fino al collo. Ne soffrirà l’economia americana.

E ogni volta che l’Occidente darà in escandescenze, Teheran si riserverà

il diritto di mandare in orbita i prezzi del petrolio.

Il regime iraniano continuerà

a vendere il suo greggio, ad arricchire il suo uranio e, soprattutto,

non cadrà. Come un missile hellfire piombato su una festa di

matrimonio pashtun, queste sanzioni mancheranno l’obbiettivo. E causeranno

un bel po’ di danni collaterali. In Occidente.

**********************************************

Fonte: The US-Iran economic war

07.01.2012

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di DAVIDE ILLARIETTI

Pubblicato da supervice

  • cardisem

    A me il discorso pare chiaro.
    Resta il problema della nostra cosiddetta democrazia?
    Ma chi comanda?
    Chi ci comanda?
    Chi ci porta in guerra e al disastro?
    Nell’interesse di chi?
    Per volere di chi?
    Bisogna incominciare a sviluppare l’associazionismo e soprattutto ad occupare le piazze d’Italia, per dare qui origine ad un governo alternativo capace di varare una nuova costituzione?
    Perché nessuno raccoglie o almeno discute una proposta così semplice?
    Dobbiamo sempre andare a fare passeggiate turistiche per le vie della capitale, sempre più chiuse alla circolazione? Alemanno proprio lui non le vuole vicino alla sua temporanea residenza, al Campidoglio…
    Qui le forme di lotta devono cambiare!

  • dana74

    sul tema:
    Gli USA uscirebbero sconfitti nel Golfo Persico da una guerra con l’Iran?
    di Mahdi Darius Nazemroaya
    http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=41947

  • s_riccardo

    Chi ci porta in guerra e al disastro? facile usa, e israeliani.
    Nell’interesse di chi? Degli usa e israeliani
    Ma chi comanda? Succubi degli usa da 66 anni
    Chi ci comanda? Gli usa e israeliani
    Per volere di chi? Per volere degli usa e degli israeliani
    Una guerra sarebbe la loro fine subito ma anche la nostra.
    La felicità di vederli “atterrati” ci costerebbe cara.

  • gattocottero

    COME FUNZIONA LA POLITICA AMERICANA OGGI

    Fonti:

    http://www.cbsnews.com/8301-503544_162-57357085-503544/billionaire-adelson-donates-$5-million-to-help-gingrich-but-does-not-want-publicity/ 

    http://www.bostonglobe.com/news/nation/2012/01/10/casino-mogul-fuels-gingrich-offensive/X4jEYUxngjIXm2waQGuHQP/story.html 

    http://www.haaretz.com/print-edition/news/adelson-gingrich-was-right-about-the-palestinians-1.403776 

    http://www.israelnationalnews.com/News/News.aspx/150515#.TxCZBqVdwkk 

    I “manovratori”, il cosiddetto Money Power o poteri degli interessi finanziari, non operano dietro le quinte di nascosto in segreto. E’ tutto noto, visibile e alla luce del sole.

    Ad esempio fino a due mesi fa nessuno avrebbe scommesso sulla candidatura dell’ex leader al Congresso dei repubblicani all’epoca Clinton, Newt Gingrich, che si era ritirato praticamente dalla politica dieci anni fa perchè aveva un immagine stridente ed ostile che lo rendeva un problema per il partito (era il politico più antipatico e con sondaggi molto negativi). Qualche mese fa uno dei dieci uomini più ricchi d’America, il magnate dei casino di Las Vegas e Macao Sheldon Adelson, ha investito milioni di dollari per rilanciarlo, una delle sue donazioni politiche a Gingrich (c’è un sistema molto complicato in USA per aggirare le restrizioni e finanziarsi un candidato) è stata la maggiore donazione singola mai registrata in America.

    Con i milioni del mega miliardario dei casinò Adelson, Newt Gingrich che fino ad allora non aveva niente, non i volontari, non un manager e staff, nessuna campagna elettorale in piedi, è apparso con tonnellate di pubblicità comprata sulle reti TV e grazie a questa offensiva mediatica è salito di colpo nei sondaggi al secondo-terzo posto.

    E Sheldon Adelson ha spiegato tranquillamente il motivo per spendere tutti questi milioni su Gingrich: vuole un presidente al 100% schierato per Israele, anzi per gli oltranzisti in Israele. Subito infatti Gingrich si è messo a dichiarare che “i palestinesi sono un popolo inventato” e che di conseguenza non ha il diritto ad una nazione, che occorre che l’America attacchi l’Iran al più presto e finanzi da subito anche operazioni di sabotaggio e infiltrazione per rovesciare il suo governo e che appena eletto entro due ore dall’inaugurazione il suo primo atto di Presidente degli Stati Uniti sarà spostare l’ambasciata USA a Gerusalemme da Tel Aviv (per sancire il fatto che appartiene solo a Israele ovviamente). La prima cosa che farà appena insediato!… immagina quanto prioritario sia per il popolo americano di 300 milioni di persone avere che l’ambasciata a Gerusalemme invece che Tel Aviv. Ma dato che notare queste dichiarazioni strampalate e collegarle all’influenza di miliardari di un gruppo etnico è ovviamente “antisemita”, nessuno fiata e si fa finta di non aver sentito niente…

    Oggi negli Stati Uniti un magnate dei casinò si compra di peso un candidato presidenziale, pagandogli l’intera campagna, managers, agenzie di pubblicità e spazi pubblicitari sui media e staff completo e il “suo candidato” in cambio promette che come Presidente degli Stati Uniti farà tutto quello che gli dice Netanhainu, che è un grande amico di Adelson. Questo Adelson però è un cittadino americano che non si comporta come un “americano”, la cosa che gli interessa e che dichiara tranquillo è di utilizzare gli Stati Uniti per fare gli interessi della sua tribù in Medio Oriente. Adelson è particolarmente aggressivo e sfacciato nel comprarsi il candidato e dichiarare cosa vuole in cambio dei suoi soldi, se senti le interviste e dichiarazioni di Gingrich con le associazioni sioniste o ebraiche sono imbarazzanti per come cerca di leccarli e dimostrare che è quell che merita i loro soldi. Altri sono più sottili, ma mica poi tanto: Bill Clinton ad un incontro pubblico organizzato dalla lobby di Israele (AIPAC) per raccogliere fondi elettorali dichiarò anni fa che “…se Israele fosse stato attaccato ….scenderò in trincea con il fucile per difenderlo” (!). Questo da parte di uno che non ha fatto il militare per gli Stati Uniti, è presidente degli USA e non di Israele e questo ultimo paese ha 200 testate nucleari per cui sono gli altri che si devono preoccupare… Ma per per strappare l’applauso (e i soldi) agli eventi organizzati da AIPAC, AJC e il resto della lobby israeliana in America i politici americani fanno a gara a chi promette di bombardare più paesi arabi o a chi tiene la bandiera di Israele in ufficio (come Sarah Palin come governatore dell’Alaska… immagina uno che visita il governatore dell’Alaska e trova che tiene la bandiera di Israele a fianco a quella USA).

    Oggi tutti i candidati e i politici eletti in America sono finanziati e controllati da un piccolo numero di miliardari e anche quando hanno soldi propri, come Mitt Romney, dipendono dai grandi mass media che sono controllati al 90% da sette-otto corporations. Mitt Romney non ha bisogno di soldi perchè è milionario, ma ha bisogno dei media che sono tutti se guardi in mano a gente con gusti simili ad Adelson. Per cui Romney dichiara ogni settimana che gli USA non sostengono abbastanza Israele e promette, ad esempio, che la sua prima visita all’estero come Presidente sarà in Israele. E’ un fenomeno ora diventato così patetico che diversi intellettuali ebrei ne sono imbarazzati, è come quando Netanianhu viene a Washington e lo fanno parlare a sessioni riunite del parlamento e si alzano cinquanta volte in piedi ad applaudirlo, ogni mezzo minuto un applauso come se fosse Fidel Castro all’Avana. Alla fine persino Tom Friedman sul NY Times in dicembre ha fatto un editoriale in cui ha scritto che “…Netanianhu deve sapere che lo applaudono così solo perchè sono comprati dalla lobby israeliana…”

    E’ tutto visibile, palese e allo scoperto se uno vuole leggere le notizie, chiaro che non se ne parla mai in TV in prima serata, ai telegiornali e sulle prime pagine del New York Times o Washington Post. E dato che i “grandi giornali americani” non ne parlano, poi anche il Corriere o Repubblica fedeli e obbedienti glissano sul fatto che che i candidati alla Presidenza degli Stati Uniti vengono letteralmente comprati per piegare la politica estera degli USA a quella di un altro stato in medio oriente (l’articolo di Friedman che era piuttosto clamoroso non è stato neanche ripreso dai media italiani). Ma una volta che noti questo incredibile fenomeno poi si spiegano facilmente le guerre in Kuwait, Iraq, Afganistan, Libia, Yemen e il fatto che gli USA sono sempre in Medio Oriente nonchè l’11 settembre.

    Se un miliardario di origine araba, cinese, russa o tedesca pagasse milioni per creare dal niente un candidato, finanziandogli l’intera campagna elettorale da cima a fondo e dichiarando che vuole qualcuno alla Casa Bianca che sostenga gli interessi dell’Arabia Saudita, della Cina, della Russia o della Germania forse la cosa creerebbe una sensazione. Ma parliamo qui di un gruppo intoccabile per cui queste cose avvengono sotto gli occhi di tutti, ma nessuno ne parla.

  • Highlangher

    E poi se qualcuno dice qualcosa contro questi nazisti zionisti viene bollato come antisemita. Non servono parole. Ci vogliono i fatti.