La Gran Bretagna mira a creare soldati golem

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

di Leonid Savin

geopolitica.ru

 

Di recente, il Ministero della Difesa del Regno Unito, insieme al Ministero della Difesa federale tedesco, ha pubblicato un documento curioso [1]. Intitolato “Human Augmentation – The Dawn of a New Paradigm”, si concentra sulle possibilità di potenziare tecnologicamente le capacità umane per aumentare le funzioni di combattimento dei soldati e non è la prima volta che l’esercito britannico sviluppa un tale concetto. Prima di questo, c’erano la “Joint Concept Note (JCN) 1/18”, “Human-Machine Teaming” e “JCN 2/17, Future of Command and Control”. Il documento in questione è stato preparato nell’ambito del programma tecnologico “Global Strategic Trends: The Future Starts Today e Future Operating Environment 2035” [2] del Ministero della Difesa britannico, lanciato nel 2018.

Anche gli Stati Uniti stanno lavorando su questo problema da molto tempo. L’idea di potenziare le capacità umane per scopi militari è stata discussa in uno studio speciale [3] preparato per l’aeronautica americana nel 1962. La DARPA del Pentagono ha implementato tali programmi [4] per anni ed è diventata la norma per le forze armate statunitensi, nonché le corporazioni e gli scienziati che le servono.

Di solito, parlano di tre tipi correlati di potenziamento (miglioramento): fisico, cognitivo e biologico [5].

Il potenziamento fisico comprende dispositivi protesici e di assistenza, come esoscheletri e sensori che aggiungono funzioni sensoriali. Il successivo è il potenziamento cognitivo, che potrebbe includere interfacce informatiche cerebrali invasive e dispositivi di neurostimolazione che causano direttamente cambiamenti nel cervello (usando impulsi elettrici, magneti e ultrasuoni). Poi, infine, c’è l’aumento biologico, che copre l’editing genetico, i farmaci e nuovi tipi di vaccini.

Le persone, sostiene il documento, dovrebbero essere pensate come “piattaforme” allo stesso modo di veicoli, aerei e navi e queste “piattaforme umane” hanno tre elementi che devono essere sviluppati: fisico, psicologico e sociale.

Il documento congiunto britannico e tedesco definisce il potenziamento umano come “l’applicazione della scienza e delle tecnologie per migliorare temporaneamente o permanentemente le prestazioni umane”. Viene quindi fatta una distinzione tra ottimizzazione umana, che può “migliorare le prestazioni umane fino al limite del potenziale biologico senza aggiungere nuove capacità” e miglioramento umano, che può portare le persone “oltre il limite del potenziale biologico”. Notando che gli occhiali per la visione notturna e i binocoli dovrebbero essere tecnicamente inclusi nella definizione di potenziamento umano, il documento afferma che si concentrerà sulle “implicazioni di nuove scienze e tecnologie che sono più strettamente integrate con il corpo umano”.

Potenziamento umano – L’alba di un Nuovo Paradigma

Vogliamo che i “warfighter”, siano essi specialisti informatici, piloti di droni o soldati di fanteria, siano più forti, più veloci, più intelligenti, più resistenti e più mobili per superare l’ambiente e l’avversario… Poiché la tecnologia è diventata più sofisticata, il nostro pensiero si è concentrato maggiormente sulla macchina piuttosto che sulla persona, ma questo deve cambiare se vogliamo essere efficaci in futuro”, afferma il documento.

Sebbene affermi che “i progressi nell’intelligenza artificiale, nella robotica e nell’autonomia significano che la potenza di elaborazione umana, la velocità di azione e la resistenza vengono rapidamente superate dalle macchine”, riconosce che le macchine “hanno debolezze proprie”. Si presume che le persone abbiano “un vantaggio nelle aree della creatività e del giudizio”, ma il documento sostiene anche che il miglioramento umano è necessario per trarre maggior vantaggio dai progressi in queste aree.

I vincitori delle guerre future non saranno quelli con la tecnologia più avanzata, ma quelli che possono integrare nel modo più efficace le capacità di persone e macchine… Il potenziamento umano rappresenta la parte mancante del puzzle”, affermano gli autori a giustificazione del loro concetto.

Dopo aver delineato le basi dell’ottimizzazione umana, come il sonno, la nutrizione e gli integratori alimentari, il documento passa al concetto di “potenziamento di fascia alta”. Descrive e discute quattro “tecnologie di potenziamento umano fondamentali” che sono cruciali per lo studio di quest’area: ingegneria genetica, bioinformatica, interfacce cerebrali e prodotti farmaceutici. Ma come verrà utilizzato esattamente tutto questo per scopi militari?

Il documento sostiene che lo spiegamento della forza è sempre più messo alla prova dalla proliferazione di armi di precisione a lungo raggio; pertanto, la soluzione consiste nell’utilizzare maggiormente i sistemi senza equipaggio insieme a forze di terra più leggere, più mobili e più versatili. Attraverso le interfacce cerebrali, il personale sarà in grado di “aumentare la potenza di combattimento che può esercitare collegandolo in rete con sistemi autonomi e senza equipaggio”.

Il crescente uso di computer e intelligenza artificiale nella guerra significa anche che “è probabile che il carico cognitivo sul personale aumenti, in particolare per coloro che sono coinvolti nel comando e nel controllo”. Suggerisce che la “bioinformatica” – lo studio e l’analisi di grandi volumi di dati biologici – può aiutare durante la fase di reclutamento “identificando comandanti e personale con la giusta attitudine per ruoli di comando e controllo”.

Il documento afferma: “Le interfacce cerebrali, i prodotti farmaceutici e la terapia genica potrebbero svolgere tutti un ruolo significativo nell’ottimizzazione e nel miglioramento delle capacità di comando e controllo. A breve termine, le interfacce cerebrali non invasive potrebbero migliorare le prestazioni essendo utilizzate per monitorare il carico cognitivo, sviluppare processi migliori e migliorare l’addestramento… A lungo termine, le interfacce cerebrali potrebbero mettere in rete i cervelli all’interno di una sede centrale fornendo un quadro operativo completamente condiviso, migliorando la qualità e la velocità del processo decisionale.”

Ma la sezione più importante – quanto sia etica un’applicazione del genere – è superficiale e piuttosto breve.

Vi si afferma che non si affronteranno le questioni etiche più ampie del potenziamento umano perché “le stesse continuano giustamente ad essere oggetto di un dibattito più ampio”. Ci sono solo argomenti chiari a favore dell’uso militare. In particolare, afferma che “la difesa […], prima di impegnarsi con il potenziamento umano, non può aspettare che l’etica cambi e dobbiamo essere sul pezzo fin dall’inizio per informare il dibattito e capire come si stanno evolvendo le opinioni etiche… [Noi] non possiamo presumere che il potenziamento umano sarà automaticamente efficace o accettato nell’uso previsto, non importa quanti benefici possano essere i suoi effetti. Il potenziamento umano può essere contrastato da elementi della società che non si fidano dell’efficacia e del motivo del potenziamento stesso”.

 

Soldati golem

In effetti, ci sono molte persone nel Regno Unito, in Germania e in altri Paesi che senza dubbio si opporranno a tale “potenziamento”. Ma qui, gli inglesi seguono la loro logica classica, sottolineando che gli sviluppi militari in quest’area non dovrebbero aspettare il consenso pubblico o i dibattiti etici, ma dovrebbero essere “basati sugli interessi nazionali in termini di prosperità, sicurezza e protezione”.

L’imperativo di utilizzare il potenziamento umano potrebbe in definitiva non essere dettato da alcun argomento etico esplicito, ma dall’interesse nazionale. I Paesi potrebbero aver bisogno di sviluppare il potenziamento umano o rischiare di cedere influenza, prosperità e sicurezza a coloro che lo fanno”, afferma il documento.

Inoltre, sostiene che “relazioni con l’industria e il mondo accademico saranno la chiave per comprendere come le tecnologie emergenti di potenziamento umano potrebbero essere riproposte o sviluppate per la difesa”. Gli autori suggeriscono un riesame del rapporto tra le forze armate e i dipartimenti governativi responsabili dell’assistenza sanitaria e sociale e un movimento verso “un rapporto più sofisticato tra il settore pubblico e quello privato”. In altre parole, si giustifica un’alleanza tra tecno-corporazioni, scienziati, governo e militari, mentre il grande pubblico resta in disparte, come se queste questioni non lo riguardassero.

Anticipando l’indignazione della gente, gli autori scrivono: “sfruttare con successo il potenziamento umano richiederà alla Difesa e alla società di affrontare scomodi dilemmi etici e legali. Finora, le organizzazioni della Difesa nelle democrazie liberali hanno adottato un approccio “aspetta e vedi”, scegliendo di lasciare che il dibattito etico e gli sviluppi tecnici si svolgano. Questa posizione passiva cederà slancio ai nostri avversari e farà perdere alla Difesa l’opportunità di migliorare il benessere e l’efficacia delle nostre forze armate”.

In una recensione del documento [6], Chris Cole scrive: “l’argomento, come fa questo rapporto, che siamo deboli e inefficaci di fronte a nemici sofisticati e mortali è tutt’altro che nuovo. È stato usato per secoli per sviluppare e vendere strumenti per aumentare la nostra letalità e raggiungere il fine di proiettare una forza mortale in tutto il mondo. Ma c’è una differenza qualitativa tra equipaggiare un soldato con occhiali per la visione notturna o un fucile ad alta potenza e impiantare un’interfaccia per computer nel cervello di un pilota di droni per aumentare l’elaborazione dei dati… Questo prima di arrivare all’idea di ingegneria genetica somatica per ridurre le soglie del dolore o aumentare la cognizione”.

Se guardiamo al di sotto della superficie, allora l’umanità stessa viene messa in discussione, perché il “potenziamento” viene fatto con il pretesto di eliminare alcuni difetti per diventare più letali e per esercitare meglio la violenza organizzata. Non è questa una strana ragione per “potenziare” le capacità umane? Per non parlare delle religioni tradizionali, che vedono in tale “potenziamento” solo un modo per aumentare il male nel mondo.

[1] https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/986301/Human_Augmentation_SIP_access2.pdf

[2] https://www.gov.uk/government/publications/global-strategic-trends

[3] https://web.archive.org/web/20110504035147/http://www.dougengelbart.org/pubs/augment-3906.html

[4] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK207983/

[5] https://medium.com/prime-movers-lab/what-is-human-augmentation-eb2d2bc872cb

[6] https://www.sott.net/article/454313-UKs-Ministry-of-Defense-report-urges-embrace-of-human-augmentation-to-fully-exploit-drones-and-AI-for-warfighting

*****************************************************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/britain-aiming-create-golem-soldiers

Traduzione di Costantino Ceoldo

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
23 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
23
0
È il momento di condividere le tue opinionix