Home / ComeDonChisciotte / LA FUTURA CARTA DI IDENTIT BIOMETRICA

LA FUTURA CARTA DI IDENTIT BIOMETRICA

TRA SCHEDATURA GENERALIZZATA E LUCROSI AFFARI

DI AGNÈS ROUSSEAUX
Basta!

Il 13 dicembre è stato dibattuto

un progetto di introduzione di una nuova carta di identità. Sarà biometrica

e fornita di chip elettronici che potrebbero consentire di tracciare

il comportamento di ogni cittadino. La creazione di un schedario centralizzato,

con l’incrocio di tutti i dati che aprono la possibilità al riconoscimento

facciale, è sostenuta anche dal Ministro degli Interni, Claude Guéant.

Un attentato senza precedenti alla libertà pubblica e un lucroso mercato

per le imprese del settore.

Una carta di identità

non può essere un mezzo di pagamento! Questa commistione di generi

è inammissibile“: Jean-Claude Vitran, membro della Lega dei

Diritti dell’Uomo (LDH), si è fortemente opposto al progetto di nuova

carta di identità biometrica: “Ci batteremo fino alla fine, con

un ricorso al Consiglio di Stato e alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.”
Il 13 dicembre l’Assemblea Nazionale

esaminerà per una seconda volta la proposta di legge che riguarda

la creazione di una nuova carta d’identità biometrica, che verrà

rilasciata in Francia a partire dal 2012. Ma perché così tanta fretta?

Questa carta conterrà un chip “regale”, coi dati di identità

e quelli biometrici (stato civile, l’indirizzo, taglia e colore degli

occhi, impronte digitali, fotografia). E un chip opzionale, “commerciale“,

che permetterà di realizzare una firma elettronica su Internet grazie

a un piccolo conto collegato a un computer.

Pedinare i cittadini?

È una possibilità che presenta numerosi

rischi, ha sottolineato la Commissione Nazionale dell’Informatica e

delle Libertà (CNIL) [1]. Queste funzioni elettroniche, che si affidano

a “garanzie particolari“, se venissero mal utilizzate

potrebbero consentire di registrare il comportamento dei cittadini,

quello che acquistano, dove viaggiano. Con la possibilità di sfruttare

le notizie delle transazioni private che sono state effettuate.

Un rischio fatto presente dal socialista

Serge Blisko quando la legge fu presentata all’Assemblea nazionale nel

luglio scorso: “Mettere i due chip, quello

‘regale’ e quello ‘commerciale’, sulla carta d’identità

comporta un pericolo ancora più grave: quello di rendere possibile

una tracciatura degli individui, ad esempio con i dati del pass Navigo.

La RATP può seguire tutti gli spostamenti di un viaggiatore che ha

questo titolo di trasporto e può comunicare queste notizie alla polizia

o ad un giudice istruttore dietro mandato giudiziario.

Il deputato teme un tracciamento simile

anche su Internet, dato che questa secondo chip verrebbe gestito

dal Ministero dell’Interno. “Avete bisogno, come Ministro degli

Interni, di conoscere le abitudini di acquisto e di consumo o il via

vai di milioni di cittadini? Siamo arrivati nel mondo descritto da Orwell

in ‘1984’”, denuncia Serge Blisko. La risposta di Christian Vanneste, deputato dell’UMP,:

Non ha niente a che vedere con Orwell! L’informatica a quel

tempo non esisteva!

Una schedatura generalizzata

“sproporzionata”

Per fortuna che l’informatica ci apre

nuove prospettive. Quella di un schedatura biometrica generalizzata

e centralizzata dei 45 milioni di francesi che hanno più di 15 anni.

Obiettivo fissato dalla nuova carta di identità biometrica: lottare

contro l’usurpazione di identità. Il problema riguarderebbe ogni anno

13.900 persone secondo l’Osservatorio Nazionale della Delinquenza e

delle Risposta Penali. Si è ben lontani dai 200.000 casi contro cui

lo stato si schiera per introdurre questo dispositivo, come ricorda

il rapporto presentato al Senato. La nuova carta biometrica

permetterà quindi di aggiornare uno “schedario delle persone

oneste“, usando le parole di François

Pillet, senatore dell’UMP

e relatore della proposta di legge. I dati verranno raggruppati in una

base centralizzata comune a quella dei passaporti biometrici, TES, da

Titoli Elettronici Securizzati. “L’adeguatezza della conservazione

centralizzata dei dati biometrici nei riguardi dell’obbiettivo legittimo

della lotta contro la frode documentale non

è stata ancora dimostrata”, afferma il CNIL.

All’epoca della prima stesura della

proposta di legge del 2010, il Senato aveva sostenuto l’esistenza

di un “legame debole” tra dati biometrici e una

schedatura centralizzata. Questo “legame debole” permetterebbe

di verificare, a partire dai dati biometrici, che una persona sia censita

nello schedario e che la foto o le impronte digitali corrispondono,

senza però fornire l’identità di questa persona con tutti i dati connessi

[2]. Ciò consentirebbe di identificare il 99,9%

dei casi di furti di identità, senza dover attentare alla vita privata

dei cittadini. Invece, un “legame forte” consentirebbe

l’identificazione di una persona a partire dalle sue sole impronte digitali

grazie alla consultazione dello schedario. Una possibilità che apre

la strada a una deriva pericolosa.

Alcune lezioni fornite dalla

storia

“Il collegamento debole non

permette di identificare persone colpite da amnesia, le vittime degli

attentati, i bambini”, ribatte Claude Guéant che ha difeso

con successo davanti all’Assemblea nazionale la necessità di un “collegamento

forte”. Un’opzione criticata dal CNIL: gli archivi devono avere

una sola finalità, per evitare ogni abuso. Una banca dati delle carte

di identità non può servire per l’uso poliziesco. L’ipotesi di Claude

Guéant è ben lontana dall’essere unanime, anche all’interno dell’UMP.

Per il senatore del Cher Francesco Pillet (UMP), un simile schedario

centralizzata “potrebbe costituire, se non

è circondato dalle garanzie richieste, una bomba a scoppio ritardato

per le libertà pubbliche“.

“I democratici che hanno a

cuore i diritti e che proteggono le libertà

pubbliche non possono lasciarsi alle spalle un archivio che, nel futuro

e nell’ambito di una storia che non vivremo, si può

trasformare in uno strumento pericoloso e liberticida, avverte

il parlamentare: “Cosa potrebbero dirci le vittime guardandoci

negli occhi? […] Signor Ministro, non voglio che da questo schedario

si possa tirar fuori un nome, che sia il vostro, il mio o il nostro.

Verso un sistema di riconoscimento

facciale?

L’emendamento di Claude Guéant è

stato rigettato con forza dal Senato, 340 voci contro 4), un schiaffo

per il ministro degli Interni. Se questo profondo disaccordo tra deputati

(che hanno votato per il “collegamento forte”) e i senatori

persiste, la scelta verrà presa definitivamente nelle prossime settimane

dalla commissione

mista paritaria. “Quale

che sia l’opzione che verrà decisa, uno schedario centralizzato di

questo tipo è inammissibile e pericoloso”, ricorda Jean-Claude

Vitran. “Anche nel caso di un

‘collegamento debole’, bisogna essere davvero ingenui per credere

che con una tale banca dati al ministero dell’Interno, non si vada ogni

tanto ad autorizzare qualcuno per darci un’occhiata“.

Il Senato si è opposto anche

all’utilizzo delle immagini digitali del viso, nella cornice di un dispositivo

di riconoscimento facciale. Ciò aprirebbe la possibilità

di identificare le persone nella pubblica via, nel corso di una manifestazione,

nei trasporti urbani, a partire dalle telecamere di sorveglianza confrontando

i dati dello schedario. Di fronte all’inquietudine dei deputati, Claude Guéant pianta il chiodo:

Il riconoscimento facciale, che al momento non offre tutte

le garanzie di affidabilità che sono necessarie,

è una tecnologia che si evolve molto rapidamente: si può

pensare dunque che molto presto sarà

tanto affidabile quanto il riconoscimento digitale.

Piraterie possibili

Altro argomento controverso: la carta

di identità sarà dotata di microchip RFID [3],

che sono al momento utilizzati nei passaporti biometrici. Sono dei microchip

che possono essere lette dai lettori wireless, come il Navigo

della RATP. Problema, rivela Jean-Claude Vitran, del LDH: “Non

è necessario che ci sia un lettore di microchip RFID per captare i

dati della carta senza contatto.” Il pass Navigo, ad

esempio, può essere letto a quaranta centimetri.

“Con la nuova generazioni di microchip

RFID, si possono leggere i dati ad alcune decine di metri di distanza.

È possibile riuscire a produrre una carta falsa con i dati raccolti.»

La nuova carta d’identità non riuscirà quindi a fermare i furti

di identità. ”Con 90 euro, si può

fabbricare un lettore”, spiega il militante della LDH: “Negli

Stati Uniti qualcuno è riuscito a clonare i microchip

negli aeroporti, per dimostrare all’amministrazione i difetti del

sistema RFID.”

La schedatura, uno sport nazionale

A tutte queste critiche si aggiunge

un sospetto sulla finalità di questa iniziativa. Per Jean-Claude

Vitran, non ci sono dubbi: “Non

è tanto una questione che riguarda la lotta contro i furti di identità,

quanto la volontà di creare una vetrina per l’industria francese.”

I leader mondiali delle tecnologie delle carte con microchip

e dei documenti di identità biometrici sono francesi: Morpho, ex Sagem

Sécurité, filiale del gruppo Safran, che produce il passaporto biometrico

francese, rivendica “130 casi di soluzioni per l’identità

biometrica, in 70 paesi diversi“.

Tra queste imprese troviamo anche Gemalto,

Oberthur, o ancora Thales che ha consegnato 250 milioni di documenti

securizzati in 25 paesi, particolarmente in Marocco, Uzbekistan, Etiopia

e Regno Unito. Nel 2010 Morpho si è lanciato in un progetto allargato: raccogliere i dati biometrici di 1,2

miliardi di indiani per un archivio che incrocia le impronte digitali

con il tracciato dell’iris.

“Come si può ignorare […] che il passaggio alla biometrica sia

una formidabile opportunità di creare un mercato remunerativo per quelle

imprese che sono specializzate in questo settore?”,

si chiede la senatrice comunista Éliane Assassi, nel corso di una seduta

al Senato. “Dietro a questa legge c’è un’enorme campagna di

lobby da parte del raggruppamento professionale delle industrie di componenti

e sistemi elettronici (Gixel), e in particolare da parte di Morpho”, ci spiega Jean-Marc Manach, giornalista di Owni.fr.

La Francia va controcorrente

Purtroppo i tempi sono duri: il Regno

Unito, che nel 2008 ha firmato con Thalès un contratto per la creazione di carte di identità biometriche

per un totale di 23 milioni di euro, ha cambiato idea. Nel 2010, il nuovo governo britannico ha abbandonato

il progetto di carta di identità biometrica e di schedatura sistematica.

Il governo olandese ha annunciato di voler rinunciare all’archiviazione delle

impronte digitali e distruggere gli schedari esistenti.

In Israele un archivio nazionale contenente i dati personali di nove milioni

di persone ha fatto per due anni il giro di Internet, dopo essere stato

rubato da un impiegato del governo. In Algeria la realizzazione del passaporto biometrico

suscita numerosi interrogativi, soprattutto sulla pertinenza dell’aver

affidato la realizzazione di un archivio biometrico – quindi altamente

sensibile – a un’impresa straniera, Oberthur. In India risulta che ci siano alcune imprese, tra quelle

che raccolgono i dati, che venderebbero queste informazioni a fini di

marketing mirato. Altre cattive notizie penalizzare il settore.

La paranoia del controllo sociale

In questo contesto, il mercato francese

delle carte biometriche rappresenterebbe una manna dal cielo. La Francia

“ha oggi un ritardo considerevole. Le imprese francesi sono in

punta ma non vendono niente in Francia, ciò che li penalizza all’esportazione

rispetto ai concorrenti americani”, si lamenta Jean-René Lecerf,

senatore dell’UMP che ha depositato la proposta di legge al Senato.

Di fronte a questi rovesci, Claude

Guéant vuole fare probabilmente un gesto per le imprese del settore.

E impegnare la Francia in un processo di schedatura biometrica generalizzato.

Un’altra schedatura, quando in Francia il numero degli archivi della

polizia è già raddoppiato negli ultimi cinque anni. Un Libro Bianco sulla Pubblica

Sicurezza [4] viene del

resto di essere rimesso a Claude Guéant. Preconizza la creazione “di un terzo grande archivio

basato sulle immagini del volto” con un sempre maggior ricorso

ai software di riconoscimento automatizzato, per poter accelerare la

soluzione delle “inchieste giudiziarie che dispongono di indizi

che sono bloccati dalla protezione per i dati video.” Un nuovo

schedario da incrociare probabilmente con quello di identità biometrica:

Ci danno di paranoici”, conclude Jean-Claude Vitran: “Ma

non siamo certo in una democrazia addormentata. Uno strumento simile

otterrebbe un controllo totale della popolazione.

È la volontà di schedare il mondo intero ad essere una vera paranoia.”

Note:

[1] Leggere le osservazioni del CNIL del 25 ottobre

del 2011.

[2] “Le impronte dei titolari della carta d’identità

sono stoccate in un grande archivio informatico e contrassegnate da

un numero specifico, evitando un legame diretto tra identità e impronte.

Nel caso di una verifica di identità, i dati ci indicano solamente

se questa identità corrisponde a un’impronta dell’archivio, senza

specificarla”, attesta il Senato.

[3] Radio Frequency IDentification: una

tecnologia che permette di memorizzare e di recuperare dati a distanza,

senza contatto, utilizzando delle “radio-etichette” incollate o

incorporate negli oggetti o nei prodotti.

[4] Scritto da un comitato di controllo presieduto

dal Prefetto della polizia di Parigi, Michel Gaudin, e dal presidente

dell’Osservatorio Nazionale della Delinquenza e delle Risposte Penali

(ONDRP), Alain Bauer.

**********************************************

Fonte: La future carte d’identité biométrique : entre fichage généralisé et business juteux

12.12.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SUPERVICE

Pubblicato da supervice

  • okinawa

    Anche in Italia nel decreto milleproroghe :

    CARTA IDENTITÀ BIOMETRICA – Prorogato al 31 dicembre 2012 il termine relativo all’apposizione delle impronte digitali sulle carte di identità. “Le carte di identità rilasciate a partire dal primo gennaio 2011 – si legge nel documento – devono essere munite della fotografia e delle impronte digitali della persona a cui si riferiscono. L’inserimento delle impronte digitali sulla carta d’identica cartacea comporta costi di adeguamento, sia per i comuni che per i cittadini, in quanto il raggiungimento di adeguati standard di sicurezza richiederebbe l’adozione della tecnica della digitalizzazione, consistente nell’inserimento del chip, ovvero di un apposito supporto elettronico, sul documento stesso. L’individuazione, pertanto, di adeguati requisiti di sicurezza, indispensabili anche al fine di evitare la falsificazione delle carte d’identità rilasciate in formato cartaceo, rende necessario prorogare il termine al 31 dicembre 2012”.

  • greiskelly

    intanto mi basta vedere il tappezzamento di videosorveglianza nei nostri comuni: nei comuni più tranquilli d’italia sono presenti sempre di più di questi apparecchi.
    come mai?