Home / ComeDonChisciotte / LA DEFLAZIONE STA GIA' COLPENDO DURO

LA DEFLAZIONE STA GIA' COLPENDO DURO

DAL GEORGE WASHINGTON’S BLOG

Coloro che ancora non credono che siamo in deflazione dovrebbero leggere quanto segue:

– Bloomberg scrive: “In seguito a un rapporto del governo di oggi, gli economisti hanno detto che il costo della vita negli Usa è caduto a novembre probabilmente più di quanto non fosse mai successo prima, dato che il valore del petrolio è crollato e i negozianti hanno tagliato i prezzi per dare una spinta alle vendite prima delle vacanze. I prezzi al consumo sono probabilmente caduti dell’1,3% lo scorso mese, la maggiore caduta da quando sono iniziate le statistiche nel 1947…”

– La famosa società di consulenza finanziaria Agora Financial dice: “esclusi i riaggiustamenti l’indice dei prezzi al consumo è sceso dell’1,9%, la più grande diminuzione dal 1932“.

– I prezzi di produzione Usa sono scesi del 2,2% novembre, molto più di quanto previsto.

– Barclays riferisce che i prezzi base dei metalli sono scesi almeno altrettanto velocemente che durante la Grande Depressione. – La velocità del denaro sta rallentando, nonostante le massicce iniezioni di contante da parte della Fed:


[Due indicatori della “velocità del denaro”: cioè la frequenza media con cui un’unità di denaro è spesa in una unità di tempo (da wikipedia)]

Anche se la Fed ha iniettato migliaia di miliardi nell’economia le banche stanno accumulando piuttosto che prestando, perciò quel denaro non ha rallentato la distruzione del credito e della ricchezza.

La deflazione ha già colpito duro.

Naturalmente è probabile che dopo verrà una iperinflazione. Vedete anche qui.

I grafici provengono da Fed, GaveKal e John Mauldin, e sono conformi a quelli riportati qui.

Titolo originale: “Deflation Hits Hard”

Fonte: http://georgewashington2.blogspot.com
Link
16.12.2008

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

3 Commenti

  1. La deflazione non è reale, questa fase è fisiologica, in quanto i prezzi
    erano saliti tanto, è la stessa cosa che avviene prima dello tsunami, infatti
    prima l’acqua del mare si ritira, “DEFLAZIONE”, dopo un’onda anomala
    “INFLAZIONE” si schianta nella ter

    La deflazione non è reale, questa fase è fisiologica, in
    quanto i prezzi erano saliti tanto, è la stessa cosa che avviene prima dello
    tsunami, infatti prima l’acqua del mare si ritira, “DEFLAZIONE”, dopo
    un’onda anomala “INFLAZIONE” si schianta nella terra ferma
    “MERCATO” e i danni dell’onda anomala causata dallo Tsunami  saranno
    molto peggiori della DEFLAZIONE.

     

    Questa deflazione non è reale, perchè i prezzi erano troppo
    alti, tutti i prezzi del sistema ed in tutto il mondo erano oltre la realtà
    infatti  Il PIL mondiale genera 55.000 miliardi di dollari, i derivati hanno
    creato 700.000 miliardi di dollari, abbiamo circa 640.000 miliardi di dollari
    fantasma, infatti questo valore è dentro i prezzi di ogni prodotto e servizio,
    perciò questa DEFLAZIONE è il mare che si ritira, cioè i prezzi che sgonfiano
    per colpa della scossa sismica nei fondali dell’oceano della finanza creativa o
    dell’oceano dei 650.000 miliardi di $, ma tra poco l’onda dello Tsunami con
    violenza inflattiva ma relativa, non assoluta spazzerà con armonia tutto quello
    che la speculazione ha creato.

    Dico INFLAZIONE relativa e non assoluta, dopo capiremo
    perché……

    Non dovete essere esposti in azioni cioè non state a vicino
    la spiaggia, ma iniziate a camminare verso la montagna, specialmente adesso che
    la DEFLAZIONE o l’acqua del mare si ritira in modo anomalo, ma diciamo grazie
    alla natura che sempre ci avvisa prima di spazzare tutto con violenza armonica.

  2. Difatti per noi la grande “deflazione” e’ cominciata ufficialmente e pure giuridicamente e politicamente, facendo partire la colpa da sinistra passando per il centro e a finire a destra, con l’ evento dell’ euro, la dimezzazione del valore lira-euro, che non e’ stata controllata da nessuno, e volutamente i nostri politici e i nostri governi, hanno voluto e hanno attuato sugli italiani, prima di tutto e poi sul resto.

    Prima ancora di dare dei ladri e incapaci agli altri (usa), e le loro colpe se le tengano e le diamo pure, tanto non serve a giochi fatti, guardiamoci noi, che abbiamo rubato in casa al nostri connazionali, prima come istituzioni europee e italiane, poi, come comunita’ in se’, non avendo ne protestato, e ne attuato una forte pressione affinche’ cio’ non avvenisse. Anzi, e’ stato un modo per la gente del commercio, fra un aggravio fiscale e una mezza frode acconsentita, di aumentare i prezzi, a scapito di tutti coloro che con i soldi ci campano e non ci speculano.

    Se volete vedere dei rosa-croce manipolatori delle folle, partendo dallo stato italiano, sanno che puoi mangiare pane e cipolla, e che costa 2 euro al giorno, e i conti te li fanno fino all’ osso, basta che sopravvivi e alimenti l’ andi rivieni dei movimenti della valuta. Non c’e’ nessuno da tirar fuori.

  3. la quotazione di petrolio, metalli, granaglie e materie prime e’ crollata e quindi non era vero che l’aumento dei prezzi era dovuto all’aumento della domanda dovuta ai consumi di 2 miliardi di cindiani e alla scarsa offerta dovuta al picco del petrolio e al bioetanolo.

    ora e’ evidente che si e’ trattato di pura e semplice speculazione: figuriamoci un po’!!