Home / ComeDonChisciotte / LA BALLA DEL MERCATO CHE SI AUTO-REGOLA

LA BALLA DEL MERCATO CHE SI AUTO-REGOLA

DI MATT VIDAL
Counterpunch

“La crisi è inerente all’economia di mercato capitalista”

Le cauzioni e il sistema bancario-ombra

[Il mese scorso] la Federal Reserve ha incrementato gli attuali sforzi per porre termine alla fiorente crisi finanziaria. La Fed ha prima escogitato una iniezione di denaro a beneficio della banca di investimenti Bear Stearns in fallimento, un gigante di 86 anni di Wall Street, e subito dopo ha facilitato l’acquisto della Bear da parte della JP Morgan Chase.

Il prestito di denaro da parte della Fed direttamente ad una banca di investimenti, una mossa senza precedenti, segue le orme dell’approvazione da parte del governo Usa lo scorso mese di un pacchetto di stimolo economico da $ 170 miliardi. Ancora una volta lo Stato si muove in soccorso del cosiddetto libero mercato.

L’economia di mercato viene celebrata tanto per la sua ipotetica capacità naturale di autoregolarsi tanto quanto per la sua associazione teorica con l’efficienza, l’innovazione e la libertà. Ma appena vengono rimossi i paraocchi ideologici della teoria del libero mercato la storia reale dei mercati mostra coerentemente che l’economia capitalista di mercato, incline alla crisi, è tutt’altro che capace di autoregolarsi ed è, in tutti i casi di successo, profondamente dipendente da un esteso ed attivo intervento dello Stato.
Si potrebbe guardare a ruolo dello Stato nello stabilire un mercato sostenibile del lavoro (tramite i Factory Acts ) e nell’assicurare il commercio internazionale nell’Inghilterra del diciannovesimo secolo; nel creare un sistema monetario internazionale stabile all’inizio del ventesimo secolo, compresa la creazione della Federal Reserve Usa, del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale; o nello sviluppare attivamente le vincenti economie esportatrici delle “tigri dell’est asiatico” e della Cina alla fine del ventesimo secolo. Ma l’attuale crisi fornisce un caso di studio sulla fragilità e sulla estrema dipendenza dallo Stato del “libero” mercato.

I guai della Bear, la prima banca di Wall Street a fallire, sono iniziati la scorsa estate quando due dei suoi hedge funds specializzati nel mercato dei mutui subprime sono crollati. La potente Bear, detentrice di debiti 30 volte di più che di capitale, è stata alla fine messa al tappeto da una corsa vecchio stile agli sportelli.

Ad oggi, oltre ad un elevato numero di consumatori attirati da loschi mutui, la debacle dei mutui subprime ha messo fuori combattimento titani come la Countrywide e la Bear Stearns, il fondo speculativo Carlyle Capital, insieme ad altre aziende di prestito più piccole.

L’attuale crisi, però, è qualcosa di più che prestiti tramite mutui dubbi, scommesse sbagliate, e perdita di fiducia nel mercato. Dietro alla crisi dei mutui vi è un sistema regolatore disattento e lo sviluppo di un sistema bancario ombra–complessi strumenti finanziari creati dalla comunità degli investimenti e commerciati privatamente al di fuori della struttura regolatrice esistente.

In termini più ampi, le bolle che si stanno attualmente sgonfiando nel mercato immobiliare e in quello del credito provengono in ultima analisi dalla speculazione, alimentata in maniera significativa da una politica monetaria approssimativa da parte della Fed sin dalla fine degli anni 90. L’attuale crisi di liquidità è iniziata nel momento in cui le bolle sono infine iniziate a scoppiare, una situazione peggiorata dal fatto che i protagonisti chiave sono banche sovraquotate.

La crisi è inerente all’economia di mercato capitalista

Le fondamenta sottostanti a tutti questi problemi macroeconomici si trovano nella economia reale–la produzione di beni e servizi. I problemi nell’economia reale, al contrario di quelli nell’economia cartacea del settore finanziario, sono gli stessi di quando Marx ha per la prima volta articolato una teoria su base storica dell’economia capitalista (mentre altri economisti continuavano a teorizzare le virtù dei mercati completamente liberi); di fatto la contraddizione tra produzione socializzata e appropriazione privata e le tendenze generate dall’anarchia del mercato.

L’anarchia dei mercati, popolati da individui alla ricerca del profitto e imprese che competono all’ultimo sangue, genera rapidamente forti pressioni su agenzie regolatrici quali le banche centrali (come è la Fed). Le banche centrali e altri agenti regolatori possono solo tentare di mitigare le oscillazioni del mercato ed evitare gli effetti peggiori dovuti alle tendenze dell’anarchia di mercato, prevenire cioè episodi quali la Grande Depressione che sono l’esito naturale di mercati non regolamentati: la speculazione porta a bolle speculative e infine alla corsa agli sportelli.

Ad un livello ancora più fondamentale ci sono i problemi risultanti dalla contraddizione tra produzione socializzata e appropriazione privata. Sebbene la produttività delle aziende americane sia una funzione della capacità lavorativa coordinata dei lavoratori, il profitto viene privatamente espropriato dai proprietari e dalle loro organizzazioni.

L’appropriazione privata ha generato livelli estremi di diseguaglianza nei salari; la frazione del lavoro manuale nei guadagni in produttività negli Usa è andata declinando negli ultimi trent’anni, e la retribuzione è di nuovo completamente desincronizzata dai livelli di sforzo e di abilità quanto lo era all’inizio del ventesimo secolo.

La concentrazione della ricchezza nelle mani di una piccola percentuale della popolazione, che genera seri problemi per il potere di acquisto dei normali lavoratori, è stata provata essere una causa fondamentale degli sbilanciamenti economici che hanno portato al crollo del mercato azionario nel 1929.

Più in generale, il problema di far combaciare domanda e offerta, o nello specifico assicurare che un alto livello di domanda vada incontro alle capacità dell’offerta, è un problema duraturo delle economie capitaliste. Fu temporaneamente affrontato dalle politiche Keynesiane di gestione della domanda nei decenni tra la seconda guerra mondiale e i primi anni 70. Da allora la soluzione istituzionale al problema di far incontrare domanda e offerta è stata una economia funzionante sulla spesa di debiti, che includono il deficit commerciale, banche sopravvalutate e consumatori che spendono su crediti finanziati da una combinazione di proprietà e bolle immobiliari.

Queste contraddizioni e problemi nell’economia reale sono intimamente collegati all’attuale crisi. Secondo Stephen S. Roach di Morgan Stanley Asia, “ negli ultimi sei anni i consumatori a basso reddito hanno compensato i deboli incrementi nelle loro buste paga estraendo capitale dalla bolla immobiliare, prendendo prestiti a tasso ribassato che si poggiavano sulla bolla del credito.”

La politica dietro all’economia

Sebbene le crisi siano inerenti al capitalismo, l’attuale crisi, che affonda le sue radici in parte nel sistema bancario ombra, è un esito naturale delle politiche neoliberiste. Il liberismo classico, la dottrina politica della libertà individuale e del governo limitato, è stato l’ordine politico regnante sino a che un mercato non regolamentato implose negli Usa alla fine degli anni 20, dando inizio a una forte depressione mondiale.

Da queste rovine emersero tanto il New Deal che il consenso Keynesiano, che portarono alla nozione condivisa che lo Stato deve giocare un ruolo fondamentale nell’economia: stabilendo una rete di salvataggio e gestendo attivamente la macroeconomia.

Ma mentre i tassi di profitto delle aziende vennero schiacciati e la competizione internazionale si intensificò all’inizio degli anni 70, le condizioni erano mature per un ritorno politico di sostenitori del libero mercato.

Così nacque il neoliberismo, il progetto politico post-Keynesiano di riaffermare–come politica statale ufficiale–la dottrina che il libero commercio e la deregolamentazione sono le vie migliori per assicurare efficienza economica, crescita economica e libertà individuale.

Lontano dall’essere un mercato libero e che si autoregola l’economia neoliberista di oggi è fortemente organizzata dallo Stato e da una varietà di istituzioni, quasi tutte strutturate esplicitamente negli interessi degli investitori contro quelli delle famiglie lavoratrici. La cosiddetta deregolamentazione andrebbe più giustamente chiamata regolamentazione neoliberista.

Lo stesso sistema che sta generando l’attuale crisi finanziaria, e che ha generato la crisi manifatturiera in cui sono stati persi 3,7 milioni di posti di lavoro negli scorsi sette anni, non è affatto il vecchio libero mercato. Piuttosto è capitalismo neoliberista che, nel corso di trent’anni, ha anche generato una crescente diseguaglianza e un’instabilità del mercato del lavoro.

Un ambiente decisionale più sano inizierebbe dal rigettare il dogma dei mercati che si autoregolano, in modo che le istituzioni regolatrici possano essere fortificate e l’investimento pubblico drammaticamente aumentato. Lo Stato dovrebbe anche investire in infrastrutture estremamente necessarie e potrebbe sviluppare una politica industriale orientata all’esportazione per aiutare a bilanciare l’economia guidata dal debito.

Infine, per affrontare gli attuali problemi economici–crisi, scuole e infrastrutture con pochi finanziamenti, diseguaglianza, povertà, ecc.– dobbiamo rigettare l’intera ideologia del libero mercato. La libertà è qualcosa di più che la scelta tra dozzine di tipi di televisioni. L’efficienza è importante ma accorti investimenti e interventi statali possono aumentare l’efficienza e c’è un ampio spazio per compromessi potenzialmente soddisfacenti tra gli estremi dell’ipercapitalismo in stile americano e dell’economia pianificata in stile sovietico.

Matt Vidal è Postdoctoral Fellow presso lo “UCLA Institute for Research on Labor and Employment”. Può essere contattato all’indirizzo [email protected].

Titolo originale: “So Much for the Self-Regulating Market”

Fonte: http://www.counterpunch.org
Link
26.03.2008

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

4 Commenti

  1. L’articolo è la dimostrazione scientifica che il libero mercato purtroppo non non viene capito. O meglio confuso.

    Magari inizi con la lettura della scuola economica austriaca. Dopo con alcuni articoli o libri sulla decrescita.

    il libero mercato in Italia ad esempio non lo abbiamo mai vissuto.

    ma il discorso è lungo. Se vuole affrontarlo sono a disposizione.

    Un caro saluto

  2. Citando Federico Caffè:

    “Il canone del laissez faire, ben lungi dall’essere un principio scientifico universale e immanente, non è che una massima pratica e, come tale, relativa e contingente”.

    « Poiché il mercato è una creazione umana, l’intervento pubblico ne è una componente necessaria e non un elemento di per sé distorsivo e vessatorio. Non si può non prendere atto di un recente riflusso neoliberista, ma è difficile individuarvi un apporto intellettuale innovatore. »

    « …i limiti intrinseci all’operare dell’economia di mercato, anche nell’ipotesi eroica che essa funzioni in condizioni perfettamente concorrenziali. È molto frequente nelle discussioni correnti rilevare un’insistenza metodica sui vantaggi operativi del sistema mercato, e magari su tutto ciò che ne intralci lo “spontaneo” meccanismo, senza alcuna contestuale avvertenza sui connaturali difetti del meccanismo stesso. »

    A parte questo sarebbe da notare che tutte le regolamentazioni sul copyright e sul brevetto sono fatte per escludere il mercato: siamo costretti a pagare il sw a Microsoft anche quando non vorremmo, paghiamo le medicine a prezzi altissimi finchè il brevetto non sta per scadere, allorchè si scopre che tale medicina è dannosa ed è stata sostituita da una nuova.

    Quasi tutto quello che ci raccontano sul mercato andrebbe inserito nella categoria della letteratura fantastica. Del resto il concetto di “libero mercato” è un ossimoro, in assenza di regolamentazioni si ha il monopolio, non il mercato.

  3. Certo che ormai cominciamo a tendere verso l’assurdo. Scriviamo cose senza nemmeno capirle. Tipo:

    Il prestito di denaro da parte della Fed direttamente ad una banca di investimenti, una mossa senza precedenti, segue le orme dell’approvazione da parte del governo Usa lo scorso mese di un pacchetto di stimolo economico da $ 170 miliardi. Ancora una volta lo Stato si muove in soccorso del cosiddetto libero mercato.

    E fin qui ci siamo: il “cosiddetto” libero mercato non lo è per niente, perché è controllato e diretto dallo Stato. Però poi si prosegue:

    L’economia di mercato viene celebrata tanto per la sua ipotetica capacità naturale di autoregolarsi tanto quanto per la sua associazione teorica con l’efficienza, l’innovazione e la libertà.

    L’economia di mercato davvero libera non viene celebrata, viene solo preferita ad una economia consegnata in mano ai governanti, ai banchieri ed alle lobby varie e assortite che vivono sul lavoro di milioni di poveri disgraziati, cioè all’attuale economia in cui viviamo.

    Ma appena vengono rimossi i paraocchi ideologici della teoria del libero mercato la storia reale dei mercati mostra coerentemente che l’economia capitalista di mercato, incline alla crisi, è tutt’altro che capace di autoregolarsi ed è, in tutti i casi di successo, profondamente dipendente da un esteso ed attivo intervento dello Stato.

    I paraocchi sono ben altri: e sono quelli che fanno gridare contro il libero mercato quando “libero” non è, visto che campa di sussidi statali ed iniezioni di liquidità ogni tre per due, tutte pagate con i soldi dei poveracci che non arrivano a fine mese.

    Le banche centrali e altri agenti regolatori possono solo tentare di mitigare le oscillazioni del mercato ed evitare gli effetti peggiori dovuti alle tendenze dell’anarchia di mercato, prevenire cioè episodi quali la Grande Depressione che sono l’esito naturale di mercati non regolamentati: la speculazione porta a bolle speculative e infine alla corsa agli sportelli.

    Questa è una sciocchezza sesquipedale. Le crisi sono GENERATE dalle banche, e sono generate dalla possibilità data dagli Stati di truffare la popolazione tramite la riserva frazionaria.

    Va bene che siamo su donchisciotte.org, ma cerchiamo di non seguire troppi mulini a vento…

  4. “I paraocchi sono ben altri: e sono quelli che fanno gridare contro il libero mercato quando “libero” non è, visto che campa di sussidi statali ed iniezioni di liquidità ogni tre per due, tutte pagate con i soldi dei poveracci che non arrivano a fine mese.”

    Prima di andare a dormire ripetersi dieci volte la frase tra virgolette.

    Scoprirete che il libero mercato o liberismo etico non è MAI stato vissuto.

    Per iniziare almeno a capire mi permetto di consigliare:”La libertà dei libertari” (Rothbard); “Lo Stato falsario” (Rothbard scaricabile da internet); “Etica della libertà” (Rothbard); “Individualismo e filosofia nelle scienze sociali” (Rothabard); “Il diritto dei proprietari. Una concezione liberale della giustizia” (Rothbard; La Page); “La denazionalizzazione della moneta” (hayek); “La società libera” (Hayek, anche se è molto più importante la postfazione di Sergio Ricossa); “Individualismo: quello vero e quello falso” (Hayek); “Potere o legge economica” (Bohm Bawerk). Menger non mi piace nonostante sia stato il fondatore moderno della “scuola economica austriaca”. Comunque per chi fosse interessato “Principi fondamentali di economia” (Menger). Human Action di Mises è un malloppo che è riassunto in modo magistrale in non più di 100 pagine da Rothbard nel suo già citato “Individualismo e filosofia nelle scienze sociali”. Infatti nella prefazione fatta da Hayek viene ringraziato Rothbard per aver espresso così tanto in così poco spazio.
    Mises è importante per il ciclo economico spiegato molto bene su internet nel sito liberanimus da Huerta de Soto. Di Huerta de Soto molto interessante la storia di tale scuola nel libro “La scuola austriaca: mercato e attività imprenditoriale” scaricabile da internet.

    Questo per chi fosse inizialmente interessato all’economia del liberismo etico.
    Per ulteriori informazioni scrivete pure un post. Potremmo aggiungere Shumpeter, ecc….”

    Buona continuazione