Home / Libri / L' ASSE ROMA-BERLINO-TEL AVIV

L' ASSE ROMA-BERLINO-TEL AVIV

DI ALESSANDRO CAVALLINI
rinascita.eu

“L’instaurazione dello storico Stato ebraico su base nazionale e totalitaria, legato da un trattato con il Reich tedesco, sarebbe nell’interesse del mantenimento e del rafforzamento della futura posizione di potere tedesca in Medio Oriente”, questa frase pronunciata dai sionisti del Lehi per proporre un’alleanza militare al Terzo Reich è una delle tante testimonianze riportate nel libro “Asse Roma – Berlino – Tel Aviv”, scritto da Andrea Giacobazzi e recentemente pubblicato dalla casa editrice Il Cerchio.

Il testo analizza gli intensi rapporti instauratasi durante gli anni della seconda guerra mondiale tra le più diverse organizzazioni ebraiche (religiose, laiche, socialiste, nazionaliste, sioniste, sioniste-revisioniste) ed i vertici politici dell’Italia di Mussolini e della Germania di Hitler.

Molti i temi affrontati. Per quanto riguarda l’Italia la presenza massiccia di ebrei tra i dirigenti dello Stato fascista, il caso del giornale ebraico-fascista “La Nostra Bandiera”, gli intensi e proficui scambi tra i dirigenti sionisti e l’Italia di quegli anni in campo economico e politico, il rapporto privilegiato dei sionisti-revisionisti di Jabotinsky – considerati i “fascisti del sionismo” – e le organizzazioni dell’Italia fascista, in particolare la nascita, presso la scuola marittima di Civitavecchia, di un corso ebraico, nucleo della futura marina israeliana.

Mentre per la parte tedesca l’esistenza di gruppi organizzati di ebrei “assimilati” favorevoli all’instaurazione del nazionalsocialismo, la presenza tutt’altro che ridotta di esponenti di origine ebraica nelle forze armate e negli apparati di potere tedeschi, le fonti finanziarie del regime hitleriano, i forti legami e gli importanti accordi “nazi-sionisti” tra cui l’Haavara (per il trasferimento delle proprietà ebraiche in Palestina) e gli Umschulungsläger (campi di addestramento per i pionieri sionisti presenti in Germania), le collaborazioni con i sionisti-revisionisti ed in particolare le proposte di alleanze di guerra avanzate dal Lehi al Terzo Reich in cambio d’aiuto per la creazione dello stato ebraico.

Questa è la dimostrazione di come in politica non esista il Male Assoluto di stampo metafisico, ma le alleanze sono sempre variabili in funzione degli obiettivi che si vogliono raggiungere.

Come giustamente ha scritto il giurista Carl Schmitt, la dicotomia buono/cattivo riguarda unicamente la sfera morale, mentre nell’agire politico la distinzione fondamentale è quella tra Freund (amico) e Feind (nemico).

Tutto questo vale anche per la politica odierna. Basti pensare al leader populista olandese Geert Wilders che, pur tacciato dai media di razzismo, ha ottimi rapporti con Israele, in particolar modo con Aryeh Elhad, ex generale ed esponente del piccolo partito di estrema destra Hatikva, ed il ministro degli Esteri Avigdor Lieberman; o, per rimanere in casa nostra, ricordiamo che l’europarlamentare della Lega Nord Mario Borghezio ha definito, elogiandoli, “nuovi centurioni” i “guerrieri” israeliani che combattono i palestinesi “seguaci di Allah”. Tutto questo, ovviamente, in funzione della comune battaglia contro l’Islam.

Ecco perché consigliamo la lettura di questo libro. Troppo spesso abbiamo sentito parlare di leggi razziali o persecuzioni contro gli ebrei durante il secondo conflitto mondiale. Eppure la Storia non è così lineare come vorrebbero farci credere. Ed il libro di Giacobazzi ha proprio il merito di parlare di vicende troppo spesso sottaciute o, peggio ancora, dimenticate.

Alessandro Cavallini
Fonte: www.rinascita.eu
16.11.2010

Estratti dal libro

“L’instaurazione dello storico Stato ebraico su base nazionale e totalitaria, legato da un trattato con il Reich tedesco, sarebbe nell’interesse del mantenimento e del rafforzamento della futura posizione di potere tedesca in Medio Oriente”
[I sionisti del Lehi, proponendo un’alleanza militare al Terzo Reich]

“Ci hanno chiamato i fascisti del Sionismo. E sia. Voglia il Signore che la nostra opera sia così provvida per le sorti d’Israele risorgente come lo è stato e lo è quella del Fascismo per l’Italia”
[Circolare sionista-revisionista italiana]

“Anche noi, siamo contro il matrimonio misto e per il mantenimento della purezza del gruppo degli ebrei”
[I sionisti tedeschi al governo del Reich]

“Voi siete l’uomo scelto dal Fato per recare qualche sollievo alla miseria crescente inflitta al nostro popolo”
[il leader sionista C. Weizmann a B. Mussolini]

“Gli Ebrei dell’Est sono creature pietose…di un livello quasi non umano” caratterizzate da “visioni morali sub-asiatiche estranee allo spirito tedesco”
[M. Naumann, capo Lega degli Ebrei Nazionali Tedeschi]

“La fedeltà verso Iddio e la Sua Legge, vi confermerà nella fedeltà verso la Patria, verso il Duce e verso il Regime che ha salvato l’Italia”
[Rabbino A. Toaff ai giovani ebrei]

“Come ebrei italiani non abbiamo nessun interesse a che il regime hitleriano non si affermi e consolidi, dato che esso si ispira con ogni evidenza e sotto molti aspetti al fascismo italiano e che perciò un suo rafforzamento produrrà di logica conseguenza un aumento di influenza dell’Italia nel mondo”
[L’Idea Sionistica, La catastrofe dell’ebraismo tedesco e il revisionismo, marzo-aprile 1933, pag. 3 (estratto di un articolo dei sionisti revisionisti italiani su “L’Idea Sionistica” in cui pur prendendo le distanze dall’antisemitismo hitleriano non estiavano di affermare quanto sopra)]

“Ma è innegabile che affinità non lievi si riscontrano fra i principi fondamentali dell’uno e dell’altro movimento nel campo dell’ideologia nazionale come in quello delle attuazioni sociali ed economiche, è innegabile che molto abbiamo da apprendere da un movimento che si è imposto all’attenzione del mondo e che effettivamente si è trovato in condizioni che presentano profonde analogie con la nostra”
[IJTA, P 189/4, arch. Carpi, Discorso Carpi a Vienna, 1935 (il leader revisionista Carpi, parlando dell’affinità tra sionismo revisionita e fascismo)]

“Nessuno può in buona fede citare un solo caso verificatosi in Italia nel quale un sionista come tale o una qualsiasi istituzione sionistica abbia assunto un atteggiamento o compiuto una attività in contrasto con gli interessi nazionali o con le direttive del Governo”.
[L’Idea Sionistica, Sionismo ed Italianità, giugno 1937, pag. 11 (riferendosi ovviamente al Governo Fascista)]

“Perché lui, Ben Gurion, è fascista esattamente come me: egli, per Israele, vuole esattamente quello che io voglio ed ho sempre voluto per l’Italia e che può essere definito in maniera semplice: tutto per l’Italia, nulla contro l’Italia, tutto per un’Italia sempre più grande ed Augusta”
[G.S. Rossi, Un ‘fascista’ ingaggiato dal Mossad. Con l’ok di De Gasperi, “Storia in Rete”, a. I, n. 2, dicembre 2005, pag. 4 (estratto di un discorso del repubblichino Fiorenzo Capriotti che fu istruttore della neonata marina israeliana)]

Pubblicato da Davide

  • ale5

    Forza nuova che dice ?

  • Diapason
  • costantino

    che i nasoni son brutta gente

  • dana74

    bene, se c’era questo grande amore tra i sionisti/ebrei tanto da essere un tutt’uno nello stato fascista italiano, non mi quadra la storia delle leggi razziali.
    Cioè, stavano bene insieme sionisti e fascisti che gli ultimi si son messi a perseguitare i primi?
    Mah.
    Avrebbe senso se, come già teorizzato da Theodor Herzl, bisognava perseguitare gli ebrei per avere una ragione per chiedere la costituzione di uno stato a loro dedicato.
    Un pò come successe con Stalin, che guardacaso pure lui perseguitava gli ebrei perché voleva liberarsene e che guardacaso faceva gioco a chi insisteva per la creazione di uno stato ebraico dove gli ebrei avrebbero potuto vivere in pace senza essere perseguitati da nessuno.

  • ale5

    Le persecuzione di Stalin nei confronti degli ebrei mi mancano, per esempio i pogrom sono datati nella russia degli zar e diedero il via alle prime migrazioni in Palestina da parte degli ebrei russi.
    A quanto mi risulta Stalin aiutò la creazione di uno stato d’israele approvando la risoluzione ONU e inviando armamenti per la guerra del ’48. In israele, che era guidato da una classe politica diversa da questa, di detsra e xenofoba, c’era un importante movimento operaio comunista. Questo spiega l’aiuto di Stalin ad Israele.
    Mi stupiscono i contenuti di questo articolo ma fino ad un certo punto, dell movimento fascista dei primi tempi ne facevano parte molti ebrei.

  • redme

    …il primo stato che riconobbe israele fù l’URSS…